giovedì 29 luglio 2010

(Arcade) Fire walk with me

Due album ottimi, “Funeral” e “Neon Bible” degli Arcade Fire. Li riascolto sempre con piacere ma non rientrano tra i miei cult personali assoluti. Perché? Boh. Circostanze, questione di magia che non scatta… chissà. Certe volte ci va solo la canzone giusta, quella che ti fa superare ogni barriera ed entrare dentro il paese delle meraviglie di un gruppo: con i Radiohead mi è successo ad esempio con “Paranoid Android”, con i Blur è stata “Beetlebum”, con gli Smashing Pumpkins “1979”, per i Nirvana paradossalmente è capitato con “The Man Who Sold the World”, che pure è di Bowie.

(figata di immagine "rubata" dal sito di birdantony)

A differenza dei due precedenti, con questo nuovo “The Suburbs” la magia è scattata subito e il cancello sbarrato degli Arcade Fire mi si è aperto di fronte grazie al primo omonimo pezzo che sembra scaturito direttamente dai miei sogni, con quella sua andatura perfetta da colonna sonora di film, un qualsiasi ottimo film ambientato nei suburbi di una cittadina americana. Difficile da spiegare altrimenti. È solo questione di magia.


In un flusso continuo di suoni si finisce direttamente a “Ready to start” e penso che forse sono veramente pronto, per amare questo gruppo incondizionatamente.


“Modern Man” parte pulsante come una radio hit anni ’80 alla “Jessie’s Girl” e questo, anche se può non sembrare, è un complimento non da poco. Da favola il crescendo. L’incantesimo fa sempre più effetto.


“Rococo” affascina sempre più con gli ascolti, “Empty Room” viaggia spedita sotto una pioggia di violini, “City with no children” lascia trapelare tutto il loro amore per il pop (quello meno zuccheroso), “Half light I” come dice il titolo dà quella sensazione di mezza luce, tra il giorno e la notte, tra il coma e il risveglio: un’autentica meraviglia. La bellezza sta nei dettagli. E i dettagli di questo album sono magnifici.
“Month of May” è uno splash nel rock’n’roll immediato, molto nervoso e adolescenziale, mentre la parte finale del disco scivola verso la dimensione dei sogni, più una “Sprawl II” che lambisce addirittura territori electro-pop.

Il disco parla dell’infanzia degli Arcade nelle casette di Houston, Texas (prima di trasferirsi in Canada) e quel mood in effetti si sente. Ma parla anche dell’infanzia di tutti noi, nei nostri quartieri italioti poi nemmeno tanti distanti da quelli americani. Grande album, che ci riporta tutti bambini again nei suburbi.
(voto 9)

Gli Arcade Fire saranno live il 5 agosto al Madison Square Garden di New York City, in streaming su YouTube con riprese realizzate dal regista de L’esercito delle 12 scimmie e Parnassus Terry Gilliam!

9 commenti:

  1. A me hanno caldamente consigliato Funeral come album...

    RispondiElimina
  2. Funeral insuperabile. I successivi non mi hanno entusiasmato e quest'ultimo (ma il giudizio è sospeso per carenza di ascolti) per adesso supera la sufficienza.

    RispondiElimina
  3. Per me la magia è scattata con Ready to start all'inizio e alla fine con We use to wait.
    E a proposito di Sprawl II: sembra uscito da un'assurda collaborazione tra Abba e Blondie!

    RispondiElimina
  4. Funeral è un album che tocca i sensi.
    Per quanto mi riguarda, è come se, mentre lo ascolti, ti si spalmi addosso!
    Cmq, se non fosse che devo partire il 2 settembre, andrei a vederli a Bologna. Cmq credo ne valga la pena...
    Perdinci!

    RispondiElimina
  5. Beetlebum... adorabile... The man who sold the world anche per me e anche per me la versione di Kurt...

    RispondiElimina
  6. io ho gia il biglietto per bolognaXD ciao marco sn number23XD sono tornato finalmente con la ripresa del mio vecchio blog!vorrei kiederti un favore,riesci percaso a passarmi le tracce dell album?online e in trovabile! grz risp x email se riesci :-)

    RispondiElimina
  7. gli dedicherò il fine settimana..

    RispondiElimina
  8. Disco (e band, va da sé...) che segnerà la storia del r'n'r! Qui siamo ai livelli di Springsteen, U2, Police e cos'ì via... eh!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com