sabato 29 dicembre 2018

Cannibal TVB Awards 2018





Signori e signore, grandi e piccini, umani e non umani, benvenuti ai Cannibal TVB Awards 2018. Di cosa sto parlando?
Non saranno importanti quanto gli Emmy Awards, i Golden Globe o addirittura i Telegatti, però sono i premi dedicati alle serie TV più... fighi, più divertenti e pure più modesti che potete trovare nel mondo. Perché quest'anno si chiamano TVB Awards?
Perché TVB non sta per Ti Voglio Bene, ma per TV Bella. Un titolo peggiore non sono riuscito a trovarlo, scusate tanto.
E ora che lo spettacolo cominci!

Prima di iniziare con i vari premi, vi ricordo che a questo link potete scoprire le serie più odiate dell'anno, mentre qui sotto andiamo a ripercorrere la Top 20 delle serie più apprezzate qui su Pensieri Cannibali nel 2018.


#1 Sharp Objects
#2 The Haunting of Hill House
#3 La casa de papel
#4 L'amica geniale
#5 Press
#6 Maniac
#7 Pose
#8 The Marvelous Mrs. Maisel
#9 Everything Sucks!
#10 Succession

#11 Seven Seconds
#12 La linea verticale
#13 Insatiable
#14 Killing Eve
#15 Barry
#16 Chilling Adventures of Sabrina
#17 A Million Little Things
#18 The First
#19 Trust
#20 You

Menzione d'onore
BoJack Horseman
The Romanoffs
Vanity Fair
The Affair
Élite
Here and Now
Cobra Kai
American Vandal
Tredici - 13 Reasons Why
New Amsterdam


Cannibal TVB Awards 2018


MAD MAN AWARD (MIGLIOR ATTORE)

#1 Kieran Culkin (Succession)
#2 Darren Criss (The Assassination of Gianni Versace)
#3 Henry Winkler (Barry)
#4 Brendan Fraser (Trust)
#5 Penn Badgley (You)

Il fantastico Mr. Culkin, il fratello minore di Macaulay, vince a sorpresa grazie alla sua sorprendente performance nella sottovalutata Succession. Altre sorpresone sono lo psycho Darren Criss nell'altrimenti deludentissimo The Assassination of Gianni Versace, il ritorno di Fonzie al secolo Henry Winkler nella comedy Barry, Brendan Fraser che dopo anni di tentativi a vuoto si dimostra finalmente un vero attore, e pure uno bravo, in Trust, e Penn Badgley in You con la sua versione stalker motherfucker del personaggio un tempo interpretato in Gossip Girl. XOXO.



WONDER WOMAN AWARD (MIGLIOR ATTRICE)

#1 Amy Adams (Sharp Objects)
#2 Olivia Cooke (Vanity Fair)
#3 Charlotte Riley (Press)
#4 Emma Stone (Maniac)
#5 Patricia Arquette (Escape at Dannemora)

Mi spiace per le altre, ma Amy Adams negli ultimi tempi è in uno stato di grazia e proprio non la si batte. Applausi comunque anche per la ammiccante Olivia Cooke della miniserie britannica Vanity Fair, per una Charlotte Riley un tempo nota come la moglie di Tom Hardy ma da quest'anno direi che si può parlare più che altro di Tom Hardy come il marito di Charlotte Riley, per una Emmina Stone sempre fuoriclasse e per una Patricia Arquette mostruosamente brava in Escape at Dannemora in versione Charlize Theron, inteso in senso "Charlize Theron in Monster".



BREAKING MAN AWARD (ATTORE RIVELAZIONE)

#1 Stephan James (Homecoming)
#2 Harris Dickinson (Trust)
#3 Billy Porter (Pose)
#4 Jeremy Strong (Succession)
#5 Ryan Eggold (New Amsterdam)

Homecoming non è una serie che mi abbia entusiasmato o convinto più di tanto, ma se non altro le sono grato per avermi fatto conoscere quello che potrebbe essere uno dei migliori attori dei prossimi 10 anni: Stephan James, presto anche in Se la strada potesse parlare, il nuovo film di Barry Jenkins. Occhio anche al giovane Harris Dickinson e ad attori un po' meno giovani ma che prossimamente probabilmente rivedremo spesso e ovunque come Billy Porter, Jeremy Strong e Ryan Eggold.



NEW GIRL AWARD (ATTRICE RIVELAZIONE)

#1 Eliza Scanlen (Sharp Objects)
#2 Sydney Sweeney (Everything Sucks!, The Handmaid's Tale, Sharp Objects)
#3 Ludovica Nasti e Gaia Girace (L'amica geniale)
#4 Mj Rodriguez (Pose)
#5 Fotinì Peluso (Romanzo famigliare)

Tenere testa ad Amy Adams non è da tutti. Riuscire persino a rubarle ogni tanto la scena figuriamoci. Eppure la 19enne Eliza Scanlen in Sharp Objects ce la fa. La 21enne Sydney Sweeney è invece riuscita a lasciare il segno non in una, bensì in 3 serie differenti e con 3 personaggi molto differenti tra loro in Everything Sucks!, The Handmaid's Tale e Sharp Objects. L'11enne Ludovica Nasti, la 14enne Gaia Girace e la 19enne Fotinì Peluso hanno dimostrato che nelle Rai Fiction non è vietato per legge recitare bene, come finora era lecito pensare. E poi c'è Mj Rodriguez, 27enne trans che in Pose è brava da far commuovere.
Per la serie: giovani fenomeni paranormali crescono.



PEZZO DI FIGO AWARD (SEX SYMBOL UOMO)

#1 Matt Czuchry (The Resident)
#2 Miguel Herrán (La casa di carta e Elite)
#3 Daniel Sharman (I Medici)
#4 Daniel Zovatto (Here and Now)
#5 Jayson Blair (Life Sentence)

Ai tempi di Una mamma per amica mi stava abbastanza sulle palle. Nel medical The Resident invece Matt Czuchry azzecca il ruolo giusto, quello del dottore stronzo, egocentrico e sbruffone ma in fondo in fondo b(u)ono, e sembra una specie di versione più giovane, idealista e cool del Dr. House. Non è giusto che qualcuno sia così figo!



PEZZO DI FIGA AWARD (SEX SYMBOL DONNA)

#1 Ester Expósito (Élite)
#2 Maria Bopp (Call Me Bruna)
#3 Benedetta Porcaroli e Alice Pagani (Baby)
#4 Talulah Riley (Westworld)
#5 Danielle Campbell (Tell Me a Story, Famous in Love, Runaways, All American)

Escludendo la attrici già inserite tra le Cotte adolescenziali 2018, la topolona televisiva dell'anno è stata la caliente spagnola Ester Expósito di Élite. Una roba senza senso.



PEZZO DI MERDA AWARD (MIGLIOR CATTIVONE)

#1 Villanelle/Jodie Comer (Killing Eve)
#2 Mike DiAngelo/David Lyons (Seven Seconds)
#3 Primo/Luca Marinelli (Trust)
#4 Rachel Goldberg/Shiri Appleby (UnREAL)
#5 Matt Bromley/James Van Der Beek (Pose)

Villanelle, una villain puttanella diabolicamente adorabile. Il Male per cui fare il tifo. Pacificamente, eh, non come gli ultras.



SCENA O'CONNOR AWARD (MIGLIOR SCENA)

#1 Ballo collettivo (Tredici - 13 Reasons Why)
#2 Bacio tra Tokyo e Alison in bagno (La casa di carta)
#3 Ballo di Amid con la capo infermiera sulle note di “Grande amore” de Il Volo (La linea verticale)
#4 Video degli anni '90 rifatti (Everything Sucks!)
#5 Confronto di Jack Pearson con la figlia Kate sulla musica di Alanis Morissette e Bruce Springsteen (This Is Us)

Oh, dite quello che volete su Tredici - 13 Reasons Why e sulla sua seconda non del tutto riuscita ma comunque parecchio coinvolgente stagione, ma la scena al ballo scolastico ricordando Hannah nell'ultimo episodio è stata poesia pura. Così come il bacio tra Úrsula Corberó e María Pedraza in La casa di carta, d'altra parte. E che stupore vedere una grande scena sulle note di "Grande amore" de Il volo in La linea verticale, eppure è successo per davvero!
Hanno invece avuto vita facile a conquistarmi la sequenza in cui i protagonisti di Everything Sucks! rifanno alcuni video storici degli anni '90 e il confronto/scontro generazionale in auto tra Jack Pearson e la figlia sulla musica di Alanis Morissette e Bruce Springsteen, uno dei vertici toccati da This Is Us quest'anno.







BRENDAN FRASER AWARD (MIGLIOR FRASE)

#1
Ogni giorno ci svegliamo con il pop italiano. Impossibile guarire.” Amed/Babak Karimi dal suo letto d'ospedale (La linea verticale)



#2
"Professore, sono Nairobi. Berlino è fuori gioco. Quindi a partire da ora sono io al comando: comincia il matriarcato." Nairobi/Alba Flores (La casa di carta)



#3
Ognuno è l'eroe della propria storia e, senza nemmeno accorgercene, siamo probabilmente i cattivi nella storia di qualcun altro.” Padre di Luke (Everything Sucks!)


#4
Mom, you're not in my way. You are my way.” Kate Pearson/Chrissy Metz alla madre (This Is Us)


#5
Abbiamo sedici anni. Se non ci perdiamo ora, quando? Abbiamo tutta la vita per ritrovarci.” Marina/María Pedraza (Elite)



eBAY AWARD (OGGETTO CULT DA COMPRARE SUBITO)

La maschera da Salvador Dalí (La casa di carta)



LA COPPIA DEI CAMPIONI AWARD (COPPIA CHE PIÙ SHIPPO)

#1 Cheryl (Madelaine Petsch) + Toni (Vanessa Morgan) (Riverdale)
#2 Alice (Alessandra Mastronardi) + Dott. Conforti (Lino Guanciale) (L'allieva)
#3 Gary (James Roday) + Maggie (Allison Miller) (A Million Little Things)
#4 Conrad (Matt Czuchry) + Nic (Emily VanCamp) (The Resident)
#5 Eve (Sandra Oh) + Villanelle (Jodie Comer) (Killing Eve)

Pretendo una serie spin-off di Riverdale tutta dedicata alla rossa Cheryl e alla sua Toni!







BILLY IDOL AWARD (PERSONAGGIO PIÙ IDOLESCO)

#1 Midge Maisel/Rachel Brosnahan (La fantastica signora Maisel)
#2 Duncan Allen/Ben Chaplin (Press)
#3 Johnny Lawrence/William Zabka (Cobra Kai)
#4 NoHo Hank/Anthony Carrigan (Barry)
#5 Coach Steve (Big Mouth)



SOUNTVACK AWARD (MIGLIOR COLONNA SONORA TV)

#1 Everything Sucks!
#2 Sharp Objects
#3 Tredici - 13 Reasons Why
#4 Baby
#5 A Million Little Things

Con un greatest hits degli anni '90 capace di spaziare dagli Oasis agli Ace of Base, da Tori Amos fino ai Cardigans, a Everything Sucks! piace vincere facile il titolo di colonna sonora TV dell'anno. Almeno qui su Pensieri Cannibali.






TV & CANZONI MA NIENTE SORRISI AWARD (MIGLIOR CANZONE IN UNA SERIE TV)

#1 “Bella ciao” (La casa di carta)
#2 Mina “Nessuno” (L'amica geniale)
#3 Perfume Genius “My Body” e “Queen” (The First)
#4 Fiona Apple “Criminal” (Le terrificanti avventure di Sabrina)
#5 Liquido “Narcotic” (Il miracolo)

La serie spagnola La casa di carta ha fatto tornare di moda "Bella ciao", canto popolare del movimento partigiano italiano degli anni '40, usandola in maniera splendida in più di un'occasione e trasformandola in una odierna hit internazionale. Non un'impresa semplice, soprattutto in tempi un po' in tutto il mondo fascistoidi come quelli attuali.




CHI AMA LA SIGLA TIRI UNA RIGLA (MIGLIOR NUOVA SIGLA)

#1 Succession
#2 Vanity Fair
#3 La casa di carta
#4 Romanzo famigliare
#5 Le terrificanti avventure di Sabrina




HAPPYSODIO AWARD (MIGLIOR EPISODIO)

#1
BoJack Horseman, s05e06, Churro gratis - Free Churro

Capolavoro assoluto dell'anno.


#2
The Haunting of Hill House, s01e05, La donna dal collo storto - The Bent-Neck Lady


#3
Glow, s02e08, La gemella buona - The Good Twin


#4
The Generi, s01e02, Horror



#5
Riverdale, s03e04, The Midnight Club



TU MI FAI GIRAR AWARD (MIGLIORI REGIE)

#1 The Haunting of Hill House
#2 Sharp Objects
#3 Trust
#4 Maniac
#5 The First



SCENEGGIATURE NON SCEME AWARD (MIGLIORI SCENEGGIATURE)

#1 La fantastica signora Maisel
#2 BoJack Horseman
#3 American Vandal
#4 The Romanoffs
#5 The Affair



I'LL BE MISSING YOU AWARD (SERIE TERMINATA O CANCELLATA CHE MI MANCHERÀ DI PIÙ)

#1 Everything Sucks!
#2 Imposters
#3 UnREAL
#4 Here and Now
#5 Life Sentence

Non perdonerò mai Netflix per aver prematuramente cancellato la mia tanto adorata Everything Sucks! dopo appena un'unica stagione. Voglio dire, continuerò a binge-watcharmi tutte le loro serie più che potrò, ma lo farò con uno sguardo di disapprovazione in faccia.

P.S. American Vandal non è presente nella cinquina perché, anche se la solita diabolica Netflix l'ha cancellata, potrebbe fare ritorno su qualche altro servizio di streaming o network.



Grazie per aver pazientemente seguito questi premi!


6 commenti:

  1. Troppi nomi per commentarli uno per uno, ma questa è di certo la parte che preferisco dei listoni. Quanto mi diverto!

    RispondiElimina
  2. La scelta dei nomi dei premi è fantastica!
    Mito!

    RispondiElimina
  3. Rimango ogni volta stravolta dalle tante categorie, ma anche se Everything Sucks vince facile e se le serie teen (e le teen) sono sempre troppo presenti, non c'è molto di cui possa lamentarmi, su.

    RispondiElimina
  4. Non finivano più, mamma mia :D
    Comunque conosco solo qualcuno, e non posso dire alcunché, bravo ;)

    RispondiElimina
  5. Salve
    Siamo un gruppo finanziario privato. Concediamo prestiti che vanno da 2.000€ a 200.000€. Offerta disponibile a tutti per rompere con le difficolta di soldi. Se siete interessato a un prestito facci sapere di cosa hai bisogno e vi aiuteremo a realizzarlo.
    Contattaci via e-mail per maggiori informazioni: ambrosinigisele@gmail.com
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
  6. Troppa carne al fuoco, per me, ma approvo alcune scelte come "Bella ciao". Già mi pare tanto in tutta questa cannibalità! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com