venerdì 21 settembre 2012

Magic Cinema

"Chi credi mi abbia fatto conciare così, se non Ford? Quello si eccita solo coi cowboy."
Una settimana quasi Magic, questa. Nei cinema italiani arriva infatti una vagonata di pellicole più o meno interessanti. Niente di così folgorante, a dirla tutta, però una serie di film che si presentano come guardabili o quanto meno decenti. Non capita tutte le settimane. Così come non capita tutte le settimane di leggere dei commenti furbi da parte del mio poco Magic blogger rivale Mr. James Ford. E non aspettatevene nemmeno questa volta. Che credevate?
Ma passiamo alle uscite del weekend, accompagnati, per fortuna, anche dai miei Magic comments.

Magic Mike di Steven Soderbergh
"Piuttosto che farmi palpare le chiappe per tutta la sera
da Ford di nuovo, mi butto di sotto!"
Il consiglio di Cannibal: magic moments (soprattutto per Ford)
Ecco il film che Miss Jane Ford aspettava con ansia. Sì, ancora più de I mercenari 12 in cui verrà utilizzato l’ologramma di Bruce Lee.
Gli idoli fordiani Channing Tatum e Joe Manganiello (un cognome, un programma) per tutto il tempo a torso nudo. E forse non solo a torso nudo. Cosa può chiedere di più? Stallone e Schwarzy che limonano? Quello magari ne I mercenari 13…
Ma come sarà a livello cinematografico, questa sorta di Full Monty ispirato alla vera vita del Tatum? La regia è firmata da Steven Soderbergh, che uno dice “Stica!”, peccato che dopo la notevole accoppiata Erin Brockovich/Traffic non è che abbia fatto tutti sti film grandiosi, si veda il recente Contagion.
Comunque una pellicola da vedere, possibilmente lontani da Ford che lancerà urletti eccitati a ogni muscolo esibito ahahah.
Il consiglio di Ford: magic (non Orlando)
Nonostante il mio antagonista cerchi di mascherare la sua attesa da dodicenne in crisi d'astinenza da Twilight per questo film sviando le attenzioni sul sottoscritto, devo dire che mi incuriosisce parecchio
la versione Full Monty targata Soderbergh. Certo, la carriera del buon Steven non è stata sempre lineare, eppure qualcosa mi dice che questa volta ci si potrà divertire. Certo, se poi preferite come il mio antagonista la danza classica al wrestling vi divertirete anche di più!

"Ammazzatemi pure, ma io un'altra stagione di Settimo Cielo non la faccio!"
I bambini di Cold Rock di Pascal Laugier
Il consiglio di Cannibal: e andateveli pure a vedere, questi Cold Rock kids
Film visto qualche giorno fa, presto la recensione.
Qualche anticipazione?
Thriller con venature horror parecchio teso e con qualche colpo di scena ben assestato. Quasi come i colpi verbali (e non solo) inferti da me al lento Ford con una velocità che i suoi arrugginiti Expendables possono sognarsi.
Non un nuovo cult horror assoluto, ma un candidato (non a sorpresa) al titolo di film della settimana.
Il consiglio di Ford: una sorpresa, questo Ford (tall) man.
Nonostante il curioso titolo italiano e le premesse date dalla presenza del regista del da me detestato Martyrs, devo ammettere che questo film mi ha colpito discretamente - visto e recensito poco tempo
fa con grande anticipo sul mio apparentemente veloce rivale.
Non si tratterà della pellicola dell'anno, o dell'horror del momento, eppure tutto funziona e i colpi di scena non mancano. Senza dubbio, una delle proposte più interessanti della settimana.

"Ci vediamo alle elezioni dei Macchianera Awards con Ford e Cannibal."
"Veramente nessuno dei due è stato nominato..."
"Cosa? Ma è una vergogna!"
Candidato a sorpresa di Jay Roach
Il consiglio di Cannibal: film a sorpresa?
Speriamo sia un film davvero a sorpresa, e non solo la solita commediola che parte da buone intenzioni di satira politica, e si risolve nella solita celebrazione dell’American way of life.
I due protagonisti Zach Galifianakis e Will Ferrell mi stanno simpatici, al contrario di Ford, ma non è che siano una grande garanzia di qualità cinematografica, in questo caso proprio come Ford.
In attesa delle elezioni americane, e pure di quelle italiane, dovrebbe essere una visione divertente. Di sicuro più di un Clint Eastwood ormai fuso che crede di far ridere parlando con una sedia vuota…
Il consiglio di Ford: non votate per il Cannibale!
Ormai le bottigliate riferite alla politica - italiana e non – stanno raggiungendo un livello di guarda tale da ridurmi allo stato di anarchico eremitaggio, tanto che perfino il buon Clint mi fa rizzare i capelli con uscite decisamente troppo sopra le righe. In questo caso mi pare che il livello cinematografico sia lo stesso che ci tocca sopportare ogni giorno nella terra dei cachi, e nonostante Galifianakis mi stia simpatico ed abbia generato un tormentone tra me e Julez rispetto alla sua - e mia - barba, Ferrell proprio non lo
reggo, un pò come la suocera per eccellenza Cannibal Kid. Bocciato già dal trailer.

"Macché iPod! Queste sono per non sentire cosa dice iFord!"
Woody di Robert B. Weide
Il consiglio di Cannibal: io preferisco magnarmi un Wudy AIA e dare un pugno a Ford facendolo gridare “AIA!”
Visto che Woody Allen non fa già abbastanza film, ora tra una sua uscita e l’altra arriva pure un documentario su di lui. Io lo apprezzo moderatamente, ma non sono un suo enorme fan, quindi questa visione non mi suscita un particolare entusiasmo e nemmeno la schifo come certi blog di cui preferisco non fare il nome. Diciamo che se proprio volessi approfondire sul mondo alleniano, la potrei prendere in considerazione. Per il momento preferisco dedicare il mio tempo a cercare di sconfiggere il malefico Mr. Ford e conquistare il mondo buahahah!
Il consiglio di Ford: non il primo dei documentari, non il migliore dei Woody.
Da sincero amante dei documentari - ed altrettanto sincero detrattore della piccola Katniss Kid - questa uscita tappabuchi che racconta la carriera del buon Allen mi pare la solita pippa da radical chic che
sono solito bastonare almeno quanto il mio antagonista almeno una volta la settimana.
Preferisco scoprire - o riscoprire - le cose migliori di uno dei più grandi interpreti del Cinema americano degli ultimi decenni che spararmi questa roba, che lascio volentieri a chi - come il Cannibale - si diletta e si trastulla con il suo ego ad ogni minuto del giorno e della notte.

"Bello il libro di Cannibal! Glielo copio parola per parola."
The Words di Brian Klugman, Lee Sternthal
Il consiglio di Cannibal: don’t listen to the words of Ford, just listen to mine
Lo spunto mi sembra molto interessante. È la storia di uno scrittore fallito, proprio come me e Ford ahahah, che all’improvviso si trova tra le mani un potenziale grande successo letterario di cui però non è autore. Che farà?
Negli Usa il film è stato un floppone, la critica l’ha massacrato, io però non mi fiderei così tanto degli americani e non lo vedo affatto così male, anzi…
Il consiglio di Ford: per una volta, non spreco parole.
Questo film, probabilmente, farà cagare quanto Limitless, ma per una volta esco dal personaggio e dallo spazio tempo dei consigli che diamo solo apparentemente in stereo io e il Kid. La sua battuta (?) su noi due scrittori falliti vale di certo più della pellicola e di qualsiasi commento. Bravo.

"Te prego, Forde: un altro film russo proprio no!"
Una donna per la vita di Maurizio Casagrande
Il consiglio di Cannibal: una donna per la vita? Basta non sia Mrs. Ford!
Ed eccoci arrivati alla parte più temuta delle uscite, sia da me che da Ford, quella dedicata ai film italiani, questa settimana presenti con due titoli.
Il primo davvero improponibile. Dal trailer questo “film” sembra far rimpiangere pure il cinepanettone e pure il blog WhiteRussian, oserei quasi sbilanciarmi. Se poi guardiamo il cast, tra Giobbe Covatta (ossignur!), Vincenzo Salemme, Alena Seredova, Biagio Izzo e compagnia brutta, mancano giusto Van Damme e Chuck Norris e poi siamo a posto.
Il consiglio di Ford: un expendable per la vita.
Dopo la Blog War sui film più brutti, non ho il coraggio di provarci anche con questo.
Corro subito a rivedermi tutta la filmografia di Van Damme sperando che un calcio rotante possa farmi riprendere dallo shock del trailer. Guardatelo, se vi volete male.

"E quel Ford lì si crederebbe un blogger cinematografico?"
"Lo so, è una cosa troppo divertente, Scamà. D'altra parte
c'è gente come te che si crede un grande attore ahahah!"
Il rosso e il blu di Giuseppe Piccioni
Il consiglio di Cannibal: né rosso, né blu
Margherita Buy nella parte della preside di un liceo? Un incubo! Potrebbe essere un grande horror, peccato che in Italia quasi nessuno faccia più horror. Si tratta invece più prevedibilmente di una commedia. Bah, non lo so. Potrebbe anche non essere del tutto da bocciare. Magari da rimandare a settembre (ma facciamo del prossimo anno), insieme a quel somaro del Ford.
Ora faccio come il regista, Piccioni, e me ne volo via.
Lo so: questa battuta era da 4 in pagella. A essere generosi.
Il consiglio di Ford: nè rosso, nè blu. Questi film non li guardo più.
Basta pseudo-Cinema italiano. Davvero. Basta. È un'iniziativa umanitaria portata avanti da Cannibal Kid e
MrJamesFord, che si propongono di iniziare uno sciopero di scontri fino a quando non verrà interdetta la distribuzione in sala di certa roba.

14 commenti:

  1. Asciugo le lacrime che sgorgano copiose per la mancata uscita di The Tall Man dalle mie parti e mi fiondo a guardare Prometheus, che ancora mi manca.

    RispondiElimina
  2. Ormai ti rifugi dietro Scamarcio, eh!? Non sai proprio più come affrontarmi! Ahahahahahah!;)

    RispondiElimina
  3. Anche questa settimana filmoni italiani, neh? All'interno dei quali ci sono battute ben peggiori di quella su Piccioni... ma potevamo vincere la guerra?

    RispondiElimina
  4. The words mi intriga. Anche The Tall Man non deve essere male.Tralascio i bistecconi di Soderbergh che, concordo, non fa qualcosa di decente da parecchio.
    Buio pestissimo sul cinema italiano.

    RispondiElimina
  5. vedo che le marchette sul tuo libro non mancano mai, vero?! XD

    RispondiElimina
  6. Tatum ha la faccia da bigolo. Non mi è mai piaciuto. The words mi intriga, vabbeh pure Cooper mi intriga nascondiamoci dietro un frivolo interesse donnesco.

    RispondiElimina
  7. Pensare che l'unico di questi film che ho visto è il capolavoro primo di Maurizio Casagrande che ha deciso di sperimentare la Regia...quale onore!!! Nonostante l'affetto e la simpatia,e per carità, si, è cresciuto tra palco, piccolo e grande schermo...figlio tra l'altro di Antonio C. un grande attore, ma proprio non "je la fò" a trattenermi dal dirvi che stò film è "na traggedia"XD Ti prego Maurizio NO, noooo...

    RispondiElimina
  8. questa settimana l'unico che mi attira è quello con Ferrell :D
    per the tall man avevo grandi speranze ma leggendo in giro mi si sono abbassate notevolmente.
    per il resto un enorme boh!

    RispondiElimina
  9. Magic Mike lo vado a vedere domani, ma solo per i pettorali! u.u

    RispondiElimina
  10. penso che andrò a vedere solo candidato a sorpresa..
    se trovo il mio slippino di pelle preferito però andrò ad aspettare le donne che escono dalla sala di magic mike.. non si sa mai..

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com