domenica 1 febbraio 2015

UNA STREGA CHIAMATA ELVIRA, IL BOLLAFILM





Una strega chiamata Elvira
(USA 1988)
Titolo originale: Elvira: Mistress of the Dark
Regia: James Signorelli
Sceneggiatura: Sam Egan, John Paragon, Cassandra Paterson
Cast: Cassandra Paterson, Daniel Greene, Edie McClurg, Kurt Fuller, W. Morgan Sheppard, Susan Kellermann, Robert Benedetti, Jeff Conaway
Genere: tettuto
Se ti piace guarda anche: The Rocky Horror Picture Show, La famiglia Addams, A Dirty Shame, Cry Baby, Beetlejuice - Spiritello porcello

I blog hanno ancora senso di esistere?
Certo che sì. Volete una prova?
Volete davvero una prova?

Ma uff, io dicevo così, tanto per dire.
Okay, allora fatemi pensare un attimo...
Ecco, ce l'ho un motivo!
Ci sono cose che si possono scoprire soltanto grazie a un blog. Io ad esempio un film come Una strega chiamata Elvira non l'avrei mai visto in vita mia, non fosse per un blog, Il Bollalmanacco di Cinema redatto dall'imprescindibile Babol. Se ancora non frequentate il suo sito, passate subito a dargli un'occhiata. Se invece siete già suoi seguaci, c'è un'immagine del Bollalmanacco che vi sarà familiare, quella usata in cima come header, se la memoria non mi inganna, fin dalla prima volta che ho messo piede nel sito.


Mi sono sempre chiesto chi fosse quella vagamente sexy, ma più che altro inquietante, donnina che stava sdraiata sull'header. Non ho però mai chiesto a Babol chi fosse, non so perché. All'inizio pensavo fosse lei, quindi per non invadere la sua privacy ho evitato e, una volta che ho capito che non era lei, non gliel'ho comunque domandato per non fare la figura dell'ignorante cinematografico, visto che sembrava il personaggio di un qualche cult movie che non potevo confessare di non aver mai visto. Sono rimasto così con questo dubbio atroce che mi assillava per un sacco di tempo. Per anni.

Qualche tempo fa Babol ha finalmente deciso di svelare l'arcano, in un post dedicato al film Una strega chiamata Elvira, un cult mancato più che un cult vero e proprio, se non per il Bollalmanacco, e che ero molto curioso di guardare.
Possiamo dire che la mia vita è cambiata, dopo averlo visto?
No e, se anche non l'avessi recuperato, non mi sarei poi perso uno dei più grandi Capolavori nella Storia del Cinema. Questo è vero. Allo stesso tempo però mi sarei perso una pellicola curiosa e simpatica. Più che la pellicola in sé, mi sarei perso un personaggio mitico.
Elvira è una grandissima. Una grandissima tettona, ma anche una grandissima in generale. La superdotata e supergotica protagonista interpretata da Cassandra Peterson è nata come figura del piccolo schermo, come conduttrice di Movie Macabre, un programma dedicato al cinema horror in onda sulla tv americana a fine anni Ottanta. Laddove noi abbiamo avuto Lo zio Tibia, dall'altra parte dell'Oceano ne hanno avuto una sua variante con le minne giganti.


Un personaggio dark che sembra uscito dalla famiglia Addams o dal The Rocky Horror Picture Show, con la fisicità di una fanciulla di una pellicola di Russ Meyer, o anche di una MILF di un porno, e un senso dell'umorismo black che l'accompagna sempre. Un'icona della scena horror che un giorno, non contenta della sola popolarità televisiva, ha deciso di allargare i suoi confini e portare le sue tettone in uno spazio dove ci sarebbero potute stare per intero: il grande schermo. È così che nel 1988 è approdata nei cinema mondiali con Una strega chiamata Elvira, di cui nel 2002 è arrivato pure il sequel La casa stregata di Elvira e di recente persino un videogame.
Il pregio così come il difetto del film sta racchiuso tutto in lei, Elvira. Seguirla e vedere che cosa combina è uno spettacolo. Se facessero pure un reality-show su di lei, ne uscirebbe una cosa stile The Osbournes e probabilmente me lo guarderei. Il limite della pellicola sta però nel non presentare molto altro oltre a Elvira e alle sue gigantesche tette. Le vere protagoniste del film sono loro e solo loro, onnipresenti e dalle quali è impossibile distogliere lo sguardo. La maggior parte delle gag e delle battute presenti sono costruite proprio su questo. Volete allora per caso che critichi una pellicola che ha delle tette enormi come centro di tutto?
Non ci penso neanche!


Posso solo constatare come sia un peccato non aver sviluppato un film del tutto all'altezza di Elvira e delle sue due grandiose doti. La trama è troppo esile, giusto un pretesto in cui far muovere la protagonista, i personaggi di contorno sono inconsistenti, gli attori non sono proprio dei fenomeni, la colonna sonora rock avrebbe potuto spaccare di più e la regia è al livello dei telefilm degli anni '80, ben lontana quindi dalle attuali meraviglie di HBO, AMC e company, anche perché le serie tv venute prima di Twin Peaks, mi spiace dirvelo gente e mi spiace compromettere i vostri piacevoli ricordi, facevano quasi tutte cagare a spruzzo. Sarebbe stato bello vedere questo personaggio palpato dalle mani di un Tim Burton, che in quel momento stava tra l'altro vivendo il suo periodo creativamente più vivo ed Elvira non avrebbe sfigurato nella sua galleria di personaggi tra un Beetlejuice ed un Edward mani di forbice. Sarebbe stata ancora più a suo agio Elvira dentro un film di John Waters alla Cry Baby o ancor di più alla A Dirty Shame, che vedeva una Selma Blair altrettanto e pure più superdotata. Ecco, se c'è qualcosa che questo Una strega chiamata Elvira ricorda è una pellicola di John Waters, altrettanto trash, forse ancora più trash, sboccata e piacevolmente volgare, con la stessa voglia di mettere alla berlina la classe media americana provinciale e bigotta, solo senza il genio di John Waters.
Se la pellicola nel complesso non è dunque destinata a rimanere nella mia memoria a lungo, a restare impresso è comunque il personaggio di Elvira. Lei e soprattutto le sue tette ipnotiche. È per loro che ringrazio il Bollalmanacco di esistere. È per loro che i blog oggi hanno ancora senso di esistere, eccome.
(voto 6+/10)

12 commenti:

  1. Se non esistessero certi blog, come farei a incazzarmi del fatto che Predestination non esce ancora in Italia?!?

    RispondiElimina
  2. L'ho visto in seconda serata, la notte di Halloween, una vita fa. Mi aveva divertito parecchio. :)

    RispondiElimina
  3. Ah, ah, ah, geniale rece come sempre... direi che è uno stracult senza tempo, un film che tu mi dici anni '80, ma poteva anche essere dei '60 (come pensavo), e che mi ha da sempre (da quando leggo il blog di Babol) incuriosito (chissà il perché?). Spero di riuscire a vederlo prima o poi ...

    RispondiElimina
  4. Mitica Elvira!A me la fece scoprire il mio Sire,una marea di anni fa :)

    RispondiElimina
  5. Sei stato illuminante: ne "I Simpson" Bart e Lisa ogni tanto guardano in tv uno show presentato da una vampira di nome Popparella che ha lo stesso taglio di capelli e lo stesso balcone in stile gotico!

    RispondiElimina
  6. Beh, tutto ha senso di esistere, quando entrano in gioco delle tette! :)

    RispondiElimina
  7. Tra l'altro Elvira è protagonista dell'ultimo video di Ryan Adams! :D

    RispondiElimina
  8. certo, Cannibale, quando vedi un paio di tette oversize non capisci più nulla, eh? però onore alla grandissima Bolla!!!!!

    RispondiElimina
  9. Elvira è qualcosa di unico per quei tempi: ironico, divertente e supertette!
    Meno male che c'è Bolla :D

    RispondiElimina
  10. I bambini degli anni '80 erano devoti ad Elvira, ed io con loro.
    Contenta della continua diffusione che continua ad avere il personaggio.

    Elvira finale >>> https://www.youtube.com/watch?v=9wZsbOxth2A

    RispondiElimina
  11. Sono tuttora commossa, Cannibalino... ti ringrazio dell'omaggio anche a nome delle tette di Cassandra!! :D

    RispondiElimina
  12. Amici là fuori, ecco una persona che conosco potete avere una discussione privata tangibile e far risistemare la vostra vita amorosa. Quella persona è il sempre affidabile dottor Egwali, un incantatore che ha usato il suo incantesimo per cambiare la vita di così tanti che conosco oggi. Lo chiami semplicemente incantesimo d'amore, ricerca di carriera, problemi di salute, in ogni caso, purificazioni che è in tempo per occuparsi di te senza esitazione. Il mio caso era piuttosto brutto prima del mio incontro con lui, e il resto era storia. Puoi contattarlo tramite uno di questi mezzi
    WhatsApp/Viber +2348122948392
    Mail: dregwalispellbinder@gmail.com
    Fai una sessione privata con lui e sii di nuovo felice.
    Ti auguro il meglio !!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com