lunedì 2 dicembre 2019

Cosa significa essere un blogger oggi (a parte essere completamente fuori moda)?






C'è stato un tempo in cui essere blogger era essere cool. Era la tendenza del momento. C'è chi ci ha creato sopra un impero economico. C'è chi è diventato protagonista di documentari presentati alla Mostra del Cinema di Venezia (per quanto massacrati). C'è persino chi da un blog ha creato un movimento politico. Adesso le cose sono cambiate. Era inevitabile. Tutte le mode passano, quelle che nascono e si sviluppano sul web ancora più in fretta. Ciò non significa che tutti i blogger siano scomparsi. Hey, gente, siamo ancora vivi, cosa credete?

E siamo pure più forti che mai...
Beh, insomma. Più o meno. Diciamo che cerchiamo di sopravvivere, tra un nuovo social e l'altro. È arrivato il periodo in cui non si parlava altro che di Instagram. Negli ultimi tempi, dopo l'arrivo di Jennifer Aniston, qualche maligno sostiene che Instagram sia diventato il social dei cinquantenni.


Se ciò è vero, allora Facebook cos'è? Il social dei novantenni? E Twitter?
Fatto sta che i ggiovani oggi – e intendo oggi oggi, domani magari saranno già da un'altra parte – stanno su TikTok. Cos'è TikTok?
Non lo so. Non chiedetelo a me, io sono un blogger della vecchia scuola. Piuttosto chiedetelo a Salvini e alla Meloni, che lì sono stati accolti a braccia aperte.

Tutta questa premessa per annunciare che sono stato taggato da Mick del blog Pulp Standoff per proseguire una catena interessante iniziativa intitolata “Cosa significa essere blogger alle soglie del 2020”, partita dal blog di Nino Baldan. Risponderò quindi alla serie di domande sulla “blogosfera” da lui proposte. Io a mia volta non taggherò nessuno in particolare, ma invito chiunque ne abbia voglia a partecipare. In modo da far sentire che i blogger saranno anche una specie in via d'estinzione, però sono ancora presenti e ogni giorno lottano per far sentire la propria voce.



Quali sono le ragioni che ti hanno spinto ad aprire un blog?

Vorrei dire che Pensieri Cannibali è nato da un enorme amore per il cinema. In realtà non è così. L'ho aperto grazie a, o se preferite per colpa di, una ragazza che mi piaceva in quel periodo. Era il lontano 2008. Lei aveva un blog, io no e così per fare colpo mi sono dato al blogging. Con lei le cose non hanno funzionato, mentre il blog ha cominciato a prendere una vita sua e oggi esiste ancora. All'inizio era un modo più che altro per esprimere i miei pensieri sparsi e anche proporre alcuni miei raccontini, poi via via ho cominciato a vedere che i post più apprezzati erano soprattutto quelli sui film e così Pensieri Cannibali si è trasformato gradualmente in un sito cinematografico, e poi d'intrattenimento in generale, fino a diventare la cacchiata colossale che potete leggere in questo preciso momento.



Come nasce l'idea dietro ai tuoi post?

Premettendo che ogni post è differente, non esiste una scienza esatta e questa mica è una catena di montaggio, una cosa in comune molti miei pezzi ce l'hanno. Per quanto riguarda le recensioni cinematografiche, cerco di prendere un'idea presente nel film che ho visto e trasformarla in un post. È una specie di lavoro di adattamento, un po' come nel passaggio da un libro a una pellicola. Cerco di fare in modo che il lettore abbia un assaggio dell'atmosfera del film, senza concentrarmi troppo a raccontare la trama, perché quella è una cosa che spesso rovina la visione. Il tutto con l'aggiunta di una dose abbondante d'ironia. Il motivo? Da una parte quella di divertire e intrattenere il lettore, in modo da regalargli un paio di minuti di buonumore, dall'altra credo sia perché ho paura di essere serio, e di essere preso sul serio.


Quali mezzi utilizzi per il blogging?

Allora: telegrafo, fax e modem 56k.


Ecco, questo è un esempio perfetto di come le mie buffonate spesso prendano il sopravvento sul resto.
Cercando di rispondere in maniera seria: in genere preparo i miei pezzi su un apposito documento Word e poi una volta che sono pronti li copio/incollo su Blogger. C'è chi preferisce WordPress, io invece sono #TeamBlogger. Tutto qui. Qualcuno – ma chi? – potrebbe pensare che per realizzare una figata di sito come Pensieri Cannibali ci vogliano milioni e milioni di dollari di investimento e un sacco di collaboratori, invece ci sono solo io che faccio tutto a costo zero. L'unica spesa che sostengo, per altro non obbligatoria, è l'acquisto del dominio, in modo da avere come indirizzo ufficiale www.pensiericannibali.com anziché http://pensiericannibali.blogspot.com , cosa che con Aruba.it pago circa 10 euro all'anno. Fine dei costi.
Menzione d'onore: le header, ovvero le immagini d'apertura che potete ammirare in cima al blog, sono realizzate dal mio grafico di fiducia, Giancarlo Pasquali. Anche in questo caso aggratis, visto che – almeno per il momento – non mi ha mai chiesto nulla in cambio.



Quanto impieghi per un post e come inserisci il blogging nel tuo tempo libero?

Per lavoro scrivo. Realizzo i contenuti in pianta stabile per alcuni siti, impiego che ho trovato dopo essere stato notato proprio grazie a Pensieri Cannibali. Nel tempo libero cerco quindi di staccare dalla scrittura e, soprattutto di recente, le energie dedicate al blog sono più limitate. Per quanto alcuni, anzi molti miei post possano sembrare delle pagliacciate, in realtà richiedono un po' di tempo per essere preparati. La cosa fondamentale è lo spunto iniziale. Una volta che c'è quello, poi la scrittura in genere procede in maniera rapida. La prima stesura avviene di getto. Dopodiché è fondamentale una seconda (e a volta anche una terza) rilettura, in cui non solo sistemo eventuali errori grammaticali, ma in cui aggiungo varie cose. La componente più umoristica di solito subentra nella seconda fase, altrimenti i miei pezzi all'inizio sarebbero anche di una serietà e professionalità pazzesche. Certo, come no?


In conclusione: serve parecchio tempo, materiale e mentale, per realizzare dei contenuti decenti. Uno sforzo che comunque faccio volentieri perché, anche se a volte può non sembrare, io a questo blog voglio un mondo di bene 💝.


Qual è il tuo rapporto con i social network e come sono legati al tuo blog?

La mia posizione pubblica ufficiale è quella di essere una persona aperta al cambiamento, al progresso tecnologico e alle novità. Sotto sotto in realtà sono più abitudinario e conservatore di quanto vorrei far credere, e di quanto vorrei essere. “Sono cambiamenti, solo se spaventano” cantavano i Subsonica, e devo dire che a me i cambiamenti piacciono e spaventano allo stesso tempo. Sono stato il primo nella mia cerchia di amici a iscrivermi a Myspace, a MSN, poi a Facebook e a Twitter, su Instagram invece sono arrivato più tardi – e, lo confesso, soltanto per guardare le foto di Emily Ratajkowski -, mentre su TikTok e su qualsiasi altro nuovo social di tendenza del momento non ci sono ancora. Cerco insomma di seguire l'evoluzione dei social, ma via via con sempre minor entusiasmo. La mia attività social comunque è rivolta più che altro alla promozione dei pezzi che scrivo, sia per altri siti che per Pensieri Cannibali, però questo è un settore su cui dovrei lavorare di più e meglio. Facciamo che va a finire in mezzo ai buoni propositi per l'anno prossimo.



Vedi questa “crisi” del blogging in prima persona, al punto da avere avuto la tentazione di trasferirti in pianta stabile sui social?

La crisi del blogging c'è, inutile cercare di negarlo. Bisogna comunque notare che, tolti quelli che avevano un blog soltanto per moda, molti di quelli che lo facevano davvero per passione ci sono ancora. C'è stata una selezione naturale. Pochi sono sopravvissuti all'era glaciale della blogosfera, ma chi ce l'ha fatta è più determinato di prima. I social sono più istantanei. Esce Joker, tutti vanno su Twitter a scrivere “Capolavoro” e il discorso finisce lì. Un blog permette di costruire delle riflessioni magari un pochino più elaborate. A me piace prendere un po' di tempo per far sedimentare un film, o qualsiasi altro argomento di discussione, prima di sparare la prima cosa che mi viene in mente sui social giusto per attirare like e cuoricini e cazzi e mazzi. Lo so che questo è un modo di pensare rétro e così facendo rischio di perdere followers. Voglio in ogni caso, e in maniera magari ingenua, pensare che chi ha qualcosa da dire, ce l'avrà sempre e comunque, indipendentemente dal mezzo, social o non social che sia.
In altre parole: non so quali direzioni prenderà il web nei prossimi anni, ma per il momento Pensieri Cannibali resta un blog. Se poi in futuro le cose cambieranno, cercherà un'altra forma o un altro media attraverso cui esprimersi. Insomma, non ve ne libererete tanto in fretta!


19 commenti:

  1. Post che tocca da vicino anche me, che la crisi la sento e che a gennaio festeggerò, si fa per dire, otto anni online. Anche il mio per ora resta un blog, ma rispetto allo scorso anno ho preso più sul serio anche Instagram. Nuovo modi di parlare di libri, nuova gente. Spesso bella.

    RispondiElimina
  2. Mi sono chiesto anch'io cosa significhi Tik-tok. Probabilmente è un'allusione all'atto sessuale, ma forse mi sbaglio. Bisognerà approfondire...
    Quanto a twitter, ammetto di averci provato. Ma ho lasciato perdere. La twittsfera è affollata da battutine poco divertenti ("mercoledì delle ceneri: lo facevano anche ad Auschwitz... però esageravano!") e giudizi non troppo approfonditi ("mi è piaciuto un casino" "è una merda" "chi lo conosce lo evita").
    In conclusione resto blogger. Para siempre.

    RispondiElimina
  3. Io sono pensionato e scrivo nel blog per impiegare una parte del mio tempo libero. Se riuscissi a trovare qualcosa di meglio smetterei immediatamente. Se ti interessa puoi dargli una letta e spiegarmi di cosa parlo. Detesto i social debordanti di pettegolezzi. A me piace vedere un film in TV e per documentarmi vengo a visitare il tuo blog e quello di Lisa.

    RispondiElimina
  4. Eheh, le ragazze... quanti danni fanno! XD
    La vedo come te sul blogging: se è vero che nascono ogni giorno molti blog, è vero pure che molto è cambiato e che la blogosfera stessa abbia subìto degli scossoni non da poco.
    Ma appunto, resta chi vuol restare.
    Gli altri forse erano tutti bisognosi di denaro (di spiccioli) più che avere una passione.

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Ho letto il post ma checcazzo, non riesco a schiaffarci un "mi piace"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS: noto ora che nella mia risposta convivono due diversi gradi di vecchiume :(

      Elimina
  7. Le ragazze sono sempre una grande motivazione...😏

    RispondiElimina
  8. Quanta gente e quanti blogger evaporati negli anni! Io e te siamo fra i pochi dinosauri superstiti del 2008!

    RispondiElimina
  9. Pensavo ti fossi finalmente visto l'Unposted sulla Ferragni, e invece mi ritrovo in risposte che avrei potuto dare io... questione apertura del blog a parte ;)

    I social sembrano un mezzo veloce e carino per far sapere agli altri cosa stai facendo, come la pensi, ma mi rendo conto di preferire scrivere per bene e con qualche idea stuzzicante i miei post sul blog che su Instagram, che osservo e seguo, ma in cui non tutto mi convince.
    Che poi sono incostante, non riesco a trovare la voglia di condividere e postare lì, e ogni anno la promessa è la stessa: essere più social, meno asociale.
    Ma ogni anno non la mantengo.

    RispondiElimina
  10. Non è facile gestire un blog, ma vedo che tanti hanno superato i 10 anni.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  11. Post interessante e che meriterebbe ampia diffusione... spero prima o poi non solo di pubblicare anch'io un articolo del genere ma anche di fare una specie di "sondaggio" tra tutti i blog rimasti. la crisi c'è, è evidente, e ci sarebbe da discuterne in maniera approfondita. Spero di avere il tempo di farlo. Grazie per lo spunto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro di trovare il tempo (e mantenere la passione) per questo sondaggio!

      Elimina
  12. Prendersi il tempo che serve per non scrivere post così tanto per scrivere è anche la mia filosofia. Non per niente ho scritto dell'ultimo Tarantino solo la settimana scorsa, dopo averlo visto e rivisto. E non per farne una recensione, ma per comunicare le mie impressioni da spettatore comune.

    RispondiElimina
  13. Risposte molto interessanti, anche per me il blog permette un approfondimento che altri siti /social non hanno.

    Sappi che mi hai ispirato, ho risposto alle tue stesse domande sul mio blog quindi... Grazie, supongo! :--)

    RispondiElimina
  14. L'ultima immagine è meravigliosa!
    Io non commento mai, però voglio dirti che spero tu non smetta mai, perché il tuo approccio al cinema è unico nel mondo del blogging.

    RispondiElimina
  15. Un post interessante, specie per chi, come noi, è passato attraverso tutte queste "ere geologiche", ed è ancora qui.
    Sinceramente non so cosa accadrà nei prossimi anni, ma io di sicuro continuerò ad esserci. Per tuo sommo dispiacere. Ahahahahah!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com