sabato 30 aprile 2022

Ma dici sul serie? Le serie (più o meno) per tutti i gusti di Aprile 2022





Ecco alcune serie uscite nelle ultime settimane da non perdere.
E altre da perdere eccome.



Da vedere

Bang Bang Baby
(stagione 1, episodi 1-2)

Ci si può innamorare di una serie?
I maniaci seriali come me sapranno benissimo che la risposta è: “Sì, assolutamente sì!”.
I maniaci seriali come me sapranno benissimo anche che tale amore a volte è persino più forte di quello verso alcune persone.

Questo per dire che tra me e Bang Bang Baby è stato amore a prima vista. Una serie ambientata negli anni '80, con atmosfere tra Donnie Darko e Stranger Things ma con una forte identità italiana, a partire dai riferimenti iniziali alle pubblicità delle Big Babol e dei Sofficini, una regia stellare che a tratti mi ha ricordato il Dario Argento di Suspiria e il Brian De Palma di Carrie - Lo sguardo di Satana, con uno sguardo però più contemporaneo alla Euphoria, un'ottima colonna sonora (Echo & the Bunnymen, Talking Heads, Yello, Nada, etc.), una buona recitazione, cosa che per una produzione tricolore non è affatto scontata, una protagonista rivelazione (Arianna Becheroni), e una trama imprevedibile, che in ogni momento non sai dove voglia portarti.


È tutto così maledettamente meraviglioso che ogni tanto durante la visione mi davo dei pizzicottini sulle braccia per provare che ero sveglio e non stavo sognando. A dirla tutta, la componente criminale della storia è quella che per ora mi convince meno, però le serie, così come le persone, le si ama anche per i loro difetti e per i loro limiti. E io questa Bang Bang Baby sento già di amarla.


The Dropout
(stagione 1)

Cambiare il mondo. Un sogno che hanno in molti, tra cui Elizabeth Holmes, in questa serie interpretata da una pazzeska Amanda Seyfried, la giovane fondatrice della società di biotecnologie Theranos. Grande ammiratrice di Steve Jobs, ha cercato di trasformare la sua compagnia nella Apple del campo medico. Ci sarà riuscita? Il mondo l'avrà cambiato in meglio, oppure in peggio? Questa serie, che pare un incrocio tra Dopesick, Dr. Death e WeCrashed, merita di essere vista? E Amanda Seyfried merita di vincere un Emmy e/o un Golden Globe per la sua performance?


Alle prime due domande lascio a voi l'onore di trovare una risposta, mentre alle altre due rispondo con un convinto: "Sì, ca**o!".

"Ma tu sei Sayid di Lost, oppure sei suo nonno?"


Scissione (Severance)
(stagione 1)

Da quando mi sono sottoposto alla procedura di Scissione, ho una doppia vita. Quando sono al lavoro sono una persona, quando non sono al lavoro sono un'altra persona, che non conosco e di cui non ho ricordi. Qual è il mio lavoro?


Non lo so. Essendomi sottoposto alla Scissione, non lo ricordo. Nel tempo libero comunque guardo serie TV. Credo, se la memoria non m'inganna. Di recente ne ho vista una, bella ma non il capolavoro di cui parlano alcuni, che parla di una vicenda simile alla mia, in cui i dipendenti della Lumon Industries sono sottoposti alla procedura di Scissione. In ufficio fanno un lavoro misterioso, che manco loro sanno in cosa consiste. Quando staccano dal lavoro, staccano letteralmente, nel senso che una volta fuori non sanno cos'hanno fatto in ufficio e hanno tutta un'altra vita.

"Adesso stiamo lavorando o stiamo vivendo?"
"C'è differenza?"

All'inizio è una cosa un po' complessa da capire, me ne rendo conto, e i ritmi sonnacchiosi dei primi episodi non aiutano. A un certo punto però scatta qualcosa. La freddezza si scioglie e i personaggi cominciano a mostrare la loro anima, così come la serie. Distopica e fantascientifica, forse, o forse una rappresentazione un filo esagerata ma anche piuttosto realistica della vita in alcune aziende. Se però vi trovate in una situazione simile, mi sa che per voi è ora di prendere in considerazione la possibilità di cambiare lavoro.

"E questa sarebbe una recensione?"
"Ma non l'hanno ancora licenziato, questo Cannibal Kid?"


Single Drunk Female
(stagione 1)

Guardare Single Drunk Female è come farsi gli shottini. Uno tira l'altro. All'inizio sembra una cosa da niente, poi dopo che te ne sei fatti un po' cominci a essere brillo e non riesci più a smettere. Non vuoi più smettere.

Attenzione: Single Drunk Female crea dipendenza. Una volta arrivati alla fine della prima stagione, per liberarvene potreste avere bisogno di frequentare i Bingewatchisti Anonimi. Per fortuna è stata appena rinnovata per una seconda stagione. Un brindisi per festeggiare!

"E adesso che l'ho finita cosa mi bev... volevo dire: come mi guardo?"


Volevo fare la rockstar
(stagione 2)

Volete guardare una serie italiana bella, oltre a Bang Bang Baby?
No, non vi sto per consigliare Don Matteo. Non mi sono ancora bevuto del tutto il cervello. Restiamo comunque in territorio Rai, ebbene sì. Volevo fare la rockstar è passata su Rai 2 e la potete trovare su RaiPlay. La seconda stagione resta ai livelli della prima e si fa guardare che è un piacere. In più è una serie tratta da un blog, quindi come potrebbe non starmi simpatica?

"Una serie tratta da un blog?
Ma che assurdità è mai questa?"



Da evitare

Servant of the People
(stagione 1, episodio 1)

È arrivata anche in Italia la serie con Volodymyr Zelenskyj, che racconta la storia di un uomo comune che a sorpresa diventa il presidente dell'Ucraina. Cosa poi successa, dopo il successo in patria della serie, allo stesso Zelenskyj. Per la serie: la vita che imita l'arte.


Ero molto curioso di dare uno sguardo a Servant of the People e, dopo averlo fatto, ne sono pentito. Questa è una serie di livello a dir poco scadente, molto amatoriale a livello di regia, scrittura, recitazione, e come comedy satirica non fa ridere manco per sbaglio. Se non fosse successo quello che è successo, non avrebbe mai varcato i confini ucraini. Se a ciò aggiungiamo un pessimo doppiaggio italiano, realizzato in maniera frettolosa e con un Luca Bizzarri del tutto inadatto, il disastro è completo.


Spero vivamente per il bene dell'Ucraina e del mondo intero che Zelenskyi riveli doti da politico e stratega militare migliori di quelle da attore, altrimenti sono e siamo fregati.




Moon Knight
(stagione 1, episodi 1-2)

Con le serie Marvel può succedere di tutto. Avevo apprezzato parecchio, e trovato a tratti geniale, WandaVision, avevo adorato quella deliziosa cacchiatella natalizia di Hawkeye, mi ero annoiato parecchio con l'inutile The Falcon and the Winter Soldier e avevo detestato l'ambiziosa e per nulla riuscita Loki.

Come sta andando con Moon Knight?


La partenza faceva anche sperare abbastanza bene, con i suoi richiami a Split che, pur essendo uno degli Shyamalan che ho gradito di meno è pur sempre uno Shyamalan. Ben presto però la serie rivela la sua vera natura: quella di solita porcheruola Marvel, in cui una discreta dose di umorismo cerca di rendere più sopportabile una vicenda ridicola che fa acqua da tutte le parti.

Nota di merito in ogni caso per la buona interpretazione del protagonista Oscar Isaac. Per il resto, consiglio a voi e a tutte le vostre personalità di girare alla larga.



Guilty Pleasure
Élite
(stagione 5)

It's not porn, it's Élite.
No es porno, es Élite.
Giunta alla quinta stagione, questa serie adolescenziale spagnola non mi ha ancora stufato. Nonostante dei membri del cast originale ne rimangano (in vita) sempre meno. E nonostante la componente soft-porno (manco tanto soft) sia sempre più preponderante su quella thriller. O probabilmente proprio per questo.



Cotta del momento
Simone Ashley (Bridgerton)

Sono come il Visconte Anthony Bridgerton.
No, non intendo fisicamente, purtroppo. Intendo nel senso che anch'io all'inizio trovavo la Miss Kate Sharma interpretata da Simone Ashley piuttosto irritante. Poi però, come spesso capita in questi casi, il fastidio si è trasformato in qualcos'altro ed episodio dopo episodio me ne sono innamorato. Più dell'attrice che del personaggio, a dirla tutta.
Ah, sono proprio come Anthony Bridgerton. Sì, insomma, più o meno.




7 commenti:

  1. Hai ragione. Zelenskyi fa una serie nella rete come fantoccio di Joe Biden. Da evitare.

    RispondiElimina
  2. Di Moon Knight attendo il finale, ma nei due episodi centrali morivo di noia.

    RispondiElimina
  3. A questo giro, non so se fidarmi di te.
    Non è che Bang Bang Baby e Single drunk female hanno un cast che ispira più della serie?
    Strano a dirsi, Moon Knight continua a stuzzicarmi, anche se il rischio che si trasformi in una Marvelata è alto.

    RispondiElimina
  4. Nice post. I learn something harder on distinct blogs everyday. Most commonly it is stimulating to learn content from other writers and exercise a specific thing from their store.메이저토토사이트

    RispondiElimina
  5. Thank you so much for sharing this information, this will surely help me in my work and therefore, I would like to tell you that very few people can write in a manner where the reader understands just by reading the article once.토토사이트

    RispondiElimina
  6. Perfect! I think the last puzzle piece of my paper has been put together. Thanks to you, I was able to finish my thesis safely. Thank you for posting a good article. I want you to take a look at my thesis, too. It's going to be a lot of fun. 메이저토토사이트

    RispondiElimina
  7. Da recuperare ho Tutto. Meno male che si avvicina l'estate... 😢

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com