lunedì 2 maggio 2011

Cappuccetto rotto… e sei subito papà

Nel secondo tempo, un po' di rischio abbiocco in effetti c'è...
Cappuccetto rosso sangue
(USA, Canada 2011)
Titolo originale: Red Riding Hood
Regia: Catherine Hardwicke
Cast: Amanda Seyfried, Shiloh Fernandez, Max Irons, Gary Oldman, Virginia Madsen, Billy Burke, Lukas Haas, Julie Christie, Shauna Kain, Kacey Rohl
Genere: fiabe rivisitate
Se ti piace guarda anche: The Village, Twilight, The Vampire Diaries, Hard Candy, La bella e la bestia

Trama semiseria
Cappuccetto rosso vive in un villaggio, anzi dentro il film The Village con tanto di scemo del villaggio annesso (ma stavolta non è Adrien Brody), ed è divisa tra un boscaiolo, di cui è innamorata fin da quando era una bambina, e un tipo che batte il ferro. Battere il ferro a quanto pare è un lavoro che fa guadagnare un sacco di soldi un po' come da noi fare il calciatore, e così la sua famiglia la cede in sposa a quest’ultimo. Nel frattempo un lupo mannaro che si aggira per i boschi lì intorno sbrana la sorella di Cappuccetto e così gli uomini del villaggio gli danno la caccia e lo uccidono (o almeno credono di averlo fatto, un po' come gli americani con Bin Laden?). Per festeggiare danno un party così selvaggio da mettere in imbarazzo Kanye West e persino Silvio Berlusconi e tutti si dimenticano che la sorella di Cappuccetto è morta nemmeno 24 ore prima. Ma chissene, tanto era solo un personaggio minore. Pure Cappuccetto se ne sbatte e si fa sbattare dal boscaiolo anziché dal tizio che sbatte il ferro…
Vi sembra ‘na strunzata? Può essere, però almeno non ci si annoia.

"Io sono più Edward Cullen di te."
"No, io!"
"E io allora sono più Bella di te!"
Recensione cannibale
I boschi a me mettono una gran paura. Sarà per Twin Peaks più che per The Blair Witch Project, o magari perché da bambino mi è successo qualcosa di terribile in un bosco che il mio subconscio ha poi rimosso. Oddio, spero sia solo la prima ipotesi, ma chi può dirlo? Forse qualche seduta dallo strizzacervelli potrebbe fare chiarezza sul mistero, fatto sta che questo Cappuccetto rosso sangue è ambientato in un villaggio circondato da un bosco misterioso, in cui leggenda narra si aggiri un pericoloso lupo mannaro. Me la sto già facendo sotto, quando poi mi rendo conto che la regista del film è Catherine Hardwicke, anche nota per il primo Twilight, e allora la possibilità di avere del vero terrore è legata al solo fatto che a un certo punto possa sbucare fuori qualche licantropo palestrato a torso nudo.

Eppure guardando la pellicola il primo riferimento che viene in mente piuttosto che Twilight è The Village di M. Night Shyamalan, per me uno dei film politici più originali e importanti degli ultimi anni, vedi anche l’influsso favorevole avuto su quell’altro capolavoro di Il nastro bianco di Michael Haneke. Qui di discorsi politici non ne sono invece presenti e le atmosfere sono virate maggiormente verso il fantasy (ma senza esagerare).
Tua sorella è appena stata uccisa, ma tu balla pure tranquilla
tutta la notte sei Bella, non ti fermare ma balla
Le similitudini con Twilight vengono allora fuori con un intreccio sentimentale che ammicca al pubblico teen, è vero, però il ritmo qui è decisamente più elevato, almeno nella prima parte, e la Hardwicke recupera le riprese a mano con cui si era segnalata nei suoi primi ottimi film, Thirteen e quella figata di Lords of Dogtown. Il primo tempo non m’è sembrato quindi affatto male, grazie anche a una notevole scena di festa popolare, con la musica allucinante di Fever Ray chiamata a fare da splendida colonna sonora. Fever Ray che poi torna nel momento più romantico di una pellicola comunque non così sdolcinata come i vampiri verginelli del Tuailait uorld, sulle note di quel miracolo di canzone che è “Keep the streets empty for me”.


Tua sorella è sempre appena morta, ma tu fai pure del sesso selvaggio
Come direbbe Marracash: fino a qui tutto bene, alla faccia dei critici che si sono sbranati la pellicola ancor prima di vederla, soltanto per aver letto il nome della regista di Twilight sulla locandina. Peccato che poi non tutto proceda in maniera positiva e allora lo spirito dei criticoni riemerge prepotente. Ci sono infatti un paio di momenti davvero ridicoli e trash: quando la protagonista legge nel pensiero del lupo (ebbene sì!) e nel finale tragico. Tragico nel senso di veramente pessimo.
Maluccio anche gli inserti dalla fiaba di Cappuccetto Rosso che forse due o tre di voi avranno già sentito da qualche parte, compreso il tormentone: “Che occhi grandi hai…” Per farsi dari una mano pare che gli sceneggiatori abbiano anche provato a contattare i fratelli Grimm, ma da loro non è arrivata alcuna risposta. Saranno già stati troppo impegnati in altri progetti, visto che per i prossimi mesi sono annunciate a Hollywood diverse altre pellicole ispirate alle loro fiabe, come The Brothers Grimm: Snow White e Snow White and the Huntsman (che fantasia!).

Mi chiamo Bastilani e batto il ferro
Nel cast bene i giovani, così così i “vecchi”. I tempi d’altronde sono maturi per un bel turnover, non solo in politica (dove tanto non capiterà mai) ma anche al cinema (e qui qualche possibilità in più esiste). Amanda Seyfried è carina, anche se non mi sconfinfera più di tanto, e se la cava sempre, anche se non ho ben capito perché si aggiri in ogni ripresa con un’aria furtiva da maniaca, e nel piccolo ruolo della sua amichetta troviamo Kacey Rohl, emergente da tenere d’occhio apparsa anche nell’ottima nuova (fuori)serie tv The Killing.
Per quanto riguarda i boys, per andare sul sicuro i produttori hanno preso non uno bensì due pretendenti al titolo di nuovo Robert Pattinson: Shiloh Fernandez è il bad guy con i capelli da bello & maledetto, manco fosse uscito in ogni scena da un costoso salone di Jean Louis David anziché dal bosco in cui lavora come taglialegna per 5 euro all'ora, quando va bene; mentre Max Irons è il rassicurante bravo ragazzo della capanna accanto, anche se di professione batte il ferro come Bastilani. Hanno entrambi (Fernandez e Irons intendo, non Bastilani) buone possibilità di carriera davanti, ma io punto soprattutto sul primo.


Gary Oldman, vestito così non sei ridicolo. Deppiù!
Come dicevamo, gli “adulti” del cast fanno invece una figura più barbina: Gary Oldman (che come dice il suo stesso cognome tanto giovane più non è) fa ridere i polli a fare il figo con una tutina viola fosforescente da Power Rangers e modi di fare da santone (che voglia essere beatificato pure lui?), Virginia Madsen si aggira per il set spaesata, la nonnina Julie Christie, quella con gli occhi grandi, le orecchie grandi, la bocca grande, appare da subito più che altro come una psicopatica. Grande, naturalmente.

Prodotto da Leonardo DiCaprio, uno che non fa mai le cose a caso (ma forse in questo caso sì), Cappuccetto rosso sangue ha come visto i suoi difetti non da poco, ma nel suo mixare in maniera anche trash la fiaba dei Grimm con un immaginario horror-fantasy attuale vicino a Twilight quanto a The Village, perlomeno riesce a intrattenere. Niente brividi, è vero, ma tanto ormai chi ha più paura del lupo? Forse giusto Robert Pattinson…
(voto 6,5)




23 commenti:

  1. AHAhahhahuahahhaAHAHhahAHAHAHHAHAH! Sembra peggio di quello che è stato raccontato!! ( ho appena visto il trailer...)

    RispondiElimina
  2. Mi sembra davvero una schifezza abominevole.
    Dubito che lo vedrò.

    RispondiElimina
  3. sei stato troppo buono. io gli darei tre e mezzo. il mezzo punto solo perché nel cast c'è Gary Oldman, che, come hai detto tu, se stava zitto era meglio.

    RispondiElimina
  4. Non sono riuscita ad andarlo a vedere... in compenso la prossima settimana Source Code!

    RispondiElimina
  5. Ciao, in fondo è un film "abbastanza" originale, il regista è stato furbetto a imbastire il tutto attorno alla strafamosa favola di Cappuccetto Rosso e a vestire la storia di un alone noir.

    RispondiElimina
  6. Non mi ispira proprio per niente!

    RispondiElimina
  7. Io questo film non sono riuscita a decifrarlo.. potrebbe essere il solito film alla Twilight maniera, ma proprio il fatto che si "rifiuta" di esserlo mi manda in confusione; senza contare che dà enormemente sui nervi -.-"

    RispondiElimina
  8. Ormai Hollywood è a corto di idee che ricorre persino alle fiabe però il più delle volte fallisce vedasi Tim Burton e anche Terry Gilliam con I fratelli Grimm e l'incantevole strega, film di qualche anno fa.
    Vedrai anche Beastly?

    RispondiElimina
  9. ahahah, ti sei superato con questa recensione...ahahah

    RispondiElimina
  10. Non l'ho letta fino alla fine perchè devo ancora vederlo... In realtà anche io mi sono fatta prevenire dal fatto della regista, ma ora ci vorrei dare un occhio!

    RispondiElimina
  11. Mi ha ricordato un sacco dalle atmosfere Twilight. Cmq concordo con te, la prima parte mi è anche piaciuta, ma la seconda cade nel ridicolo, come tu hai giustamente osservato...

    The Village è il mio preferito di Shyamalan!!:D

    RispondiElimina
  12. ...ormai mi conosci... no comment...

    RispondiElimina
  13. *ginger
    in realtà è stato meglio di quanto mi aspettassi :)

    *mr. ford
    in confronto a trashate assolute come conan il barbaro che tu veneri, questo è ancora un film sobrio :D

    *andrea
    a me ha divertito abbastanza, quindi più che sufficiente

    *daisy
    source code si preannuncia meglio..

    *tizyana
    massì, alla fine ha il suo perché. e in una qualche misteriosa maniera anche un certo fascino

    *absinto
    a me le fiabe ispirano sempre, e questa è anche stata ripresa in una maniera quasi "abbastanza" originale, come dice tizyana

    *stoned
    per me è uno dei suoi pregi, quel vagare un po' tra fantasy di moda oggi e qualcos'altro. non riuscitissimo, ma comunque ho apprezzato il tentativo

    *alma
    beastly prima o poi sicuramente me lo vedo, il trailer è accattivante e sembra quel genere di porcate che a me piacciono :D

    *vegas
    grazie, grazie :)

    *marina
    nel post non rivelo grossi spoiler.
    comunque se non hai aspettative altissime è un film che si lascia vedere

    *rossana
    un sacco di film partono bene e poi si perdono. qualche sceneggiatore a hollywood dovrebbe metterci un pochino più di impegno..

    *eddy
    sei un "talebano" anti-twilight style?
    questo comunque è abbastanza trash, ma non è particolarmente adolescenziale o stra-romantico

    RispondiElimina
  14. prima di leggere la tua recensione vorrei vederlo (per fedeltà alla regista) ;D

    RispondiElimina
  15. OMG..troppo divertente...standing ovation!

    RispondiElimina
  16. ciao Marco Cannibal!
    vengo a dirti che hai inodvinato una parte del mio indovinello

    RispondiElimina
  17. purtroppo non l'ho visto questo film che, avendo letto la tua recensione, credo proprio faccia per me essendo un film con non troppe pretese, ma una interessante colonna sonora...
    sono curiosa di vedere gli eredi di Robert Pattinson ... eheheheheh anche nella serie Twilight erano tutti e sempre super pettinati e ... ;-)

    RispondiElimina
  18. Mh, a leggere qualche informazione qui e là, mi pare una bella operazione commerciale. Il che non esclude che ci sia una piccola percentuale di qualità, dietro.

    Magari lo vado a vedere, se non altro perché la tua recensione fa morire dal ridere

    RispondiElimina
  19. Ciao, non sono una lettrice abituale del tuo blog, sono capitata qui per caso. Quando ho letto questa recensione l'ho trovata bella ma la foto del fabbro con scritto "sono bastilani e batto il ferro"mi ha fatto contorcere dalle risate! Geniale! Ho sentito l'impulso irrefrenabile di scriverti e dirti: BRAVO/A!
    AHAHAHAHAHAAHAHAHAAHahA

    RispondiElimina
  20. *queen B
    più che una recensione seria comunque è un ammasso di cavolate, più o meno divertenti, quindi ripassa dopo la visione :)

    *pupottina
    assolutamente vedibile. se ti piace pattinson qui c'è pane per i tuoi denti da vampira ;)

    *ale
    grazie!
    qualità non so, intrattenimento se ti piace il genere tra fiabesco e fantasy comunque ce n'è..

    *lara
    gracias! allora continua a seguirmi che, non dico sempre, ma ogni tanto qualche altro post divertente lo tiro fuori :)

    RispondiElimina
  21. Gary Oldman mi cade su queste schifezze qua!! E va sbeffeggiato,of course.

    RispondiElimina
  22. Ero troppo curiosa di leggere la tua recensione... ... Bellissima! Complimenti per il coraggio di dare un voto oltre la sufficienza! :P

    RispondiElimina
  23. Comunque è tratto da un libro :)
    L'ho visto prima di Thor, che forse mi ha fatto rivalutare questo.

    A scanso di equivoci, non è un granché, ma non è farina del sacco dellA regista.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com