sabato 25 aprile 2015

LOST RIVER - RYAN GOSLING E LA MALEDIZIONE DI ESSERE FIGO





Lost River
(USA 2014)
Regia: Ryan Gosling
Sceneggiatura: Ryan Gosling
Cast: Iain De Caestecker, Christina Hendricks, Saoirse Ronan, Ben Mendelsohn, Matt Smith, Eva Mendes, Barbara Steele
Genere: delirante
Se ti piace guarda anche: Come un tuono, Strade perdute, Solo Dio perdona, Bully, Gummo

Ryan Gosling è bello bello in modo assurdo, ma questo non gli basta. No. Per lui è troppo poco. Ryan vuole anche dimostrare di essere bravo. Finora come attore gli è riuscito?
Più o meno. Secondo me in film come Drive, Come un tuono, Le idi di marzo, Formula per un delitto e The Believer è pressoché perfetto. Se però andiamo a fare i rompi e a vedere più da vicino, non è che sia il massimo assoluto dell'espressività. Ryan allora adesso ci prova pure come regista e sceneggiatore, e cosa ne è uscito?


Il suo esordio dietro la macchina da presa Lost River è un delirio. Un pasticcio, ma un pasticcio bello da vedere. Una pellicola piuttosto inclassificabile, con deviazioni thriller-horror, momenti splatter e altri drammatici, con una trama in bilico tra esistenzialismo e grottesco che pare piuttosto intricata e invece no, a guardarla bene è parecchio semplice. È la storia di una madre e di un figlio con dei problemi economici che cercano di sopravvivere in una desolata cittadina dominata da un bullo locale chiamato... Bully.
Più che una storia, Lost River è un sogno, o forse un incubo. Un lavoro giocato sul suggerire sensazioni, sull'immergere in un mondo, più che sul provocare vere emozioni o raccontare una vera storia. Lost River è un esperimento. Un trip non avvincente quanto quelli di David Lynch, Nicolas Winding Refn, Terrence Malick o Harmony Korine, ma in qualche modo vagamente debitore nei confronti di ognuno di loro, senza comunque stare a imitarli passivamente. Ryan cerca una strada sua come autore, che per il momento non ha ancora trovato, però ci sono segnali incoraggianti in proposito. Lost River affascina a livello visivo, così come anche per la costruzione delle atmosfere e per l'ottimo uso della colonna sonora.


In più, Ryan dimostra di saper lavorare bene con gli attori. Sarà forse perché sa come ci si sente dall'altra parte della macchina da presa? Innanzitutto ha valorizzato la rossa di Mad Men Christina Hendricks, che riesce nell'impresa di distogliere l'attenzione dalle sue due enormi, davvero enormi doti principali, per dimostrare di essere anche un'ottima interprete. Bene pure Saoirse Ronan, benché non in uno dei suoi ruoli migliori, e discreto Iain De Caestecker, proveniente dalle serie The Fades e Agents of S.H.I.E.L.D., che sembra un Ryan Gosling più giovane ma meno figo.


Convincente anche l'australiano Ben Mendelsohn, che ultimamente vedo dappertutto. C'è chi vede la gente morta, io vedo la gente Mendelsohn: è comparso in Black Sea, Exodus - Dei e re, Cogan - Killing Them Softly, Come un tuono, persino in un episodio di Girls e soprattutto ora è tra i protagonista dell'ottima nuova consigliatissima serie Bloodline. Ryan Gosling regala inoltre dei piccoli ruoli alla diva anni '60 Barbara Steele e alla sua compagna Eva Mendes, cui consegna una scena destinata a diventare un piccolo cult, almeno tra gli appassionati di splatter. Il migliore del cast in ogni caso è Matt Smith, ex Doctor Who che nei panni di Bully è davvero inquietante e avrebbe meritato uno spazio ancora maggiore.


Ryan Gosling come regista si impegna, forse pure troppo. È come se a ogni sequenza e con ogni inquadratura cerchi di dimostrare quanto è bravo dietro la macchina da presa. E da un punto di vista visivo se la cava alla grande. Sarà che si è preso un ottimo direttore della fotografia, il belga Benoît Debie, che è quello che ha lavorato a robe magnifiche come Spring Breakers e Enter the Void, ma questo Lost River è davvero un piacere per gli occhi. Proprio come Ryan Gosling. Bello bello in modo assurdo sì, ma anche bravo?
Come sceneggiatore no. Deve crescere ancora parecchio. Lost River dà l'impressione di una pellicola tanto affascinante esteticamente, quanto deboluccia sul piano della scrittura, in una maniera analoga a quanto capitato di recente con A Girl Walks Home Alone at Night. Inoltre Lost River è piuttosto freddino a livello emotivo e i personaggi, per quanto bene interpretati, restano poco approfonditi.
Se quello dello sceneggiatore non è probabilmente il suo mestiere ed è ancora prematuro affermare se possieda vera stoffa o meno dietro la macchina da presa, una cosa possiamo comunque dirla: è un regista figo. La sua maledizione è proprio quella. Ryan Gosling non è bravo. Si deve accontentare di essere solo figo.
(voto 6,5/10)

13 commenti:

  1. Il mio commento si chiamerà "Non toccatemi Ryan!" XD
    Scherzi a parte, a me piace moltissimo ma questo non vuol dire che sia bravo a fare qualsiasi cosa! Sto implodendo dalla voglia di vedere questo film e lo farò il prima possibile perché sono davvero curiosa. Come attore mi fa impazzire, come regista, secondo me sta cercando di imparare, d'altronde è pure giovane e ha già fatto moltissime cose. Vedremo se questo mi soddisferà o meno.

    RispondiElimina
  2. Ah, pensavo avresti sparato un voto altissimo - vedendolo film della settimana - ma concordo sulla sufficienza, anche se per me è sul sei e stop. Lui è bello, bravo e non sta neanche sulle palle: il film è fatto benissimo, ma è solo forma. E' secco, lontano, avrà sì un senso, una morale, ma non l'ho capita. Chissà se Gosling l'ha capita, al posto nostro: si spera di sì. Visivamente è fortissimo, sembra un videoclip di quelli all'avanguardia, ma è come se fosse un video... senza una canzone. Si segue bene, ma la trama c'è e non c'è. Tant'è vero che la Ronan, altrove mostruosa, non spicca proprio. Bellissimo, per me, il piccolo ruolo di Barbara Steele: da Viale del tramonto a Grandi Speranze, gli antecedenti del suo personaggio silenzioso si sprecano. Insomma: Ryan, ti vogliamo bene, ma la prossima volta trovati un autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, questa settimana, ma più in generale quest'anno, non ci sono grandi film in circolazione.
      Un 6,5 può bastare per guadagnarsi il titolo di pellicola of the week. :)

      Elimina
  3. Non l'ho ancora visto, ma è nella mia watch list! Voglio proprio vedere come se la cava. Comunque non per denigrarlo, perchè anche io lo trovo figo, ma a volte mi sembra che abbia lo sguardo da pesce lesso. Vabbè qua è solo questione di pelo nell'uovo. Comunque anche a me è piaciuto molto in The Drive, da giovanissimo in Formula per un delitto, Le idi di Marzo, Come un tuono e perchè no anche in The Notebook e Crazy Stupid Love. Vedremo cosa ci combinerà per il futuro!

    RispondiElimina
  4. Aspettavo un tuo parere su questo film per recuperarlo... Ryan è un gran bel pezzo di figo ma non mi ha sempre soddisfatto su altri aspetti, quindi ero piuttosto titubante sul vedere questo film o meno...

    RispondiElimina
  5. Sarà la visione di lunedì, ma ammetto di non avere troppa fiducia in Ryan regista. Il fatto però che parli così bene di Matt Smith, adorabile e rimpianto Dottore, fa guadagnare punti alle mie aspettative :)

    RispondiElimina
  6. Non ho troppa fiducia rispetto a quello che potrebbe raccogliere dalle mie parti, ma una visione la concederò.

    RispondiElimina
  7. E' nella mia lista di cose da vedere, per due ragioni, Matt "più grande attore del mondo" Smith e Christina Hendricks, e le sue due ottime ragioni potrei aggiungere... ;-) Scherzi a parte, mi appunto il tuo commento e ripasserò a leggerlo tutto dopo aver visto il film. Cheers!

    RispondiElimina
  8. Io tanto figo 'sto Gosling non lo vedo.Ma sai che a me l'uomo piace PAPPARO,lui è troppo finottino biondino curatino XD
    E come attore è un vero carciofo!

    RispondiElimina
  9. moncler coats, http://www.moncler.us.com/
    lebron james shoes, http://www.lebronjamesshoes.in.net/
    nike free uk, http://www.nikefreerunning.org.uk/
    air jordan shoes, http://www.airjordanshoes.us.org/
    stuart weitzman boots, http://www.stuartweitzmanoutlet.us/
    jordan shoes, http://www.jordan-shoes.us.com/
    louis vuitton bags, http://www.louisvuittonbag.us.com/
    oakley sunglasses, http://www.oakleysunglasses-outlet.us.com/
    links of london, http://www.linksoflondons.co.uk/
    michael kors outlet, http://michaelkors.outletonlinestores.us.com/
    cheap mlb jerseys, http://www.cheapmlbjerseys.net/
    nike huarache, http://www.nikeairhuarache.org.uk/
    louis vuitton outlet, http://www.louisvuittonoutlet.in.net/
    oakley sunglasses wholesale, http://www.oakleysunglasses-wholesale.us.com/
    the north face outlet store, http://www.thenorthfaceoutletstores.org/
    karen millen dresses, http://www.karenmillendressesoutlets.co.uk/
    kobe bryant shoes, http://www.kobebryantshoes.in.net/
    nike air max uk, http://www.nikeairmaxshoes.org.uk/
    yoga pants, http://www.yogapants.us.com/
    beats headphones, http://www.beats-headphones.in.net/
    michael kors outlet, http://michaelkors.outletonlinestores.us.com/
    oakley outlet, http://www.oakleyoutlet.in.net/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorsoutlets.uk/
    hogan, http://www.scarpehogan-outlet.it/
    lacoste polo shirts, http://www.lacostepoloshirts.cc/
    2015921caihuali

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com