martedì 24 gennaio 2012

The Artist: la recensione muta







































The Artist
(Francia, Belgio 2011)
Regia: Michel Hazanavicius
Cast: Jean Dujardin, Bérénice Bejo, cane, John Goodman, James Cromwell, Missy Pyle, Malcolm McDowell
Genere: d'altri tempi
Se ti piace guarda anche: Cantando sotto la pioggia, La donna che visse due volte, qualcosa di Charlie Chaplin


36 commenti:

  1. genialata troppo geniale!Cannibal in gran forma stamattina!my compliments:)

    RispondiElimina
  2. Genio.
    Su James Cameron mi hai conquistato.
    Uniti nell'odio.

    RispondiElimina
  3. bellissima recensione! dopodiché cantando sotto la pioggia tutta la vita

    RispondiElimina
  4. Devo dire che questa idea è davvero una delle migliori che tu abbia mai avuto.
    Per questa volta, chapeau.
    Anche perchè sei perfino riuscito a vedere un film muto! ;)

    RispondiElimina
  5. bravissimo cannibal!
    esilarante, specie il cane pupazzo di gibson!
    (un incubo)

    RispondiElimina
  6. Bellissima idea:) recensione geniale e adatta per un film muto:)
    sono d'accordo sul fatto che anche Drive potevano farlo muto, o lo era già o_O ?

    RispondiElimina
  7. Ok, ora devo proprio andare a vederlo.
    Bellissima recensione!

    Sara

    RispondiElimina
  8. bella idea, ma per fare l'alternativo visto che qua tutti ti fanno i complimenti, ho semplicemente deciso di non farteli! tiè

    RispondiElimina
  9. Come facevi a sapere che avevo scelto Village People? Sei un mago? :D
    Comunque ottima recensione, una delle migliori che abbia letto su "The artist".

    RispondiElimina
  10. Questa è la recensione più geniale che tu abbia mai fatto!!! Se ci fosse l'Oscar per la migliore recensione dovresti vincerlo tu!!!

    ;-)

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Miglior recensione dell'anno. Puro genio. Povero Mr. Ford ora dovrà escogitare qualcosa :)

    RispondiElimina
  13. sei il numero uno. ecco, l'ho detto.

    RispondiElimina
  14. Cannibale, sei un genio! Post eccezionale! ^_^

    RispondiElimina
  15. Ahahahah! Da sbellicarsi! Devo vederlo!

    RispondiElimina
  16. Ahahah spettacolare! Non ho ancora avuto modo di vederlo ma non sto nella pelle!

    RispondiElimina
  17. Non vedo l'ora di vederlo. E' il mio film se ce n'è uno, specie in questo periodo. Jean Dujardin ha la faccia giusta ;)

    E complimenti per la rece, Marco :)

    Comunque estenderei l'ironia anche al (grande) pubblico...ho visto su un blog che in alcuni cinema americani hanno piazzato un cartello home-made vicino alle casse, allo scopo di informare i clienti che The Artist è un film muto e in b/n...tristao :(

    RispondiElimina
  18. mi ispira dal primo trailer, la recensione è perfetta ;)

    RispondiElimina
  19. Ahahah bell'idea! Sul voto io mi tengo più basso, l'opera è gradevole e intrattiene, però lavora esclusivamente sulla forma strizzando continuamente l'occhio al pubblico, come dire "ehi questo è un film muto girato nel 2011, fico vero?".

    RispondiElimina
  20. Nella mia città chiaramente i film belli non li danno. Solo Pieraccioni da noi. Chiaramente.

    RispondiElimina
  21. Considerando che ultimamente mi sto appassionando al muto questo non me lo voglio proprio perdere!
    Bellissima la tua idea del post, geniale e divertente! Guud!!!

    RispondiElimina
  22. lo andrò a vedere e con questa recensione in testa mi sa che riderò parecchio XD

    RispondiElimina
  23. Mi accodo agli altri nel farti i complimenti per la recensione originale.
    Riguardo al film, l'ho trovato una bella idea ma un po' "ruffiana", e secondo me non arriva mai a toccare davvero lo spettatore. Detto questo, ce ne fossero di film così.

    RispondiElimina
  24. Sei il numero 1, non c'è che dire. E per dirla alla francese, Chapeau!

    RispondiElimina
  25. grazie a tutti!
    sì, anche a yves saint lorant e a james cameron :)

    RispondiElimina
  26. Sei il numero 1, la migliore recensione di the Artist, geniale!

    RispondiElimina
  27. dovresti fare la stessa cosa con i cinepanettoni, semmai li recensirai: meglio che non parlano quelli ;)

    RispondiElimina
  28. Drive va bene a colori..sto ascoltanto a ripetizione alcune canzioni della colonna sonora.

    Non ho ancora visto il film muto...do priorità a Glenn Close e Meryl Streep :D

    Poi si vedrà!

    Vale xxxxx

    RispondiElimina
  29. Irriverent Escapadefebbraio 27, 2012 1:46 PM

    Sono arrivata dopo le belle parole spese da Mr Ford. Anche stavolta ci ha visto bene: recensione strepitosa.
    PS il baffetto fa anche un po' Robert Powell

    RispondiElimina
  30. Me la ricordavo fin troppo bene la tua recensione :)
    E l'avevo trovata geniale :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com