mercoledì 28 marzo 2012

Like Crazy, Pazzi di mer*a

Like Crazy
(USA 2011)
Regia: Drake Doremus
Cast: Anton Yelchin, Felicity Jones, Jennifer Lawrence, Charlie Bewley, Alex Kingston, Oliver Muirhead, Keeley Hazell, Kayla Barr
Genere: neo romanticismo indie
Se ti piace guarda anche: Blue Valentine, Last Night, L’amore che resta, Prima dell’alba, L’arte di cavarsela
Uscita italiana: non ancora prevista

UUUuuuUuuuuuuuH
Siete pazzi?
UUUUUUUUUUuuuuuuuHHuuUUUUUUh
Siete pronti?
UuuuUUUUUUUUUhhhhHHHH
Dite che mi devono rinchiudere in un manicomio, preferibilmente insieme ad A delle Pretty Little Liars, e gettare via la chiave?

In realtà, a dispetto del titolo, in Like Crazy di pazzesco c’è davvero poco. L’unica cosa pazzesca che emerge dalla sua visione, oltre a questo post, è la burocrazia americana. E poi ce n’è anche un’altra, ancora più pazzesca. Ma facciamo un passo indietro.

"Ma a parte io e te che ci abbracciamo e facciamo i tenerosi,
gli sceneggiatori non hanno pensato ad altro?"
Like Crazy è puro neo romanticismo indie. Un filone che possiamo definire nuovo, ma che altro non è se non la variante vagamente alternative di una pellicola sentimentale classica. Un neo genere non genere degenere che negli ultimi tempi sta producendo esemplari più o meno interessanti come Blue Valentine, L’amore che resta o L’arte di cavarsela e in cui Like Crazy si inserisce alla perfezione come una volta Julia Roberts e Meg Ryan si inserivano, e oggi Katherine Heigl e Kate Hudson si inseriscono, in una romcom tradizionale.
La storia – semplice semplice – è quella boy meets girl. Un ragazzo conosce una ragazza, si innamorano, hanno dei problemi, si ricongiungono, hanno degli altri problemi e poi… chissà? Guardate il film per scoprirlo, senza aspettarvi chissà quali travolgenti colpi di scena.

La variante messa qui in atto è il problema che si frappone nella loro relazione.
I due si innamorano a Los Angeles. E fin qui tutto normale. Solo che lei è una studentessa inglese e ha un visto per stare negli Stati Uniti soltanto per il periodo del college. Terminato il quale, cosa fa?
La volpona britannica decide di rimanere per un’intera estate a letto con il suo boyfriend. E anche qua niente di male. No, lei non finisce nemmeno incinta, quindi va liscia come l’olio. Dopodiché fa la vaccata di tornare brevemente nella sua vecchia Inghilterra e poi se ne ritorna negli USA come se niente fosse: ed è qui che è fregata!
"Io che ti faccio cosa? Ahahah, no, quello non l'ho letto in sceneggiatura!"
Non avendo rispettato il suo vecchio visto studentesco, la girl ora non può più rimettere piede sul sacro suolo degli Stati Uniti. La trattano come una terrorista e la rispediscono @ home. Vagli a spiegare che lei è innamorata e vuole stare a L.A.: gli yankee sono romantici solo nei film, mentre nella realtà non gliene frega un fuck dei due piccioncini in love e why the hell am I writing in English?
I don’t know.
Il loro è dunque un amore ostacolato. Non da insanabili conflitti famigliari shakespeariani come in Romeo + Juliet, ma meno poeticamente dalla burocrazia americana e dalle sue rigidissime regole. Roba che in Italia può sembrare fantascienza, ma negli USA è così che funzionano le cose. Crazy loro o crazy noi?

Jennifer Lawrence, signori e signorence!
La storia di questo amore molto forte, intenso, profondo, toccante come il sole che spunta all’alba di un nuovo giorno (scusate, Stephenie Meyer ha deciso di contribuire a questo blog…) viene raccontata in maniera molto lineare e semplice dal regista emergente Drake Doremus, uno che ha uno sguardo vivace e molto indie, molto Sundance (dove il film nel 2011 ha vinto il Gran premio della giuria) e regala i momenti cinematografici più interessanti grazie a un ottimo uso del montaggio. Però al momento sembra ancora difettare in personalità e la sceneggiatura, neo realista o semplicemente prevedibile?, non gli dà una grossa mano. Le capacità ci sono tutte, il colpo vincente manca ancora.
Il grande punto di forza della pellicola va allora ricercato nelle interpretazioni molto spontanee e per nulla di maniera (di maniera alla Meryl Streep, per dire) dei protagonisti: se il simil-Elijah Wood Anton Yelchin è bravo, Felicity Jones (vista in Flashbacks of a Fool e Hysteria) è addirittura bravissima. Il film si regge interamente su loro due che però, per quanto ottimi, non possono compensare le lacune di una sceneggiatura fragile.
In un ruolo minore compare pure Jennifer Lawrence, che già faceva coppia con il fortunello Yelchin nel pessimo Mr. Beaver. Ed è qui che succede la cosa più pazzesca del film: capisco che il tipo possa essere preso dalla Felicity Jones, capisco che il loro amore possa essere quello con la A maiuscola eccetera eccetera, però uno non si può non innamorare totalmente di Jennifer Lawrence. A meno che non sia davvero un pazzo, perchè Jennifer Lawrence è Jennifer Lawrence.
Se non sapete chi è Jennifer Lawrence vergognatevi un pochino, ma comunque don’t worry, perché tra poco esce anche in Italia The Hunger Games, già campionissimo d’incassi negli USA, e il suo volto arriverà OVUNQUE. E solo i crazy se ne lamenteranno.


"Non ce stanno abbastanza scene d'abbraccio in 'sto film, famone n'artra!"
Like Crazy eccede in melensaggine, soprattutto nella prima parte, e non ha dialoghi brillanti quanto quelli di un Prima dell’alba, tanto per citare un sommo esempio di film sentimentale costruito unicamente (o quasi) sull’incontro un ragazzo/una ragazza. In più non ha la forza drammatica di un Blue Valentine, non riesce a essere commovente come L’amore che resta o One Day, e nella sua eccessiva serietà è lontano anni luce dal divertimento di quella chicca di (500) giorni insieme, finendo più che altro dalle parti di una pellicola in classico stile Sundance, senza però l’originalità e la brillantezza tipica di un bel film in stile Sundance. Un neo romanticismo indie troppo romantico e troppo poco indie.

ATTENZIONE SPOILER
Nel finale, Like Crazy azzecca la sua scena più simbolica. Una volta che gli ostacoli del cuore (scusate, adesso Ligabue ed Elisa si sono impossessati del mio blog) sono stati superati, lo sguardo dei due innamorati, forse poi non così innamorati, diventa confuso e incerto. Proprio come questo film.
(voto 6/10)

5 commenti:

  1. Nonostante la sufficienza non m'ispira tanto, credo lo eviterò...

    RispondiElimina
  2. Dopo aver letto "neo romanticismo indie" ho avuto le convulsioni per tutta la durata del post.
    Lo eviterò come la peste. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente il termine è rivoltante di per sé :)

      Elimina
    2. ford, nel genere rientra in pieno anche l'amore che resta,
      film per cui eri andato in brodo di giuggiole,
      quindi potrebbe piacerti pure questo :)

      Elimina
  3. Basta con questi film sundance...hanno davvero rotto! Gli americani vanno in visibilio per questi film per teenager. Sempre i soliti temi, lo stile stravagante ma innocuo, l'aura finto-indipendente, la mediocrità di fondo. Dateci invece Baumbach, Jonze, Anderson...!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com