martedì 12 giugno 2012

L’Apollonide: bello sballo bordello

L’Apollonide - Souvenirs de la maison close
(Francia 2011)
Regia: Bertrand Bonello
Cast: Alice Bernole, Céline Sallette, Adèle Haenel, Jasmine Trinca, Hafsia Herzi, Noémie Lvovsky, Esther Garrel
Genere: prostituto
Se ti piace guarda anche: Sleeping Beauty, Eyes Wide Shut, Shame, Crash
Film non (ancora) uscito in Italia

Oh, finalmente un film con un sacco di pu**ane.
È vero, ce ne sono parecchi, in giro, con attrici cagne. Allora specifichiamo: finalmente un bel film con un sacco di pu**ane.
La storia di questa pellicola, molto ben sponsorizzata dall’amico blogger Rumplestils Kin di Overexposed, è infatti tutta ambientata all’interno di un bordello parigino a cavallo tra gli scorsi secoli, fine 1899 e inizio 1900. Un’epoca molto bohèmienne ripresa e ricreata alla grande dal film.
Nonostante l’ambientazione quasi unica (a eccezione di un’uscita in esterna) dentro il bordello, non si tratta però di una visione opprimente o claustrofobica. Sarà che il bordello è sempre un bel luogo in cui stare. Non lo dico per esperienza personale.

Un film ambientato in un bordello. L’uomo medio a questo punto penserà: “Min**ia, che sturia! Passeranno tutto il tempo a sc*pare! Bravo coso che finalmente ci consigli un film d’autore giusto!”.
Il lettore medio di Pensieri Cannibali, intellettualmente molto più elevato dell’uomo medio, invece penserà: “Min**ia, che sturia! Passeranno tutto il tempo a sc*pare! Bravo Cannibal che finalmente ci consigli un film d’autore giusto!”.

E invece no. Non passano tutto il tempo a sc*pare. Il sesso c’è. È pur sempre una casa chiusa, mica un convento. Sebbene pure lì, il sesso non credo che manchi. Ma non vado a spalancare porte polemiche che è meglio mantenere chiuse perché non voglio fare la fine del Corvo. Parlo di Brandon Lee, mica di Vaticanleaks.
Dentro L’Apollonide c’è il sesso, c’è qualche sc*pata, ci sono alcune (anzi, parecchie) scene di nudo. Però nessuna volgarità. Ci sono stranezze, richieste molto particolari di alcuni clienti, eppure nessuna patetica scenetta da Bunga Bunga party. Non che sia mai stato a un Bunga Bunga Party.

L’Apollonide è una pellicola incentrata sulla figura della pu**ana, o della prostituta se vogliamo fare i politically correct, roba che nel 1899 mica esisteva. Che brutta invenzione della modernità, il politically correct. Figura della pu**ana che qui ha una sua assoluta dignità. Far parte del gogol bordello significa appartenere a una famiglia allargata, a un team, a una squadra di lavoro come possono essere le cameriere di Hooters (probabilmente più zocc*le ancora) o ai celerini di A.C.A.B., soltanto che qui a differenza del film italiano si viene immersi davvero dentro l’ambiente, dentro la professione, persino dentro un’altra epoca. È per questo che sto meditando di guardare d’ora innanzi SOLO film francesi. Hanno una classe, un’eleganza, una raffinatezza uniche, persino quando parlano di puttane. L’avessero fatto in Italia, un film del genere, ne sarebbe uscita una porcheria buonista piena di squallore e degrado e le protagoniste ne sarebbero uscite come delle mignotte. Invece qui sono Puttane con la P maiuscola. Sanno fare il loro lavoro, hanno il loro giro di clienti affezionati, sono delle vere Professioniste.


E chi le interpreta, queste Professioniste del settore intrattenimento per adulti? Un cast femminile superbo, composto perlopiù da bellezze burrose e anti-anoressiche in cui spiccano la splendida bionda Adèle Haenel, Esther Garrel, figlia di Philippe e sorellina di Louis già vista in 17 ragazze, e la nostra Jasmine Trinca, una che per trovare parti interessanti e lontane dallo stereotipo di tipa problematica che le si sono incollate addosso dopo La meglio gioventù è dovuta andare in Francia. E ha fatto bene. Tra tutte, rimane però impressa in mente soprattutto l’esordiente Alice Barnole, con quel suo volto trasformato in maschera davvero difficile da dimenticare.

La pellicola è piacevolmente retrò, ma sa mantenere anche uno sguardo sul presente. Lo ieri per riflettere sull’oggi. Sulle analogie, sulle differenze. Una riflessione antimoralista sulla prostituzione e sui rapporti quasi “famigliari” che si possono instaurare all’interno di una casa chiusa. Una magia di pellicola diretta con classe da Bertand Bordello Bonello, autore anche di Le pornographe (ma allora sta proprio in fissa con il sesso!), che oltre ad avere uno sguardo esteticamente magnifico ha anche un orecchio sopraffino (splendida la colonna sonora che spazia dalla classicità di Boheme e Mozart al 60s sound di Moody Blues e Mighty Hannibal).
E allora lo dico o non lo dico?
Massì, lo dico: pu**ana che film!
(voto 7,5/10)

13 commenti:

  1. Non sembra male.
    E il consiglio di Rumple vale certamente più del tuo, ahahahahahahah! ;)
    Lo metto in lista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa che è un film un po' troppo, come dire?
      radical-chic per te! :D

      Elimina
  2. Sono contento che ti sia piaciuto, sapevo che ti avrebbe colpito! Abbasso il politically correct (e viva la France)!

    RispondiElimina
  3. "L’avessero fatto in Italia, un film del genere, ne sarebbe uscita una porcheria buonista piena di squallore e degrado e le protagoniste ne sarebbero uscite come delle mignotte."

    Non posso che quotare, intanto che mi segno il titolo del film e cerco di recuperarlo :P

    RispondiElimina
  4. Anche se non ho ancora visto il film il tuo post è da quotare parola per parola! anzi.... quasi vien voglia di fare la puttana! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. addirittura? adesso non vorrei che il mio post facesse aumentare il tasso di prostituzione.
      o forse sì... :D

      Elimina
  5. Ho visto ieri il film subito dopo aver letto la tua recensione. Avevi ragione gran bel film! Dopo aver visto 17 ragazze e questo Apollonide, il cinema francese mi sta intrigando molto!!

    RispondiElimina
  6. Beh, lo vedrò anche solo per la tua recensione!!

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Raffreddare film , ho guardato un paio di anni fa . Tra l'altro , l'ultima estate dei ragazzi in vacanza in Austria e ci hanno consigliato molto accogliente hotel con centro benessere http://wellcum.at/it/ un luogo ideale per rilassarsi con gli amici.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com