mercoledì 13 febbraio 2013

LA LEGGENDA DEL FESTIVAL DI SANREMO



Vi siete mai chiesti come e soprattutto perché è nato il Festival di Sanremo?
Ve lo racconto io.

C’era una volta una mamma single. Se vi state chiedendo se era gnocca, non ha alcuna rilevanza per la storia, comunque visto che proprio ci tenete a saperlo vi dico che sì, era una bella MILF. Contenti?
La mamma single MILF aveva l’IMU da pagare, un lavoro precario, non riusciva ad arrivare alla fine del mese e così decise di abbandonare i suoi due figli Romolo e Remo in un bosco. Qui furono cresciuti da una lupa. Non ci credete? Vi guardate Twilight, The Vampire Diaries, True Blood, persino Teen Wolf e tutte ‘ste serie assurde con i licantropi, e non credete che una lupa possa aver allevato due bambini?
Ci crediate o meno, Romolo e Remo erano due gemelli diversi, non la hip-hop (?) band. Romolo era più attento al mondo che lo circondava, più intelligente, sveglio, mentre Remo era un tontolone, uno più alla buona, diciamo. Nonostante le differenze tra loro, Romolo e Remo sono sempre andati d’amore e d’accordo, fino al giorno in cui si sono innamorati della stessa ragazza, Romina.
Per decidere chi tra loro due avrebbe potuto scopar sposare la fanciulla, i fratelli decisero di fare una sfida: considerata la passione per la musica di entrambi, ognuno di loro due doveva organizzare un festival di canzoni. Tutto questo nonostante Romina si sarebbe anche accontentata di un semplice doppio appuntamento con cui decidere a chi dare il suo cul cuore.
Remo organizzò allora il Festival di Sanremo, una manifestazione con artisti penosi, canzoni inascoltabili, ospiti arrivati dalla Preistoria, e il tutto si rivelò un successo clamoroso.
Romolo organizzò invece il Festival di Sanromolo, una manifestazione dedicata alla musica di qualità, con cantanti e band strepitose e super ospiti internazionali. Ma era tutto troppo all’avanguardia per il popolo, che non gradì e fermò la manifestazione con contestazione e grida: “Vai via, pirla.”
Remo sposò allora Romina e i due si accoppiarono selvaggiamente, dando vita al popolo italiano che in futuro avrebbe votato l’Unto del Signore, ascoltato sempre musica penosa e visto un film all’anno, in genere il cinepanettone. Il cinepanettone non lo fanno più? E loro allora si guardano solo Zelig e Italian’s Got Talent, tié.
Romolo invece emigrò e trovò una nuova compagna, con cui si accoppiò altrettanto selvaggiamente, però da persona più accorta usò maggiori precauzioni e diede vita a un popolo molto meno numeroso, una minoranza che non avrebbe mai votato l’Unto del Signore, che ascoltava musica ricercata e che guardava un sacco di film. Dei reietti. In pratica, degli emarginati. I discendenti di Romolo diedero vita al ControFestival, mentre i discendenti di Remo portarono avanti la tradizione del Festival di Sanremo. Un Festival che tutti avrebbero seguito, persino i discendenti di Romolo come Cannibal Kid.
Seguito, e preso per il culo.

Silvio Berlusconi
Festival di Sanremo, prima serata
(Italia 2013)
Regia: Duccio Forzano
Cast: Fabio Fazio, Luciana Littizzetto, Maurizio Crozza, dei cantanti (?)
Genere: sono solo canzonette
Se ti piace guarda anche: Che tempo che fa, X-Factor, Festivalbar, Amici di Maria De Filippi, Crozza nel Paese delle Meraviglie

Il Festival di Sanremo fa cagare. Ah, non è ancora iniziato? E che c’entra? Io mi porto avanti col lavoro. Lo dico subito e poi a fine serata vediamo se ho avevo torto.
L’attesissimo (?) Festival 2013 è stato aperto da una divertentissima introduzione di Lincoln di Spielberg Fabio Fazio, seguito da un nuovo brano di Verdi: Va pensiero cannibale.
Poi arriva la pure lei attesissima (?) Luciano Littizzetto, che certe volte fa anche ridere. Ma non è una di quelle volte. Fa battute sull’IMU e sul MPS, che fantasia! Peggio di me che cerco di fare battute sulla Littizzetto su Twitter. Che a me non riescono, quindi lascio la parola ad Andrea Scanzi:

Guest Twitter
Andrea Scanzi ‏@AndreaScanzi
La Littizzetto, ovvero la versione bignami di un Cinepanettone di sinistra #sanctusremus #sanremo

E adesso, via ai cantantoni in gara nella categoria Big. Perché siano considerati Big è un mistero, non chiedetemi di risolverlo, che ho già mal di testa e mal di orecchie al solo pensarci.
Ogni Big comunque propone 2 brani (di merda). Perché proporne uno solo decente sarebbe stato troppo furbo. Il pubblico da casa con il televoto decide chi andrà avanti.
Non state più nella pelle, vero? Vediamo cos’è successo.

Marco Bimbominkioni
Marco Mengoni
Sembra uno scolaretto che canta davanti a tutta la scuola.
Mi ero dimenticato perché mi infastidiva la sua voce. Ora me ne sono ricordato. Grazie Marco. Al confronto, persino la Littizzetto ha una voce soave.
“L’essenziale”, voto essenziale: 5/10
“Bellissimo”. Mai titolo per un pezzo fu più sbagliato. Voto 4,5/10

Tra i due pezzi, vince L’essenziale. Non che sia un capolavoro, ma l’altro era davvero Bruttissimo.

Guest Twitter
CapaGrezza ‏@CapaGrezza
Secondo me Mengoni ha fatto un grave errore che gli costerà molti voti: ha cominciato a cantare. #Sanremo2013

Quindi arriva come ospite Alemanno, il compagno di Lucio Dalla.
Ma ‘sti politici del Pdl non erano contro i gay?

“Basta politica. Vai via, pirla di un Cannibal!”
Okay, basta con la politica. Andiamo avanti con la garona musicale. Perché meno male che a Sanremo c’è la musica, quella bella. Sì sì, credeteci.

Matteo Renzi
Raphael Gualazzi
Sicuri sicuri sia lui? Non è Matteo Renzi che si è riciclato come cantante di pianobar?
La prima canzone è “Senza ritegno”. Certo che uno che intitola un pezzo così e lo canta così, se le va proprio a cercare: è senza ritegno per noi poveri ascoltatori. Voto 4,5/10, mezzo punto in più per le parti jazzate in cui non canta.
Secondo pezzo: “Sai (Ci basta un sogno)”. Come pianista sarà anche da sogno, ma la sua voce è da incubo. Voto 5-/10.

Ad annunciare la scelta di quale tra le due canzoni passerà il turno, dopo il buonista Fabio Fazio, finalmente arriva anche la bona: Ilaria D’amico. Annuncia che il televoto ha scelto di mantenere in vita gara la seconda. Almeno credo. Non che la scelta di una canzone piuttosto dell’altra ci cambi la vita.
Poi arriva il primo ospite internazionale, Felix Baumgartner, l’uomo che ha infranto la barriera del suono. Sicuri sicuri l’abbia infranto lui e non Marco Mengoni con un acuto dei suoi prima, oltre ad avere infranto qualche finestra?

Andrea Scanzi
Daniele Silvestri
“A bocca chiusa”. Con dei titoli così, questi cantanti ce rubano il lavoro, ce rubano.
Comunque il pezzo è l’apoteosi del buonismo tanto adorato da Fabio Fazio, non certo da me. Voto 5/10
“Il bisogno di te”. Pezzo più ritmato. Quasi dance. Ma anche il “Va pensiero” sarebbe risultato più ritmato di “A bocca chiusa”. Voto 5,5/10

Va avanti “A bocca chiusa”. Viva il buonismo!
Poi arriva anche Valeria Bilello. Con tutto il bene che le posso volere, non si capisce che cosa ci faccia qui. Appare più spaesata della mai dimenticata Elisatettona Cagnalis delle due passata coprofaghe edizioni condotte da Gianni Morandi.
Non dirò che rimpiango il Sanremo di Morandi, come ha fatto qualcuno, perché era qualcosa di davvero inguardabile. Però certo che pure quest’anno mica siamo messi tanto bene…

Paola Cortellesi fatta di coca
Simona Molinari e Peter Cincotti
“Dr. Jekyll and Mr. Hide”, una canzone così palesemente ridicola, che almeno fa sorridere. E poi la Molinari è vestita come una porno stripper, quindi mezzo voto in più. Voto 5,5/10
“La felicità”. Meglio di quella di Al Bano e Romina. Ma anche delle unghie su una lavagna lo sarebbero state. 6-/10
Peter Cincotti: non pervenuto.

Arriva Maurizio Crozza. Ormai lo sapete tutti cosa è successo. È stato contestato dal pubblico dell’Ariston. Dal pubblico? Da uno o due hooligan berlusconiani, diciamo. Che poi essere contestato da un pubblico come quello dell’Ariston che si esalta ad applaudire Maria Nazionale, e dico Maria Nazionale, io lo considererei un gran vanto.
Antonio Ingroia amish
È vero, il Maurzio Crozza Show non è stato divertentissimo, soprattutto all’inizio, ma solo perché l’imitazione di Berlusconi non fa più ridere. È una barzelletta raccontata da 20 anni e ormai è passata di moda. E quando ormai nemmeno pigliarlo per il culo fa più ridere, significa che il Berluska è davvero ma davvero diventato inutile al 100%. Significa che è ora di cambiare, una volta per tutte.
Il momento in cui ha detto “Vi odio tutti” ha comunque rappresentato la prima frase sincera che ho sentito pronunciare da Berlusconi in tutta la mia vita. E poco importa che fosse un finto Berlusconi. Tanto anche quello vero ormai è solo una maschera.

Guest Twitter
Gianluca Sbagliato ‏@GianlucaWho
Propongo di dare i Berlusconiani in pasto alle Directioners e alle Beliebers. #sanremo2013

Crozza si è ripreso poi alla grande imitando Bersani e poi alla grandissima vestendo i panni di Ingroia e di Montezemolo. Non sarà il genio della comicità come qualcuno sostiene, il suo intervento è stato troppo lungo, ma in fin dei conti si è difeso bene. Considerando il pubblico di facce di merda che si trovava davanti.

Guest Twitter
Giulia Innocenzi ‏@giuliainnocenzi
L'urlo più demenziale contro #Crozza: "basta con la politica"! E su cosa fa satira, sulle melanzane alla parmigiana? #sanctusremus

Il cantante degli Eiffel 65
Marta sui Tubi
Finalmente della musica come si deve.
“Dispari”. Sembrano la versione italiana light dei System of a Down, nominano Sonic Youth e Motorpsycho, propongono un pezzo del tutto alieno a Sanremo. Con enorme facilità, i migliori della serata. Cosa che significa che arriveranno ultimi. Voto 7,5/10
“Vorrei”. Potrebbe essere la loro “Toxicity”. Voto 7+/10.

Supera il turno la seconda, “Vorrei”. Mi piaceva di più l’altra, questa è più sanremese. Per quanto i Marta sui Tubi possano essere sanremesi.

Poi arriva la coppia gay che si sposerà a New York: Cristina e Benedetta Parodi.
No? Non sono loro?
Sono Stefano e Federico. A quanto pare in Italia non si possono sposare, perché?

Guest Twitter
Massimo Coppola ‏@massimcoppola
Perché in Italia purtroppo è vietato il matrimonio tra muti.

La mamma MILF di Anna Tatangelo
Maria vergogna Nazionale
Canzone 1: voto 1/10. Perché stasera mi sento buono.
Canzone 2: voto 0/10. Adesso basta. La mia bontà e pure la mia pazienza hanno un limite. Maria, hai scassat’ u’ cazz’. Solo una manifestazione del tempo può proporre nell’anno domini 2013 una cantante neo melodica e manco mezzo accenno di sonorità dubstep o elettroniche o hip-hop. A vivere in questo paese, mi sento ogni giorno di più come Marty McFly quando suona Johnny B. Goode in Ritorno al futuro.

A dare man forte a canta Napoli arriva anche Vincenzo Montella. Non si capisce perché. Ah già, perché una volta giocava nella Sampdoria e Fazio tiene alla Sampdoria e allora a questo punto: dov’è Pietrone Vierchowod?

Quindi sempre dal mondo del calcio, arriva pure Angelo Obinze Ogbonna. Chi è, la versione fabio fazio buonista di Balotelli?

Guest Twitter
Massimo Coppola ‏@massimcoppola
Riuscitissima l'ideona di trasformare #Sanremo2013 in una grottesca pubblicità progresso.

Un'Armata di ubriaconi
Quindi è il turno dell’ospite musicale internazionale.
Ehm, più o meno internazionale.
Ehm, più o meno musicale.
Okay, è Toto Cutugno, che ci propone un brano inedito: “L’italiano.” E lo fa con l’Armata Rossa, ovvero un branco di soldati ubriachi cui Putin ha concesso una serata di libertà, per andare a fare bisboccia e saccheggiare una città a caso della Liguria.
Non per usare la solita frase trita e ritrita populista, ma noi paghiamo davvero il canone per questo?

“Basta, vai via, pirla. E pure populista di un Cannibal!”

Guest Twitter
Andrea Scanzi ‏@AndreaScanzi
Questo "La la la la la la" dell'Armata Rossa cotugnata è una porta che si apre sull'Armageddon #sanctusremus

Florence Welch.
Sì vabbé, buonanotte gente!
Chiara
Ultima in gara, per questa sera, è Chiara.
Chiiiiiii-ara?
Chiara è la vincitrice di X-Factor. A quanto dicono. E non è nemmeno così come pensavo. Ma dev’essere l’effetto Cotugno. Dopo mezzora di Toto Cutugno, che avrei gradito persino Laura Pausini…
Oddio, Laura Pausini probabilmente no, però questa Chiara sì.
La prima canzone “L’esperienza dell’amore”, è firmata da Zampaglione dei Tiromancino. In pausa dalla sua carriera come regista horror. Anzi no, perché Sanremo è molto più horror dei suoi film. Voto 6,5/10
Seconda canzone “Il futuro che sarà” scritta da Francesco Bianconi dei Baustelle e quindi respect, gente. Respect.
Oddio, il pezzo a dirla tutta non è che sembri proprio uno dei migliori mai scritti dal baustelle, comunque l’andamento tango ha il suo perché è questa Chiara sembra già meglio degli altri. Marta sui Tubi a parte, ovviamente. O è solo l’effetto Cutugno a farmelo credere? Voto 7-/10
Il televoto decreta che andrà avanti il secondo pezzo, quello baustelliano. Giusto così.

Avevano detto che le canzoni erano di una certa qualità.
Io, dopo aver sentito i primi 7 artistoni in gara, mi concentrerei su quel “certa” che può assumere un significato mooolto ampio.

Chiudo questo primo post sanremese con una proposta shock:
se vengo eletto, al primo consiglio di ministri, eliminerò il Festival di Sanremo!

“Basta politica. Vai via, pirla!”

E comunque avevo ragione fin dall'inizio: il Festival di Sanremo fa cagare.

P.S. Anche se fa cagare, ricordate di seguire il Festival Cannibale su Twitter.

54 commenti:

  1. e poi se elimini Sanremo ci sarà sempre qualcuno che in campagna elettorale vorrà restituirlo...io ieri sera per compiacere la bradipa mi sono messo di buona volontà a vederlo ma durante l'introduzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz..............e mi sono svegliato stamattina!

    RispondiElimina
  2. Cannibal, i Marta sui tubi non sono nemmeno l'unghia dei SOAD, paragone azzardatissimo. Esageratissimo voto ad un gruppo radical chic da un radical chic. :P Ho rimpianto i Subsonica, gli After, i Bluvertigo e addirittura i Deasonika (ma sempre meglio dei Modà di oggi). E comunque la prima serata di sanremo quest'anno non mi è dispiaciuta, musica a parte. Ovviamente domani andrò a vedere Noi Siamo Infinito, chè il tempo è poco e di Sanremo ne me ne sbatte un cazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, non saranno ai loro livelli, ma diciamo che cercano di imitarli.
      e imitare i system of a down, o farne comunque una versione soft, a sanremo è già una roba mai vista...

      Elimina
    2. Concordo, ma in ogni caso a me le canzoni non sono piaciute. La prima forse aveva un suo perchè in quanto a significato, ma il resto proprio zero. Nella settimana di Holy Fire, permettimi, è musica proprio triste.

      Elimina
    3. ho capito, con i foals andiamo su un altro pianeta.
      però se non mi sforzo di trovare qualcosa di decente, non riesco a sopravvivere alla settimana sanremese.. :)

      Elimina
  3. Ieri sera..dopo non so quanti anni..e non so bene per quale motivo, di punto in bianco, ho deciso di guardare il festival..che dire ?? concordo totalmente con il tuo giudizio. Anche a me ha fatto una certa "sensazione/impressione" sentire il "falso" Berlusconi pronunciare la frase "Vi odio tutti", perché sono fermamente convinta che sia così. Lui ci odia tutti..vuole distruggere definitivamente questa povera Italia...non si spiegano diversamente le promesse "pattumiera" pre-elettorali con cui ci smerda un giorno si, e l'altro anche..ma passando alla musica..Marta sui tubi li seguo da un po' e mi sono piaciuti davvero..li ho sempre considerati alternativi e all'avanguardia..e condivido anche il tuo giudizio su Chiara...vedremo..non so se stasera seguirò la seconda puntata...devo capire che tipo di ispirazione avrò..Buona giornata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero che la tua ispirazione ti porti a non vederlo.
      la mia ispirazione masochistica invece mi sa che mi porterà a rituffarmici.. :)

      Elimina
  4. Brutto festival, direi moscio. Sulle canzoni d'accordo su Marta sui tubi, Chiara non mi è piaciuta. Con due canzoni a testa e con questo passo, finisce a Natale il Festival.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brutto festival sì.
      ma d'altronde non ricordo un festival che non lo fosse eheh
      perché sanremo è sanremo

      Elimina
  5. no, ma dai! Ti prego.
    maria nazionale? dimmi che te la sei inventata tu, mica può essere reale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensavo fosse anch'io uno scherzo.
      invece no. succede solo da mcsanremo's!

      Elimina
  6. come ogni anno non ho guardato Sanremo e non lo guarderò nemmeno nelle prossime sere.. ma come ogni anno attendo le tue recensioni emozionata come un bambino la vigilia di Natale!!!! hahhaha sei troppo un grande, ti adoro XDDDDD leggere questo post è stato come vederlo, se non anche meglio ahhahah X°°DD attendo il prossimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. così è troppo facile, però.
      dovresti condividere lo strazio con me e guardartelo :)

      Elimina
    2. mwahahahah io mi martorizzo continuamente con filmacci di infima categoria su Il Labirinto del Diavolo, almeno questo lasciamelo scampare XDDDDD!!!!

      Elimina
  7. Canzoni terribili e banali, tranne "Sai (ci basta un sogno)" di Gualazzi che è splendida. Crozza mi ha fatto ridere quando ha imitato Bersani, Ingroia e Monteferrari e sono stati dei pirla a fischiarlo. Un po' di rispetto, diamine. Ma poi: quanta cavolo di pubblicità c'è stata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meno male che c'era la pubblicità.
      è lì che ho sentito le canzoni migliori. e di gran lunga, anche :)

      Elimina
    2. quella di tricarico dei tic tac mi ha colpita al cuore!

      Elimina
  8. Un comico che in un intervento di più di mezz'ora(quanto è stato?!ad un certo punto mi è sembrato un tempo infinito...)fa ridere due (D U E) volte, merita che gli si dica di andare casa...
    Massimiliano

    RispondiElimina
  9. Sono riuscita a sopravvivere alla serata grazie ai tuoi tweet e ai Marta sui tubi... stasera è meglio se mi prendo una pausa però!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fai bene!
      però un occhio su twitter magari buttalo.
      anche se pure io rischio di non sopravvivere a un 2 su 2...

      Elimina
  10. non so voi, ma ho trovato il cantante di Marta sui tubi stonato.
    Non che poi le altre canzoni siano migliori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. boh, può darsi.
      però è uno di quegli stonamenti che hanno il loro perché...

      Elimina
  11. Marco , mi hai fatto ridere con i tuoi precisi commenti...
    L'ho seguito solo quando cenavo-(era inievitabile, non gestisco io il televisore....)e veramente le canzoni mi sono sembrate brutte assai!!!!!!
    Conscendo un po' l'ambiente imperiese e le sue dedizioni a uomini politici con memoria corta (non ricordano di avere delle case...) era inevitabile che il povero Crozza fosse bacchettato in questo modo...
    Lasciamo perdere tutto il resto , anche perchè non l'ho visto...
    Buon pranzo amico mio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sono se tutti a imperia sono così. spero di no. anche perché alla fine era più che altro un pirla isolato.. :)

      Elimina
  12. Che coraggioso, sei riuscito a vedere tutto il festival, io ho spento la tv a Maria Nazionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a maria nazionale, anche la mia forza di volontà ha vacillato pericolosamente...

      Elimina
  13. Marta sui Tubi: ma se un gruppo orrendo fa una canzone orrenda e cita Sonic Youth e Motorpsycho, diventa per questo meno orrendo?
    (Risposta mia: no)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. risposta mia: sì. :)
      e poi non sono così orrendi, suvvia

      Elimina
  14. San Remo è il trionfo dell'italianità pezzotta. Dio abbia pietà di noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni anno però devo vederlo.
      giusto per fare il punto della situazione sullo stato del paese.
      uno stato sempre messo peggio...

      Elimina
  15. L'Armata Russa l'adoro quando suona con i Cowboy Leningrad, è l'unica cosa che ho apprezzato della serata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarà, ma a me son sembrati ridicoli.
      persino all'interno del ridicolo contesto del festival :D

      Elimina
  16. Ancora non riesco a capire come mai continui a guardarlo, a parte per "fare ascolti" sul blog.
    Neanche io ti vorrei così male! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parla uno che non si perde una puntata di x-fartor :D

      Elimina
  17. E comunque Marta sui tubi e Baustelle alfieri del radical chic sfrenato: bottigliate every day! Ahahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quanto è radical-chic snobbare il festival come fai tu? ;D

      Elimina
  18. Io salvo solo I Marta Sui Tubi e Daniele Silvestri (e ti posso assicurare che non sono un buonista alla Fazio!)...tutto il resto è noia e nemmeno trash, fosse stato trash non mi sarei addormentato come un sasso......il pubblico che insulta Crozza è stato un momento di imbarazzo totale, a dimostrazione della tollerata maleducazione italiana dilagante...Maria Nazionale se si fosse chiamata Maria Milfona National l'avrei tifata a prescindere, una cantante così trash non può avere un nome d'arte così nazional-popolare. Buongiorno Italia, buongiorno Maria Milfona Nazionale con le tet...ehm gli occhi pieni di malinconia. Scusami eh, ma non potevo non omaggiare Cutugno e l'Armata Rossa nel mio commento!
    Baingiu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maria nazionale è uno di quei trash nazionali che non divertono nemmeno.
      a me ha messo solo una gran tristezza...

      Elimina
    2. Ho preso tutto con una certa ironia, fino al momento in cui sono crollato...stasera ci riprovo giusto per sentire tutte le canzoni in gara, ma dubito di riuscire ad arrivare alla fine.

      Elimina
  19. Serata pessima,ma Sanremo è Sanremo e almeno la prima si segue sempre :)
    Salvo Chiara e Gualazzi,Maria Nazionale mi ha quasi fatto addormentare,gli altri non pervenuti (Silvestri mi piace anche,ma di buonisti bastava Fazio)
    Toto Cutugno e l'Armata Rossa non li commento neanche,così come i fischi a Crozza.
    Bruttissima impressione "Berlusconi" che dice "vi odio tutti,io questo paese voglio distruggerlo":bruttissima,perchè secondo me è la verità. [mode politica off]
    Holly

    RispondiElimina
  20. Cannibal mi fai schiantare :)
    Comunque stasera (se lo guardo, perché non sono così sicuro che non preferirò dormire) mi impegno per entrare nei tuoi Guest tweet di domani!

    RispondiElimina
  21. dispari è stata fighissima:)peccato sia passata l'altra..

    ..e crozza,fantastico!

    [peccato che ieri era la mia unica serata libera della settimana...io sono una di quelle che sanremo l'avrebbe guardato tutto,dalla prima all'ultima puntata,dall'inizio alla fine...messaggiando con sorelle mamma e papà lontani..fingendo di guardarlo insieme come quando ero piccolina..perchè sanremoèsanremo!!!]

    RispondiElimina
  22. Sarà perché sono Ligure, sarà perché amo Crozza dai tempi di Hollywood Party ma mi è venuto il magone a vederlo fischiato così da una manica di imbecilli (pagati ed ignoranti) e quasi imbarazzato, costretto ad andare via dal palco per poi farsi salvare da (orrore!!) "pretinomancato" Fazio.

    Già il mio odio per Sanremo persiste da anni, ma se il buongiorno si vede dal mattino direi proprio che quest'edizione mi farà anche più schifo delle altre.

    RispondiElimina
  23. Pensa che io ci vivo a Sanremo! Ahah, e sai la cosa più brutta? Tutte le sale cinema dell'Ariston (e ce ne sono parecchie!) sono occupate causa Festival, quindi non posso andarmi a vedere nessun film!! QUESTO è il mio dramma da Festival!!
    Comunque son curiosa di sentire altre Cannibalate su Sanremo, un saluto dalla città dei fiori (?).

    -Anita

    RispondiElimina
  24. simona e chiara erano due gran topolone.. diciamolo..
    per il resto non mi pronuncio..

    viva twitter! ti manderò un link!

    RispondiElimina
  25. Arrivo in ritardo (?) ma non è mai troppo tardi per leggere quest'epocale epopea sanremese direi!
    Grandissima telecronaca come sempre!
    Attendo quella della seconda serata (che ho visto solo l'ultima terribile mezz'ora!) ahah

    RispondiElimina
  26. Il miglior articolo su San Remo che ho letto in questa vita! ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com