mercoledì 31 luglio 2013

CHE SCANDAL NON SEGUIRE QUESTA SERIE




Scandal
(stagioni 1-2)
Rete americana: ABC
Rete italiana: Fox Life
Creata da: Shonda Rhimes
Cast: Kerry Washington, Tony Goldwyn, Jeff Perry, Katie Lowes, Guillermo Díaz, Columbus Short, Darby Stanchfield, Bellamy Young, Joshua Malina, Dan Bucatinsky, Gregg Henry, George Newbern, Scott Foley, Kate Burton, Debra Mooney, Henry Ian Cusick, Matt Letscher, Liza Weil
Genere: scandaloso
Se ti piace guarda anche: 24, Ray Donovan, Revenge, Dirty Sexy Money, Dirt

Scandal è la serie da recuperare a tutti i costi quest’estate, almeno se ancora non l’avete vista. Colpevolmente, nei mesi freddi dell’anno l’avevo ignorata, lasciata da parte, accantonata in un angolino come si fa con gli appestati. Non è una cosa bella, ma va bene così. Perché Scandal rende meglio per una visione estiva. È una serie veloce, leggermente trash e soapposa, disimpegnata ma non troppo, fresca quanto accattivante. Non è uno di quei telefilm a presa immediata. Cresce poco a poco nella prima mini stagione composta da appena 7 episodi, che appaiono giusto come un aperitivo, e poi con la seconda pazzesca season esplode del tutto e si diventa sempre più affezionati ai suoi personaggi, su tutti la idolesca protagonista Olivia Pope, ma attenzione pure agli altri, che con calma si ritagliano i loro spazi, su tutti il braccio destro di Olivia, l'hacker killer Huck (Guillermo Diaz), e lo sfigatissimo David Rosen (Joshua Malina), cui gliene capitano davvero di tutti i tipi.

"Cannibal, non seguivi la mia serie? Ma che davero?"
Olivia Pope è una donna potente, una risolvi casini, una vera “risolutrice”, una che se gli sottoponi un problema ti trova una soluzione in men che non si dica. In pratica, per farvi capire meglio, è una di quelle persone che se ci fai una partita contro a Ruzzle o a Quiz Cross, ti batte di fisso.
In realtà, Olivia Pope è a capo di una specie di studio legale. Più che uno studio di avvocati, una task force specializzata nell’aiutare a togliere le persone dai guai. A lei e al suo team si rivolgono così politici, celebrità, uomini potenti che si trovano alle prese con uno scandal, che sono nell’occhio del ciclone, e che lei aiuta a tirare fuori dai guai. A livello di casi, nel suo studio capita qualunque cosa. D’altra parte… non ve l’ho ancora detto? Davvero non ve l’ho ancora detto?
Ma questo si che è uno scandal!
La creatrice della serie è Shonda Rhimes, la mammina di Grey’s Anatomy. Non è mica un caso. Scandal si posiziona allora in seconda posizione tra i telefilm in cui succede di tutto e di più nello stesso episodio: terza guerra mondiale, processi che si trasformano da una pena di morte e un’assoluzione completa, scandali sessuali che al confronto Bill Clinton e Silvio Berlusconi sono dei santarellini, rapimenti, morti ammazzati, campagne elettorali truccate e quant’altro.
Oltre a un sacco di situazioni pazzesche, esagerate e assurde, alcune vicende non sono nemmeno troppo campate per aria e sono riuscite ad anticipare persino la realtà. È capitato con un episodio in cui si scopre che i cittadini americani sono controllati dal Governo, e questo con mesi di anticipo rispetto alle rivelazioni di Edward Snowden e al Datagate che ha gettato Barack Obama nel centro della bufera.

Per fortuna, la serie per ora non è (ancora) scaduta nel trash più totale come le ultime stagioni di Grey’s Anatomy. Ricorda semmai per freschezza di scrittura il bel Grey’s dei primi tempi. In attesa che presto o tardi possa fare la stessa brutta fine, anche se spero non capiti, per adesso Scandal è una visione più che goduriosa e per nulla stupidotta. Se poi pensate a una serie legal tradizionale, qui per fortuna again le cose non stanno così. Ogni tanto può capitare qualche puntatina in aula, ma di rado, e la serie riesce a smarcarsi alla grande da quel filone legaloso che io non amo particolarmente.

"Vuoi essere la mia Monica Lewinsky?"
"Come no? E poi dicono che il romanticismo è morto..."
Una serie che mi ricorda, più ancora di Grey’s o di qualunque legal in circolazione, è invece 24. Chi l’avrebbe detto? Sorpresa, sorpresa: per quanto per molti aspetti differente, Scandal è il degno erede di 24, almeno a livello di adrenalinici complotti.
Olivia Pope ha un rapporto di tipo molto personale con il presidente degli Stati Uniti e le trame hanno spesso riferimenti politici come quelli della serie con Kiefer Sutherland, che nel maggio 2014 a quanto pare tornerà – sorpresa, sorpresa parte II – con una nona stagione. I ritmi sono anche qui elevatissimi e a tratti sembra davvero di assistere a un 24 meno incentrato sul versante action. Con in più l’aggiunta di una frizzante colonna sonora soul-funk molto 70s. All’inizio suona un po’ straniante, vista la modernità della messa in scena, con montaggio e dialoghi rapidissimi, ma dopo qualche tempo ci si fa l’orecchio e imprime il giusto groove alle storie.

"Grazie Dio per aver finalmente fatto parlare Cannibal della mia serie."
E poi c’è lei, il grande punto di forza della serie. Olivia Pope interpretata da una stellare Kerry Washington, musa tarantiniana in Django Unchained, qui irresistibile con il suo broncio e il suo sguardo triste perenni. Se all’inizio sembra la classica tipa che ha una risposta a qualunque cosa, tutta sicura e piena di sé, via via con le puntate scopriamo di lei un lato umano e profondamente fragile, che la rende una delle figure più sfaccettate all’interno del panorama seriale mondiale odierno, quasi al livello del Don Draper di Mad Men. Giusto per esagerare un filo, in pieno stile Shonda Rhimes.
Esagerazioni e cazzate a parte, Scandal un bel recupero estivo se lo merita tutto. Di scandali nel corso degli episodi se ne vedono parecchi, ma quello più grave sarebbe un altro: perdersi questa serie, che ormai per me non è solo una droga telefilmica. È La Droga.
(voto stagione uno 7/10
voto stagione due 8/10)



11 commenti:

  1. Aspettavo una tua recensione su questa serie che ho seguito. In realtà, secondo me, la cosa che funziona di meno è proprio Kerry Washington, proprio per quel broncio e sguardo triste perenne (come dimostrano anche le foto che hai postato). La trovo insopportabile, un personaggio monocorde, senza sfaccettature, sempre uguale. Recitazione davvero pessima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma come?
      seguire scandal e non adorare kerry washington e la sua olivia pope è come tenere alla roma e odiare totti! :D

      Elimina
  2. Non è il mio genere... ma penso che il pensierino ce lo farò!

    RispondiElimina
  3. Ho visto qualche puntata ma l'ho lasciata lì... E lì continuo a lasciarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fai malissimo. è nettamente una delle serie più fighe in circolazione!

      Elimina
  4. Ho iniziato entusiasta, poi ho lasciato perdere. Mi sembra che la deriva Grey's Anatomy sia impietosamente iniziata...

    RispondiElimina
  5. Anche io ho sempre snobbato la serie, non mi diceva nulla di che, continuo a rimanere nel dubbio in effetti anche dopo la tua recensione positiva.

    RispondiElimina
  6. Mi pare una serie per donnicciole e per nulla fordiana. Al massimo la lascio a Julez! ;)

    RispondiElimina
  7. Ma pensa. Vediamo di recuperare.

    RispondiElimina
  8. l'ho recuperata fulminata dal primo episodio della quarta stagione....inutile dire che mi sono bevuta le tre stagioni precedenti in tre giorni :D adoro!!!! e poi amo da tempo immemore Tony Goldwyn ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com