venerdì 5 luglio 2013

SAN SANDLER


Tempo di rivalutazioni estive. Il post di oggi è dedicato a un grande del cinema americano, spesso, troppo spesso sottovalutato: Adam Sandler.
Sto esagerando?
Si, mi sa di sì. Sandler non è un attorone fenomenale, proprio per niente, né un genio della comicità. È solo uno che a suo modo è diventato un caso dell'umorismo a stelle e strisce. E a me mi piace.
C’è stata la rivalutazione dei trash movies anni ’80, gente come Quentin Tarantino va in brodo di giuggiole per gli spaghetti western e per le porcherie con Lino Banfi, io invece in questa sede voglio riabilitare, almeno in parte, le commedie sboccate, stereotipate, americanissime e sceme con Adam Sandler.
Attore che si è anche cimentato con pellicole differenti, come la stralunata e splendida commedia di Paul Thomas Anderson Ubriaco d’amore o come 50 volte il primo bacio, quasi una versione più romanticosa di Ricomincio da capo, così come l’agrodolce vita di un comico messa in scena nel sottovalutato Funny People di Judd Apatow, oltre ad aver interpretato un caposaldo della comicità moderna come Terapia d’urto, al fianco di uno spumeggiante e cattivissimo (persino più del suo solito) Jack Nicholson e la comedy super 80s Prima o poi me lo sposo.
La sua specialità però sono i filmetti, le commediacce, i cinepanettoni americani, come Jack e Jill, Indovina perché ti odio, Un weekend da bamboccioni o Mia moglie per finta. Eccone una nuova manciata tutta per voi. Occhio a non fare indigestione.

Cambia la tua vita con un click
(USA 2006)
Titolo originale: Click
Regia: Frank Coraci
Sceneggiatura: Steve Koren, Mark O’Keefe
Cast: Adam Sandler, Kate Beckinsale, Christopher Walken, David Hasselhoff, Henry Winkler, Sean Astin, Jonah Hill, Jennifer Coolidge, Katie Cassidy, Cameron Monaghan, Jake Hoffman, Lorraine Nicholson, Sophie Monk, Nick Swardson
Genere: fantaSandler
Se ti piace guarda anche: The Family Man, Una settimana da Dio, S.O.S. Fantasmi, Vero come la finzione, Pleasantville

Non vi piace questo film?
Non c’è problema, potete schiacchiare il pulsante fast forward e andare alla recensione di un’altra pellicola.
Non vi piace proprio Adam Sandler in generale?
In tal caso, cliccate sul link a qualche mio vecchio post.
Non vi piace Pensieri Cannibali?
Allora che vi devo dire? Ascoltate a questo punto i pareri cinematografici di Vincenzo Mollica o, peggio, di Mr. James Ford.

"Vuoi vedere Kate Beckinsale nuda, vero vecchio sporcaccione?"
Per quei due gatti che sono ancora rimasti qui a leggere, dico che nell’ambito della filmografia del comico newyorkese Cambia la tua vita con un click rappresenta la pellicola: Adam Sandler + fantascienza.
"Mi spiace ragazzi, su questo canale è stata attivata la protezione bambini."
All’interno della tipica commedia sandleriana, entra qui in gioco in gioco infatti un elemento sci-fi. Un evento paradossale, di quelli alla Ricomincio da capo o alla The Family Man, un film quest’ultimo che mi ricorda tantissimo Click. A un certo punto, per magia e con l’aiuto di Christopher Walken, Adam Sandler entra in possesso di un telecomando universale molto particolare. Il telecomando non funziona solo con la televisione e gli aggeggi elettronici, ma può essere applicato a qualunque ambito della sua vita. La app ha ovvi effetti comici, dal mettere il muto alla moglie che rompe, al sentire parlare il proprio capo in spagnolo. Non è che siano effetti poi così comici, ma vabbè. Questo non è solo e non è tanto un film comico. Questo è un film drammatico. Ebbene sì.
Stufo di tutti gli impegni, diviso tra lo stress da lavoro e lo stress da famiglia, Adam Sandler comincia a mandare avanti in fast forward tutte le parti noiose della sua vita, come il traffico, le malattie e persino il sesso coniugale…
Nel film, la moglie di Adam Sandler è Kate Beckinsale, tra l’altro qui più topa che mai. Roba da raggiungere picchi assoluti di gnoccaggine che poche altre donne al mondo possono eguagliare. Adam Sandler quindi è scemo?
Sì, è scemo. È talmente fissato con la sua carriera da dimenticare tutto il resto, persino la moglie MILF, fino a che le cose con il telecomando non gli sfuggiranno del tutto di mano…

Nella seconda parte, il film diventa un dramma futuristico. Ve l’ho detto che non è un film comico. Non solo, almeno. Cambia la tua vita con un click a un certo punto cambia film con un click e si trasforma in una riflessione profonda (profonda per quanto può esserlo una pellicola con Adam Sandler) sulla vita. È un film esistenziale. Proprio così. Ed è persino commovente. Per quanto assurdo, trash, semplicistico possa essere considerato, è una visione emozionante, che in più ci rammenta una lezione importante: le parti apparentemente noiose, quelle che nelle pellicole cinematografiche di solito vengono saltate proprio come fa il protagonista, in realtà sono il sale della vita. Ogni volta che vorreste schiacciare il pulsante flash forward, o che vorreste cambiare canale, fate quindi attenzione. Potreste perdervi qualcosa di prezioso. Come questo post su Click e sul cinema sandleriano.
(voto 7/10)

Io vi dichiaro marito e marito
(USA 2007)
Titolo originale: I Now Pronounce You Chuck & Larry
Regia: Dennis Dugan
Sceneggiatura: Barry Fanaro, Alexander Payne, Jim Taylor
Cast: Adam Sandler, Kevin James, Jessica Biel, Ving Rhams, Dan Aykroyd, Steve Buscemi, Nick Swardson, Dave Matthews, Lance Bass, Rob Corddry, Chandra West, Jamie Chung, Rob Schneider, David Spade, Nicholas Turturro, Steve Buscemi
Genere: omoSandler
Se ti piace guarda anche: In & Out, Mrs. Doubtfire, Blades of Glory

Adam Sandler + Gay.
Come anche negli altri casi, il cinepanettone americano è composto da due ingredienti. Uno è l’elemento base, quello fisso che non può proprio mancare, ovvero Adam Sandler, di solito accompagnato da tutta la sua cricca di amici onnipresenti, come il facia da pirla Nick Swardson e il puttano in saldo Rob Schneider. L’altro ingrediente invece cambia ogni volta. È la variante che mette in moto situazioni differenti in cui il Sandler può esprimere la sua solita comicità. Un cambiamento nella continuità.
Dopo la variante vagamente fantascientifica di Click, in Io vi dichiaro marito e marito tocca alla tematica gay. Non che avessimo dubbi in proposito, ma naturalmente gli stereotipi sull’omosessualità abbondano che è un piacere.
Battutacce, doppi sensi, volgarità varie? Presenti!
Canzoni super gay di ABBA, Ace of Base, Pet Shop Boys, Deee-Lite, Bee Gees, Queen, Cyndi Lauper, George Michael e Chaka Khan (il leitmotiv del film “I’m Every Woman” è suo)? Super presenti!
Qualche eccesso di buonismo, soprattutto nel finale? Presente pure quello.
I film di Adam Sandler saranno anche volgari e scorreggioni fin che si vuole, però alla fin fine dimostrano di possedere un cuore d’oro e un occhio di riguardo per i buoni sentimenti. Happy ending spesso zuccherosi compresi. D’altra parte, anche questo fa parte del genere commedia, altrimenti ci ritroveremmo in un drama e poi siamo pur sempre nell’ambito del cinemone commercialone americanone, che altro pretendere?
La sceneggiatura co-firmata tra gli altri anche da un certo Alexander Payne non è poi nemmeno tanto male. In bilico tra politically correct e incorrect, la vicenda dei due pompieri etero, il poco divertente Kevin James e il nostro eroe di giornata Adam Sandler, che fingono di essere gay, in modo da permettere al secondo di essere tutore legale dei figli del primo, funziona e diverte abbastanza. A mettere in crisi il playboy Sandler nel suo fingersi omosessuale ci penserà l’avvocato dell’improvvisata coppia, interpretato da una Jessica Biel che a me di solito non dice un granché, però qui va riconosciuto che è piuttosto sexy.
Una commedia gay, non gay quanto Blades of Glory con Will Farrell va detto e certo nemmeno quanto Behind the Candelabra, ma in grado di rendere comunque molto gai.
(voto 6/10)

Racconti incantati
(USA 2008)
Titolo originale: Bedtime Stories
Regia: Adam Shankman
Sceneggiatura: Tim Herlihy, Matt Lopez
Cast: Adam Sandler, Keri Russell, Teresa Palmer, Guy Pearce, Russell Brand, Richard Griffiths, Courteney Cox, Lucy Lawless, Nick Swardson, Jonathan Morgan Heit, Laura Ann Kesling, Kathryn Joosten, Carmen Electra
Genere: bimboSandler
Se ti piace guarda anche: La storia fantastica, La storia infinita, Elf

Adam Sandler + Disney.
Ebbene sì. Persino Adam Sandler si è disneyzzato, a un certo punto della sua carriera. Capita anche ai migliori. Succede ormai quotidianamente a Johnny Depp, è successo a Tim Burton, con risultati disastrosi (si veda Alice in Wonderland), al nostro eroe di giornata è invece andata un po' meglio. Sarà che partivo da aspettative molto inferiori rispetto a un Alice, ma Racconti incantati si è rivelato una piacevole sorpresa. Accantonata una buona parte (ma non tutta) della parte più volgare della sua comicità, Sandler si ritrova protagonista di una fiaba moderna. Non siamo però tanto dalle parti di Shrek o Once Upon a Time. Qui non è che vengano rivisitate le favole. Più che altro, le storie raccontate da zio Adam Sandler ai suoi due nipotini si trasformano per magia in realtà. Come? Hey, è pur sempre una pellicola disneyana. Anything can happen, baby. Se la prima storia è tipicamente da fiaba, con gli altri racconti incantati il genere cambia e zio Sandler spazia attraverso il western, lo storico (con una sorta di variante di Spartacus che finisce per ricorda SPQR dei Vanzina) e persino la fantascienza.
"Sì, è proprio un vecchio zainetto Invicta. Ti piacerebbe averlo pure te, eh?"
Ogni storiella narrata ha poi un corrispettivo nella realtà. Una realtà in cui Sandler è un Cenerentolo schiavo tuttofare di un hotel in cui sogna di diventare il mega direttore galattico…
Ce la farà? E, allo stesso tempo, riuscirà il nostro eroe a occuparsi anche dei suoi due nipotini, i figli dell’ex Friends Courteney Cox?
A dargli una mano, almeno nel secondo compito, ci pensa Keri Russell, ex Felicity e oggi grandiosa protagonista della serie The Americans, dove spacca alla grande, ma attenzione anche all’altra bella della pellicola, Teresa Palmer, qui in forma strepitosa.
Pur essendo una tipica pellicoletta della Disney fino al midollo, con tanto di Pallocchio, animaletto pseudo simpatico inserito per strizzare letteralmente l’occhio ai più piccoli, Adam Sandler riesce a portare un po’ del suo animo cazzaro, scombussolando un minimo le carte in tavola. La partita Disney-Sandler alla fine la vince pur sempre il colosso multinazionale, però la gara non è tanto sproporzionata come si poteva immaginare e zio Sandler un paio di goal riesce a metterli a segno.
(voto 6+/10)

Zohan - Tutte le donne vengono al pettine
(USA 2008)
Titolo originale: You Don’t Mess with the Zohan
Regia: Dennis Dugan
Sceneggiatura: Adam Sandler, Robert Smigel, Judd Apatow
Cast: Adam Sandler, Emmanuelle Chriqui, John Turturro, Nick Swardson, Ido Mosseri, Rob Schneider, Dave Matthews, Charlotte Rae, Chris Rock, Mariah Carey
Genere: terroSandler
Se ti piace guarda anche: Il dittatore, Borat

Adam Sandler + terrorismo islamico.
Zohan è la versione sandleriana di Homeland?
Ehm, non esattamente. Adam Sandler qui interpreta la parte di Zohan, un agente super cazzuto del Mossad, l’intelligence israeliana, alle prese con i terroristi palestinesi. Stufo della continua guerra tra i due paesi, Zohan decide di vivere il sogno americano e tentare la carriera di… parrucchiere per signora. Con in testa le teste degli anni Ottanta, Zohan/Sandler si presenta al più grande centro per acconciatori della Grande Mela e, ovviamente, viene deriso. Ma avrà modo di rifarsi…
Credete verranno usati stereotipi sul terrorismo, sui mediorientali e sul terrorismo mediorientale?
Nooo, ma cosa pensate mai?
Non ci sono stereotipi. In Zohan c’è una sinfonia di stereotipi. Un concerto di stereotipi della durata di un paio di orette scarse. Alcuni fanno ridere, perché gli stereotipi per quanto odiosi spesso e volentieri il loro porco effetto comico lo fanno, però qui forse si esagera un pochino. Siamo dalle parti di un tipo di comicità molto sandleriano, eppure meno sandleriano del solito. A tratti è quasi come se il nostro idolo di giornata volesse imitare lo stile di Sacha Baron Cohen, con risultati non troppo riusciti.

Il film è davvero stupidissimo, persino per gli standard del Sandler, e c’è una vera e propria apoteosi di volgarità, con alcune scene esilaranti e altre meno. Si astengano quindi i nemici della comicità di grana grossa, così come del classico moralismo americano, che naturalmente non manca. Perché l’America è la patria delle opportunità per tutti. Anche per i mediorientali. Viva il grande popolo americano. Ed è qui che sta la differenza principale con Sacha Baron Cohen e i suoi Borat e Il dittatore, per quanto a livello umoristico non siamo molto distanti. Il comico inglese è ben più dissacrante nei confronti degli USA. Con Adam Sandler, uno dei difetti principali delle sue pellicole è proprio questo, finisce per essere tutto una grande celebrazione dei valori americani, criticati solo in parte, e soprattutto di New York. Il cinema di Sandler, più che americano, è cinema yankee, cinema newyorkese, cinema East Coast. I fan di Woody Allen e dell’umorismo più intellettualoide probabilmente non saranno d’accordo, ma la comicità di oggi di NYC è anche, e soprattutto, lui: Adam Sandler. Oh yeah.
(voto 5/10)

Post pubblicato in due parti anche su L’OraBlù (primo spettacolo e secondo spettacolo), con i due nuovi minimal poster creati per l’occasione da Indie Brett che avete trovato sopra.

12 commenti:

  1. Onestamente, per quanto l'abbia sempre trovato un attore mediocre, non sono mai riuscito a farmelo stare antipatico.
    Poi, certo, meglio Ubriaco d'amore o Funny people che questa roba di cui parli! ;)

    RispondiElimina
  2. A Zohan non puoi dare 5, è un insulto al 5. Massimo 3, e sarei anche buono :P

    Scherzi a parte, ha un umorismo talmente infantile e gratuito che difficilmente me ne ricordo di peggiori...

    RispondiElimina
  3. Lo odiano tutti ed è il campione record ai razzies ma in Ubriaco d'amore il suo lavoro lo fa, quando c'è un buon regista anche gli attori recitano bene (in linea di massima)

    RispondiElimina
  4. calcola che per me i voti sono tutti al contrario ma con racconti incantati all'ultimo posto con un 3. zohan è l'apoteosi dell'idiozia, un'idiozia sfacciata e sfoggiata. zohan è il vero sandler!

    RispondiElimina
  5. A me sto attore ha fatto sempre ridere. L'altra sporca ultima meta potrei vederlo all'infinito, mi fa sempre piegare in due.

    RispondiElimina
  6. Io oooooodio Adam Sandler. Mi sta proprio sulle balle. E di tutti i (pochi) suoi film che ho visto salvo solo quello con Nicholson, appunto.

    RispondiElimina
  7. Zohan è il migliore della tua lista.

    RispondiElimina
  8. Sottoscrivo il commento di Babol lo detesto a pelle, forse anche più di Pieraccioni :)

    RispondiElimina
  9. Mi unisco alla lista di chi lo detesta a prima vista e, odiami pure, anche in Ubriaco d'amore l'ho trovato insopportabile!

    RispondiElimina
  10. a me sta simpatico ed è sicuramente molto meno stupido di quanto voglia sembrare...

    RispondiElimina
  11. Oh Adam Sandler! Il mio preferito è "L'altra sporca ultima meta". Adoro.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com