giovedì 26 settembre 2013

ARCTIC MONKEYS, FRANZ FERDINAND E NIN SALVERANNO NONNO ROCK?




“Dottore, dottore. Mi dica, come se la passa il mio Nonno Rock?”
“Come vuoi che se la passi, figliolo? Il Rock è ormai come la Sinistra italiana: un malato terminale in attesa dell’estrema unzione.”
“Oh caccio, Dottore. Possibile che non ci sia più niente da fare?”
“Proprio niente niente, no. Proviamo con 3 delle ultime band che forse hanno ancora qualcosa da dire. Ascoltiamoci un po’ i loro nuovissimi album, leggiamoci le recensioni di Pensieri Cannibali e vediamo se questi gruppi riusciranno a salvarlo.”

Nine Inch Nails “Hesitation Marks”
Bello, il nuovo album dei Nine Inch Nails di Trent Reznor.
Sì, bello schifo.
(voto 4/10)

"Ragazzi, tutti pronti per andare a punire il Cannibale?"



“Mi spiace figliolo, il primo tentativo è fallito. Passiamo al secondo.”

Franz Ferdinand “Right Thought, Right Words, Right Action”
Il nuovo disco dei Franz Ferdinand sarebbe esaltante. Se solo fosse ancora il 2004. O se solo fosse ancora piena estate. Arrivato così alle porte dell’autunno, è un ascolto piacevole ma nulla più.
Right Thought, Right Words, Right Action, but wrong timing.
(voto 6/10)

"No, fermi! Prendiamocela con Cannibal, non tra di noi."



“Niente da fare, figliolo. I Franz Ferdinand c’hanno provato, ma non ce l’hanno fatta.”
“Oh mio Dio e adesso?”
“Facciamo ancora un ultimissimo tentativo.”

Arctic Monkeys “AM”
Le scimmiette artiche sanno il fatto loro, va riconosciuto. Alex Turner è uno dei migliori autori della sua generazione e lo conferma in una serie di splendidi pezzi, su tutti le ballad da favola “No. 1 Party Anthem” e “Mad Sounds” (quest’ultima con un’apertura stile “Tender” dei Blur), l’ipnotica “Do I wanna Know?”, l’esaltante “R U Mine” e la piacevolmente pop e saltellante “Why’d You Only Call Me When You’re High?”. Qua e là compare qualche piacevole sebbene leggerissima influenza hip-hop nei ritmi, però per il resto le scimmiette proseguono nell’evoluzione naturale del loro solito sound. Hanno tirato fuori un bel disco, un altro bel disco, eppure c’è qualcosina che non convince del tutto… Sono proprio i pezzi più tradizionalmente rock’n’roll ad apparire un po’ debolucci, come il sound generico da Virgin Radio di “I Want It All”, o qualche momento ancora troppo derivativo nei confronti dei Queens of the Stone Age del loro santino musicale Josh Homme. Nel complesso un buon album, uno dei migliori in ambito rock dell’anno, ma non un album così importante o fondamentale, visto che non sposta di un centimetro i confini della musica rock, anche perché la band non sembra avere la minima intenzione di farlo.
L’impressione è allora che Alex Turner, con le sue scimmiette o con il progetto parallelo Last Shadow Puppets o pure in versione da solista come per la soundtrack di Submarine, possa fare ancora di meglio di così.
(voto 7+/10)

"Noi non ci muoviamo, siamo troppo infighettati per sporcarci le mani con il sangue cannibale."



“Ma allora, Dottore? Almeno gli Arctic Monkeys sono riusciti a salvare Nonno Rock?”
“Difficile dirlo con certezza. L’hanno riportato a una forma splendida? No, quello no. Però se non altro gli hanno dato un po’ d’ossigeno. Forse per qualche mese, facciamo per qualche settimana, anzi diciamo qualche giorno, può ancora tirare avanti. Come la Sinistra italiana.”


8 commenti:

  1. Grande cannibale, nonno rock si salverà, lo spero!
    Di tutti e 3 gli album ho ascoltato solo quello delle scimmiette e devo dire che sono d'accordo con te, infatti da me si è beccato un 7 se non sbaglio, diciamo sì ci vorrebbe una rivoluzione!

    RispondiElimina
  2. Sui NIN d'accordo conte. Un punto in più ai FF, mentre gli AM l'ho amcora incelofanato. a breve lo ascolterò.
    PS : nonno rock si salverà, forse, ma ci sono salvatori migliori :)

    RispondiElimina
  3. Io darei anche un 7 ai Franz Ferdinand, sebbene qualche canzone paia un autocitazione... i NIN non li ho ascoltati e gli Artic Monkeys mi convincono... ma non so se al punto di salvare Nonno rock...poveri noi...

    RispondiElimina
  4. Io sono totalmente devota agli AM. Non sono esperta di musica, nè faccio recensioni, ma li ADORO :D
    Sto facendo il conto alla rovescia per il loro concerto. E considera che io non vado ai concerti, ma agli AM concedo un bis, pensa te!

    RispondiElimina
  5. Adorabile. Però i nuovi NIN (o dovrei dire NON-ni? ) devo ancora ascoltarli. I Franz invece col piffero che li ascolterò.

    RispondiElimina
  6. Ma perché sono tutti così infighettati? Non è rock... ;)

    RispondiElimina
  7. Mi sono dovuta trasferire in Germania per riuscire a vedere gli Arctic Monkeys. Era dai tempi del loro concerto al Traffic Free Festival Torino del 2007 (a cui non sono andata causa un esame il giorno dopo aut similia) che rosicavo. Adesso incrocio l'impossibile fino al 5 Novembre (non sai mai). Tra l'altro in due giorni vedo Amanda Palmer (quando parlerai anche di lei?) e gli AM. La mancanza del dono dell'ubiquità non mi permette di vedere i The National (porca trota!). E se non fosse che devo anche lavorare e Novembre è un mese di merda, ci sarebbero anche MS MR, Daughter e Gogol Bordello.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com