mercoledì 31 maggio 2017

Ma che dici sul Serial? – Top e Flop tv di aprile e maggio 2017






Ritorna qui su Pensieri Cannibali la rubrica che saltuariamente appare dedicata al riepilogo delle visioni telefilmiche.
Quali sono le serie tv che nelle ultime settimane mi hanno convinto di più, e quali quelle di meno?
In attesa di parlare del ritorno di Twin Peaks, che meriterà più avanti (almeno) un post tutto suo, andiamo a scoprirlo dando spazio a quelli che a mio giudizio personale sono stati i Top e i Flop dell'ultimo periodo.


Top


5. Girlboss

Guardando i primi due episodi di Girlboss, mi è venuto da pensare (me infedele!) che per una volta Netflix avesse toppato. Come serie comedy non è che faccia rotolare dalle risate e la protagonista interpretata da Britt Robertson, attrice che in genere trovo adorabile, non è che sia poi il massimo della simpatia.
Se però si ha un po' di pazienza, con gli episodi successivi la qualità delle sceneggiature migliora e le puntate diventano dei piccoli gioiellini che non fanno gridare al miracolo, però sanno essere piacevoli quel tanto che basta per far venire voglia di binge-watchare l'intera serie, magari non in un giorno solo, ma in tempi comunque abbastanza rapidi. Girlboss ha inoltre la capacità di parlare ai 20enne di oggi, così come a chi era 20enne una decina d'anni fa e, tra richiami a cult dell'epoca come Myspace e The O.C., riesce a far venire nostalgia persino per i primi anni zero. Per la serie: non è mai troppo presto per un sano revival.


4. American Gods

Dopo aver visto la puntata pilota ho pensato: American Gods is the new Westworld. Una serie con alcune scene spettacolari, dei momenti esaltanti, qualche personaggio promettente, però nel complesso non il Capolavoro venduto da molti. Bellina, ma pure sopravvalutata.

Dopo aver visto la seconda (noiosa) puntata ho pensato: American Gods is the new Preacher. Ovvero una serie che qualcuno troverà geniale e fichissima, ma che a me invece appare assurda e senza senso.

Dopo aver visto la terza puntata, a tratti interessante a tratti meno, in biblioteca mi sono imbattuto nel libro American Gods di Neil Gaiman da cui la serie è tratta e ho deciso di cominciare a leggerlo. Risultato: il romanzo mi sembra meglio dell'adattamento tv. Più chiaro, più lineare, con al suo interno un sacco di elementi folli e vari passaggi che non convincono del tutto, okay, ma nel complesso è intrigante e quasi comprensibile. Più della serie, se non altro.

Dopo aver visto la quarta puntata, penso che la serie possa diventare meglio del libro. Merito di un episodio notevole tutto incentrato sulla notevole Emily Browning. Merito suo e del suo personaggio, oppure di una serie che potrebbe finalmente aver mostrato il suo potenziale?

Dopo la quinta puntata, non male e in cui ATTENZIONE SPOILER compare persino una Gillian Anderson in doppia versione David Bowie e Marilyn Monroe FINE SPOILER, sono ancora più indeciso: vado prima avanti con il romanzo, o continuo con la discontinua stagione 1 di questa serie?


3. Master of None

Master of None è una di quelle serie comedy che cominci a vedere perché hai voglia e soprattutto bisogno di disimpegno, però vuoi pur sempre un disimpegno made in Netflix, non un disimpegno made in Vanzina o, peggio ancora, made in Ruffini. Cominci così a guardare Master of None anche perché è creata, scritta, interpretata e a volte diretta da Aziz Ansari, simpatico comico di origini indiane che hai cominciato a seguire nel geniale show di MTV Human Giants (chi se lo ricorda? Io sì!). Con calma ti vedi i primi episodi e poi ti viene voglia di guardarne sempre di più e in men che non si dica la prima stagione è finita.
Adesso è arrivata la seconda stagione ed è... ancora meglio!
Tra le tante idee e tra le tante cose, c'è pure un piacevole tuffo in Italia in stile Ladri di biciclette e compare persino la sempre più bella, brava e internazionale Alessandra Mastronardi!


Se aggiungiamo una colonna sonora variegata sempre azzeccata in ogni situazione ed episodi uno differente dall'altro ma sempre divertenti e che fanno anche riflettere, cosa volere di più da una semplice (ma in fondo mica tanto semplice) comedy?


2. The Leftovers

The Leftovers ormai può essere considerato il nuovo Nuovo Testamento e inoltre resta sempre la serie più assurda e (genialmente) folle in circolazione.
In attesa che mi metta a parlare del ritorno di Twin Peaks, se non altro...


1. The Handmaid's Tale

This is a man's world, this is a man's world / But it wouldn't be nothing, nothing without a woman or a girl”. Vengono in mente, o almeno a me vengono in mente, le parole della canzone di James Brown guardando The Handmaid's Tale. Una serie in cui le donne...

No, non ve lo dico.
The Handmaid's Tale, tratta dal romanzo Il racconto dell'ancella di Margaret Atwood del 1985, è una serie che propone una visione distopica che inquieta e angoscia. E lo fa con me che sono un uomo, posso solo immaginare cosa possa provare a livello psicologico e pure fisico una donna guardando una scarica di episodi come questi che sono una mazzata una più forte dell'altra. Perché alle donne qui presenti capita che...

No, ho detto che non ve lo dico e quindi non ve lo dico.
The Handmaid's Tale è una serie che fa male, che picchia duro, ma che vi tocca vedere. Tra i suoi punti di forza ci sono l'interpretazione potentissima della lanciatissima protagonista Elisabeth Moss (già mitica Peggy Olson di Mad Men), ma anche una sorprendente Alexis Bledel (sì, proprio Rory Gilmore), una colonna sonora straniante, un'atmosfera generale ancora più straniante, e una spietatezza che fa soffrire, ma anche pensare.

"Lo sapevo che, a forza di parlare sempre in Una mamma per amica, prima o poi avrei fatto questa fine..."

Tra i punti di debolezza invece mi viene in mente solo Joseph “Peggior attore del mondo o se non altro del Regno Unito” Fiennes, che però è meno pessimo del solito. E poi la sua presenza rende la visione ancora più dolorosa. Una scelta forse voluta dagli autori di questa serie, che in quanto a perfidia nulla hanno da invidiare a Shonda Rhimes o George R. R. Martin. Anzi.



Flop

2. Iron Fist
"Okay, faccio coming out: la mia serie è del tutto inutile."

Il mio rapporto con la Marvel è sempre stato conflittuale. Diciamo pure che mi è sempre stata abbastanza sulle palle. Negli ultimi tempi, grazie allo spassoso Deadpool e alle valide serie Legion, Daredevil e Jessica Jones, stavo a sorpresa cambiando idea.
A farmi tornare sui miei passi ci hanno pensato – per fortuna o purtroppo – le ultime due serie tv sui Defenders, gli Avengers dei poveri del piccolo schermo, ovvero il noiosetto Luke Cage e adesso l'evitabile Iron Fist.
Sono tornato a non sopportare la Marvel?
Per il momento sembrerebbe di sì. Mi sento di nuovo me stesso.


1. The Son
"Cannibal, ti lascio 10 secondi di vantaggio per scappare..."

Già solo l'idea di una serie tv western con protagonista un attore che non reggo come Pierce Brosnan sarebbe dovuta bastare per farmi girare al largo da The Son. E non parlo di metri, ma di chilometri e chilometri di distanza. Il fatto però che negli Usa sia trasmessa da AMC (fino a qualche tempo fa il canale di Mad Men e Breaking Bad) mi ha convinto a dargli una possibilità. E ho fatto male. È ancora peggio di quanto potessi immaginare.
Morale della favola: certo che a volte è meglio fermarsi ai pregiudizi.

12 commenti:

  1. Di Iron Fist ho visto il pilot e mamma mia, ho rimpianto Arrow e The Flash.
    I top, tranne il per me incomprensibile e frustrante AG, li sto seguendo tutti. Ma mi sto dando anche ai recuperi di Twin Peaks e Bojack Horseman, quindi vado piano piano (ho visto pure la seconda di Fargo, che non mi ha fatto impazzire proprio). ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sono Theresa Williams. Dopo anni di rapporti con Anderson, mi ha interrotto, ho fatto tutto il possibile per riportarlo indietro, ma tutto era inutile, lo volevo tornare così a causa dell'amore che ho per lui, Gli ho pregato con tutto, ho fatto promesse ma lui ha rifiutato. Ho spiegato il mio problema al mio amico e lei ha suggerito che dovrei piuttosto contattare un incantesimo che potrebbe aiutarmi a lanciare un incantesimo per riportarlo indietro, ma io sono il tipo che non credo mai in magia, non avevo altra scelta che provarlo, io Inviò il coclea di incantesimi e mi disse che non c'era nessun problema che tutto andrà bene prima di tre giorni, che il mio ex tornerà da me prima di tre giorni, lancia l'incantesimo e, sorprendentemente, nel secondo giorno, era alle 16.00. Il mio ex mi ha chiamato, sono stato così sorpreso, ho risposto alla chiamata e tutto quello che ha detto era che lui era così dispiaciuto per tutto quello che è accaduto che voleva che me ne tornassi, che mi ama tanto. Sono stato così felice e sono andato a lui che è stato come abbiamo iniziato a vivere insieme felicemente di nuovo. Da allora, ho promesso che chiunque conosco che abbia un problema di relazione, sarei d'aiuto a tale persona facendogli riferimento all'unico vero e potente cronometro che mi ha aiutato con il mio problema. Email: drogunduspellcaster@gmail.com potrai inviarlo via email se hai bisogno della sua assistenza nel tuo rapporto o in qualsiasi altro caso.

      1) Incantesimi d'amore
      2) Incantesimi di amore persi
      3) Divorzio Incantesimi
      4) Incantesimi di matrimonio
      5) Incantesimo legante.
      6) Incantesimi di rottura
      7) Sfilare un Amore passato
      8.) Vuoi essere promosso nel tuo ufficio / Lottery incantesimo
      9) desidera soddisfare il tuo amante
      Contattare questo grande uomo se hai problemi per una soluzione duratura
      Tramite drogunduspellcaster@gmail.com

      Elimina
  2. I pregiudizi non sono sempre un male. Ti permettono di dire (dopo) "l'avevo detto io; l'avevo detto da sempre, ma nessuno mi dà mai retta; io lo sapevo che finiva così, ecc"

    RispondiElimina
  3. Fra i tuoi top ho visto... niente. American Gods mi incuriosiva e anche The Handmaid's Tale ma chi ha avuto il tempo? Finisco Taboo e poi si vedrà.

    RispondiElimina
  4. hahaha, non so quando vedrò le serie top, io per ora sto guardando stranger things che recensirò domenica prossima xD

    RispondiElimina
  5. Io vorrei vedere Il racconto dell'ancella perché da ragazzino il film mi turbò un sacco!!
    Della Marvel aspetto Il Punitore, per il resto per me ora c'è solo TP :)

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Girlsboss ho iniziato a vederlo ma al momento l'ho mollata perché lei è davvero odiosa e stronza ma non in un modo figo, antipatica e basta. Però dovrei seguire il tuo consiglio e continuare perché le vicende di Nasty Gal mi sembrano interessanti.
    Curiosissima di vedere The Handmaid's Tale, ho il libro ma non l'ho ancora letto perché temo la tematica e credo che partirò dalla serie tv.
    Master of None l'ho mollata tempo fa e senza possibilità di seconde chance perché non mi faceva ridere mai, la trovavo alquanto sciocca :)

    RispondiElimina
  7. D'accordissimo sui top del momento, anche se ancora mi mancano The handmaid's tale di cui prevedo una bella immersione, mentre non posso non darmi al recuperone di Master of None, prometto.
    I flop, per fortuna, già me li sono evitati ;)

    RispondiElimina
  8. Ho letto American Gods un paio di anni fa e la serie a parer mio è un buon adattamento, credo l'unico possibile per quel tipo di libro, capisco però il senso di straniamento e di *noncistocapendounpiffero* di chi non ha letto il libro e sta partendo solo dalla serie. Chi ha letto il libro forse sta apprezzando , per quanto paradossale possa sembrare, di più la serie perciò il mio suggerimento è : leggi il libro prima di finire la serie.

    RispondiElimina
  9. Io più che non capirci nulla,ho trovato American Gods pesante come un mattone sugli zebedei.Blablablabla 3 ore di dialoghi che han detto?Nulla.Mamma che pacco.
    Però il libro lo leggo asap!
    Iron Fist l'ho scansato perchè a parte Ford,hanno detto tutti che è una Vera Merda,ed il mio tempo per le serie TV è sempre troppo poco!
    Poi dico,peggio di Arrow e Flash...
    Girlboss lo metto in watchlist,avendolo su Netflix mi viene comodissimo per i miei recuperi mattutini!
    Anche Leftovers e The handmaid's tale mi sembrano interessanti...

    RispondiElimina
  10. ...cioè com'è che io non conosco il benché minimo titolo da te proposto?
    sono di uno scarso pazzesco ultimamente, tra cinema e tv sto seguendo poco di tutto

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com