giovedì 31 agosto 2023

Please Don't Stop the Music - La musica di Agosto 2023, da Miley Cyrus ai Guns N' Roses






Album del mese

Ratboys "The Window"

Dischetto, mica tanto etto, che dovete assolutamente ascoltare questo mese se amate la musica indie. Sì, anche se siete troppo indie per ammettere che amate la musica indie. Destinato a diventare un cult al livello chessò tipo dei primi album dei Pavement e con dentro (almeno) un paio tra le canzoni più belle in assoluto dell'anno: "The Window" e "It's Alive!".
(voto 8/10)



Echosmith "Echosmith"

Vi ricordate di "Cool Kids", singolo d'esordio degli Echosmith del 2013 e loro pezzo a oggi più celebre?
No?
Va beh, fate finta di sì. La band capitanata dall'affascinante Sydney Sierota (quasi una Doppelgänger di Anna Kendrick) da allora non è più riuscita ad avere un'altra hit come quella, ma ha continuato a realizzare musica di buon livello e ora ha sfornato il suo terzo album, l'omonimo "Echosmith", un gioiellino di disco pop consigliato soprattutto ai fan di Taylor Swift. Anche se non se li fila (quasi) più nessuno, sono ancora dei Cool Kids.
(voto 7/10)



Jungle "Volcano"

A distanza di un paio d'anni dall'ottimo "Loving in Stereo", i Jungle sono tornati con un album meno riuscito e convincente rispetto al predecessore, ma che comunque è sempre un piacere da ascoltare dalla prima all'ultima nota. Un po' soul, un po' funk, un po' dance. Dentro questo disco vulcanico c'è un po' di tutto, forse persino un po' troppo?
(voto 6,5/10)



The Arrogants "Brainwash"

"Brainwash" è il secondo album dei The Arrogants ed è un disco uscito nel 2023. Fin dalla copertina si intuisce però che questi Arroganti non appartengono a questo tempo.


Più che un lavoro uscito oggi, "Brainwash" sembra il disco ritrovato di una band di garage rock psichedelico degli anni '60. Derivativo fin che si vuole, ma suona che è un piacere, persino se ascoltato su Spotify e non in vinile.
(voto 6+/10)



Earl Sweatshirt & The Alchemist "Voir Dire"

Proprio adesso che mi sono deciso, dopo più di 10 anni, a farmi un abbonamento Premium a Spotify, o comunque per adesso a farmi i 3 mesi di prova gratis, ecco che il rapper Earl Sweatshirt e il produttore The Alchemist decidono di condividere il loro fighissimo album inciso insieme soltanto su questo sito. Non è invece presente, almeno per il momento, su Spotify. Bella fregatura, ma anche bella collaborazione.
(voto 7/10)



Canzoni Top

#5 Doja Cat "Paint the Town Red"

Costruito intorno a un delizioso sample di "Walk on By", raffinato brano composto da Burt Bacharach e cantato originariamente da Dionne Warwick, "Paint the Town Red" conferma che la nuova direzione musicale di Doja Cat è da tenere d'occhio. E soprattutto d'orecchio.



#4 Guns N' Roses "Perhaps"

Non sono mai stato un grande fan dei Guns N' Roses, ma la scena rock contemporanea se non altro mainstream è così desolata, e desolante, che è un piacere risentirli. "Perhaps" è una "nuova" canzone ripescata dalle sessioni di "Chinese Democracy", ma come dice il comunicato ufficiale è stata "scritta e registrata quest'anno da Axl Rose, Slash e Duff McKagan, ed è la prima composizione e registrazione collettiva in trent'anni da The Spaghetti Incident? del 1993".
E io mi permetto di aggiungere che ha un bel tiro e nel complesso non è niente male.



#3 Kula Shaker "Waves"

A volte ritornano. Che poi i Kula Shaker non è che se ne siano mai andati via. Cioè sì, dopo il grande successo negli anni '90 durante il periodo del Britpop, che li ha portati persino a un'ospitata al Festival di Sanremo 1997 dove hanno proposto la loro hit "Tattva", nel 1999 si erano sciolti, per poi riformarsi nel 2004. Da allora hanno continuato a pubblicare dischi più o meno interessanti e adesso hanno appena droppato un nuovo singolo davvero frizzante, che suona fresco (quasi) come quand'erano degli esordienti totali. Una band da riscoprire.



#2 beabadoobee "The Way Things Go"

Quando pensi che non possa diventare più adorabile, ecco che beabadoobee tira fuori una canzone incantevole come "The Way Things Go" e ti ritrovi ad adorarla ancora di più. Ma immagino che, come canta lei, sia così che vanno le cose.



#1 Olivia Rodrigo "bad idea right?"

Non capita spesso che un pezzo pop faccia venire voglia di pogare. "bad idea right?" è uno di quei rari casi e l'attesa per il secondo atteso album di Olivia Rodrigo, "GUTS" fuori l'8 settembre, m'è salita se possibile ancora di più. Ora torno a popgare.



Canzone Flop

Ligabue "Una canzone senza tempo"

Nel suo nuovo singolo, Luciano Ligabue ci porta a spasso per una Roma poco stereotipata, tra Totti ovunque alle pareti e buche nelle strade. Già pronte le sue nuove canzoni su Napoli, in cui si parla di pizza, mandolino e 'o mar for, e su Milano, che secondo le indiscrezioni sarebbe intitolata "O mia bela Madunina, che certe notti te brillet de lontan".



Cotta del mese
Selena Gomez

No, ma c'è anche chi dice che Selena Gomez è brutta, gonfia, tutta ciccia & brufoli. Ok.



Guilty Pleasure del mese
Miley Cyrus "Used To Be Young"

Miley Cyrus ha pubblicato una nostalgica ballatona che fa quasi piangere...
😭😭😭
Ok, togliamo pure il quasi.



Album da recuperare
Rodriguez "Cold Fact" e "Coming from Reality"

Se non avete visto il bellissimo film documentario Searching for Sugar Man, o non avete vissuto in Sud Africa negli anni '70, il suo nome probabilmente non vi dirà molto. Sixto Rodriguez, conosciuto (o meglio, per anni sconosciuto) soltanto come Rodriguez, è venuto a mancare lo scorso 8 agosto all'età di 81 anni.

No, non era un parente di Belén, bensì il protagonista di una delle storie più incredibili nella storia della musica, raccontata appunto nel sopracitato docu premiato con l'Oscar Searching for Sugar Man. Una storia che mostra come di musica e di storie splendide e nascoste sia pieno il mondo, basta solo avere la voglia, la pazienza e il coraggio di cercarle.

Rodriguez è stato uno dei più grandi cantautori di tutti i tempi, al livello di un ben più celebre Bob Dylan, e, almeno per me, anche meglio. L'eredità musicale che ci lascia è composta da appena due album, splendidi entrambi, "Cold Fact" del 1970 e "Coming from Reality" del 1971, e una manciata di canzoni meravigliose come "I Think of You" (piango ogni volta che la sento), "Crucify Your Mind", "Forget It", "Like Janis", "Sugar Man" e "I Wonder", un pezzo che quando l'ha suonato in Sud Africa nel 1998 stava venendo giù tutto. Altroché Travis Scott al Circo Massimo. Grazie per la splendida musica, Rodriguez, anche se scoperta giusto con qualche decina di anni di ritardo.





12 commenti:

  1. Thanks for your enthusiasm and creativity in writing this blog

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com