lunedì 11 novembre 2019

Destinazione Parasite





Parasite
Titolo originale: Gisaengchung
Regia: Bong Joon-ho
Cast: Song Kang-ho, Lee Sun-kyun, Cho Yeo-jeong, Choi Woo-shik, Park So-dam
"È uscita la recensione di Pensieri Cannibali del nostro film. Speriamo bene..."

Gisaengchung è un film sudcoreano premiato all'ultimo Festival di Cannes con la Palma d'Oro e osannato dalla critica mondiale. Vi aspettate un incomprensibile e pesantissimo mattonazzo girato in bianco e nero con sì e no due dialoghi, noioso come e forse ancora di più di ciò che sembra?



Beh, nella maggior parte dei casi avreste ragione. Non stavolta, però. Gisaengchung, il cui titolo internazionale è Parasite, è una pellicola che cattura l'attenzione dal primo all'ultimo istante. Non è un film action, ma a tratti è più adrenalinico di qualunque film action vi sia capitato di vedere da Mad Max: Fury Road in poi. Inoltre è solo in parte un thriller, però sa essere più teso e incalzante di ogni thriller uscito negli ultimi mesi/anni. Soprattutto, è una visione imprevedibile e sorprendente, che sa stupire come poche altre. Anche a livello di colonna sonora. Non immaginerete mai e poi mai quale celebre cantante viene suonato a un certo punto...

"Io spero che vengano suonati i BTS. Del resto non mi importa."

Come mai il film è intitolato Parasite? Anzi, facciamo un passo indietro: cosa significa parassita?
Dal dizionario Treccani: “Nell’uso odierno, anche come s. f., chi mangia e vive alle spalle altrui: attorniarsi di adulatori e parassiti. Più genericam., persona che vive senza lavorare, sfruttando le fatiche altrui, o che vive alle spalle degli altri, senza alcun contributo personale sul piano del lavoro e della produttività: vivere da p., fare il p., Salvini è un p. dello Stato.”.

Treccani specifica inoltre che esistono due tipi di parassiti: gli ectoparassiti, che vivono sulla superficie esterna dell’ospite, e gli endoparassiti, che vivono all'interno del corpo dell'ospite. Nella pellicola, come scoprirete, sono presenti entrambi i tipi di parassiti. E poi non dite che qui su Pensieri Cannibali non si fa Cultura.

Non vi è ancora bene chiaro di cosa possa parlare un film del genere? Vi sembra sempre una cosa troppo concettuale e da cinema d'essai?

"Io non l'ho mica ancora capito di cosa parla codesto film."

Vi anticipo allora giusto qualcosina sulla trama. Non troppo, comunque, perché questo è uno di quei film di cui meno si sa, meglio è. Vi dico solo che parla di una famiglia poverissima, che abita in uno scantinato rubando il wi-fi ai vicini. E questa è la prima forma di parassitismo presente. Una famiglia poverissima e allo stesso tempo astutissima, che mette a punto un piano diabolico e geniale per trovare lavoro. Al punto che ci si domanda: “Siamo sicuri che questa sia una famiglia sudcoreana, e non napoletana?”.
E vai di stereotipo, che oggi ne ne avevo ancora proposti!

"Un po' napoletani però lo siamo, uè uè."

Lo spunto iniziale è molto accattivante. La visione cattura fin dal principio e si sviluppa per bene. A un certo punto sorge però un dubbio: “Ok, l'idea di partenza è davvero efficace, solo che poi cosa mai potrà capitare ancora?”. Nella seconda parte il film spara un colpo di scena degno dello Shyamalan dei tempi migliori, ci sono scene di una tensione quasi insostenibile degne del Breaking Bad dei tempi migliori e l'attenzione sale ancora di più. A voler proprio trovare una pecca, il pre-finale forse è un po' troppo estremo persino per un tarantiniano come me, in compenso il finale-finale riesce a regalare un tocco di poesia che è un ulteriore valore aggiunto. Il tutto senza dimenticare, lungo tutta la durata di una visione che scorre incredibilmente veloce, una feroce ironia e un senso dell'umorismo nero sempre ben presenti.

"Hey, è incredibile: sembra che Pensieri Cannibali stia parlando bene di un film, senza rompere troppo le palle come al suo solito."

Bong Joon-ho, il regista di Memories of Murder, Madre, Snowpiercer e Okja, questa volta ha davvero superato se stesso. Non solo a livello registico questo è un lavoro tecnicamente magistrale. A colpire nel segno è in particolare la sua sceneggiatura, clamorosamente diretta e allo stesso tempo ricca di significati e di spunti di riflessione profondi. Uno script perfetto tipo quello di Perfetti sconosciuti, che immagino potrebbe essere venduto in maniera analoga per un'infinità di remake internazionali, negli Usa in primis. Anche se, ricordando il pessimo rifacimento a stelle e strisce di un altro cult sudcoreano come Oldboy e nonostante la regia in quel caso di un certo Spike Lee, forse è meglio che ci rinuncino in partenza.

"Avevano ragione, sta succedendo per davvero: Pensieri Cannibali per una volta non sta criticando un film."
"E non è nemmeno una pellicola adolescenziale."

Non aspettate comunque che arrivino gli americani a farne uno scempio. Smettetela di fare qualunque cosa stiate facendo in questo momento – a meno che non stiate facendo all'amore con Emily Ratajkowski e in tal caso tanto finirete lo stesso nel giro di pochi secondi – e guardate questo film SUBITO. È una visione clamorosa. Autoriale e concettuale fin che si vuole, ma pure godibile quanto un popcorn movie, o quasi. Fate allora anche voi i parassiti e sfruttate gli sforzi di Pensieri Cannibali, che si guarda tanti film di merda per poi trovare e consigliarvi qualche gioiellino raro da non perdere. Come questo.
(voto 9/10)




7 commenti:

  1. Concordo su tutto, voto compreso. Una bomba!

    RispondiElimina
  2. A mani e zampe basse, uno dei migliori film del 2019, concordo in pieno con te. Cheers!

    RispondiElimina
  3. La tua definizione e il tuo pezzo su questi parassiti sono decisamente meglio del mio. L'amore fa la differenza, e io che ho faticato più del necessario ad entrare in questo gioco, a farmi convincere, ho faticato anche nello scriverne.
    Fa la differenza il fattore umano, insomma, ma in quanto a regia, scrittura e finale (ah, che finale!) non gli si può dire niente.

    RispondiElimina
  4. Ah ah, posso spoilerare chi è il cantante? No, eh?
    Buon film, e comunque la cosa della famiglia che era napoletana anziché coreana l'ho pensata anch'io durante la visione 😁😁

    RispondiElimina
  5. Non vedo l'ora di vederlo da quando è uscito ma questa è la recensione che più di tutte mi spingerà a farlo al più presto.

    RispondiElimina
  6. E come raramente, ma solo per i grandi film accade, siamo completamente d'accordo. Non posso inventarmi nulla per darti contro neppure io. ;)

    RispondiElimina
  7. Segnato. Appena possibile lo guarderò, ma credo che aspetterò una visione casalinga. Faccio male?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com