giovedì 30 settembre 2021

Wake Me Up When September Ends, cioè ora: la musica di Settembre 2021

 

L'estate è alle spalle oramai, e la buona notizia è che anche i tormentoni estivi lo sono. Tempo quindi di scoprire nuova musica, possibilmente meno tormentosa, ed ecco alcune cose buone e meno buone uscite negli ultimi giorni.



Per me è no

#4 Coldplay e BTS

Ai tempi di "Parachutes", i Coldplay mi sembravano un gruppo davvero ma davvero molto promettente. Credo di non essermi mai sbagliato così tanto in vita mia. Per vendere qualche disco in più ormai si venderebbero anche un braccio. O collaborererebbero persino con i BTS. Anzi, l'hanno fatto davvero. Collaborare con i BTS, dico, non vendersi un braccio. Per ora.

   


#3 Alessandra Amoroso

Sempre una garanzia, Alessandra Amoroso. Come fa scoreggiare le orecchie lei, pochi altri.
E dopo aver visto il suo per fortuna breve cameo nel film Morrison di Federico Zampaglione, posso dire che no, a recitare non è meglio che a cantare. Pensavo fosse impossibile.

 


#2 Francesco Gabbani

Se volete ascoltare una canzone brutta forte, con un testo pieno zeppo di stereotipi e un ritornello che più fastidioso non riesco a immaginarlo nemmeno con un'enorme sforzo di fantasia, ecco a voi il nuovo singolo di Francesco Gabbani, "La rete". Roba da rimpiangere "Occidentali's Karma" e persino "Amen".



#1 Negramaro

Ma che è 'sta cafonata?

 



Per me è sì

#6 ABBA

Da ragazzo cresciuto con il rock alternativo di Nirvana e Sonic Youth, c'è stato un periodo in cui gli ABBA per me erano il male assoluto. Quanto di più lontano dalla mia idea di musica. Crescendo ho poi imparato ad apprezzarli, seppure a piccole dosi, e considero "Dancing Queen" una delle più belle canzoni mai scritte. Dopo 40 anni di assenza dalle scene, gli ABBA sono ora tornati e a sentire i loro due nuovi brani, le lancette per loro sembrano essersi fermate. Questi pezzi paiono composti e suonati negli anni '70 e - chissà - magari è davvero così e si sono limitati a rispolverarli da qualche archivio nascosto. Fatto sta che ad ascoltarli mi hanno fatto venire una lacrimuccia nostalgica, e pensare che un tempo io li odiavo. Solo che col tempo alcune cose cambiano. La musica degli ABBA no, decidete voi se questo è un bene o un male.

  


#5 Amyl and the Sniffers

Rock and roll!



#4 Placebo

I Placebo sono tornati dopo un bel periodo di tempo con una nuova canzone, "Beautiful James". Niente di nuovo sotto il sole, anche perché sono gente che immagino di sole ne prendano pochino, ma è un classico ottimo pezzo ipnotico in stile Placebo e per quanto mi riguarda va benissimo così.

 


#3 Carmen Consoli

Se solo ci fermassimo ad ascoltare col cuore, scopriremmo che il nuovo disco di Carmen Consoli è davvero bello. Il singolo “Una domenica al mare” in particolare, ma l'intero album “Volevo fare la rockstar” nel complesso propone tracce ispirate e ricche di fascino. È un lavoro poco confuso e molto felice, con una serie di testi che sono delle mini sceneggiature cinematografiche. Un punto in più per la copertina, mizzega che tenerezza.


 


#2 BLANCO

BLANCO è un giovane Vasco, ancora meno sobrio. È un nuovo Achille Lauro, è un nuovo Fedez, o è un nuovo Madame? È uno spirito punk che ha preso possesso del corpo di un trapper. È tutte queste cose insieme e allo stesso tempo è solo e soltanto BLANCO.

Il 18enne Riccardo Fabbriconi in arte BLANCO, sbucato fuori dalla provincia di Brescia, è il presente e forse anche il futuro della musica italiana, se solo non fosse così fuori e imprevedibile che è davvero difficile immaginare cosa possa combinare in futuro. Magari farà la fine di Gianluca Grignani, o di Morgan, o se possibile persino peggio. Nel frattempo, speriamo che ci regali almeno qualche buon disco. Il primo, "Blu celeste", il suo album d'esordio, è appena arrivato ed è un debutto tipicamente adolescenziale, con tutti i pregi e i difetti del caso. È il manifesto perfetto di una generazione che non sembra avere niente da dire, ma lo dice con stile. Il suo.



#1 Julia Bardo

Il mio giorno della settimana preferito è il venerdì. Perché inizia il weekend e ci si può dare alla pazza gioia? No. Cioè, non solo. Il motivo principale è che venerdì è il “New Music Friday”, il giorno in cui escono la maggior parte delle novità musicali. Una volta dovevo risparmiare i soldi della paghetta per potermi comprare al prezzo di 36mila lire al massimo un CD a settimana o ogni due settimane, mentre adesso grazie a Spotify mi posso ascoltare aggratis decine di dischi nuovi ogni venerdì. Per me è come un sogno a occhi e orecchie aperte, come Pinocchio nel Paese dei Balocchi, o Neo che entra in Matrix.

Tra le varie novità di uno dei venerdì di questo settembre, mi sono imbattuto un po’ per caso nell’album d’esordio di Julia Bardo, una cantautrice italiana, di Brescia, che canta in inglese, da qualche anno ha base a Manchester, in Inghilterra, e ha fatto parte per qualche tempo dei Working Men’s Club. Ho cominciato a sentire la prima canzone, notevole, e ho pensato che magari era un colpo di fortuna, il brano migliore sparato subito all’inizio, e invece no. “Bauhaus, L’Appartamento” è una raccolta di intimi pezzi indie-pop-rock uno più bello dell’altro. Pescare un tesoro nascosto in mezzo al mare di uscite settimanali è sempre una mia grande gioia, quindi viva Julia Bardo, e viva i venerdì.

 



Guilty Pleasure del mese
Tommaso Paradiso

È l'ultima volta che ascolto una canzone di Tommaso Paradiso e poi magari smetto. O magari no.

 



Cotta del mese
Maisie Peters

Quanto è adorabile 'sta tipa qua?




Video del mese
Radiohead "If You Say the Word"

Gran video, anche se non c'ho capito niente.
E gran canzone, anche se è solo uno "scarto" dalle registrazioni di "Kid A" e "Amnesiac".





5 commenti:

  1. Di Alessandra Amoroso ne ho parlato definendola gradevole più o meno come un antifurto che suona in piena notte. Questa è davvero la cosa più ossessionante che la Ale abbia mai fatto. Brutte forte le canzoni di Negramaro e Gabbani. Gli Abba son l'evento live del 2022 ma francamente le canzoni nuove non reggono il confronto con i loro successi del passato

    RispondiElimina
  2. Vedo che continui ad amare peccaminosamente Paradiso e le canzoni tutte uguale che fa. Non hai più speranze.
    Ok, io continuo ad apprezzare le rime facili-facili dei Pinguini Tattici che nemmeno nomini più, a ognuno il suo guilty pleasure.

    Quanto ai Coldplay, continuano a spezzarmi il cuore arrivando a toccare il fondo, e devo ammetterlo anche i Negramaro: i primi due album restano davvero belli nei miei ricordi, poi solo una lunga discesa nel fastidio del canto.

    Se per Blanco mi sento davvero troppo vecchia, vado a rifugiarmi nelle melodie malinconiche dei Radiohead, questa chicca/scarto me l'ero persa, grazie!

    RispondiElimina

  3. Sarebbe ingiusto da parte mia non lodare colui che il mese scorso mi ha permesso di ottenere un prestito di denaro di cui avevo bisogno per salvare la vita di mio padre in pericolo in primo luogo non l'ho fatto non ci ho creduto per un solo momento ma la mia curiosità mi ha spinto a provare e finalmente ho potuto ottenere questo prestito che mi ha tirato fuori da questa impasse in cui vivevo, ho rispettato le condizioni e senza problemi mi sono stati accreditati sul conto 45000€ che avevo chiesto. Se hai bisogno di fare un prestito, contatta il Sig. Michel Combaluzier al suo indirizzo e-mail che è: combaluzierp443@gmail.com

    RispondiElimina
  4. Ciao a tutti.
    Conoscevo il signore Virgolino Claudio creditore in particolare in un forum che è davvero onesto e veloce, non posso che ringraziarvi per il vostro lavoro serio, ma file elaborato in meno di una settimana e ho ottenuto un credito di 45.000 euro. Testimonierò anch'io per aiutare i bisognosi. Il suo indirizzo e-mail: virgolinoclaudio7@gmail.com

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com