mercoledì 11 maggio 2022

Eurovision 2022 a Torino: prima semifinale tra trash e chic, boja fauss!





Torino era una città sobria, contenuta, lontana dagli eccessi e dal kitsch. Poi è arrivato l'Eurovision Song Contest. E tutto è cambiato.


La partenza della prima semifinale dell'Eurovision 2022 è stata all'insegna del trash, con una coreografia iniziale spettacolare ed esagerata e una prima esibizione, quella dell'Albania, ai limiti del porno. Dopodiché, a sorpresa, c'è stato spazio non solo per delle tamarrate pazzesche, che in ogni caso non sono mancate, ma anche per alcune esibizioni piuttosto chic, di classe, oserei dire raffinate.

Alla conduzione contenuta del tortonese Alessandro Cattelan, che gioca quasi in casa, e di un Mika che se l'è cavata mika male (AHAHAH, che battuta!), si è contrapposta una Laura Pausini appariscente, con un look che ha scomodato paragoni importanti, tipo Jem e le Holograms. Tutto sommato comunque pure lei per il momento si è limitata, e si è lasciata scappare giusto un “Porca vacca!” sul finale. Per le prossime puntate da lei ci si aspetta almeno un bestemmione in diretta, o un “Yo la tengo como todas”.


Al di là della Pausini e dell'ingiusta eliminazione di qualche mia canzone preferita, mi è piaciuto quasi tutto di questa prima semifinale dell'Eurovision 2022. Pure le pubblicità con Elio e le Storie Tese e Tananai, e persino Diodato, che in passato avevo trovato sopravvalutato e ieri sera invece capace di una performance davvero epica.

Aspettando la seconda semifinale con Achille Lauro, Emma Muscat e soprattutto The Rasmus, e poi la finale con Mahmood e Blanchito Bebe, ecco le mie personali classifiche di gradimento della prima semifinale.


I miei preferiti

#1 Islanda

Ipnotizzato dall'esibizione di queste tre ragazze, di cui una forse è l'attrice Sarah Paulson. Tra look country e una musica che sembra una versione onirica degli ABBA, l'Islanda sa sempre sorprendere. In positivo.



#2 Moldavia

I Ramones a una sagra di paese balcanica dopo essersi bevuti tutto il bevile. Tanto trash quanto irresistibili, farebbero ballare anche un morto, e forse persino Brandon di Beverly Hills 90210.

 


#3 Portogallo

Che incanto!
Siamo sicuri di essere all'Eurovision?

 


#4 Danimarca

Partenza in stile Olivia Rodrigo e poi virata verso Avril Lavigne, le ragazze danesi con il loro pop-rock ritmato e accattivante con me vincono facile.


#5 Austria

Ascoltando questo pezzo con forti echi di eurodance truzza anni '90, tra Alexia e gli Ace of Base, mi sembra di avere 14 anni di nuovo. Che figata, grazie Eurovision!


#6 Croazia

Adoro i guilty pleasure e poteva forse un pezzo intitolato “Guilty Pleasure” non piacermi?
Se poi la voce e lo stile ricordano quelli di Taylor Swift, il mio guilty pleasure personale è bell'e che servito.


#7 Paesi Bassi

Uuuh, aaah
Pezzo che haaa il suo perché e un ritornello con il potenziale da tormentone, in più la cantante ha un look sobrio poco in linea con il gusto kitsch tipico di questa eccentrica manifestazione di canto. Cosa che non è per forza da disprezzare, per quanto vada contro il Sacro Spirito dell'Eurovision.


#8 Ucraina

Pezzo figo, originale, capace di mischiare tradizione e modernità, con un testo toccante e un finale ipnotico. Non sono i miei preferiti in assoluto, però la loro vittoria, data per molto probabile più che altro per ragioni politiche, non sarebbe poi nemmeno scandalosa.


#9 Bulgaria

Hard-rock tamarro molto anni '80, ci credono parecchio e lo spirito guida di Jack Black è potente in loro.


#10 Lituania

Un lampo di eleganza squarcia il cielo di una Torino irriconoscibilmente trash.
Tipa col caschetto caruccia, canzone anche.



I miei meno preferiti

#1 Svizzera

Il Michael Bublé svizzero porta una delle canzoni più ruffiane dell'Eurovision 2022, che potrebbe trasformarsi in una hit il prossimo Natale. Oserei dire che è un pezzo sanremese, nella peggiore accezione possibile. Temo finirà tra i primi nella classifica finale.


#2 Lettonia

Ecologisti e colorati, ma la loro canzone è troppo una buffonata persino per gli standard dell'Eurovision. Il pezzo si chiama “Eat Your Salad”, solo che mi ha fatto l'effetto contrario: datemi subito un hamburger, per favore!


#3 Slovenia

Che ne sanno i 2000 della Disco music?
Questi sono così giovani che ai tempi d'oro della Disco music manco i loro nonni erano ancora nati.


#4 Norvegia

La versione musicale dei Minions e dei Pokémon dopo un accoppiamento selvaggio: simpatici da vedere, terribili da ascoltare.


#5 Grecia

Questa tipa la vedrei bene a reclutare adepti per una setta o per un ritiro spirituale tipo Nicole Kidman in Nine Perfect Strangers. Come cantante invece non riesce a convincermi a convertirmi nel suo culto.


#6 Armenia

Country-pop orecchiabile, ma già sentito e fatto meglio. Tipo da Taylor Swift, o dalla Taylor Swift croata.



Trash Award
Albania

It's not porn, it's Eurovision.

 



Vincitore morale
Cristiano Malgioglio

I suoi commenti sono senza prezzo.
A parte il canone Rai, che per una volta sono contento di pagare.




3 commenti:

  1. Ammetto di essermi parecchio annoiata, c'è troppo poco trash quest'anno. E, a proposito, DEVE vincere la Moldavia. Sono meravigliosi.

    RispondiElimina
  2. Systur davvero carine. Albania davvero porno.

    RispondiElimina

  3. Ciao
    IL VOSTRO CREDITO IN 2 GIORNI
    Scegliete l'importo della vostra scelta che va di 5000€ a 500.000,00€
    La vostra domanda sarà convalidare in 24:00
    Prendete contatta con il sig. Didier gomesse all'indirizzo e-mail didiergomesse@gmail.com





    Ciao
    IL VOSTRO CREDITO IN 2 GIORNI
    Scegliete l'importo della vostra scelta che va di 5000€ a 500.000,00€
    La vostra domanda sarà convalidare in 24:00
    Prendete contatta con il sig. Didier gomesse all'indirizzo e-mail didiergomesse@gmail.com





    Ciao
    IL VOSTRO CREDITO IN 2 GIORNI
    Scegliete l'importo della vostra scelta che va di 5000€ a 500.000,00€
    La vostra domanda sarà convalidare in 24:00
    Prendete contatta con il sig. Didier gomesse all'indirizzo e-mail didiergomesse@gmail.com

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com