venerdì 17 luglio 2009

Cine-rassegna

Alcuni film che ho visto nelle ultime settimane, giorni, ore, minuti, secondi
divisi per pratiche categorie facilmente consultabili
alternative chic
Ingannevole è il cuore più di ogni cosa
Dal romanzo di quella grande truffa/fuffa di un JT Leroy (scrittore ermafrodita che a quanto pare non esiste: era tutto frutto della mente malata di una certa Laura Albert, di professione casalinga disperata), Asia Argento al suo esordio registico americano sì che ha fatto un film coi contro cazzi, altrochè Muccino (ormai troppo preso dal girare spot per la Tim...) Il cast è composto dal meglio del cinema indie a stelle e strisce (più cameo di Ornella Muti! e Marilyn Manson!!), le immagini sembrano uscite da un videoclip anni 90 di Hole o Sonic Youth, tra trip mentali e visioni assurde, mentre la cattiveria dilaga, il vecchio sex drugs & rock'n'roll pure, e la storia racconta di un rapporto madre-figlio molto particolare, quasi di rivalità. Alla fine però non si può fare a meno di obbedire a quel coso così ingannevole che ci batte lì. Proprio in mezzo al petto.
(voto 7,5)
thriller mentali
The Game – Nessuna regola
Tra i giustamente celebrati Seven e Fight Club, David Fincher nell'anno di grazia 1997 ha diretto questo sottovalutato piccolo gioiello di film. Sean Penn fa a suo fratello Michael Douglas un regalo molto particolare di compleanno. Una cravatta? Troppo scontato. Un iPhone? Non era ancora stato inventato. Un biglietto aereo dell'Oceanic Airlines diretto sull'isola di Lost? Fuochino. Gli regala qualcosa di più di un semplice viaggio: gli regala un “gioco”, ovvero un’esperienza che assomiglia a un film ma è fottutamente reale. Inseguimenti, sparatorie, complotti e una donna misteriosa risveglieranno l'impeccabile Douglas dalla sua vita assopita. Fino a che il gioco non prenderà il sopravvento. Da recuperare se non l’avete mai visto.
(voto 7,5)
Stay – Nel labirinto della mente
Altro film sottovalutato. Una storia di base molto semplice raccontata nella maniera più incasinata e aggrovigliata possibile, con un montaggio da panico e un cast ottimo: Ewan McGregor, Naomi Watts e Ryan Gosling all together. Non un capolavoro, ma uno di quei film ideali per “viaggiare” con la mente.
Questo blog supporta la campagna "Ubriachiamoci di vita" promossa da Studio Aperto: ragazzi, non bevete e non prendete droghe! Se volete andare fuori, basta guardare film come questo.
(voto 7)

commedie romantiche (anche per uomini)

La ragazza del mio migliore amico
Se Dio scrivesse una commedia, certo non scriverebbe questa, volgare e blasfema com'è. Diciamo allora che se il Dio della commedia scrivesse una commedia, beh allora sarebbe qualcosa di molto vicino a La ragazza del mio migliore amico. Prendete Come farsi lasciare in 10 giorni o qualunque altra pellicola romantica con Kate Hudson e ribaltatela, grazie alla complicità della stessa Hudson, facendone una versione più sporca, cattiva e maschile. Ci sarete andati solo lontanamente vicini... (voto 7,5)
Ecco l’esilarante scena iniziale


Io & Marley
Owen Wilson è un giornalista mediocre, poi un bel giorno decide di prendersi un cane ed ecco finalmente che ha qualcosa di interessante di cui parlare. Sarebbe un buon spunto per un blog e invece si tratta di un film. Ma se, come me, non sopportate le commediole con animali, don't worry: Io & Marley per fortuna riesce a dribblare i clichè del genere grazie ad alcuni guizzi di regia, a una buona scelta nella colonna sonora e a un'onestà di fondo nel raccontare non solo il rapporto animale-padrone, ma la vita di una intera famiglia in una maniera realistica e lontana dalle solite ruffianerie Hollywood style. E si ride e si piange, this is the life.
(voto 7)

Star System – Se non ci sei non esisti
Tralasciando il titolo italiano (l'originale è How to lose friends & alienate people) qui dentro ci sono Kirsten Dunst che balla sulle note della colonna sonora de La dolce vita e Megan Fox che esce da una piscina imitando Anita Ekberg nella stessa pellicola di Fellini. Se letto ciò non siete immediatamente corsi a procurarvi in qualche modo questo film, voi non siete normali (ma se siete donne eterosessuali non sentitevi chiamate in causa, non troppo almeno). Per il resto, la pellicola offre qualche spunto interessante sul fare carriera all’interno di una rivista e si fa guardare con refrigerante piacere estivo. Ah, tanto per la cronaca, il protagonista è il comico inglese Simon Pegg, quello del geniale L'alba dei morti dementi.
(voto 6,5)
Yes Man
Jim Carrey in un filmetto prevedibile su come si debbano cogliere al volo le occasioni che ti capitano nella vita, fare le cose senza pensarci troppo e bla bla bla. Peccato che non siamo dalle parti de L'attimo fuggente. A tenere in piedi la baracca ci pensa per fortuna la stralunata Zooey Deschanel, che io adoro sia come attrice (E venne il giorno, Un ponte per Terabithia, Almost Famous) che come cantante (nel gruppo She & Him), che come donna (praticamente una nerd nel corpo di Katy Perry). Balla, canta, si veste da maghetta di Hogwarts e fa dire yes a faccia di gomma Carrey. D'altronde come si potrebbe dirle di no?
(voto 5,5)
horrorama
The Ring 2
The Ring 1 secondo me è un capolavoro assoluto del cinema horror. La prima volta che l’ho visto ero a casa da solo. Tra l'altro era in VHS (sì, esistevano ancora). Subito dopo la scena del video con Samara che esce dal pozzo, mi squilla il telefono di casa. Proprio come nel film. Alzo la cornetta terrorizzato e non risponde nessuno. “Pronto?” grido. Niente. Mi asciugo il sudore dalla fronte, torno a sedermi, rischiaccio il tasto play e il telefono si rimette a suonare. “Prooonto?” Silenzio. Mi aspetto un “Sette giorni,” sussurrato da una bambina inquietante e invece arriva infine la voce rassicurante di un mio amico. Tiro un sospiro di sollievo e mi accerto di non avere avuto infarti prima di riprendere la visione.
Ma oltre ad essere un film inquietante come pochi, The Ring è anche una originale riflessione sul potere assunto dalla tv nella società odierna ed è inoltre un esempio ante-litteram di video virale che per sopravvivere deve essere duplicato in VHS mentre oggi dovrebbe essere condiviso su Youtube e Facebook. Tutto questo lungo preambolo per dire che il seguito, ovviamente, non raggiunge i livelli del primo, ma ha comunque un’atmosfera angosciante il giusto e la parte finale riesce a mettere una bella dose di tensione addosso.
(Lo ammetto: quando mi squilla il telefono di casa ho ancora paura.)
(voto 6,5)

The Uninvited
Le vie dell'orrore non sono infinite. E allora, tanto per cambiare, un horror Usa ispirato da un film orientale (in questo caso dal coreano Two Sisters), e tanto per cambiare le cose non sono come sembrano. Uh che paura! Belle le atmosfere e le attrici.
(voto 6+)

sport movies
Friday Night Lights
Recentemente mi sono intrippato con i film sportivi. Perché?? Di preciso non lo so nemmeno io, però il punto forte di queste produzioni non sta tanto nello sport in sé, ma nel senso di “gruppo” che si viene a creare tra i ragazzi di un team e nel “mondo” che gira intorno a loro. Friday Night Lights è ambientato negli anni 80, mixa hip-hop old-school a scene di football frenetiche ma sa rallentare grazie alle atmosfere rarefatte dello sconfinato Texas. Il film ha originato anche una splendida serie tv dallo stesso titolo ambientata ai giorni nostri.
(voto 7)

Coach Carter
Samuel L. Jackson si mette ad allenare una squadra di basket, e sono cazzi amari! Molto interessante in questi sport movies è il legame fortissimo negli States tra attività sportiva e scuola. Per molti, l’unico modo di uscire da una vita di routine criminale nel ghetto è tentare la carriera sportiva per poter accedere al college. In fondo, lo sport è solo un pretesto. Il tema principale è la fuga.
(voto 6/7)

adrenalinic action
Fast & Furious – Solo parti originali
Ricapitolando: Fast & Furious 1 era una figatonza totale. Una sorta di Point Break del tuning. Il sequito era una cagata. Il 3 Tokyo Drift tornava a livelli spettacolari grazie all’ambientazione orientale. Questo quarto episodio segna il ritorno di Vin Diesel ed è venato da una sorta di malinconia che lo rende più profondo di quanto ci si possa aspettare. Poi, certo, si tratta pur sempre di un film su macchine da dieci secondi, musica sparata a tutto volume e figa.
(voto 5/6)

Mission: Impossible 3

Sì, sono un fan di Tom Cruise. Non mi frega che lui invece sia un fan di Scientology. Sì è una cagata di religione, ma è più assurdo credere all'opera di uno scrittore di fantascienza degli anni 50 o a un libro scritto 2mila anni fa da dei pastori? Chi avesse dubbi sulle sue doti d'attore poi può sempre andarsi a rivedere Magnolia e ricredersi.
No, non sono un fan della serie Mission: Impossible. I primi due film mi sono sembrati decisamente noiosi e impossibili sì, ma da seguire. Il terzo episodio grazie al lavoro del genietto JJ Abrams (quello delle serie Lost, Alias e Felicity) ha invece un ritmo notevole e una maggiore umanità. (voto 6,5)

In ogni caso, non date troppo peso alle mie parole: tanto questo post si autodistruggerà tra 5... 4... 3... 2... 1...

10 commenti:

  1. Non servono droghe...sono fuori già di mio! XD

    RispondiElimina
  2. alcuni li voglio assolutamente vedere...provvederò a farlo..
    Grazie per la segnalazione...
    :D

    RispondiElimina
  3. sai che io adoro il tuo blog..... ma cazzo! ''The yes man'' un voto in più lo merita eddaiiiiiiiiiiiii!!!!
    anch'io adoro la ragazza! (qualcuno però dovrebbe consigliarle le sceneggiature da leggere. L'hai vista nel ''e venne il giorno''.... shkifo!)

    cazzo hai dato 7 a ''io e marley''....
    6 e mezzo a quello schifoso di Tom Cruise!!!
    uhmmmm

    sei troppo duro con i voti.
    basta.
    se non regali almeno mezzo voto a Jim carrey.... mi starai antipatico.

    punto.

    stop.

    hai 7 giorni per decidere!
    al termine ti mando Fiammetta col sorriso diabetico a cantarti il repertorio di Bocelli!

    RispondiElimina
  4. @ste
    beata te :)

    @follemente
    de nada ;)
    alcuni sono dei bei film, però niente di veramente imperdibile
    negli ultimi mesi non ho visto nessun capolavoro :(

    @sybille
    ahahahah
    no canzoni di bocelli basta, non se ne può +

    però lasciami stare tom cruise e anche shyamalan, a me "e venne il giorno" è piaciuto così come tutti gli altri suoi film!
    yes man non è che sia sto capolavoro, ma al 6 politico potrei anche fare uno sforzo e arrivarci.. però uff non vale trattare sui voti, è così che hai sempre fatto a scuola?

    RispondiElimina
  5. certoooooooooooooo
    per me tutto è negoziabile!
    oddio detta così...

    sei un fan di Tommy boy? a me mi fa paura. più dei film di shyamalan.
    ho visto recentemente un film che si chiama ''Martyrs'' di un regista francese (quello di Saint Ange per intenderci!) e ti consiglio di vederlo.
    dovrebbe essere una specie di horror. Ma cristo! i francesi non possono fare horror! va contro natura! e come se i giapponesi si specializzassero nelle storie d'amore!

    ok. delirio di nuovo.

    cmq la protagonista del film è bellissima.secondo me arriverà in alto.
    (sta a vedere! l'avevo detto anche per la protagonista di ''profumo'' e quella si suicidata poco tempo dopo)

    ho altro da dire?
    penso di no.
    la mia bella figura quotidiana l'ho fatta.

    RispondiElimina
  6. Informazioni interessanti...sembri la versione blog di cooming soon!!!!:-)

    RispondiElimina
  7. @sybille
    per me tommy boy è il cinema
    chi altri ha lavorato con kubrick, spielberg, stone, p.t. anderson, coppola, scorsese, de palma, ecc ecc?
    gli mancano solo tarantino e lynch ed è a posto.. e poi potrebbe fare pure un film con shyamalan :)

    @roberta
    grazie! e coming soon altri film :D

    RispondiElimina
  8. the game mi era piaciuto un sacco... l'ho trovato molto originale!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com