lunedì 14 marzo 2011

In un mondo migliore, ma non in questo

In un mondo migliore
(Danimarca, Svezia 2010)
Titolo originale: Hævnen
Regia: Susanne Bier
Cast: William Jøhnk Nielsen, Markus Rygaard, Mikael Persbrandt, Trine Dyrholm, Ulrich Thomsen, Wil Johnson
Genere: violence is the answer?
Se ti piace guarda anche: Ben X, Bully, Lasciami entrare, Fish Tank, Babel

Trama semiseria
Un ragazzino che ha appena perso la madre difende un suo compagno di scuola sfigato vittima dei soliti bulletti; le vite loro e delle loro famiglie si intrecceranno in una parabola ricca di spunti di riflessione sulla violenza e soprattuto sulla risposta che si può dare alla violenza.
Per curiosità volete sapere qual è la mia risposta alla persone violente? Costringerle a una visione in loop di Avatar con la musica di Laura Pausini sparata a tutto volume nelle cuffie. Non riesco a immaginare niente di più spaventoso.

Recensione cannibale
In un mondo migliore quest’anno ha vinto l’Oscar come migliore film straniero. Premio meritato? O non meritato al pari de Il discorso del re?
L’inizio è particolarmente ruffiano e da subito non ci si stupisce quindi per la scelta dell’Academy, considerando come tra i candidati vi fosse anche l’urticante film greco Kynodontas (Dogtooth): la prima scena del film è infatti ambientata in un campo medico in Africa, con una donna vittima di un mostro che apre la pancia alle donne incinte per scommessa!, mentre la seconda sequenza ci mostra addirittura il funerale della madre di un bambino. Un uno-due senza vergogna davvero micidiale per i cuori sensibili di chi premia gli Oscar. Poi per fortuna il film vira verso il lato oscuro (e qui i voti si sono fatti un po’ incerti) e quindi nel finale scivola ancora verso la ruffianata (non a caso il film la statuetta alla fin fine se l’è portata a casa).

Dalla sua parte la pellicola vanta una sceneggiatura davvero forte, di impatto, che solleva domande e questioni nient’affatto di poco conto. Partendo da quello che sembra solo un richiamo al tema del bullismo giovanile nelle scuole, si va verso una riflessione più vasta sul bullismo anche nel mondo degli adulti. Come si può rispondere alla violenza e alla prepotenza? Con il pacifismo alla Gandhi? Porgendo l’altra guancia come predicava Gesù Cristo? Con le bottigliate come farebbe Mr. Ford? Con una sana (e finta) scazzottata alla Bud Spencer & Terence Hill? Gettando bombe e inventando una infinita guerra al terrore come i wonderful United States of America?

Difficile dare una risposta a una questione così articolata e il film non vuole nemmeno farlo, lasciando più che altro aperta la riflessione. Questo è il suo più grande merito e non è certo una cosa da poco. Da un punto di vista cinematografico non mi è apparso invece una visione del tutto esaltante. La regia di Susanne Bier con 'sti zoom improvvisi e 'sti di ca**o di stacchi continui nel montaggio sembra confusa più di quanto non lo siamo noi spettatori e sembra voler cercare un’identità visiva che non trova. Diciamo che è uno di quei casi di “vorrei essere Lars Von Trier ma non posso”; se da un punto di vista registico questa è una cosa piuttosto negativa (riferendoci perlomeno ai suoi film migliori come Le onde del destino e Dogville), da un punto di vista umano è invece per lei un fatto parecchio positivo, visto che Susanne Bier ha una sensibilità che il misogino dogmatico regista compatriota non possiede certo.

Eddai, sono la stessa persona mai invecchiata

Nel cast spiccano soprattutto il bambino che ha perso la madre, un volto rimasto senz’anima ottimamente interpretato dalla rivelazione William Jøhnk Nielsen, mentre l’altro bambino protagonista del film viene chiamato dai bulletti della sua scuola “faccia da topo”, ma a me ha ricordato più che altro il ragazzino della Kinder. Tra gli adulti si segnala Trine Dyrholm, bella milfona danese, mentre il marito Mikael Persbrandt, per quanto in Africa sia in grado di reggere testa a uno psicopatico maniaco, quando è in Danimarca per i miei gusti è un po’ troppo pirletti e faccia da schiaffi (e infatti gli schiaffi se li prende per davvero).

Le musiche di accompagnamento sono poi troppo enfatiche ma non realmente emozionanti, un altro di quegli elementi che invece avranno fatto andare in brodo di giuggiole l’Academy. Ci ritroviamo così con uno di quei film su cui riflettere a fondo e che per questo merita una visione molto attenta, ma allo stesso tempo l’ho anche trovato una pellicola fredda e difficile da amare col cuore. Un’opera che da una parte vorrebbe essere coraggiosa e importante, ma dall’altra fa un passo indietro e ha paura di portare il discorso fino alle estreme conseguenze, forse per buonismo o forse per lasciarci ancora la speranza di un mondo migliore.

In un mondo migliore (e con una regia migliore) questo film sarebbe riuscito ad essere un vero piccolo capolavoro.
Ma in un mondo migliore non esisterebbero nemmeno terremoti né tsunami.
E in un mondo migliore l’italia sarebbe una democrazia vera e non solo di facciata.
Infine, In un mondo migliore è un buon film però in un mondo migliore l’Oscar l’avrebbe vinto il molto più perfido, devastante e geniale Kynodontas.
(voto 7-)

9 commenti:

  1. Muchas gracias per la citazione, caro antagonista.
    Sono intimorito da questo film, potrebbero effettivamente scattare le bottigliate come no.
    Staremo a vedere.

    RispondiElimina
  2. Quello che mi piace delle tue citazioni, riflessioni e recensioni è che ti permetti di dire la tua senza troppi complimenti!.... Lavoro per un sito di recensioni e talvolta mi capitano tra le mani ciofeche che non avrebbero nemmeno mai essere pubblicate....eppure non puoi stroncare in netto..
    Mi piace questo blog perché sei libero.

    RispondiElimina
  3. *mr. ford
    sì, credo potrebbe rivelarsi un buon bersaglio per le tue bottiglie affilate :)

    *carolina
    grazie! al di là del fatto che si possa condividere o meno un pensiero, per me la libertà è la cosa più importante.
    le recensioni che si limitano a raccontare la trama ed, eventualmente, a inserire un breve giudizio mi annoiano. e poi i film, così come i libro o i dischi o quant'altro, anche quelli meno impegnati, possono portare comunque a riflessioni di altro genere

    RispondiElimina
  4. Your site article is very intersting as well as fanstic,at the same time your blog theme is exclusive and ideal,great job.To your success.

    online pharmacy

    RispondiElimina
  5. Appreciating the dedication you put into your blog and in depth information you provide.

    It's nice to come across a blog every once in a while that isn't the same old rehashed information.
    Great read! I've saved your site and I'm including your RSS feeds to my Google account.


    my homepage ... kostenlos book of raw spielen

    RispondiElimina
  6. I've been browsing online more than three hours today, yet I never found any interesting article like yours. It is pretty worth enough for me. In my view, if all website owners and bloggers made good content as you did, the web will be much more useful than ever before.

    Also visit my web-site; books of ra gratis

    RispondiElimina
  7. Its like you read my mind! You seem to know so much about this, like you wrote the book in
    it or something. I think that you could do with a few pics to
    drive the message home a little bit, but instead of that, this is
    wonderful blog. A fantastic read. I will definitely be back.


    my site book of ra free download chip

    RispondiElimina
  8. Greetings! I know this is kind of off topic but I was wondering which
    blog platform are you using for this site? I'm getting sick and tired of Wordpress because I've had issues
    with hackers and I'm looking at options for another platform. I would be fantastic if you could point me in the direction of a good platform.

    Visit my blog ... book of ra online spielen kostenlos mybet

    RispondiElimina
  9. Hi there just wanted to give you a quick heads up.

    The words in your article seem to be running off the screen in Internet explorer.
    I'm not sure if this is a formatting issue or something to do with web browser compatibility but I figured I'd post to let you know.
    The style and design look great though! Hope you get the
    issue fixed soon. Cheers

    Here is my web-site: http://iosdevsupport.com

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com