mercoledì 1 febbraio 2012

Negozio di dischi: Mark Lanegan Band, Big Pink, Colapesce, Nada Surf…

"Ao', sti dischi non se possò sentì..."
Alla faccia della crisi economica e della crisi del disco, Pensieri Cannibali apre il suo personale negozio di dischi!
E perlomeno apre una nuova rubrica. Non che qualcuno mi abbia chiesto di farla o ce ne fosse effettivamente bisogno, però ho deciso comunque di iniziarla. Così, per fare il punto della situazione dei dischi usciti negli ultimi giorni/settimane. L’appuntamento dovrebbe essere mensile, poi si vedrà, potrebbe anche essere ogni 2 settimane o ogni due mesi o ogni quanto mi pare…
Ma basta cazzate, che saranno comunque presenti eccome ma limitate il più possibile, e spazio alla musica.

Asteroids Galaxy Tour “Out of Frequency”
Genere: pop ah yeah
Frizzanti, leggeri, allegri. Piovuti giù insieme a un asteroide, questi spaziali Asteroids Galaxy Tour sono l’ascolto perfetto per un aperitivo chic con i vostri amici fighetti. Se cercate sostanza, oh levatevi pure dalle palle. Possibili hit: Heart Attack e Mafia.
(voto 6+/10)


"Un saluto carissimo a tutti i lettori dei Pensieri Cannibali!"
Big Pink “Future This”
Genere: post trip-hop
Uno dei dischi che ho sentito e risentito con più piacere in questo inizio 2012. Una manciata di ottime canzoni, suoni che non sfigurerebbero nell’episodio di qualche serie british cool alla Misfits barra Skins. I Big Pink sono tornati più pop e “commerciali” rispetto all’esordio se proprio vogliamo fare i pignoli, ma questi nuovi pezzi hanno il potere di rimanere impressi in testa.
(voto 7+/10)


"Ché c'è l'avete du spicci?"
Chairlift “Something”
Genere: pop
Primo capolavoro pop dell’anno, firmato dai Chairlift. All’esordio si erano segnalati con la ottima quasi hit Bruises, ora hanno tirato fuori un disco con una serie di pezzi fe-no-me-na-li, roba da Paradiso della musica come Take it out on me, o da farmi andare in delirio come l’apertura di Sidewalk Safari. Ascoltateli, amateli, scopateli.
(voto 8/10)


"Come se non avessi già scelto un nome ridicolo..."
Colapesce “Un meraviglioso declino”
Il disco italiano del mese è quello di Colapesce aka Lorenzo Urciullo degli Albanopower. L’EP d’esordio qualche tempo fa era stata una rivelazione davvero piacevole, adesso all’esordio su lunga distanza manca giusto l’effetto sorpresa, ma non certo la qualità sonora. Il cantautorato italiano per chi non ama il solito cantautorato italiano ha trovato un nuovo protagonista, uno che inizia subito in declino. Meraviglioso, però.
(voto 7/10)


"Mi piace bello grosso. E allora?"
Esperanza Spalding “Radio Music Society”
Genere: new-jazz
Jazz raffinato dalla tizia che all’esordio aveva fatto gridare al miracolo e conquistato il Grammy (per quel che può valere) di miglior nuova artista. Al secondo album che è sempre il più difficile nella carriera di un’artista si conferma e fa un altro centro. Per gli appassionati del genere, ma non solo.
(voto 6,5/10)


"Sì, abbiamo un buon gusto nel vestire. Ce lo dicono tutti!"
First Aid Kit “The Lion’s Roar”
Genere: folk
Anvedi ‘ste sbarbine svedesi. Quanti anni hanno? Una 21 e l’altra 18, eppure sono già all’opera seconda e hanno raggiunto una maturità che in tanti (sì, io compreso) ancora si sognano. Il loro folk country da gelido inverno possiede un grande fascino, in grado di conquistare subito no ma con qualche giro d’ascolto di rodaggio sì. Se date loro fiducia, vi ripagheranno. E vi faranno sentire pure parecchio immaturi, ‘ste sbarbine.
(voto 7-/10)


"Troppa grande musica in un post solo:
che confusione!"
Grimes “Visions”
Genere: alternative electro
Esordio per una delle più promettenti promesse del promettente firmamento musicale. Lo prometto. Grimes si va a inserire in quel filone di artiste stralunate, un po’ pop un po’ electro un po' vocina bambinesca e un po’ altra roba stile Bjork/Bat for Lashes/Zola Jesus, che tanto adoro. A conquistare me ha avuto quindi gioco facile, ma comunque la tipa sa il fatto suo abbastanza da poter sedurre anche i più diffidenti. Uhm, forse.
(voto 7+/10)


"Maccazzo di nome ci siam scelti?"
Maccabees “Given to the Wild”
Genere: pop-rock
Al terzo disco, I Maccabees si allontanano dal brit-pop dei primi tempi e si prendono molto sul serio (forse troppo?), con un disco dalle sonorità più american rock, più Pearl Jam. O come dei Coldplay che sanno quello che fanno. Manca ancora quella canzone che rimanga scolpita nella memoria e un po' di varietà sonora in più, però sembra abbiano imbroccato il sentiero giusto. Per la serie: continuate così.
(voto 6,5/10)


"Volevo un titolo allegro: ero indeciso tra questo e Blues Death"
Mark Lanegan Band “Blues Funeral”
Genere: mark lanegan blues explosion
Cosa non è questo disco. Grandioso. Un disco rock di quelli come non ne sentivo da un bel po’ di fottutissimo tempo. Cosa non ha tirato fuori il Mark Lanegan a questo giro? Dopo le collaborazioni con Queens of the Stone Age, Isobel Campbell e Soulsavers, la sua anima per fortuna non è stata messa in salvo ma è ancora più tormentata che mai. L’ex Screaming Trees si è rimesso in proprio, ha rispolverato la sigla Mark Lanegan Band e c’ha consegnato questo disco che viaggia tra l’ipnosi dopata di Bleeding Muddy Water, i ritmi quasi dance di Ode to sad disco, senza farsi mancare anche un indolente atmosfera da funerale blues soprattutto nella seconda parte. Spettacolo.
(voto 8+/10)


"Nevica ancora? E allora mi sa nada surf... uahaha"
Nada Surf “The Stars Are Indifferent to Astronomy”
Genere: indie 90s
Deludente ritorno per i Nada Surf. Mi spiace che l’unica bocciatura (solo perché dischi probabilmente pessimi come quelli dei Litfiba al momento me li sono risparmiati) di questo mese vada a loro, che pure mi sono sempre stati simpatici. Però questo disco scivola senza mai catturare l’attenzione, con un suono rimasto intrappolato nei 90s ma privo delle canzoni incisive che tiravano fuori fino a qualche tempo fa. Un passo indietro, spero solo momentaneo. Per ora meglio lasciare giù la tavola e nada surf. Tanto con ‘sto tempo, 'ndo vai?
(voto 5/10)


"Un altro caro saluto ai lettori cannibali!"
Pulled Apart by Horses “Tough Love”
Genere: hard
Ed eccoli qui di nuovo, i miei hard-rockers preferiti degli ultimi tempi. I Pulled Apart by Horses mi avevano già tirato una bella scossa di adrenalina con l’esordio e adesso oops they did it again. Esaltazione pura. Questi spaccano e i vostri vicini di casa sono avvisati.
(voto 6,5/10)


P.S. La mamma di chi ha inventato le pubblicità all'inizio dei video su YouTube è una gran pu.....
P.P.S. Sul blog La fabrica dei sogni, Arwen Lynch ha intervistato il sottoscritto Cannibal Kid. Se vi può interessare...

19 commenti:

  1. ho sentito lanegan (era un disco che attendevo da circa 8 anni?) e ancora non riesco a capire... certo non mi ha sconvolto come bubblegum o field songs. mi sa che gli ci vogliono più ascolti :D

    RispondiElimina
  2. Uh, Blues Funeral me lo procuro tipo adesso!

    RispondiElimina
  3. Me gusta la tua nuova rubrica, cazzo ma sei pieno di idee tu! :)

    RispondiElimina
  4. Noooooooooooooooooooooo!!! 5 ai Nada Surf ??? eddai,non è poi così malaccio...Non vedo l'ora di accattarmi il buon Lanegan. E poi,ieri è uscito anche il Teatro degli orrori.So che non ti è sfuggito ( disco della settimana ), ma in questi giorni sono in trip con Lana del Rey.Lo trovo piacevolissimo e forse qualcosa in più.
    Mezzo punto in più ai Maccabees lo darei.
    Ovviamente la nuova rubrica la seguirò con l'acquolina in bocca :)

    Ciao,Marco :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non mi è sfuggito il nuovo teatro degli orrori:
      è un disco parecchio impegnativo (pure troppo?) e credo si meriterà un post a parte..
      i nada surf ci potevano mettere un po' di brio in più, diciamolo ;)
      e lana rules!

      Elimina
  5. Vuoi farti due risate? Leggi anche tu le didascalie delle foto nel blog di Cannibal Kid!

    RispondiElimina
  6. Che rubrica del ca...nnibale (non ho resistito, le mie dita mi hanno imposto di scriverlo)!
    Scherzi a parte, bella questa rubrica soprattutto per scoprire nuovi talenti (tra quelli da te elencati conosco solo Nada Surf).

    RispondiElimina
  7. Spettacolare quello di Mark Lanegan!

    RispondiElimina
  8. Lanega per me è n. 1 . Devo postare un suo video prima o poi.

    RispondiElimina
  9. ottimo...ma hai scordato "Lo stato sociale" con Turisti della Democrazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più che scordato, devo ancora sentirlo. merita?

      Elimina
  10. e se ti dico che si mangia il disco dei "I cani" in un solo boccone ci credi?!

    RispondiElimina
  11. Ciao a tutti: in merito al cd di Lanegan, qualcuno che lo ha comprato mi sa dire se è presente innanzitutto, e se è "corposo" il booklet del cd? La stessa richiesta la faccio per El Camino dei Black Keys. Nulla mi sta più sulle palle di comprare un cd senza trovare niente dentro o con solo due misere paginette. Grazie! Albe

    RispondiElimina
  12. Io mi permetto di segnalare questo disco: http://www.rockit.it/badlove/album/pacifico/18664.
    Si tratta di una grande prova italiana a livello internazionale. Siamo dalle parti di un pop che piacerà tanto a chi apprezza gruppi come Spoon, Mercury Rev e tutti i classici del genere.
    In più é consigliata la visione del video (http://www.badlovexperience.com/) per rendersi conto che anche in Italia siamo capaci di girare cose decenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. niente male!
      direi decisamente meglio del pacifico omonimo cantautore... ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com