lunedì 16 luglio 2012

Viaggio in Paradiso: Mel Gibson (finalmente) va in prigione!

"Ti tiro sotto, maledetto Cannibale!"
Viaggio in Paradiso
(USA 2012)
Titolo originale: Get the Gringo
Regia: Adrian Grunberg
Cast: Mel Gibson, Kevin Hernandez, Dolores Heredia, Peter Stormare, Dean Norris
Genere: carcerario
Se ti piace guarda anche: Cella 211, Prison Break, Il profeta

È una prigione o il centro commerciale più merdoso del mondo?

Un film ambientato in una prigione con Mel Gibson che parla non con un castoro ma con la voce fuori campo?
Sto per mettermi a urlare: NO! NO! e poi NO!
Se a ciò aggiungiamo che dalle prime battute sembra di essere in una sorta di vorrei essere Robert Rodriguez ma non posso, allora l’impressione iniziale non è proprio delle migliori.
Successivamente le cose per fortuna migliorano, ma solo parzialmente. Viaggio in Paradiso, al contrario di quanto suggerisce l’ironico (?) titolo italiano è un viaggio all’Inferno, dentro una prigione messicana che non è proprio una prigione. O meglio, è una città-prigione. Un carcere all’aperto. Una gattabuia grande quanto un quartiere. Un penitenziario formato favela. Comprende? Capisc?

"Prima in mano c'avevo un castoro, adesso delle granate.
Sto facendo progressi, gente!"
In questo carcere-città finisce un malaugurato criminale americano, un certo Mel Gibson.
Perché lo spediscono lì? Per le due dichiarazioni antisemite? Perché è un pessimo attore? Perché è un pessimo regista?
Come sia, come non sia, la pellicola spara le sue carte più interessanti quando si propone come fotografia del vero carcere di Tijuana, El Pueblito. Dobbiamo però aspettarci davvero un’analisi di tipo sociologico da un B-movie scritto e interpretato da Mel Gibson?
No, è infatti dopo un tentativo di approccio iniziale con la materia carceraria, veloci si scivola nella solita prevedibile storia di riscatto e di vendette personali. Yawn (sbadiglio, se non si era capito).
A rendere guardabile il filmetto c’è comunque una buona dose d’ironia, anche se siamo lontani, lontanissimi dalle perle grindhouse di Tarantino o del già citato Rodriguez. Qui viene azzeccata qualche battuta, qualche passaggio della sceneggiatura non è male e il punto di forza non è certo il solito gigione Mel Gibson, quanto la sua spalla.

"Per l'ennesima volta, Mel: sono messicano, non ebreo.
Non bruciarmi, por favor!"
Il piccolo bambinetto sempre alla ricerca di una sigaretta rappresenta la vera anima nonché il cuore della pellicola. A interpretarlo c’è lo “scugnizzo” in salsa messicana Kevin Hernandez, visto anche nello spassoso Lo spaventapassere a fianco di Jonah Hill. Nella parte finale il suo personaggio passa però in secondo piano, per via di una svolta narrativa che non sto ad anticiparvi per non rovinarvi la sorpresa (si fa per dire), e il protagonista assoluto torna ad essere sempre e solo Mel Gibson. E infatti la conclusione scivola nella prevedibilità e nella noia. Ma soprattutto, cade nell’inverosimile fino a toccare il ridicolo.

ATTENZIONE SPOILER
Per mettere a punto il suo piano di vendetta, Mel Gibson al telefono finge di essere Clint Eastwood: gli credono, riesce a ottenere un appuntamento in un palazzo che, in teoria, dovrebbe essere di massima sicurezza, entra con due granate a mano, le fa esplodere, riesce a scappare, nessuno lo ferma, scappa insieme al ragazzino e alla madre del ragazzino e visse per sempre felice e contento.
Persino per un film, è tutto verosimile, no?

"Non è la classica figa da film. Che faccio, la ammazzo?"
Vogliamo aprire poi una parentesi sulla “gnocca” del film? È una tipa che fa talmente pena che persino lo stesso Mel Gibson si rifiuta di darle anche solo un bacio lungo tutto il corso della pellicola. Nemmeno nel finale ha il coraggio di slinguarsela. Uno allora dice: vabbé, non sarà la solita gnocca da film d’azione, però sarà almeno un’attrice della Madonna. Sbagliato. Sbagliatissimo. Dolores Heredia vanta infatti una lunga carriera nelle telenovelas messicane. E si vede. E non è gnocca, manco da lontano. E si vede pure quello.

Nonostante qualche momento di discreto intrattenimento, Viaggio in Paradiso finisce per essere un film di serie B, più che un B-movie come vorrebbe essere. C’è una buona cura nella fotografia, ma la regia dell’esordiente Adrian Grunberg è poco roba e anche parecchio derivativa, con le sue scene di sparatorie in slow-motion alla John Woo o il suo stile pulp che arriva in ritardo giusto di quei 15-20 anni appena. Negli Usa il film non è nemmeno arrivato nei cinema ed è uscito direttamente sulla tv on-demand. Direi che non hanno fatto male, visto che è una di quelle visioni cui puoi dare un’occhiata distratta, magari per prendere sonno, ma poco altro.
Il film lascia comunque con un paio di grandi dubbi esistenziali: è peggio il pessimo titolo originale, Get The Gringo, o l’agghiacciante titolo italiano, Viaggio in Paradiso?
Ma, soprattutto: Mel Gibson è peggio come attore o come regista?
(voto 5+/10)

19 commenti:

  1. io con mel gibson ho un blocco,non credo di potercela fare..
    holly
    ps.tu che te ne intendi,ti prego illuminami sul perchè di questa traduzione..a me davvero cadono le braccia
    http://www.comingsoon.it/Film/Scheda/Trama/?key=48720&film=Un-anno-da-leoni (sarà forse per "una notte da leoni"?ma tutti questi leoni??)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è solo per sfruttare l'onda di un film come una notte da leoni, con una commedia "animalesca" che nulla però avrà a che fare con quello.
      non sanno più che inventarsi per cercare di vendere, o meglio svendere, un film...

      Elimina
  2. da appendere per i peli delle ascelle il titolista italiano. E' un filmetto per passare una novantina di minuti scarsi senza pensieri...almeno non parla col castoro...

    RispondiElimina
  3. Finalmente Mel Gibson torna a fare quello che sa fare meglio: i film action d'intrattenimento selvaggio.
    Ma tu che ne puoi sapere, razza di radical chic che non sei altro!?!?

    E comunque, molto più divertente questo di quella pippa gigante di A prova di morte. ;)

    RispondiElimina
  4. *tira un coppino a Mr Ford per aver detto male di Quentin e scappa veloce prima di venire presa a bottigliate*

    Ce l'ho lì da vedere questo Get the Gringo (ma quant'è bello e trash 'sto titolo?? Maledetti distributori italiani!!!!), fra tutti mi avete incuriosita! Comunque credo che il Mel attore sia meglio, o almeno, meno pretenzioso, del Mel regista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ignora ford, quentin è troppo di un altro pianeta rispetto a questa robina...
      io comunque preferisco mel gibson regista, per quanto pure lì non sia un granché.

      Elimina
  5. non l'ho trovato poi tanto male, anzi ha il suo perchè..anche Mel Gibson..

    RispondiElimina
  6. Probabilmente gli italiani credevano fosse il seguito di The Passion..

    RispondiElimina
  7. Il successo di Mel Gibson è per me, insieme a quello di Tom Cruise, un vero mistero della fede. Forse lo salvo in Braveheart perché quando ho visto il film ero piccola e gigiona e mi commuovevano le avventure epiche e coraggiose e le storie d'amore infelici (ok, mi commuovono anche ora... ma piuttosto mi guardo games of thrones), quindi lì m'era piaciuto. Per il resto non ci siamo. Questi nani da giardino che compensano il loro latente complesso di inferiorità con una megalomania inversamente proporzionale alla lunghezza della loro... gamba, li detesto proprio!!

    RispondiElimina
  8. a me è piaciuto abbastanza. è un filmettino action e niente di più, ma è il mel che preferisco.
    come regista ha fatto buoni film, a l'uomo senza volto e braveheart secondo me non si può dire nulla.

    RispondiElimina
  9. vorrei tanto sapere il titolo della canzone sudamericana che si ascolta nel film viaggio in paradiso con mel gibson in una scena di un bar dentro la prigione è molto famosa e molto bella, ma non ricordo il titolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so come si chiami la canzone. sorry...

      Elimina
    2. prova a vedere se è tra queste
      http://www.amazon.com/Gringo-Original-Motion-Picture-Soundtrack/dp/B007YQ8CHG

      Elimina
  10. in ogni caso il film è gradevole ed affronta temi importanti come quello dei trapianti di organi sulla pelle dei ragazzini rapiti per alimentare uno sporco commercio, e lo fa con grande intelligenza senza per questo appesantire il ritmo del film...

    RispondiElimina
  11. secondo me come attore è eccezionale e come regista ha il suo perché, dopo tutti ha una mente molto espansiva, al contrario di alcuni di voi.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com