lunedì 4 febbraio 2013

LES MISERABLES, MISERABILI NOI SPETTATOOORIIIII

Les Misérables
(UK 2012)
Regia: Tom Hooper
Tratto dal musical: Les Misérables di Claude-Michel Schönberg (musiche) e Alain Boublil (testi)
A sua volta tratto dal romanzo: I miserabili (Les Misérables) di Victor Hugo
Cast: Hugh Jackman, Anne Hathaway, Russell Crowe, Sacha Baron Cohen, Helena Bonham Carter, Eddie Redmayne, Amanda Seyfried, Aaron Tveit, Samantha Barks, Daniel Huttlestone, Isabelle Allen
Genere: canta tu
Se ti piace guarda anche: Rent, Nine, Sweeney Todd, Moulin Rouge!

Mi ha sempre fatto ridere questa espressione: I dreamed a dream. Ho sognato un sogno. E per forza, cosa dovevi fare? Incubare un incubo?
Comunque, “I Dreamed a Dream” è il brano più celebre e identificativo di Les Misérables, romanzo di Victor Hugo trasformato in uno dei musical di maggior successo nella storia di Broadway a partire dagli anni ’80, quando era al top della popolarità (non a caso viene spesso citato nel romanzo di Bret Easton Ellis American Psycho). Adesso è finalmente (finalmente?) diventato anche una pellicola cinematografica.

I dreamed a dream. Ho sognato un sogno. Nel sogno, non guardavo questo film ed ero più felice. Avrei potuto impiegare molto ma molto meglio le 2ore e 40minuti della durata del musical. Non so, ad esempio avrei potuto cominciare a giocare a Ruzzle, il gioco di parole che fino a qualche giorno fa non avevo mai sentito nominare e di cui adesso invece tutti parlano. Ovunque. Su Facebook, sui blog, per strada. Sembra di essere finiti nell’alba dei giocatori di Ruzzle viventi. C’è gente al volante che non guarda la strada per giocarci. Ne hanno parlato persino al TG5! A quel TG5 dove di solito la cosa più nuova di cui discutono è il nuovo disco di un nuovo artista emergente, un certo nuovo Vasco Rossi.

I dreamed a dream, dicevo. “I Dreamed a Dream” è un brano di sicuro impatto, non lascia indifferenti. È riuscito persino a trasformare Susan Boyle, e ho detto Susan Boyle, in una superstar mondiale, e ho detto superstar mondiale.



Figuriamoci allora se Anne Hathaway, grazie alla sua intensissima interpretazione nella parte di Fantine e soprattutto di questo brano, non riuscirà a portarsi a casa uno scontatissimo Oscar come miglior attrice non protagonista, dopo aver già vinto ai Golden Globes.



Non fraintendetemi, Anne Hathaway qui è davvero bravissima e l’Oscar sarà anche meritato, non certo un furto. Però non è il genere di performance recitative che preferisco. Troppo sopra le righe. Troppo eccessiva. Un talento troppo sbandierato. Come nel campo delle performance musicali fanno Andrea Bocelli, o Celine Dion o Mariah Carey. Nessuno mette in dubbio che abbiano un gran talento vocale, però io personalmente non riesco a sentirli se non munito di appositi tappi per le orecchie.
Anna Hathaway con la sua intepretazione breve ma intensa, pure troppo, rientra comunque tra le note più positive di questo Les Misérables e la scena in cui canta “I Dreamed a Dream” è impressionante per bravura recitativa. Il regista Tom Hooper invece strabilia parecchio di meno. Si limita a mettere la camera fissa su di lei e a far compiere tutto lo sforzo all’attrice. Così sono capaci tutti. Anche i Vanzina.

"Uh, mamma! Svegliateci quando il film è finito..."
Il film gode di una manciata di altre buone intepretazioni: Hugh Jackman se la cava bene, ma nel suo caso l’Oscar sarebbe davvero eccessivo.  Bravi poi Sacha Baron Cohen ed Helena Bonham Carter (entrambi già nel musical burtoniano Sweeney Todd), protagonisti dei siparietti più divertenti, in grado di alleggerire un pochetto la situazione di un drammone che stava diventando insostenibile e in cui alle disgrazie personali dei miserabili protagonisti si aggiungono pure quelle legate alla Rivoluzione francese e alle guerre napoleoniche. Va bene il dramma, va bene il melodramma, però Les Misérables più che un semplice drammone è un invito al suicidio.
A colpire in positivo, oltre ad Anne Hathaway, sono soprattutto i volti più nuovi: il bambinetto Daniel Huttlestone è il protagonista del momento musicale più figo, la scena in cui canta convintissimo “Look Down (Beggars)”. Perché sì, questo Les Misérables ha anche dei momenti buoni. Peccato che su 2 ore e 40 minuti ci siano giusto quelle 2 ore di troppo ad appesantire il tutto.
Non male anche l’emergente Samantha Barks, che arrivava già dalle versione concertale del musical. A lei è affidato l’altro brano più celebre de Les Misérables, ovvero “On My Own”. Più celebre almeno per me, visto che lo conoscevo grazie all’interpretazione di Katie Holmes/Joey Potter in Dawson’s Creek. Pensate un po’ voi su quali solide basi poggia la mia cultura.



"Non è il caso che continui a mentire dicendo che sono meglio di Marilyn,
tanto te la smollo lo stesso."
Tra gli altri giovani attori da tenere d’occhio, occhio appunto poi anche ad Aaron Tveit, già intravisto in Gossip Girl, e alla piccola Isabelle Allen, quella dell’inquietante manifesto della pellicola.
Mi ha convinto di meno invece Amanda Seyfried. Amanda sey fregna, okay, ma il musical non mi sembra troppo nelle tue corde. Continua a non dirmi nulla invece Eddie Redmayne, già anonimo protagonista di Marilyn (dove non era Marilyn, ma il giovane che ne era innamorato, nel caso aveste dubbi in proposito). Io sono il primo a sponsorizzare i giovani attori britannici, lui però no. Sarò comunque felicissimo se mi smentirà in futuro, ma di certo anche lui non mi sembra molto a suo agio con il musical e a livello vocale è il più miserabile del cast.
Se la cava a cantare Russell Crowe, d’altra parte è pure il leader di una rockband, i Russell Crowe & The Ordinary Fear of God, però dentro Les Misérables sembra davvero un pesce fuor d’acqua. Non che ci siano numeri di ballo, perché questo è uno di quei musical in cui non è che si balla. Non più di tanto. Si canta, sempre e soltanto. Il roccioso Russell Crowe comunque pare uno che si aggira in scena chiedendosi: “Ao’, io so’ Massimo, er Gladiatò. Che ce faccio in ‘sto musicarello per effeminati?”.

"Tutto bene, Anne?"
"No, mi si è rotto il karaoke. E mo' come faccio a esprimermi?"
La pellicola viaggia quindi a corrente alternata, tra intepretazioni, canzoni e scene più o meno apprezzabili. Il tutto tenuto insieme da una cura tecnica impeccabile, abiti e scenografie per carità magnifici, e dalla regia del menzionato Tom Hooper.
Riconosco a Tom Hooper di avere stile, un suo stile. Che poi a me questo stile faccia schifo, è un dettaglio non da poco. Adesso non so bene neanche quali termini tecnici sono più appropriati per descrivere il suo modo di girare. Propone spesso e volentieri delle inquadrature sbilenche, come fosse un Terry Gilliam privo però di tutto il talento visionario. Privilegia poi i primi piani e, come dire?, schiaccia la messa in scena, toglie profondità. Magari è solo un’impressione mia, ma quando guardo un suo film mi sento schiacchiato. Mi sento soffocare. Mi manca il respiro. Sto male fisicamente. È per questo che, dopo la già fastidiosa esperienza de Il discorso del re, quello che ha fatto una gran rapina agli Oscar di due anni fa, non ho mai visto il suo acclamato film d’esordio Il maledetto United, nonostante il Manchester United sia una delle mie squadre preferite. Perché ho paura del suo cinema. Mi fa stare male, maledetto Hooper.

"Al prossimo che si mette a cantare gli faccio saltare le cervella, intesi?"
La regia di Tom Hooper mi ha fatto stare male anche questa volta, nel caso ve lo chiedeste, ma non è la sola cosa ad aver avuto un effetto devastante sulla mia visione del film.
Non ho mai visto il musical da cui è tratto, quindi prendetele come considerazioni basate unicamente come supposizioni, ma un problema di Les Misérables il film è che ha troppo rispetto di Les Misérables il musical. E, per quanto riguarda gli adattamenti, l’eccessiva fedeltà per me non è mai un gran bene. Nel passaggio da un media a un altro vanno operate delle scelte, anche spietate se necessario. Guardando Les Misérables ho avuto l’impressione di un lavoro che a teatro sarebbe funzionato alla grande, ma su pellicola meno. Perché?
Perché questo musical è troppo… musical. Troppo cantato. I dialoghi sono pressoché inesistenti. Una scelta interessante, rischiosa, estrema. Dai risultati però devastanti per la psiche del miserabile spettatore. Terminata la visione del film, mi sono chiesto perché le persone intorno a me parlassero. Parlassero e non cantassero. Se odiate i musical quindi vi consiglio di girare al largo, perché questo film potrebbe farvi lo stesso effetto del sole per i vampiri: provocarvi combustione spontanea.

Per quanto mi riguarda, non sono mai stato un grosso fan dei musical. Ultimamente però ho apprezzato parecchio alcune rivisitazioni originali del genere, come Moulin Rouge! e Dancer in the Dark (che al confronto di questo era quasi una commedia goliardica), così come ho seguito con interesse il Glee dei primi tempi e pure l’altra serie musical Smash e tra poco vi parlerò pure di Pitch Perfect. Non partivo quindi del tutto a digiuno dal genere. Però vi assicuro che, se non siete fan hardcore dei musical, 2 ore e 40 minuti senza pause, tutte cantate, TUTTE cantate, vi faranno impazzire.

Ma perché diavolo cantate seeempreeeeeeeeee?
Vi fa così schifo parlareeeeeeeeee?
Non se ne può davvero piùùùùùùùù
e non mi resta altro che invocare Belzebùùùùùùù
Perché diavolo diavolo diavolo
diavolo diavolo diavolo
(tutti in coro) DIAVOLO DIAVOLO DIAVOLO
perché diavolo cantate seeempreeeeeeeeeee?
Qualcuno me lo vuol spiegar?
qualcuno me lo sa spiegar?
La la la la la lalaaa?
La la la la la la laaaaa?
Les Misérables ti mando fuori di testaaaaaaa.
Les Misérables ti fa gridare: “Ma bastaaaaaaa!”.

Poi basta. Mi è passata.
Dopo due giorni in cui sono andato in giro per strada a cantare e la gente, tra una partita a Ruzzle e l’altra, mi guardava come se fossi pazzo, alla fine l’ho capito chi sono les misérables del titolo: noi poveri spettatori.
(voto 5/10)

Post pubblicato anche su L'OraBlù, con la nuova locandina minimal firmata da C(h)erotto.


55 commenti:

  1. Sono tanto contenta di aver trovato qualcuno che la pensa come me. -_-

    RispondiElimina
  2. L'ho visto sabato sera, e devo dire che mi aspettavo peggio dal nostro comune nemico Hooper. Lo criticherò, ma non tanto quanto avrei sperato, tra un paio di giorni.
    Concordo straordinariamente con i tuoi pareri sugli interpreti - Gavroche spacca! -, e approfitto della situazione per bottigliarti un pò: Il maledetto United non parla del "tuo" Manchester - una delle squadre più spocchiose d'Europa -, bensì del Leeds United, protagonista ai tempi di alcune annate clamorose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, meglio ancora: un motivo in più per evitarlo!

      Elimina
  3. Evidentemente di calcio ne capisci quanto di Cinema! Ahahahahahaha!

    RispondiElimina
  4. me possino assordamme se lo vado a vedere.

    RispondiElimina
  5. ovviamente non concordo ma proprio NO E NO.
    You will hear from me very soon my dear...

    RispondiElimina
  6. Per il momento condivido solamente quel terribile ricordo della Potter...il film devo vederlo. Però io amo i Musical!!! Ti fò sapereeee ^_^

    RispondiElimina
  7. Anne Hathaway - la mia adorata Anne - dopo che sono stato io il primo in assoluto a criticarla per diverse scelte che ha fatto, tra cui quella di sposarsi con un uomo totalmente inutile come Adam Shulman, e diverse legate al mondo del cinema, ha confermato di essere un'attrice con i controcazzi (povero il marito a sto punto) e le diano sto Oscar strameritatissimo ché è anche un po' mio. Infatti facciamo a metà: a lei va il sotto e a me il sopra della statuetta.

    RispondiElimina
  8. Ti dirò, la regia di Hooper a< me non dispiace come anche non mi dispiacque ai tempi Il Discorso del Re. Eddie Redmayne, poi, a me piace molto, lo trovo un attore bravissimo. Il film non l'ho visto ma ho idea che sia un discreto mattonazzo senza precedenti. Staremo a vedere.

    RispondiElimina
  9. Cannibal,tu lo sai che ti voglio bene (?) ma questa volta non sono d'accordo!!!
    Insomma,da un musical cosa ti aspettavi?Che parlassero tutto il tempo?Ok che non conosci lo spettacolo da cui è tratto,ma non credo sarebbe stato intelligente tagliare alcune canzoni e sostituirle con del parlato..allora piuttosto avrebbero dovuto fare una versione non musicale,non trovi?
    Detto questo sono d'accordo con te su Amanda cognomedifficiledascrivere e Russell Crowe..
    Ah una piccola precisazione,la canzone si intitola "On my Own" :)
    Holly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me invece in un buon lavoro di adattamento avrebbero dovuto pensare a inserire anche scene parlate. così mi sembra si siano limitati a fare una versione filmata del musical.
      troppo facile.
      ma ciò che funziona su un palco di broadway, non è detto che funzioni al cinema...

      Elimina
    2. ci sono centinaia di trasposizioni "normali" del romanzo i miserabili...potevi provare con quelle!

      Elimina
    3. ero holly,ho dimenticato di firmare..ups :)
      (holly)

      Elimina
  10. Ahahah bella recensione, anche se so che non sarò d'accordo con te... comunque Hugh Jackson è candidato come migliore attore protagonista!

    RispondiElimina
  11. Quando ho sentito che Anne recitava in un musical ho detto: "era ora!!!" non mi spiegavo perché, con la fama che hanno adesso i musical, non le affidavano un ruolo visto che lei ha studiato anche canto lirico. L'ho apprezzata molto in Ella Enchanted che cantava Somebody to love:
    http://www.youtube.com/watch?v=MV6TYWuQ7rM
    Visto che il tutto cantato non ti piace credo che anche Evita tu non l'abbia guardato.

    P.S.: Ho messo il link del tuo post su Tim Burton nell'ultimo che ho realizzato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto: evita l'ho sempre evitato :D
      e thanks per il link!

      Elimina
    2. lo immaginavo.
      Comunque Tim Burton ha cominciato da disegnatore, anzi da animatore della Disney. Un film dove ha partecipato è Red&Toby

      Elimina
    3. ah, figurati per la citazione. E' un piacere.

      Elimina
  12. Troppi momenti di fiacca su primissimi piani cantanti, niente coreografie (in un musical?)... troppo facile fare una fotocopia del musical teatrale originale. Sto per buttare giù qualche riga anch'io. Alla fine la sufficienza nel complesso la merita. Da vedere assolutamente al cinema per la spettacolarità di alcune scene (se lo scaricate vi fate del male).

    RispondiElimina
  13. Ho paura... di te e del musical, che comunque non ho ancora visto e comunque vedrò.
    Sembra avere un pregio, comunque: Consolida la coppia attoriale del decennio: Sacha Baron Cohen ed Helena Bonham Carter. Li adoro entrambi e dissacra la Amanda Seyfried, che non valuterei mai al di sopra del 6. Poi è comunque bona.
    Comunque.

    RispondiElimina
  14. E comunque Ruzle, l'ho sentito nominare, ma mi fa schifo il nome...

    RispondiElimina
  15. Film che avrei volentieri evitato, ma so che tra qualche giorno il mio fidanzato mi constringerà a vederlo; cosa non si fa per amore!!!

    RispondiElimina
  16. Mi sono salvato dal vederlo... proprio ieri sera!

    RispondiElimina
  17. Io dei Miserabili lessi solo la parodia sul Topolino... era una ficata, mentre 'sto film mi ha lessato le palle anche solo dal trailer... E poi i musical non li sopporto, non ci riesco a guardare stronzoli che camminano, combattono, scopano, cagano... CANTANDO! Mi manda al manicomio, non posso farci nulla... Poi la Hathaway col taglio lesbo-punk, Russell Crowe che straripa dalla divisa aderente... no no no, non ce la faccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Ora però voglio sapere gli insulti, son curioso XD

      Elimina
  18. Ah, a proposito di Somebody to love ho trovato un video, un regalo per te: http://www.youtube.com/watch?v=PXtSIKxwpRM

    RispondiElimina
  19. Io non sopporto per niente i musical (a parte "Grease" che e' un mito fondativo della mia adolescenza inquieta), quindi ho apprezzato molto la tua recensione. Questo "Le Miserables" proprio non lo andrò a vedere, anche perché e' un periodo in cui amo film che liberano la mente, come "Looper" ad esempio, che vorrei proprio vedere, e non film che riempiono la testa di canzoni cantate da gente in costume. A quel punto e' molto meglio la lirica, Rossini, ad esempio, che consiglio molto.

    RispondiElimina
  20. Io lo rifiuto e rifiuto anche Ruzzle! u.u

    RispondiElimina
  21. di Amanda Seyfreid guarderei anche il filmino della cresima.. penso comunque sul fatto che se questa cagata vince qualche Oscar c'è da preoccuparsi..

    RispondiElimina
  22. Ho letto pareri davvero discordanti su questo film, ma proprio perchè ho amato Moulin Rouge e trovo che nella tua recensione ci siano delle note positive, lo vedrò lo stesso... giusto per farmi due risate!

    RispondiElimina
  23. Io avevo iniziato il libro apposta quando avevo saputo che facevano il film. Ho scoperto che era un musical solo quando ero al 50% , non vi dico le mie espressioni di gioia.

    RispondiElimina
  24. Io ho un rapporto controverso con i musical, alcuni li amo altri non li sopporto. Ovviamente Grease e Moulin Rouge! sono fantstici e ho amato anche Dancer in the dark mi è piaciuto molto, nonostante la tematica non proprio 'leggera'. Però per me nei film musical non possono mancare parti cantate&ballate alternate a dialoghi parlati. Il mio musical preferito in assoluto resta 'Romance&Cigarettes' di John Turturro, con un cast epico(James Gandolfini, Susan Sarandon,Kate Winslet e Steve Buscemi, fra i tanti), scene visionarie e musiche indimenticabili. E ci sono dialoghi!!

    RispondiElimina
  25. Mi dispiace, ma non sono d'accordo. Non amo il genere anzi se posso lo evito. Questa volta però a me è piaciuto, e stranamente, mi è piaciuta la direzione degli attori e la regia. La cosa che ho apprezzato è stata l'assenza delle coreografie. I film dove ballano e cantano non li sopporto.

    RispondiElimina
  26. Vedo che sei talmente esperto di cinema da permetterti di muovere tali critiche, ma attento perché prima di saper criticare un film bisogna avere un minimo di cultura per sapere almeno che con il film la rivoluzione francese non c'entra proprio niente né tantomeno le guerre napoleoniche...quindi non ti biasimo per non averlo apprezzato, dato che per farlo bisogna possedere quel tantino di conoscenze che evidentemente non hai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio, come siamo seriosi.
      ok, ho dimenticato di specificare che è ambientato nel periodo post-napoleonico. ma che non abbia niente a che fare con la rivoluzione francese, non ne sarei tanto sicuro...

      Elimina
    2. la rivoluzione francese viene solo citata, ma la parte del film in cui avviene la rivoluzione è ambientata nel 1832, quindi escludo che si tratti della famosa rivoluzione del 1789. Comunque non era per essere seriosi, però quando si fanno commenti o si scrivono le proprie opinioni in merito a qualcosa è bene essere informati, altrimenti si dà la possibilità a persone come me che non condividono il tuo pensiero di appigliarsi anche a quella che per te può sembrare una svista! più che una critica, il mio era solo un consiglio!

      Elimina
    3. ok, quella che citi tu è la prima rivoluzione francese. poi c'è stata la seconda nel 1830.
      il periodo comunque è quello delle rivoluzioni francesi, non mi sembra di aver detto una castroneria tanto grande.
      e poi, come ho scritto nel post, la mia cultura poggia su dawson's creek, quindi da me non puoi pretendere più di tanto... ahah :D

      Elimina
    4. quello che volevo farti notare non era tanto l'errore in sè, quanto il fatto che quando si muovono delle critiche non proprio "soft" come le tue e specialmente se rese pubbliche, bisogna fare attenzione a non dire una cosa per un'altra! così eviterai che i pignoli come me si lamentino :) se devo dirti la verità poi la pignoleria è nata forse dalla tua recensione negativa, che ho letto oggi, dopo che ieri sera uscendo dal cinema ho pensato di aver visto uno dei film più belli di sempre ;)

      Elimina
  27. già propendevo per il non andare a vederlo, ora che ho avuto la conferma di tutti i miei sospetti posso tranquillamente dire che non lo guarderò mai! 2 ore e 40 di sole canzoni potrei anche spararmi ...

    RispondiElimina
  28. Mah, più che altro questo genere di film, o lo si ama o lo si odia :) A me è sembrato infinito, e gli attori su cui riponevo grandi speranze (come per Eddie Redmayne che trovo davvero promettente, ed Amanda Seyfried) mi hanno fatto storcere il naso. Anche se devo dire che durante la scena finale, quando vengono inquadrati tutti gli attori (Do you hear the people siiiiiing...) ha quasi fatto scappare una lacrimuccia anche a me che non amo il genere! Tengo a precisare che secondo me con un qualche possibile accenno di passi di danza sarebbe risultatodavvero ridicolo!!!
    Ciao :) -Anita

    RispondiElimina
  29. Pretty nice post. I just stumbled upon your
    blog and wished to say that I have truly enjoyed surfing around your blog
    posts. In any case I will be subscribing to your rss
    feed and I hope you write again very soon!

    Also visit my webpage :: gratis spiele spielen

    RispondiElimina
  30. Be іntellеctual еnough to seе
    that your ad does not go οn air on a unseemly show ; a Chriѕtіan book gоіng on air on а shоw that iѕ about handlіng sexual issues would be rіdiсulous.

    While thе еffects of antenna polarizatiоn may be interprеted as a rеduction in the quality of
    some гadio links, some гadiо desіgners оften make use of thіѕ proρerty to tune an
    antenna to their neеԁs by restrіctіng transmisѕiοn оr reсeption to signаls on a limitеd number of vесtοrѕ.

    Evеn tοԁay, I go big game hunting and all this,
    and the more dangerous something is, the hаppier I am.


    Fеel free tο visit my pаge github.com/piano2taurus

    RispondiElimina
  31. The fact thаt Τoуοtа choѕe to uрgradе
    the exterior stylіng, inteгior qualіty and
    іnteгiοr гoοmіnеѕs
    of the redesigned 2012 Yаris hatchbacκ rather
    than uρgrading the powertгain sаys a lot about how Toyota views thе neeԁѕ of small сar buyerѕ.
    Yet another way to сonstruct a device
    to hаrneѕs energу frοm raԁio wаvеs is using an antеnna, сonnected to a serieѕ of dіoԁes
    аnd a сapacitor bank that is earthed. Addіtionally,
    some neω attributes mаke it eνen easieг to maκе
    гаdіo buttons do еxаctly what you want them tо do.



    Feеl free to ѵisit my web page ...

    www.uofreedom.com
    My web page: gratis spiele spielen

    RispondiElimina
  32. Hellο! I just ωаnted to aѕk if yοu ever haνe any issues
    ωith hackers? Mу last blog (worԁprеss) waѕ hackеd and Ӏ ended up losing sеvегal wеeks of hard wоrk due to no data
    backup. Do уou haνe any solutionѕ tο protect against hacκeгѕ?



    my blog - Suggested Internet site

    RispondiElimina
  33. And then, you'll probably see that the battery's charge won't be as durable as before. Hold your device on end to locate two small screws on either side of the dock. Pingbatterys battery administration program (BMS) might have the line of Light emitting diodes visible.

    Also visit my webpage :: radiosender - wiki.theavoraproject.org

    RispondiElimina
  34. Тhese arе also availаble wіth PTO
    Delay feature which autοmatically оρen
    tank internаl valve fοr 5 sеcondѕ prior to engaging PTO allowing pump and proԁuct lines to chargе pгeviеwing intеrvаl valve
    slug. Also, by having a radiο internship in your resume, therе is a bettеr сhanсe for
    уou to become а DJ ωhen you apply for a job in anу raԁio stаtіon in thе natіon.
    Thesе include the artist-branded music channels such аs The Grateful Deaԁ Channеl, Eminem's Shade 45, Jimmy Buffett's Radіο Margaritavillе; therе is even thе clasѕіcal muѕiс Metrοpolitan Oρeга Radіo chаnnel.


    mу homepage - internetradio

    RispondiElimina
  35. And then, you'll probably see that the battery's charge won't be as durable as before. If you don't want to use Safari to navigate to pages,
    zoom in, and read articles, Byline may be just the app for you.
    Mobile computing is continuously getting better with best
    performance, smarter processors, light weight and handy designs,
    but as we all know, the main power of the mobile computing device (weather it is laptop, mobile,
    PDA or e-book reader) resides in it's battery capacity.

    Also visit my blog: http://www.skumc.com/

    RispondiElimina
  36. Hi, this weekend is good for me, because this point in time i am reading
    this impressive informative post here at my residence.

    Here is my homepage Air Max 2013

    RispondiElimina
  37. First off I would like to say terrific blog! I had a quick question that I'd like to ask if you do not mind. I was curious to know how you center yourself and clear your mind prior to writing. I have had a hard time clearing my mind in getting my thoughts out. I do enjoy writing however it just seems like the first 10 to 15 minutes are usually wasted simply just trying to figure out how to begin. Any recommendations or tips? Many thanks!

    my web site ralph lauren polo sale

    RispondiElimina
  38. Io adoro i musical " veri",cioè tutti tutti cantati,ed ho apprezzato nel complesso questo film,anche se è vero che come lavoro teatrale(visto a Broadway quest'anno) ha un impatto diverso,certe cose mi sono piaciute molto di più nel film.La Hathaway adesso sappiamo che ha avuto il meritatissimo Oscar,e ogni volta che la sento cantare "i dreamed a dream" sono chiagnate a fontana.Hugh Jackman canta in maniera passabile,ma secondo me non interpreta molto bene cantando.Cioè recitare è bravo,ma recitare mentre canta gli riesce molto peggio,secondo me.Russel Crowe invece è da mera sufficenza,torna ad abbaiare col tuo drappello di birraioli australiani,sciò! Per quanto riguarda la clip di Joey che canta "On my own"(uno dei pezzi meglio riusciti del film,secondo me),non so se esista il detto "some things can't be unheard"ma se non esiste lo conio io ora.Sentirla martorizzare quel brano mi fa venire voglia di sfondarmi i timpani con un ferro da calza perchè non mi capiti mai più un trauma simile XD XD XD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com