martedì 26 febbraio 2013

VOLARE OH OH, RECITARE NO NO NO NO

“Io sono stato votato tutte le volte che sono passato da 11/13 milioni di italiani, tutti coglioni?” chiedeva Silvio Berlusconi ad Anno Zero, qualche settimana fa, mentre il pubblico in studio rispondeva in coro: “Sììììììììììììììììììì”.

È la stessa cosa che mi sono chiesto io dopo aver visto i risultati delle ultime (per ora) elezioni politiche, per quanto i milioni di italiani che l'hanno votato siano diminuiti, e pure quelli di ascolto della fiction Volare: 10 e milioni e passa di italiani davanti alla tv per la prima puntata, 11 milioni e passa per la seconda.
Tutti coglioni?



Volare
(Italia 2013, film tv in due parti)
Regia: Riccardo Milani
Cast: Giuseppe Fiorello, Kasia Smutniak, Alessandro Tiberi, Antonio d’Ausilio, Diego D’Elia, Federica De Cola, Massimiliano Gallo, Gabriele Cirilli, Alberto Resti, Armando De Razza
Genere: biopic
Se ti piace guarda anche: Rino Gaetano - Ma il cielo è sempre più blu, Ray, Walter Chiari - Fino all’ultima risata

Nel corso dell’ultimo Festival di Sanremo, durante le pause pubblicitarie, tra l’altro la parte musicalmente più interessante dell’intera kermesse, continuava a passare lo spot della fiction su Domenico Modugno.
La prima volta ha subito catturato il mio interesse. Io adoro i biopic, i film biografici, a cui ho pure dedicato una blog war contro il mio blogger rivale (ormai ex rivale?) Mr. James Ford. Adoro in maniera particolare le pellicole dedicate ad artisti, cantanti, musicisti, che spesso si rivelano più interessanti da un punto di vista dei personaggi e delle storie raccontate, che non sul piano strettamente cinematografico. È sempre interessante scoprire l’uomo (o la donna) che si nasconde dietro a un’opera d’arte, scoprire il loro carattere, i loro demoni personali, il modo in cui sono arrivati a creare qualcosa che è rimasto nelle nostre orecchie, nei nostri occhi, nei nostri cuori.

"Che hai da ridere tu?"
"Sono felice per te, Domenico. Te nei se andato nel 1994,
appena hai capito cosa stava per succedere in questo paese..."
Quanto alla musica di Domenico Modugno in sé non è che la conoscessi in maniera approfondita. Conoscevo giusto quelle sue canzoni che conoscono tutti: Nel blu dipinto di blu, Meraviglioso e Vecchio frack, fondamentalmente. Cosa che mi ha spinto ancora di più verso la visione della pellicola, per poter approfondire appunto un personaggio chiave della musica italiana di cui non sapevo un granché. Il fatto che si trattasse di una fiction Rai mi ha un po’ frenato, però esisteva un precedente positivo: il film tv Rino Gaetano - Ma il cielo è sempre più blu, pur non eccelso, mi era decisamente piaciuto, complice anche un’ottima interpretazione di Claudio Santamaria come protagonista. E pure lì c’era Kasia Smutniak.
A smontare le mia aspettative c’ha pensato allora soprattutto un nome: quello di Beppe... Grillo?
No, Beppe Fiorello.
Io provo un’antipatia congenita nei confronti di Rosario Fiorello, cui se non altro riconosco doti di ottimo intrattenitore, e pure del suo fratello raccomandato Beppe, cui invece non riconosco alcuna dote particolare.
Nonostante questo, ho dato fiducia alla fiction Volare, recuperata in rete dopo il passaggio tv perché oh, ormai non ce la faccio più a concepire di vedermi un film o anche un film tv con le pause pubblicitarie in mezzo alle palle. Perché l’ho fatto? Per via dell’interesse nei confronti di Domenico Modugno, per capire se 10/11 milioni di italiani sono stati coglioni a vederla e per provare a essere smentito da Beppe Fiorello.
Perché a me piace quando un attore che avevo sottovalutato riesce a sorprendermi.
Lo dico subito: non è questo il caso.

Volare è un film tv in due parti che ha delle ottime carte in mano. Non solo ottime, ma pure un jolly da giocare: Domenico Modugno, un personaggio molto interessante, simbolo della musica italiana nel mondo come pochi (nessuno?) altri e anche un simbolo dei cambiamenti epocali che stava vivendo l’Italia del dopoguerra.
La sua è una storia bella, positiva, ci fa vivere l’Italian Dream quando in questa nazione era ancora consentito sognare. Modugno parte con il sogno di fare l’attore e dal paesino pugliese in cui è nato va a cercare il successo a Cinecittà, sperando di diventare un divo del cinema. Triste vedere come l’Italian Dream negli ultimi anni sia rimasto sostanzialmente lo stesso, solo che i giovani sognatori si recano a Cinecittà non per entrare nel mondo del cinema ma nella casa del Grande Fratello, si veda in proposito Reality.

"Sono stato sveglio tutta la notte a vedere i risultati elettorali,
ma ancora non l'ho capito: quindi adesso?"
Non oso nemmeno immaginare cosa sarebbe potuto uscire fuori nella mani di un Sorrentino, o appunto di quel Garrone artefice di Reality, con un personaggio del genere. Purtroppo, sognare è bello, ma la reality è un’altra. La reality della fiction Rai è tutta un’altra cosa.
Il regista Riccardo Milani dirige in maniera molto modesta, piatta, televisiva nell’accezione più negativa del termine. Ok, è una fiction tv e non una pellicola cinematografica, bisogna tenere conto di questo. Il confronto è però impietoso anche accostando Volare alle produzioni tv americane, inglesi, francesi.
Oltre a una regia alquanto discutibile, il montaggio appare casuale e i dialoghi sono quel sono. Le musiche di Andrea Guerra, collaboratore abituale di Ferzan Ozpetek, cercano di dare un maggiore tono cinematografico, ma pure queste sono abbastanza scontate e johnwilliamsiane. Il problema principale, l’ombra oscura che si abbatte su questa pellicola è però la presenza di cui parlavo prima, Beppe Fiorello.

Non gli voglio nemmeno male, a Beppe Fiorello. In questa fiction si vede che c’ha messo impegno. C’ha messo tutto se stesso. Il punto è proprio questo: c’ha messo se stesso, ma questo non è un film su di lui. Questo è, dovrebbe essere almeno, un film su Domenico Modugno.
Su Domenico Modugno, non su di te che ti impegni a fare Domenico Modugno. Capita la differenza Beppe?

Beppe Fiorello sfoggia una recitazione sospirata da telenovela e sguardi dell’intensità di un criceto.
L’associazione nazionale dei criceti credo mi farà causa per quest’affermazione. Me ne scuso in anticipo e mi rimangio tutto.
Un esempio pratico della sua intensità emotiva ce lo offre subito all’inizio, nella scena in cui Giuseppe Fiorello parla con un cavallo. Una roba che mi ha fatto rimpiangere War Horse, uno dei film che ho più odiato negli ultimi anni.
E ci sono anche i ralenty. I ralenty, no. I ralenty sul primo piano “intenso” di Beppe Fiorello vi prego, no!
Fisicamente poi, Fiorello B non è nemmeno che somigli molto a Modugno D e come cantante dà fastidio. Persino suo fratello canta meglio. E ricordo che il fratello è quello di canzoni come questa, San Martino, una delle più grandi trashate nella storia della musica. Non solo nazionale.



"Beppe, ogni volta che ti sento cantare mi vien da piangere."
Beppe Fiorello imita Modugno, il suo tono vocale, la sua gestualità molto fisica e come imitatore non è nemmeno male. A mancare è il passaggio successivo, quello che rende un’imitazione una buona prova di interpretazione recitativa. Vediamo Beppe Fiorello che imita Domenico Modugno, ma non vediamo mai Domenico Modugno e basta. Colpa del Fiorello. Colpa non tanto sua, che poveretto ce la mette tutta, ogni scena la interpreta come se volesse vincere l’Oscar. Ci fosse ancora, potrebbe ambire magari giusto al Telegatto. La colpa è più che altro dei suoi limiti recitativi. E colpa anche di una sceneggiatura che non riesce mai ad andare in profondità.
Tra le note positive della sceneggiatura c’è invece la scelta, azzeccata, di concentrarsi a parlare della carriera di Modugno dagli inizi scalcinati come attore, passando per i pezzi in dialetto che hanno cominciato a imporlo come moderno cantautore neorealista, fino alla creazione di Volare, proposta in concorso a Sanremo. Il film si ferma lì. Quello che è successo dopo è un volo che potrà magari essere raccontato in un’altra fiction, possibilmente non con Beppe Fiorello.
Al di là di qualche momento più drammatico, la storia veleggia preferibilmente sui toni della commedia all’italiana, in linea con il personaggio di Modugno, ed è impreziosita da due simpatici comprimari: il regista Riccardo Pazzaglia, interpretato da Antonio D’Ausilio, e Franco Migliacci, interpretato da Alessandro Tiberi, lo stagista della serie tv Boris che ha anche lavorato nell’ultimo film di Woody Allen. Woody Allen? Me cojoni! Peccato solo che si sia rivelato giusto il peggior film di Woody Allen di sempre: To Rome With Love.

"Piove, Governo ladro... Sì, ma quale Governo?"
Proprio lui è il protagonista della parte più intrigante di tutta la fiction: la nascita e la creazione di Nel blu dipinto di blu, anche conosciuta con il più immediato titolo di Volare. Una vicenda che ha dell’incredibile. Franco Migliacci un bel pomeriggio s’è preso una ciucca colossale e, nel post sbronza, si è fatto ispirare da un quadro di Chagall, Le coq rouge, per comporre i versi più celebri nella storia della canzone italiana.
Dimostrazione di come l’alcool non faccia male, tutt’altro. Se combinato con le droghe poi può portare persino a salvare delle vite umane, Denzel Washington in Flight ne sa qualcosa…
E dimostrazione di come l’ispirazione più folgorante possa cogliere in qualunque momento chiunque, anche uno come Franco Migliacci che non era compositore, né musicista, né scrittore, né niente. Eppure quelle parole che oggi tutti conosciamo le ha tirate fuori lui. Lui e la sua testa ubriaca.
Le parole sono state quindi trasformate in musica da Domenico Modugno ma non subito. La canzone così come la conosciamo oggi ha richiesto una lavorazione di vari mesi di tempo. Splendido esempio di come le grandi opere d’arte nascano sì dall’ispirazione del momento, però allo stesso tempo per essere rifinite a presentate al meglio richiedono anche una buona dose di lavoro dietro.

Nel blu dipinto di blu è una canzone che ho sempre dato per scontata. Da che sono nato, da che ho ricordi musicali, c’è sempre stata. Il pezzone nazional-popolare per eccellenza. Vedendo però il processo creativo che c’è dietro e ascoltandola attentamente, è davvero una canzone enorme. Questo è il merito principale che riconosco a questa fiction. Nel blu dipinto di blu è una canzone pop perfetta, con un crescendo infinito e un ritornello di quelli che si incollano in testa per non andarsene mai più. Posso solo immaginare l’effetto devastante che può aver avuto nel 1958, quando è riuscita a imporsi non solo al Festival di Sanremo, non solo in Italia, ma persino negli USA, dove è stata ai vertici delle charts per settimane. Un pezzo epocale, rivoluzionario, sognante e visionario, lontanissimo dalle solite canzonette di Nilla Pizzi dell’epoca.
Il peccato più madornale e paradossale di questa fiction è proprio quello di fare l’opposto.
Volare è una fiction che racconta un’epoca di cambiamenti, un paese affascinante, una bella storia, un personaggio meraviglioso. Per farlo, usa tutte le tecniche peggiori della più modesta tradizione di fiction italiota attuale. Non v’è invece traccia alcuna dello spirito controcorrente incarnato alla perfezione da Domenico Modugno negli anni Cinquanta. Davvero un peccato. Con un altro regista, un’altra produzione, un altro protagonista, un altro coraggio, se insomma questa fiction fosse stata realizzata in una nazione diversa dall'Italia di oggi, ne sarebbe potuto uscire qualcosa davvero in grado di volare, oh oh.
(voto 5/10)



20 commenti:

  1. Anch'io sono un'amante dei biopic, specie se si tratta di musicisti: ho amato Walk the line e la grandissima interpretazione di Joaquin Phoenix. Ma, appunto, lui era Joaquin Phoenix... C'è da dire che anche la fiction su Rino Gaetano è stata buona: sono un'appassionata di Gaetano e l'ho ritrovato molto nella resa di Cluadio Santamaria che mi piace tantissimo come attore. Diversamente da Beppe Fiorello che proprio non riesco a digerire! Il problema è che non riesco a guardare le fiction di Raiuno a causa degli orribili spot pubblicitari che ne fanno in cui ogni fiction sembra presentata come una becera telenovela!

    RispondiElimina
  2. Io non l'ho vista ma ti spiego il perchè (ti fregherà na minchia, perdonami). Mi ero gustato la fiction su Rino Gaetano e, pensando che fosse piaciuta a tutti, ho cercato alcuni articoli. Ho subito trovato delle interviste a parenti e conoscenti che distruggevano la pellicola per via delle numerose incongruenze con la realtà e l'eccesso di "romanzo" nella trama.
    Stessa cosa qualche tempo dopo per un altro bipic, quello su papa Luciani (fortunatamente, in quel caso, ho visto prima le interviste così mi sono risparmiano la visione).
    Così ho detto basta alle fiction. Se non servono nemmeno a raccontarmi la storia, perchè diamine me le dovrei guardare?

    RispondiElimina
  3. Ma davvero hai trovato il coraggio per vedere sta roba che sapeva di porcata a distanza?
    Complimenti, davvero.
    Non te l'avrei fatta vedere neppure io da rivale! ;)

    RispondiElimina
  4. I biopic sono tra i film più bastardi che ci siano e te lo dico che ho tanto insistito con te e il tuo rivale che facciate una blog war su tale genere.
    non si tratta di finzione, si tratta di vita vissuta, si tratta di voler essere umili, rinunciare a se stessi, ci vuole una grande maturità per voler girare un biopic.
    E non parliamo di tutte le cose che inventano per attirare il pubblico. Alcune possono andare bene, ma non quando snatura il personaggio.

    RispondiElimina
  5. Qualcosina di buono nelle fiction Italiane c'è stato: le prime due stagioni di "RIS" erano ben fatte per quanto riguarda la trama principale, e anche "Raccontami" era gradevole. Purtroppo il livello generale è molto basso, soprattutto quando si tratta di questi "minifilm" per TV (di cui ricordo solo "Il Figlio Della Luna" essere stato ben fatto). A quanto pare, questo ho fatto bene a schivarlo...

    RispondiElimina
  6. il pubblico teleitaliota è diverso dal pubblico delle sale cinematofiche
    NON VUOLE INCERTEZZE e colpi di scena; sa già tutto in anticipo (che Tizio diventerà papa, che Sempronio sarà fucilato, che l'animadechitemmuorto vincerà a sanremo) e vuole che il piccolo schermo lo confermi nelle sue piccole certezze
    il teleidiota ama i primi piani, i dialoghi ridotti al minimo, le battute di seimassimosette sillabe ("Vuoi sposarmi, amore?" "Tu non sei sincera..." "e io ti ha dato i migliori anni ecc"), i baci con la bocca chiusa e gli amanti che si svegliano dopo una notte d'amore con le guance perfettamente rasate e i capelli in perfetto ordine, le auto d'epoca belle lucide e senza ammaccature...
    FERMATEMI PRIMA CHE UCCIDA ANCORA

    RispondiElimina
  7. voglio aggiungere che comunque QUELLA CANZONE è bellissima (io c'ero nel '58: la cantavano TUTTI)
    quella trovata surreale di dipingersi la faccia di blu spazzò via il ciarpame di mandolini e mamme in lacrime (poi, aperta la strada sarebbero arrivate Zebre-a-pois, Misonoinnamoratoditeperchénonavevonientedafare e Chiamalesevuoiemozioni, ma è il primo passo quello che conta)

    RispondiElimina
  8. davvero non ci sono più i telegatti??? :O

    RispondiElimina
  9. Una domanda tecnica: a livello di fotografia il direttore aveva aperto tutto?

    RispondiElimina
  10. direttore della fotografia?
    non credo che questa fiction ne avesse uno... aahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per quello non ti è piaciuto allora, non era abbastanza smarmellata la smutniak ;)

      Elimina
  11. Indubbiamente "Volare" è una fiction che racconta un’epoca di cambiamenti, un paese affascinante, una bella storia, un personaggio meraviglioso. Ma è un Prodotto RAI, ben confezionato e dico "CONFEZIONATO" vendibile e commerciabile in molti paese.
    Certo se la RAI fosse privata, andrebbe benissimo, essendo la RAI di tutti noi, per via di quel piccolo tributo chiamato canone, Allora le cose cambiano e qui ti do ragione, da una TV di stato pretendo che si osi di più che si abbia il coraggio di cambiare di dimostrare che si può e si deve aiutar a "crescere" il gusto televisivo. Per quanto riguarda la sceneggiatura; non sono d'accordo. Rulli e Petraglia sono degli ottimi sceneggiatori. Per quanto riguarda la regia… forse altri registi avrebbero affrontato, o visto l'artista Modugno sotto un altro aspetto quello che tu metti bene in luce: un artista fuori dal coro, che ha portato a Sanremo una canzone coraggiosa. Erano anni che non vedevo qualcosa sulle reti nazionali… e per vederla l'ho registrata (per togliere le pubblicità) Questo è il vero problema… A me Fiorello non è dispiaciuto, anche se altri attori forse avrebbero fatto meglio.

    RispondiElimina
  12. Odio profondamente i Fiorellos o i Fiorelli. Bebbe poi con questo suo (m)estr(u)o attoriale lo trovo indigesto oltremodo. La cosa peggiore poi non è tanto lui quanto il suo esserlo. (?)

    RispondiElimina
  13. fai ancora in tempo a beccarti Sarò sempre tuo padre, fiction di Raiuno con... Beppe Fiorello! ah ah ha

    RispondiElimina
  14. Non è il massimo certo, ma sempre meglio delle porcate con Garko e l'Arcuri, no? Se non altro qui ti sei rifatto le orecchie, perché per quante gliene possiamo dire a Fiorello, vocalmente parlando, è molto bravo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stai scherzando, vero? °___°
      domenico modugno è morto una seconda volta! :D

      Elimina
  15. Perché in America hanno Joaquin Phoenix, tra tutti gli altri, e noi abbiamo Beppe Fiorello e Gabriel Garko? Perché? Cosa abbiamo fatto di male nella vita per meritarci questo?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com