venerdì 8 marzo 2013

RALPH FACCIO BRUTTO

Ralph Spaccatutto
(USA 2012)
Titolo originale: Wreck-It Ralph
Regia: Rich Moore
Cast: Ralph, Vanellope, Felix, Calhoun, King Candy, Taffyta Muttonfudge, Markowski
Genere: vintage
Se ti piace guarda anche: Monsters & Co., Toy Story, Megamind

Dura la vita per i cattivi. Se sei quello buono, che fa sempre la cosa giusta, che si comporta sempre alla maniera giusta, che dice sempre la cosa giusta, tutti gli appluasi e la gloria sono per te. Se sei quello cattivo, quello che non ci sta a dire quello che la gente vuole sentirsi dire, a fare quello che la gente vuole tu faccia, ti buttano giù. Nel caso di Ralph, ti buttano davvero giù. Ogni giorno, a ogni partita, Ralph il cattivone viene lanciato giù dal grattacielo, mentre Felix Aggiustatutto, l’eroe del videogame Felix Aggiustatutto, appunto, è portato in trionfo. Ralph invece ogni sera se ne va via solo soletto e torna nella sua discarica, senza niente e senza nessuno. Dura la vita per i cattivi.

"Ho paura. Temo che Cannibal possa demolirci peggio di Ralph..."
La prima parte di Ralph Spaccatutto è molto bella e anche qualche scena qua e là rende il film davvero una chicca. In quanto produzione Disney Animation, così come capita anche a molte pellicole della casa “gemella” Pixar, le parti splendide sono però compensate da altre parti più “commerciali”. Come al solito, quindi, nella seconda parte il film abbonda un po’ troppo di scene avventurose e bimbesche, oltre a meri riempitivi come la sequenza videoclip sulle note di “Shut Up and Drive” di Rihanna. Peccato, perché questo Ralph Spaccatutto è un gioiellino, ma essendo anche un blockbusterone che deve accontentare tutti i tipi di pubblico, finisce per essere un gioiellone mancato. D’altra parte c’hanno speso pur sempre quasi $ 200 milioni per realizzarlo. Io mi chiedo dove li spendano, $ 185 milioni per realizzare una pellicola come questa. La cura per i dettagli certo è pazzesca, le animazioni sono ottime, però $ 185 milioni non vi sembrano un tantino esagerati per un film realizzato al computer? Chi è che se li è intascati?

"Che fai a testa in giù?"
"Stavo leggendo la recensione al contrario di Upside Down."
Pur nei limiti che un’operazione commerciale con dietro un investimento del genere comporta, Ralph Spaccatutto è un film che sa parlare al cuore, che emoziona, che commuove. E quindi chissenefrega dei $ 185 milioni. Basta parlare di $oldi. Qui ci sono dei sentimenti in ballo. Ralph è un eroe malinconico di quelli che fanno stringere il cuore e non da meno è la bambinetta co-protagonista. La divertentissima Vanellope von Schweetz è un glitch.
Frena, frena: che cos’è un glitch?
Non sapete cos’è un glitch?
Non sapete davvero cos’è un glitch? Ma in che mondo vivete???
Comunque, nemmeno io lo sapevo. Non prima di aver visto questo film. Per dirla con il linguaggio informatico, un glitch è un bug, un errore di sistema. Per dirla in linguaggio più informale, un glitch è uno scherzo della natura, uno storpio, un diverso, un emarginato.
All’interno del videogame di auto, una variante di Super Mario Kart, in cui vive, Vanellope (un nome più semplice no, eh?) è quindi vista come un’appestata. Proprio come Ralph. Dall’incontro tra due solitudini ne esce un’unione irresistibile. No, non un’unione di tipo sessuale, che andate a pensare? Lei è una bambinetta e questo è un film Disney. E anche se non fosse un film Disney, che diavolo andate a pensare?



"Ma ti sembra questa una cosa da dire
in un post che leggeranno anche i più piccoli?"
Non aspettatevi un film rivoluzionario. Non è che questo Ralph Spaccatutto spacchi le regole delle pellicole d’animazione cui ci siamo abituati negli ultimi anni. Da Shrek in poi, è infatti stato tutto un fiorire di cartoni incentrati sul cattivo o sul mostro, da Monsters & Co. a Megamind e Cattivissimo me. Ralph prosegue in questa perfida tradizione, aggiungendo però una coppia di stralunati personaggi cui è impossibile non voler bene, a meno che non siate dei pezzi di strudel. A loro si aggiungono inoltre quel romantico di Felix l’aggiustatutto e la sua innamorata, Calhoun, una dura dal cuore tenero uscita da un gioco violentissimo di quelli di ultima generazione tipo Call of Duty.
È sempre così. Film d’animazione o non film d’animazione, sono sempre i personaggi a portare una storia a un livello superiore. Quando ci sono i personaggi giusti, è fatta. Ed è questa l’arma principale di Ralph Spaccatutto per spaccare il resto della concorrenza. L’altro punto di forza sta nello splendido omaggio al mondo dei videogame. Questo non è un film-videogame di quelli alla Wachowski o alla Michael Bay o ancora come il recente Gangster Squad. Questo è un film sui videogame, non un film-videogame. C’è differenza. Anche se può non sembrare, passa un’enorme differenza.

La pellicola cita e omaggia soprattutto i videogiochi del passato, quelli degli anni ’80/’90, quelli vintage: Street Fighter, Mortal Kombat, Sonic, Super Mario, Pac-Man e naturalmente Donkey Kong, di cui Ralph è un po’ la versione umana. Ci sono però anche citazioni più contemporanee, con un cameo di Skrillex in versione dj, che non suona un pezzo dubstep bensì il classico della Disco “Celebration” dei Kool & the Gang, e poi c’è una presa per i fondelli dei giochi attuali come Halo o il citato Call of Duty, quelli in cui è assente la magia dei cari, vecchi videogames di una volta. Ed è spettacolare l’attenzione riservata ai particolari, con alcuni personaggi dei vecchi games che si muovono scattosi contro i movimenti fluidi di quelli moderni.

"Evvai, sono stato premiato con una medaglia e soprattutto un bel voto cannibale!"
Come Toy Story, anche Ralph è poi pure una riflessione sulla natura effimera del successo, su come tutto sia destinato a essere superato, su come tutti siamo destinati a essere dimenticati. Fondamentalmente, questo film non rappresenta niente di nuovo o che non si sia già visto in altre pellicole d’animazione. Il punto è proprio che non vuole esserlo. Ralph il film è come Ralph il personaggio, l’anti eroe di un videogioco sorpassato, che però possiede un fascino vintage che nessuna tecnologia moderna può replicare. Come il fruscio della puntina su un vinile. Come Pulp Fiction che passa per la prima volta davanti ai tuoi occhi su un VHS di discutibile qualità. Come un infinito livello di Super Mario Bros., finito solo dopo aver sudato sette camicie.
Il titolo del film però è sbagliato: non doveva essere Ralph Spaccatutto, perché Ralph spacca e basta.
(voto 7+/10)

Post pubblicato anche su The Movie Shelter.



7 commenti:

  1. Sono stupefatto: addirittura un sette ad un film Disney!?
    La mia influenza comincia a farsi sentire! ;)

    RispondiElimina
  2. ultimamente i film di animazione mi sembrano tutti troppo infantili e sciocchini ed è dai tempi di WALL.E che non mi entusiasmo più.
    Ralph spaccatutto, visto il tuo 7, potrei anche tentare di vederlo, o la va o la spacca ;)

    RispondiElimina
  3. Un sette tutto meritato. Adoro Ralph e ho un debole per i cattivi
    (Che poi così cattivi non sono mai...) ;)

    RispondiElimina
  4. A me a colpito tanto.
    Sia per il concetto di retrogaming, che per i personaggi..
    Per me è il filmone che la Disney non faceva da tempo!
    Anzi... credo che lo scorso 2012 abbiamo visto una Disney più Pixar, e una Pixar troppo Disney.
    Dio ce ne salvi da quest'ultima!

    RispondiElimina
  5. Davvero bello, meritava l'Oscarm altro che Ribelle...

    RispondiElimina
  6. Il film era molto carino,però non dirmi che ci si innamora dei personaggi!Vanellope è davvero odiosa,e non mi è diventata simpatica nemmeno alla fine del film!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vanellope è un mito assoluto. è il mio nuovo modello esistenziale :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com