venerdì 8 marzo 2013

MAMA MIA

E alla fine arriva mamma.
No, non vi sto per parlare di una sitcom, bensì della pellicola La madre, in uscita nelle sale italiane il 21 marzo. Il film è imperdibile innanzitutto per la presenza di Jessica Chastain, garanzia assoluta che qui sfoggia un nuovo look da darkona ispirato alla cantante dei Crystal Castles.
La pellicola si preannuncia interessante non solo per questa già più che sufficiente motivazione, ma anche perché il regista, l’esordiente ispano-canadese Andrés Muschietti, sembra possedere un talento visivo notevole.
Come faccio a dirlo, se è un esordiente?
Perché è un esordiente nel lungometraggio, ma ha già realizzato il notevole corto Mama, cui il suo film si ispira. Tre minuti appena di puro terrore, che potete vedere nella clip qui sotto, il tutto introdotto da Guillermo Del Toro, produttore della pellicola.



Per lanciare il film, la distribuzione italiana ha ideato una curiosa iniziativa/domanda:
come proseguireste questo brevissimo cortometraggio?
Potete lasciare la vostra versione tra i commenti.
Ecco intanto la mia:

Mama, la versione cannibale
Dopo aver inseguito le figlie fin nella loro cameretta, la Madre grida loro: “E’ tutta colpa vostra se sono diventata così. Una volta ero un bel donnino. Ero Jessica Chastain, e che diamine. Adesso guardate come mi avete ridotta a forza di farmi sentire quel Justin Bieber!”
Con una spallata ben assestata, la Madre adirata riesce a buttare giù la porta chiusa a chiave e ad entrare nella cameretta. Lentamente e con aria minacciosa (d’altra parte in quello stato non può apparire che minacciosa) si avvicina alle due bambine. Le sta per toccare, quand’ecco che la sua mano, anziché scagliarsi contro di loro, gira la manopola del volume dello stereo presente nella cameretta e la musica di Justin Bieber cessa.
In pochi istanti, l’aspetto della Madre migliora notevolmente, fino a tornare nelle sue splendide jessicachastaniane sembianze. Da allora, la musica di Justin Bieber è stata bandita dalla casa. Ora però le due bambine hanno dei nuovi idoli: i One Direction…
Ma questo è lo spunto di partenza di Mama 2.

"AAAH!!! La versione cannibale è davvero terrificante!"

E voi, come proseguireste il cortometraggio?

2 commenti:

  1. ho visto il trailer ieri sera al cinema, e ho deciso che ne posso fare tranquillamente a meno, soprattutto dopo aver letto le opinioni abbastanza deluse di chi l'ha già visto...

    RispondiElimina
  2. mi viene in mente un quadro che ho fatto tempo fa. Parlava di Medea e l'ho fatto per un mio amico che mi ha diretto in un laboratorio teatrale.
    C'è Medea che "sviolina" un suo figlio con un coltello, di quelli lunghi. E lei guarda sorridendo alla sua sinistra.
    Potrebbe essere un continuo per questo cortometraggio.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com