sabato 9 marzo 2013

SKYFALL, NON MI HAI FATTO SKYFO

Skyfall
(UK, USA 2012)
Regia: Sam Mendes
Sceneggiatura: Neal Purvis, Robert Wade, John Logan
Cast: Daniel Craig, Judi Dench, Javier Bardem, Ralph Fiennes, Naomie Harris, Bérénice Marlohe, Ben Whishaw, Rory Kinnear, Albert Finney
Genere: spionistico
Se ti piace guarda anche: Il cavaliere oscuro, gli altri film su James Bond

Il mio nome è Boh. James Boh.
Se cercate qualcuno che vi dica tutto sull’agente 007, qualcuno che abbia letto tutti i libri di Ian Fleming, qualcuno che vi sappia citare ogni punto di contatto con i film precedenti, che vi faccia notare quali sono le novità di questo ultimo Skyfall, qualcuno che vi nomini tutte le Bond Girls e le canzoni usate, ecco avete sbagliato agente. A parte giusto le Bond Girls e le canzoni, io del magico e avventuroso mondo di James Bond non ne so niente.
Se cercate invece il punto di vista di qualcuno che si approccia per la prima volta a una visione bondiana, io sono l’agente che fa al caso vostro. L’ultimo Bond-vergine rimasto al mondo. Chi infatti non ha mai visto un film con protagonista 007?
Io. Fino ad ora ero sempre rimasto immune al fascino dell’agente più cool del mondo, o per lo meno della Gran Bretagna. Sarà che non mi hanno mai attirato i suoi vari interpreti. Nemmeno Sean Connery, per cui (lo so che dirò una bestemmia) ho sempre provato una congenita antipatia. Non lo so perché, a me gli scozzesi in genere stanno pure simpatici. E adoro tutto, ma proprio tutto della cultura britannica. James Bond però proprio no. Come detto, fino ad ora.

"Certo che non è giusto: Daniel Craig tutto fighetto,
mentre a me m'hanno conciato da far skyfo."
Skyfall è riuscito a riportare alle stelle l’hype nei confronti del brand Bond. Con un’operazione di marketing da ammirare e di cui ogni esperto nel settore dovrebbe prendere appunti, Daniel Craig in versione 007 si è presentato a prendere la Regina Elisabetta durante la cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Londra. Un evento di nicchia, seguito giusto da qualche miliardo di persone nel mondo. Per la canzone deputata a fare da tema musicale al film è stata poi scelta soltanto la cantante che ha venduto più dischi negli ultimi anni, una certa Adele, in grado più tardi di portarsi a casa l’Oscar, cosa mai successa a un brano bondiano.
Con due mosse appena, di cui una muovendo la regina del Regno Unito e l’altra muovendo la regina della musica, il nuovo film di James Bond aveva quindi già posto le basi per uno scacco matto globale senza precedenti. Le altre due pellicole con protagonista Daniel Craig Casino Royale del 2006 e Quantum of Solace del 2008 avevano infatti risvegliato l’interesse mondiale nei confronti del personaggio, dopo la lunga parentesi Pierce Brosnan, però niente a che vedere con il successo di Skyfall, riuscito ormai a superare il miliardo di dollari di incasso a livello worldwide.
Tutto merito di un’astuta e clamorosamente riuscita operazione di marketing, oppure dietro si cela anche della sostanza cinematografica, come le numerose critiche positive ricevute dalla pellicola lasciavano intuire? Tra i soldi spesi per la campagna promozionale, alcuni sono stati utilizzati anche per pagare i giornalisti pregandoli di parlarne bene, oppure una visione la merita davvero?

James Bond a suo agio in un museo tanto quanto
un elefante in un negozio di cristalli.
Da buon agente operativo, se non altro a livello cinematografico, ho cercato di indagare per scoprirne di più. Per una volta ho messo da parte le mie resistenze nei confronti di un personaggio così affascinante per tutto il mondo, ma che a me invece non ha mai affascinato minimamente. Un incentivo me l’ha dato la regia di Sam Mendes, regista che apprezzo parecchio fin da quel gioiellino d’esordio di American Beauty. Sinceramente, mi giravano le palle a perdermi un film di Sam Mendes, di cui ho visto l’intera Opera, solo perché sono sempre stato un anti-Bond. Alla fine allora ho ceduto e… mi è piaciuto. Non mi ha magari esaltato a livelli assurdi, non m’è venuta voglia di recuperarmi tutte le altre pellicole su 007, ma se non altro Skyfall non mi ha fatto sky-fo.
E pensare che sono partito con il mirino puntato sull’obiettivo e alla prima sequenza stavo già per sparare. Una lunga, e per quanto mi riguarda poco appassionante, scenona d’azione. Un inseguimento inverosimile, ovvero proprio ciò che mi aspettavo alla vigilia. Poi invece succede l’inaspettato. A Bond sparano per davvero.
Oh, mio Dio! Per una volta che mi metto a vedere un film con 007, me lo fanno fuori subito?

"Hanno cancellato la tua serie The Hour, Ben? Mo' so' cazzi amari per tutti!"
Ovviamente Bond non è davvero morto, però il film sa sparare qualche altro bel colpo riuscito, a partire da dei titoli di testa di un’eleganza infinita, accompagnati dalle splendide note del tema musicale cantato da Adele, di diritto tra i migliori nella Storia bondiana. Per quanto non abbia una enorme, anzi, per quanto non abbia alcuna conoscenza delle altre pellicole, le canzoni usate in 007 le conosco bene e Skyfall di Adele non sfigura affatto al fianco delle memorabili “Diamonds Are Forever” e “Goldfinger” cantate da Shirley Bassey, oltre alla splendida “Nobody Does It Better” di Carly Simon.

"Bond, non vengo a letto con te finché non hai imparato a
pronunciare il mio nome correttamente. Capito?"
"Tutto chiaro, Bernarda Merlo."
La pellicola scivola poi via benissimo, nella prima parte grazie allo humour british contenuto nei dialoghi tra il roccioso Daniel Craig e il giovinastro Q interpretato dall’ottimo Ben Whishaw (uno dei protagonisti della purtroppo cancellata serie UK The Hour), grazie ai flirt innocenti con Naomie Harris e quelli meno innocenti con Bérénice Marlohe, Bond girl da togliere il fiato. E poi grazie alle atmosfere Christopher Nolan friendly in cui piomba la pellicola nella sua seconda parte, quella in cui entra in scena Javier Bardem (che a me invero non ha convinto del tutto) in versione terrorista cattivone. Tutti a scomodare il paragone con Il cavaliere oscuro e io che faccio? Devo confermare pure io tale paragone. Non avendo grande confidenza con il genere action, Sam Mendes deve aver preso molti appunti durante la visione dei Batman nolaniani, e si vede.
Skyfall non presenta quindi niente di radicalmente nuovo, a livello cinematografico, però è un film che ha stile. Un film che ha saputo affascinarmi. Anch’io per la prima volta sono rimasto rapito dal fascino bondiano. Rapito magari è un termine esagerato, visto che nell’ultima parte la pellicola si adagia troppo sul versante action e lì mi ha stupito decisamente meno.
Nel complesso allora devo riconoscere il fallimento della mia missione. Ero stato inviato per sparare a zero su zero zero sette, invece alla fine mi sono fatto conquistare dalla vittima. D'altra parte dovevo già immaginarmelo: nei film va sempre a finire così.
(voto 6,5/10)

Post pubblicato anche su L'OraBlù, accompagnato da un nuovo super styloso poster realizzato dall'emerito C(h)erotto.



21 commenti:

  1. Anch'io mi ero astenuto finora dal guardare un film con James Bond, dopo questo 6,5 forse forse allora lo recupero...

    RispondiElimina
  2. Ero una Bond-vergine pure io ma quando ho visto i nomi di Sam Mendes e Adele mi sono recuperata i precedenti con Daniel Craig e ora mi sto facendo una maratona estenuante partita da Sean Connery e arrivata fino a Roger Moore! Da neo-appassionata, quindi, questo è uno dei migliori!

    RispondiElimina
  3. No, non ce la faccio proprio a vederlo...

    RispondiElimina
  4. mi è piaciuto, tanto che ho voluto recuperare quelli con Pierce Brosnan che prossimamente vedrò, e forse se mi piacciono recupero anche tutti gli altri :)

    RispondiElimina
  5. A me Bond (James Bond) è sempre piaciuto, cinematograficamente. Se ti stai poi chiedendo febbrilmente quale sia il mio preferito direi Casino Royale, per come ha dato nuova linfa al personaggio rendendolo meno perfettino se non "capriccioso" nonché più vulnerabile. Anche Skyfall mi è piaciuto; strano vedere Bond che si beve una birra. In effetti Bardem così barde(m)llato forse è un po' troppo ma la sua entrata in scena mi è piaciuta assai, a livello di regia. Il finale (no spoiler) l'ho trovato per molti aspetti affine a quello de Il Cavaliere Oscuro - Il ritorno. Per apprezzarlo bisogna di certo e ben (o Bond) donde esser conoscitori della "serie". E poi volevo dire un sacco di altre cose entusiasmanti ma non me le ricordo.

    RispondiElimina
  6. Io, in veste di Bond-grandma posso dirti che dall'avvento di Craig questo ultimo episodio non mi ha entusiasmato. Tirato troppo per le lunghe, mi è sembrato eterno.
    E vedere Bond bere la peggio birra del mondo fa male al cuore. E anche un po' allo stomaco.
    Poi, tu sei Bond-vergine e non lo puoi sapere, ma i titoli di testa di 007 sono sempre una meraviglia!

    RispondiElimina
  7. non vedo l'ora di vederlo, per non essere più Bond-vergine, che detta così sembra l'appagamento per una pratica sessuale fantasiosa e invece... potrebbe essere l'inizio di una dipendenza.

    RispondiElimina
  8. Non l'ho visto e quindi non riesco a dare un giudizio.

    RispondiElimina
  9. anche a me non ha colpito così tanto...sicuramente non è tra i miei preferiti tra i vari Bond...

    RispondiElimina
  10. Il 6 gliel'ho dato anch'io, anche se il mio pezzo preferito di tutto il film è stato l'intro.

    RispondiElimina
  11. Anche io sono un verginello! :D

    Forse in un futuro remoto mi metterò sotto a recuperare almeno i capitoli fondamentali, ma finora quella del buon James è l'unica saga (insieme a "Star Wars") di cui non ho visto niente e che non mi fa venire voglia di recuperare alcunchè...

    RispondiElimina
  12. Solo a te poteva non sembrare così male il Bond più noioso che abbia visto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solo a me???
      guarda ford che questo è solo il bond di gran lunga di maggior successo nella storia dei bond...

      Elimina
  13. Ecco, una pellicola con stile è proprio appropriata come affermazione! Mi è piaciuto molto questo episodio, ma il mio preferito resta Casinò Royale!

    RispondiElimina
  14. Non mi hanno mai fatto impazzire i film di 007 anche perché l'agente britannico è una puttana come diceva Le Carré, però Daniel Craig non è niente male come attore. Mendes è Mendes e la canzone di Adele mi fa alquanto skyfo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. daniel craig non è male come attore?
      la canzone di adele fa skyfo???

      te sei fuori! :D

      Elimina
    2. Sì, in questo momento sono fuori di casa;) Craig non è male nel ruolo di Bond, poi se accetterà altri ruoli vedremo come se la caverà. Ma continua a farmi skyfo la canzone di Adele.

      Elimina
  15. Prima o poi vedrò tutti i film dedicati a James Bond. Non so come (no bugia, come lo so), non quando, non so se ne uscirò viva ma prima o poi lo farò.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com