venerdì 28 giugno 2013

DISEDUCAZIONE SIBERIANA


Educazione siberiana
(Italia 2013)
Regia: Gabriele Salvatores
Sceneggiatura: Stefano Rulli, Sandro Petraglia, Gabriele Salvatores
Tratto dal romanzo: Educazione siberiana di Nicolai Lilin
Cast: Arnas Fedaravicius, Vilius Tumalavicius, John Malkovich, Eleanor Tomlinson, Jonas Trukanas, Vitalij Porchnev, Peter Stormare
Genere: racconto di formazione
Se ti piace guarda anche: C’era una volta in America, Romanzo criminale, La promessa dell’assassino

Chi sa, fa. Chi non sa far niente, insegna. Chi non sa insegnare, insegna educazione fisica. E chi non sa insegnare manco educazione fisica, insegna l’educazione siberiana. In questo caso John Malkovich, il nonno del protagonista del film di oggi.
La recensione è iniziata da appena un paio di righe e io non voglio fare subito il pignolino, ma qualcuno mi spiega perché John Malkovich è considerato un grande attore? Mistero, come direbbe Enrico Ruggeri con la sua vouce fastidiousa.
È dai tempi di Essere John Malkovich, in cui peraltro interpretava se stesso - che fatica! -, che non fa un film decente e anche prima non è che abbia avuto tutti ‘sti ruoli memorabili o girato chissà quali enormi capolavori. Senza offesa, o forse un po’ sì, ma John Malkovich poi ha pure la faccia da scemo come pochi. Oltre a delle orecchie enormi.


Essere John Malkovich?
No, grazie.

Ho attaccato John Malkovich e ora per par condicio attacco me stesso.
Chi non sa fare cinema, fa il critico. Chi non sa fare il critico, mette su un blog di cinema, come me.
Contenti adesso, fans di John Malkovich?

"Cannibal ce l'ha con me solo perché non prego il suo Dio: Kanye West."
E dopo aver attaccato John Malkovich e me stesso, passo ora a prendermela anche con Educazione siberiana. Nessuna pietà per niente e nessuno, oggi.
Educazione siberiana è la versione brutta di un bel film. Tratto dal romanzo omonimo di Nicolai Lilin che pare abbia avuto un discreto successo ma che non ho letto e che, dopo aver visto l’adattamento cinematografico, manco m’è venuta la minima voglia di recuperare, Educazione siberiana è la classica storia di formazione. Allo stesso tempo è anche una vicenda criminale. In pratica, si tratta di una formazione criminale.
In Moldavia, il bimbominkia Kolyma è cresciuto insieme all’amichetto Gagarin dal nonno John Malkovich, che insegna loro i precetti base della comunità criminale siberiana. Secondo la sua particolare visione del mondo, i soldi non vanno mai tenuti in casa. Roba che se passa uno da te e ti regala un milione di euro (fatto che potrebbe realmente capitare) tu devi dire: “I soldi? No, bleah, che schifo. Vade retro Satana.” I soldi sono banditi, ma non la violenza. In pratica è su queste basi, e su qualche altra cacchiata che ora non ricordo, che si fonda l’educazione siberiana.
Bella, eh? Vi è venuta una gran voglia di iscrivervi subito a un corso di educazione siberiana dance, vero?

"Ma tu hai capito cos'è, 'sta educazione siberiana?"
"Macché, io da quella materia e da religione mi sono fatto esonerare..."
La vicenda del film ci viene presentata su due piani temporali. In uno, Kolyma è ormai cresciuto ed è diventato un soldato, nonostante ciò sia contrario ai comandamenti siberiani. Nell'altro, attraverso una serie di flashback, andiamo inoltre a rivivere il passato da bambino prima e ragazzetto poi del protagonista e dei suoi amici. Chi sono, questi amici?
Gagarin è un po’ la mela marcia della band e, da bravo giovane delinquentello qual è, finisce dritto per dritto in galera. Non importa sia solo un bambino. In Moldavia si scherza mica. Vai in galera subito. Non devi aspettare l’appello, in controappello, il via libera del Parlamento…
Gli altri due della baby-gang sono Vitalic (Vitalij Porshnev), quello un po’ indie-nerd con gli occhiali che sembra uscito da un film di Wes Anderson, e Mel (Jonas Trukanas), quello grassottello che sembra uscito da Animal House e che, in teoria, dovrebbe essere il simpa della cumpa. Due personaggi potenzialmente interessanti che invece rimangono sullo sfondo, senza ritagliarsi grossi momenti memorabili, se non una tragedia che riguarda uno dei due. Chissà chi?
Peccato, perché i giovani siberiani avrebbero potuto formare un quartetto di amiconi come gli hobbit de Il signore degli anelli. È anche qua che sta la differenza tra il cinemino italiano attuale e i filmazzi americani. Per quanto stereotipati e ripetitivi possano essere pure questi ultimi, di solito c’è una buona costruzione dei personaggi secondari. Fosse stato un film americano, Vitalic e Mel sarebbero probabilmente diventati degli idoli. Ma vabbè, l’importante è che almeno i personaggi principali siano costruiti al meglio, giusto?

Giusto, solo che sono proprio loro ad essere i problemi principali del film. Il protagonista non suscita il minimo di simpatia, né empatia. Perché dovrebbe fregarcene qualcosa di lui? È un personaggio del tutto anonimo, che non ci viene mai mostrato davvero da vicino. Capisco la tipica freddezza dei russi, ma davvero è impossibile affezionarsi a un protagonista del genere. Non aiuta di certo l’interpretazione dell’esordiente lituano Arnas Fedaravicius. Raramente ho visto un attore più inespressivo, action heroes degli anni ’80 esclusi. Va un po’ meglio con l’amico del protagonista, Gagarin (Vilius Tumalavicius), personaggio cattivello che però pure lui non viene sviluppato a dovere.
In mezzo ai due protagonisti, come al solito, ci si mette una donna. Ed è una donna particolare. Una un po’, come dire? In maniera politically incorrect potremmo definirla una “ritardata” mentre nel film viene definita in modo molto politically correct una “voluta da Dio”. Un personaggio singolare che potrebbe dare un tocco di originalità alla pellicola e invece no. A completare un cast pessimo, ma d’altra parte cos’aspettarsi da un regista che come attore feticcio ha Diego Abatantuono?, c’è la nota più negativa: Eleanor Tomlinson, già impalpabile presenza de Il cacciatore di giganti, che nei panni della tipa “voluta da Dio” offre una delle peggiori interpretazioni femminili dai tempi di Keira Knightley in A Dangerous Method.

"Ma come? Fai tanto il duro e poi vuoi che ti tatui il volto angelico di Justin Bieber?"
A proposito del cinema di David Cronenberg, Gabriele Salvatores ha voluto girare un po’ il suo La promessa dell’assassino, così come evoca vagamente anche City of God, Romanzo criminale e I guerrieri della notte. Anche se il riferimento principale del regista italiano sembra essere un altro, molto poco impegnativo: C’era una volta in America di Sergio Leone. In teoria, nelle sue intenzioni è una specie di C’era una volta in Siberia. In pratica, è una copia sbiadita girata a tratti con stile da videoclip anni ’90, perché fa figo, a tratti con stile più classicheggiante. Indeciso su quale direzione prendere, Salvatores ci infila dentro pure la splendida “Absolute Beginners” di David Bowie, in quella che (teoricamente) dovrebbe essere una delle scene emotivamente più forti della pellicola. Ma una bella canzone non basta per fare una bella sequenza, né tanto meno un bel film.
Il risultato finale è una pellicola che non riesce minimamente a lasciare il segno. Laddove probabilmente il romanzo riusciva a far avvicinare il lettore all’esperienza della vita in queste gang criminali post-URSS, provata in prima persona dall’autore Nicolai Lilin, l’adattamento di Salvatores appare del tutto distaccato e non coinvolge. Va bene la freddezza, ma qua tira proprio un gelo siberiano.
(voto 5/10)



20 commenti:

  1. Pensa che io di questo gran brutto film salvo giusto l'interpretazione di John Malkovich!

    RispondiElimina
  2. Non sono un fan di John Malkovich ma questo film ormai me lo sono "procurato", quindi bene o male in questi giorni me lo guardo :)il professore di educazione fisica secondo me è un bel mestiere, di educazione siberiana non credo :D

    RispondiElimina
  3. A me il film è piaciuto, però bella recensione, ho aprrezzato soprattutto l'attacco a te stesso! ;)
    Baingiu

    RispondiElimina
  4. Non lo so, io ho un debole per John e anche per Stormare, quindi prima o poi lo recupererò il film prima o poi... anche se fa schifo XD

    RispondiElimina
  5. Mi dici come va a finire così evito di scaricarmelo e perdere tempo a vederlo? :-p
    Comunque zio Malkovich è un bravo attore, ne Le relazioni pericolose è un grande Valmont. è pure più figo di Keanu Reeves, più giovane, ma poco sexy nel bellissimo film di Frears. Che poi da quando ha cominciato a perdere i capelli non ne azzecca più una, quello è un altro discorso!

    RispondiElimina
  6. Pure a me non aveva convinto per niente, per carità, meglio di altre commediucole italiane ma di strada ce n'è ancora da fare!

    RispondiElimina
  7. Noooo. Mi hai bruciato l'unico film che desideravo davvero vedere!!! Basta. Adesso sono depressissima! :(

    RispondiElimina
  8. Perchè John Malkovich è considerato un grande attore?
    Dunque, per:
    Morte di un commesso viaggiatore
    Lo zoo di vetro
    L'impero del sole
    Il tè nel deserto
    Uomini e topi

    ..ed altri due o tre. Così, tanto per.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e i film memorabili quando arrivano? :D

      Elimina
    2. Si parlava di interpretazioni...

      Elimina
  9. Pure troppo per 'sto film, una delusione abnorme. Ora mica pretendo che Gabrielone tiri fuori sempre pellicole del calibro di "Io non ho paura", però 'sta ciofeca è imbarazzante...

    Se ti interessa, qui c'è la mia vecchia recensione

    http://saix91.wordpress.com/2013/03/18/educazione-siberiana-2013/

    RispondiElimina
  10. Non mi attirava per nulla, dunque direi che posso saltare.
    Del resto, non mi piace essere troppo educato. ;)

    RispondiElimina
  11. Salvatores ormai non azzecca più un film nemmeno a farlo apposta...

    RispondiElimina
  12. Concordo: Malkovitch è un sopravvalutato (bravino, sì; diciamo che le parti da cattivo gli riescono bene...)
    a me è piaciuto solo in BURN AFTER READING (forse perché uccide Brad Pitt)

    RispondiElimina
  13. Hai ragione su tutto, i personaggi non erano per nulla sviluppati. Peccato perchè l'idea di fondo era carina, inizialmente mi ha ricordato un po' i romanzi di formazione alla Dickens ma questa sensazione è durata poco. L'unico che mi piaceva era Vitalic, mi faceva troppa tenerezza!

    RispondiElimina
  14. Ti dirò che io ho quasi preferito il film al libro... non che corrispondano proprio. Il libro finisce molto prima, delle vicende narrate nel film, che sono proprio stravolte (da quello che ho capito hanno compensato assieme più libri di Lilin). Se le vicende sono comunque meglio narrate nel libro, quest'ultimo mi ha proprio annoiato perché sembra più un saggio di educazione siberiana che un romanzo. Ed io oddio la saggistica.

    RispondiElimina
  15. Non sono critica cinematografica ma John Malkovic lo amo (Les Liaison Dangereuses dove le mettiamo??). Se posso ulteriormente permettermi: il film fa cagarissimo, il libro è splendido e non centra nulla col film, al trama anche anche, ma i personaggi del film sono campati per aria come pochi...

    comuqneu sia...Ti leggo da poco ma mi fai morire dal ridere!

    Greta

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com