lunedì 24 giugno 2013

STOKAISER


Stoker
(UK, USA 2013)
Regia: Park Chan-wook
Sceneggiatura: Wentworth Miller, Eric Cressida Wilson
Cast: Mia Wasikowska, Nicole Kidman, Matthew Goode, Alden Ehrenreich, Lucas Till, Jacki Weaver, Dermot Mulroney, Harmony Korine
Genere: omicida
Se ti piace guarda anche: Bates Motel, The Quiet - Segreti svelati

Stoker comincia con la morte di Stoker. Il capofamiglia degli Stoker.
Che si fa quando il personaggio che dà il titolo al film è già morto ancora prima che cominci la visione? Come si prosegue?
Si racconta cosa combina il resto della sua famiglia dopo la sua morte. E si racconta anche di come si è arrivati alla sua morte. Da una parte abbiamo quindi un drammone famigliare, ma nemmeno troppo drammone visto che della morte di Stoker non sembra fregargliene di meno a nessuno. Dall’altra parte abbiamo invece una vicenda dai contorni thriller-horror, solo che la vicenda thriller è prevedibilissima anche per uno come me che di solito non ci azzecca mai su cosa capiterà, e come horror con vale nulla.

Che si fa quando una pellicola viene uccisa direttamente nel primo paragrafo della recensione? Come si prosegue il resto del post?
Potrei inserire video di cuccioli che combinano guai, che quelli in rete vanno sempre forte. In alternativa potrei mettere delle immagini della protagonista Mia Wasikowska nuda, solo che non si trovano e ci sono solo degli spudorati fotomontaggi come questo.

Tipica tensione sessuale tra nipote e zio. Tipica?
Un altro modo per occupare il resto del post è allora quello di cercare di trovare dei punti a favore di questo film. Impresa non semplicissima, ma nemmeno impossibile. La sceneggiatura è firmata dall’esordiente Wentworth Miller, il protagonista della serie tv Prison Break che, non si sa bene perché, ha deciso di gettarsi nella scrittura con risultati, almeno da questo primo tentativo, piuttosto scoraggianti. La vicenda non cattura e i personaggi si comportano in maniera del tutto casuale. Un esempio dell’assurdità di questo script?
ATTENZIONE SPOILER I vari personaggi prima sembrano tranquilli, poi si trasformano in psicopatici e/o killer, senza ragione. Prendiamo anche un personaggio minore, come il liceale Aiden Ehrenreich (attore promettentissimo) che prima difende la protagonista Mia Wasikowska, fa tutto il romantico con lei, e poi si trasforma in uno stupratore. Ma perché?
Piuttosto inspiegabili anche gli echi incestuosi della vicenda, così come è caratterizzato davvero male il percorso della protagonista da ragazzetta secchiona a spietata assassina. FINE SPOILER

"Mi faccio una lampada che sono pallida."
Avevo detto che volevo trovare dei punti a favore del film?
L’avevo detto veramente?
Mannaggia a me. Non li ho ancora trovati, ma ci sto arrivando. Forse. Se la sceneggiatura è confusa, sostanzialmente inconcludente, con cali di ritmo paurosi, la regia non è del tutto da buttare. Park Chan-wook, il celebrato regista sudcoreano di Gangnam Style Oldboy, cerca di movimentare come può una storia di scarso interesse e per di più scritta male con un montaggio veloce, con qualche invenzione autoriale e qualche ripresa fantasiosa. In questo modo non riesce a prendere possesso totale della pellicola, ma se non altro fa intravedere qualche lampo decente di cinema. Il sudcoreano è alla sua prima volta con una pellicola in lingua inglese e paga lo scotto del grande salto dalle parti di Hollywood, con un film che sembra suo soltanto in parte e che perlopiù sembra essergli sfuggito di mano. Non è il primo a cui capita una cosa del genere, non sarà l’ultimo. L’augurio è che non faccia la fine del nostro Gabriele Muccino. Soprattutto fisicamente.

L’altro elemento positivo del film è la protagonista. Mia Wasikowska continua a essere convincente in film poco convincenti. Da queste parti, una pellicola in cui recita è ormai garanzia quasi automatica di una insufficienza, manco fosse Angelina Jolie o Will Smith, con la differenza che a me la Waginowska piace. La ritengo una delle migliori giovani attrici in circolazione. Pur priva del fascino da cucciola di una Carey Mulligan o del sex appeal di una Amber Heard e pur non avendo fatto finora un film davvero memorabile, per me è una delle meglio tipo oggi in circolazione a Hollywood. Peccato che, pur lavorando con registi di talento, finisca spesso e volentieri per fare filmetti poco riusciti come Alice in Wonderland, Albert Nobbs o Lawless. La fanciulla comunque è giovanissima, ha appena 23 anni, e quindi ha davanti a sé ancora tutto il tempo di lasciare il segno con una parte degna di nota. Se magari cambia agente però è meglio. Io non sono un agente, Mia, ma peggio del tuo attuale non credo di poter fare.
Meno convincente il resto del cast: il britannico Matthew Goode con quella faccia da good man come villain non funziona e poi c’è la Nicole…
Aah, la Nicole. Quanto era brava una volta! Brava, brava. Fino a una decina di anni fa faceva le scarpe a tutte. Adesso invece Nicole Kidman si è ninamorizzata. C’ha ste labbrazze innaturali. C’ha sta faccia finta che ormai le potrebbe garantire un ruolo azzeccato giusto in una puntata di Nip/Tuck, se ancora ci fosse.

"Che hai contro Nina Moric, Cannibal? E' una grande artista e performer."

"Suca, Carrie Bradshaw. Ho più scarpe di te!"
Il cast, che comprende anche il regista Harmony Korine in una piccolissima parte, è sfruttato quindi soltanto in parte, ma i punti a favore del film non finiscono qui…
Dite che finora i punti a favore non sono stati molto convincenti?
Vabbè, allora dico che le atmosfere non sono malaccio. Il film è ambientato nel presente, però è avvolto in un’ambientazione gotica retrò che ha il suo fascino. Se la parte thriller fosse più tesa e imprevedibile, la pellicola sarebbe potuta uscire meglio. C’è anche una buona cura per i dettagli. Le scarpe, ad esempio. Le scarpe sono un dettaglio essenziale nel film, anche se, certo, quando le scarpe sono l’elemento più intrigante di una pellicola non è un buon segno per la pellicola stessa.

Una nota completamente positiva a questo film allora la vogliamo trovare, o no?
Dai che alla fine ci sto arrivando: la colonna sonora. Le musiche originali di Clint Mansell, compositore abituale per il genio Darren Aronofsky, sono molto fascinose e in più a un certo punto risuona “Summer Wine” cantata da Lee Hazlewood & Nancy Sinatra & per un istante ci si illude di trovarsi dentro a una bella visione. Così non è. Stoker è un film nato già morto, come il personaggio che gli dà il titolo.
(voto 5,5/10)



14 commenti:

  1. Tanto ormai lo so che quando tu trovi un film mediocre a me piace. Questo mi rincuora molto :D

    RispondiElimina
  2. Delusione altissima anche per me, anche perché il buon Park ha fatto "Oldboy" che credo sia il mio film preferito. Qui stilisticamente è un film magnifico, ma la storia non porta da nessuna parte.

    RispondiElimina
  3. A me è piaciuto parecchio, pur non avendo mai visto altro del regista. La Wasikowska è stata grandiosa, secondo me, e la Kidman, anche se sembra indossare peremente una maschera di cera, con quella faccia di cavolo che adesso si ritrova, era perfetta nel ruolo della "matrigna"/madre fredda e distaccata.

    RispondiElimina
  4. Una delusione, l'ho visto in lingua originale coi sottotitoli, - da me al cinema non esce, in compenso ho usato lo streaming per vederlo - ma è un film scontatissimo, si capisce tutto nei primi istanti, poi non rispetta mai quello che promette, Nicole Kidman in pratica fa una caricatura dei personaggi che ha interpretato, la migliore di tutti? Mia Wasikowska, che praticamente si mangia sia la Kidman che Goode, io avevo moltissime aspettative da questo film, ma sono state deluse, ora vediamo di vederlo in italiano, magari mi è sfuggito qualcosa.

    RispondiElimina
  5. Il massimo che riesci a fare per rendere un'inconcludente recensione almeno divertente è paragonare la Kidman alla Morich (Cosa mai fatta da nessuno! Che originalità!), cercare di rendere il film ridicolo unendoti ai pareri espressi da buona parte della massa che non ha apprezzato il film, certo con questo spirito puoi dire anche che il miglior film di sempre da tutti riconosciuto è un film inutile, e non mi riferisco a Stoker ovviamente. Dire che la regia di Park Chan-wook non è del tutto da buttare poi... Di recensioni così ne puoi scrivere a vagonate, non ti devi mica sforzare chissà quanto a capire il film, hai un futuro nel giornalismo italiano perché come la maggior parte dei nostri giornalisti non sai scrivere!

    La regia del film è splendida, così come la colonna sonora, la sceneggiatura che viene recepita da molti come inconsistente contiene molti spunti e riferimenti. Lo script in questione è stato nella Black List del 2010. Se si parla di inconsistenza allora prenderei a esempio il tuo articolo, e il tuo blog per intero! Girate altrove sul web per trovare vere letture del film e vere sceneggiature e non sproloqui inutili di chi non ha nulla da dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa? Come fai a giudicare una persona dal parere esposto? Ma ci sei o ci fai? Ognuno davanti a un film ha una reazione differente, non per questo devi sparare a zero e cominciare a giudicare - per altro senza mettere la tua faccia e il tuo nome - un blogger, a lui non è piaciuto, puoi non condividere il suo parere ma non ti devi permettere di giudicare una persona che tra l'altro nel suo blog ha 856 followers, e se non sapesse scrivere non ne avrebbe nemmeno uno, poi punto secondo, come fai a giudicare un blog solo per aver letto un articolo? Non si giudica un libro dalla copertina e tantomeno non si giudica un blog da UN SOLO ARTICOLO.

      Elimina
  6. Mi trovo in disaccordo con l'articolo, e con chi ha criticato il film, a mio parere Stoker merita, e non è vero che manca una vera e propria sceneggiatura, piuttosto manca una sceneggiatura tradizionale e lineare che a prima vista potrebbe sembrare inconsitente. Cito un articolo letto stamattina sul film:
    "Park Chan-wook dirige lo spettacolo con il consueto mix di maestria ed eleganza, in bilico come sempre tra sporcizia e sublime, tra estasi e crudeltà. Montaggi in parallelo e flashback concorrono a definire l'intelaiatura ossessiva della pellicola, creando una suspense notevole. Come notevoli sono anche i tre protagonisti, con la patetica vedova Nicole Kidman, il gelido ed enigmatico Matthew Goode e Mia Wasikowska nei panni della vergine che finisce col surclassare il suo maestro quanto a cinica depravazione."

    Il regista è un maestro indiscusso, e lo sceneggiatore ha cercato di esprimere qualcosa di orginale, anche se magari non è riuscito al 100%, per me il film diventerà un piccolo cult. Infine la Kidman paragonata alla Morich, (giusto perché ho letto quella lavata di testa scritta qui sopra XD) è davvero sacrilego e lasciamelo dire, poco orignale. A me piace da matti il tuo blog ma in questo caso, e forse anche altre volte, diventa un po' banale! Se non sai cosa scrivere, non scrivere proprio!

    RispondiElimina
  7. Peppa, ma cosa sta succedendo!? Ti prendi le bottigliate dai soliti e repressi anonimi per un film sul quale siamo completamente d'accordo e che io bottiglierò domani!?
    Il mondo è sull'orlo della fine! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ford mi trovi completamente daccordo :D

      Elimina
  8. A me è piaciuto e anche secondo me diventerà un piccolo cult. I gusti son pur sempre gusti, anche se mi devo recuperare almeno la trilogia della vendetta per capire bene cosa vi aspettavate di vedere voi, perché io non mi aspettavo niente e ho trovato ben più di qualcosa. Anzi me lo sono anche rivista da quanto mi aveva presa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cannibal Mia per me ha brillato in Jane Eyre davanti a quel figaccione di Rochester/Fassender, per me il ruolo di Jane Eyre e questo sono tra i migliori che ha fatto fino ad ora.

      Elimina
  9. Anch'io rimpiango la Nicole Kidman di x anni fa.E' da secoli che non recita + :((((

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com