domenica 17 novembre 2013

AAA STAGISTI PER PENSIERI CANNIBALI CERCASI




Gli stagisti
(USA 2013)
Titolo originale: The Internship
Regia: Shawn Levy
Sceneggiatura: Vince Vaughn, Jared Stern
Cast: Vince Vaughn, Owen Wilson, Aasif Mandvi, Rose Byrne, Josh Brener, Dylan O’Brien, Tiya Sircar, Tobit Raphael, Max Minghella, Jessica Szohr, Josh Gad, Eric André, JoAnna Garcia Swisher, Rob Riggle, Harvey Guillen, B.J. Novak
Genere: precario
Se ti piace guarda anche: Monsters University, La rivincita dei nerds

Ho fatto tante volte lo stagista, nella mia vita.
Una ad esempio è stata quella per il Presidente degli Stati Uniti. Erano gli anni ’90…
Ah no, mi sa che quella volta non ero io.
Comunque, almeno da quelle che sono state le mie esperienze, posso dire che fare lo stagista non è proprio il massimo della vita. Quella dello stagista è infatti una situazione piuttosto degradante, perché:


  • Vieni trattato come l’ultima ruota del carro.
  • Non hai alcun diritto.
  • Ogni giorno potrebbe essere l’ultimo. In azienda, così come anche proprio l’ultimo l’ultimo, considerando come agli stagisti vengano offerti i lavori non solo più umilianti, ma anche più mortalmente pericolosi.
  • Non sei pagato, se non con buoni omaggio per i film al cinema. Ma solo per i film di Moccia.
  • Non sei pagato, e a volte nemmeno con buoni omaggio per i film di Moccia. E questa è la parte più piacevole della tua giornata come stagista.

La condizione dello stagista è stata portata su piccolo schermo in maniera esilarante, quanto tristemente veritiera, da Alessandro Tiberi nella serie tv italiana (sì, ogni tanto anche in Italia si fanno serie tv e non fiction) Boris.



Alessandro Tiberi è la dimostrazione vivente di come si possa passare dalla gavetta come stagista a fare grandi cose. Lui è finito a recitare con Woody Allen, signori e signore.
In che film?
Ah già, To Rome with Love, probabilmente il peggior Woody Allen della storia e al suo fianco c’era Alessandra Mastronardi…
Ok, esempio sbagliato. Alessandro Tiberi è la dimostrazione vivente di come fare lo stagista non porti da nessuna parte.

"Cannibal Kid parla di noi..."
"So' soddisfazioni!"
Visto che di esempi di stagisti vincenti non me ne vengono in mente, non in questo momento, passiamo alla pellicola incentrata su questa povera razza.
Gli stagisti è un film assolutamente prevedibile, che sa di già visto, che segue il copione tipico delle tipiche comedy americane, con tanto di ricerca dell’automiglioramento personale, dello spirito di gruppo e di tutti i valori che fanno Grande il Grande Popolo Americano. A ciò ci aggiungiamo anche qualche scontato, e parecchio abbozzato, risvolto sentimentale con la sempre gradevole alla vista Rose Byrne, e il gioco è fatto. Da questo punto di vista, Gli stagisti non spicca certo. Eppure mi è piaciuto. Perché?

Innanzitutto per la simpatia che provo per la categoria degli stagisti. Scusate, ma io preferisco una pellicola incentrata su degli stagisti piuttosto che una su dei robottoni. Non ci posso fare niente. Sarò razzista io. Al di là di ciò, Gli stagisti è una perfetta commedia nell’epoca della crisi. A livello di risate non è che faccia farne proprio tantissime. Il suo è piuttosto un riso amaro. È una riflessione sul mondo precario e sulla situazione lavorativa di oggi leggera, molto leggera, leggerissima, quanto leggermente efficace.

"Sì, carini i cappellini, però penso che Pensieri Cannibali
possa offrirci di meglio..."
La trama è presto detta. I due protagonisti Owen Wilson e Vince Vaughn, back together dopo lo spassosissimo 2 single a nozze, perdono il loro lavoro da un giorno all’altro, dopo anni di onorata carriera come venditori. Spunto tremendamente attuale e tremendamente tragico che potrebbe essere l’inizio di un dramma, invece dà il via a una comedy, ottimista e ruffiana fin che si vuole, ma che ogni tanto ci vuole.
A questo punto, una volta in mezzo a una strada o quasi, i due decidono di cambiare campo e iscriversi a un’università online, in modo da poter prendere parte a uno stage presso Google. Ok, per due quartanteenni come loro fare uno stage gratuito non sarà magari il massimo della vita, però è il massimo che la vita di oggi può offrire. Cioè, stiamo pur sempre parlando di Google, mica di Pensieri Cannibali.
Le decine e decine di stagisti vengono divisi in vari gruppi e soltanto un gruppo, quello vincitore di una competizione lunga tutta l’estate, verrà assunto a tempo pieno da Google. La trama ricorda quella di Monsters University, che a sua volta ricordava quella de La rivincita dei Nerds, che a sua volta ricordava le sfide olimpioniche, che a loro volta ricordavano forse qualcos’altro…
"Sei sicuro che facciamo bene ad abbandonare Google per andare
a Casale Monferrato a lavorare per Pensieri Cannibali?"
"Certo, come no? Intanto vai avanti tu..."

Da qui in poi è un susseguirsi di sfide tra i vari gruppi di stagisti e di scene come detto piuttosto prevedibili. Non c’è niente di troppo inaspettato. Però i due cazzoni protagonisti fanno troppa simpatia e pure i personaggi minori, un gruppo di nerd e di loser assortiti che sembrano usciti da una puntata del Glee dei primi tempi, per quanto stereotipati, fanno troppa simpatia, soprattutto il promettente Dylan O'Brien di Teen Wolf e The First Time, e allora questi stagisti non faranno morir dal ridere, non brilleranno per originalità o qualità particolarmente elevate, però non puoi non voler loro bene e alla fine ti viene persino voglia di offrirglielo, un lavoro. E allora, se l’esperienza con Google dovesse finire, venite pure qui a Pensieri Cannibali a fare uno stage, cari i miei stagisti. Però vi avverto, non verrete pagati. Se non con buoni omaggio per i film al cinema. Ma solo per i film di Moccia.
(voto 6,5/10)



16 commenti:

  1. quasi quasi me lo sparo giusto per ricordarmi che sono nella stessa identica situazione...essereproduction assistant è uguale ad essere una merda ambulante... peggio dello stagista! :(

    RispondiElimina
  2. Due single a nozze non mi dispiacque, anche se ultimamente i due separatamente hanno fatto poco ridere. Il tema dello stage è interessante ed attuale, anche perchè fare uno stage non retribuito è una vera impresa; i curriculum penso vengano stracciati alla velocità della luce :)

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Non l'ironia, ma il sarcasmo di Owen mi ricorda la recitazione improvvisata e scanzonata dei fratelli Marx. Quando poi recita in coppia con il suo amico Ben Stiller, il livello della demenzialità colta e delle gag erudite, supera ogni apogeo esistente nell'Universo

    RispondiElimina
  5. Io ci vengo a fare lo stagista da te.Non è che mi puoi pagare in bourbon e birra ? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, mi spiace. l'unica paga sono i biglietti per i film e i dvd di moccia.
      e pure i libri. sempre di moccia :)

      Elimina
  6. francamente non mi ispira molto, ho un sacco di altre visioni più ninteressanti in arretrato!

    RispondiElimina
  7. Ah io un paio d'ore di stage con questi tizi me le faccio volentieri. ^_^

    RispondiElimina
  8. mi sa che sto film me lo guardo, tanto per staccare, e guardarsi una commedia per divertirsi :)

    RispondiElimina
  9. Già il film due singol a Nozze ha dato il meglio di sè,immagino questo u-u

    RispondiElimina
  10. Non mi ispira per nulla, ma potrei guardarlo pensando a te che fai il mio stagista! Ahahahahah! ;)

    RispondiElimina
  11. la stagista...
    mai fatto la stagista, dici che è una di quelle cose che BISOGNA fare?
    boh, il mio approccio col mondo del lavoro è stato talmente diretto!

    RispondiElimina
  12. Risate poche, e soprattutto uno spottone senza fine a Google (come se ne avesse bisogno), in cui fare lo stagista non ha niente a che vedere con lo "stagismo" di tutti i giorni. Qui siamo ben oltre il product placement, c'è il corporate placement!

    RispondiElimina
  13. Vince Vaughn e Owen Wilson sono poco credibili come stagisti, ma il film è buono

    RispondiElimina
  14. in questo preciso momento stagista è l'unica parola con cui mi sveglio e che ho ancora in testa quando vado a dormire... anche un film probabilmente non lo sopporterei...
    c'è di buono che se mia pagano con i libri di Moccia, potrei finalmente porre fine al traballamento del mio Lack Ikea e scrivere senza più soffrire il mal di mare...:-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com