domenica 2 febbraio 2014

VEDI THE COUNSELOR E POI MUORI




The Counselor – Il procuratore
(USA, UK 2013)
Titolo originale: The Counselor
Regia: Ridley Scott
Sceneggiatura: Cormac McMarthy
Cast: Michael Fassbender, Penélope Cruz, Cameron Diaz, Javier Bardem, Brad Pitt, Bruno Ganz, Rosie Perez, Toby Kebbell, Emma Rigby, Édgar Ramírez, Dean Norris, Natalie Dormer, Goran Visnjic
Genere: ridicolo
Se ti piace guarda anche: Basic Instinct 2, The Mexican, Domino

The Counselor – Il procuratore è come Napoli.
Mi spiego meglio: avete presente il detto “Vedi Napoli e poi muori?”. Ecco, per The Counselor vale lo stesso, sebbene giusto in un’accezione un filo meno positiva.

Vedi The Counselor e poi, se sopravvivi, ti chiedi: “Ma chi l’ha scritto, un abominio del genere?”
Come risposta ti aspetteresti un: “Stephenie Meyer sotto droghe pesanti”.
O, peggio ancora, un: “Stephenie Meyer da sobria”.
O, pure peggio, un “Federico Moccia in collaborazione con Nicholas Sparks alle prese con una storia pulp.”
E invece no. A scriverlo è stato il Premio Pulitzer Cormac McCarthy. Il premio più importante della narrativa americana l’ha ricevuto per La strada. Io non ho letto quel libro, avevo solo visto il film The Road con Viggo Mortensen, una specie di versione seria di Io sono leggenda e The Walking Dead, ma sono sicuro che se lo sia meritato. Se per La strada gli hanno dato il Pulitzer, adesso, per compensare, per la sceneggiatura di The Counselor devono dargli minimo la sedia elettrica. Un film del genere sembra scritto da un 14enne arrapato che nella sua vita al massimo ha scritto la lista della spesa, non da un 80enne Premio Pulitzer considerato un genio mondiale. Eddai, se quest’uomo si merita un Pulitzer, a quando un Premio Nobel per la Letteratura a Fabio Volo? O a me?

I dialoghi del film, quello sui diamanti tra Bruno Ganz e Michael Fassbender, sono una vergogna. Vorrebbero rivelare chissà quali verità sul mondo e invece finiscono per non dire niente. Sono fiumi di parole inconsistenti e noiosi. Dialoghi letterari che su carta potrebbero magari funzionare, sebbene non ci giurerei, ma che ascoltati recitati da degli attori, solitamente attori validi tra l’altro, perdono di senso. Tocca sentire Javier Bardem e Cameron Diaz scambiarsi opinioni profonde come:

È un po’ fredda come visione, non ti pare?
La verità non ha temperatura.

La stessa povera attrice è poi chiamata a cimentarsi in quella che fin da ora di candida al titolo di scena scult dell’anno: Cameron Diaz che si scopa un’auto. Detta così sembra una figata. Vi assicuro che non lo è. È una delle scene meno sexy cui si possa assistere. Grazie a momenti del genere, questo film è riuscito a farmi rivalutare persino Basic Instinct 2. Di brutto.


Il regista Ridley Scott ha dedicato The Counselor alla memoria del fratello Tony Scott, scomparso nel 2012, ma questo film è un affronto nei suoi confronti. Sembra quasi che Cormac McCarthy abbia voluto scrivere la parodia di un film hollywoodiano alla Tony Scott, quei thriller fracassoni e pulp stile Domino o Una vita al massimo. Peccato che quella che gli è uscita è soltanto la pessima copia di un film alla Tony Scott. Che brutto modo di omaggiarlo.

"Cos'è? Una manifestazione contro questo film?
Allora mi aggrego anch'io!"
Oltre a essere scritto da cani, altroché da un Pulitzer, con una trama assurda e priva di interesse alcuno, The Counselor è un film girato con stile ultrapatinato quanto lento, ultralento, come se Ridley Scott si fosse trasformato in un Michael Bay sotto sedativi. È un divertissement di lusso che non diverte nessuno. Persino gli attori, persino uno sprecatissimo Michael Fassbender, paiono annoiarsi a morte e paiono non comprendere le battute che McCarthy ha messo in bocca ai suoi personaggi.

Non capisco cosa stai cercando di dirmi” dice Michael Fassbender.
Non lo so” gli risponde Javier Bardem.

In questo stupendo dialogone possiamo riassumere il (non) senso dell’intera visione. Un insulto all’intelligenza umana, un insulto al cinema, un insulto alla memoria di Tony Scott. Un thriller senza tensione, un action movie senza azione, un dramma senza drammi che si sarebbe potuto salvare solo con un po’ d’ironia e invece, a parte qualche battutina penosa che poteva risparmiarsi, si prende troppo dannatamente sul serio. Dopo aver visto una cosa del genere, giuro che sto male. Malissimo. Mi sento in fin di vita.
Vedi The Counselor e poi muori.
(voto 2/10)

P.S. Tralasciando il look osceno, Javier Bardem qui riesce ad avere un taglio di capelli (forse) più scandaloso che in Non è un paese per vecchi. Evidentemente quello da cui proviene non è un paese per parrucchieri.

Peggio così?

O così?

P.P.S. Ma la scena conclusiva?
Sbaglio o è il finale più ridicolo di sempre?

52 commenti:

  1. Ahaha telepatia. Ti avevo appena commentato l'altro post. Brutto sul serio. Tralasciando il sangue e le teste che volano, la Cruz era scialba, Fassbender un figone, ma senza personalità. Il Brad con la sua faccia botox potevano lasciarlo a casa.
    Cameron Diaz è una garanzia, anche conciata come Moira Orfei.

    E dire che il cunnilingus iniziale mi aveva quasi fatto ben sperare...

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. cosa, la recensione?
      aspetta di vedere il film... ;)

      Elimina
  3. Bardem meglio con il look da "cane per vecchie" :D non ho letto ancora una recensione positiva di The Counselor, ma lo vedrò ugualmente :D

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. io questo non posso garantirlo.
      se ti succede qualcosa, non dire che non ti avevo avvisato...

      Elimina
  5. Marco, una sola parola..preferisco vivere...
    Purtroppo alla morte ho già pagato il mio prezzo poc tempo fa!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmm... cosa intendi?
      hai avuto un'esperienza di pre-morte?

      Elimina
    2. No, è solo morto improvvisamente il mio compagno neanche un anno fa...
      Mio caro volevo informarti che con immensa gioia almeno per me, ti ho lasciato un piccolo pensiero nel mio blog..
      Accettalo se ti fa piacere, ma soprattutto accetta tutto il mio affetto e la mia simpatia!!!

      Elimina
  6. Io mi riprendo ora dalla delusione. Ho una sorta di venerazione per McCarthy e quindi avevo riposto un filino di speranze nel film e invece più ci penso più mi dico che il Cormac si dev'essere rincoglionito di brutto.
    La coppia Cruz-Fassbender l'ho trovata inutile: noiosi e mielosi... ci mancavano cuoricini e unicorni. 'na gran sega a due mani, insomma. In più la trama è piena di buchi, e confusissima. Le uniche cose che mi sono piaciute sono:

    1) Cameron Diaz versione puttanone.
    2) I capelli di Bardem.
    3) La telefonata tra Fassbender in macchina e il cattivone sull'inutilità del male.

    Fine. Basta.
    Ti approvo il voto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E soprattutto Cameron Diaz che si confessa. Quello vale tutto il film :)

      Elimina
    2. ah beh, se i capelli di bardem sono da mettere tra le cose positive, chissà quelle negative... :)

      Elimina
    3. Ma sono divertenti. Non fare il reazionario, su!
      Di negativo c'è il film!

      Elimina
  7. E io che pensavo di vedermi un filmone visti i nomi coinvolti... ho cercato fino all'ultimo di salvarlo e di giustificarlo, ma no, non si può.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per un film del genere non c'è alcuna possibilità di salvezza o di redenzione

      Elimina
  8. Giuro che non ho buttato avanti il film solo per vedere la spaccata della Diaz. No.
    Una delusione pure quella. Almeno Basic Instinct 2 era un'inutilità divertente: questo è pure una palla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cosa peggiore del film è appunto quella: è noiosissimo.
      poteva essere un trash ridicolo, ma almeno divertente, e invece no.

      Elimina
  9. Favolosa recensione!!! Condivido sulla nostra pagina Facebook .. perché non ho nessuna intenzione di andare a vedere questo film!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. thanx!
      comunque io ero curioso di vedere il vostro abbinamento culinario per una porcheria come questa... ;)

      Elimina
  10. No no no... ;-) Da queste parti il voto è 9/10. Uno dei più bei film visti in sala recentemente. Non sono " Sono fiumi di parole inconsistenti e noiosi" ma è una specie di "bibbia" atea. Peccato che in pochi se ne siano accorti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stai scherzando, vero?
      °_______°

      Elimina
    2. No. Gran film, sottovalutato come molti altri film di Scott. Pensavo di fare una recensione sul nostro sito - ma poi abbiam pensato che siam fuori target per quello che ci occupiamo - proprio perché da un lato non capiamo l'astio nei confronti di questo film e dall'altro la semplicità con cui lo si liquida: un giorno credo che questo film sarà rivalutato. Ovvio,in ogni caso, che è solo il mio parere. ;-

      Elimina
    3. sarei proprio curioso di leggere la vostra recensione per capire cosa ci avete trovato di tanto bello... ;)

      Elimina
  11. Non l'ho ancora visto. Ma qualcosa mi dice che mi toccherà bottigliare il fordiano McCarthy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero ti piaccia.
      così tornerai a essere davvero la mia nemesi! ;)

      Elimina
    2. Troppo tardi. Ormai siete come la Cruz e Fassbender senza cunnilingus. XD

      Elimina
    3. AAARGH!
      come siamo arrivati a questo punto? *____*

      Elimina
  12. A 'sto giro rimarrò vivo allora. Grazie della dritta... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. comunque è da vedere.
      per la lista dei peggiori film dell'anno (e forse della Storia) si è già conquistato un posto assicurato...

      Elimina
  13. Io vi avevo avvisato: scegliete Peppa Pig. Poi è normale che morite e poi resuscitate e poi rimorite all'istante.
    A me la scena di Cameron Diaz è piaciuta, non perché era sensuale ma perché era davvero comica!! Anche il congegno per strangolare è stato ben fatto. Il resto noia noia noia, unita a schifo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. peppa pig batte 'sta roba 10-0
      e io odio peppa pig...

      Elimina
    2. Schifo, condivido. E non capisco perchè Marco Goi alla fine dice che comunque è da vedere. Vogliamo proprio sorbirci tutto il peggio che ci viene propinato dai media!? Ce lo meritiamo? ....scontiamo ancora il "peccato originale"?
      Difendiamo la nostra salute mentale, quel poco di candore a cui ognuno deve lasciare un po' di posto nella propria anima. E scusate per la mia parolaccia scurrile: ho proprio detto anima!

      Elimina
    3. io sono un convinto sostenitore della teoria che anche i film brutti vadano visti, in modo da apprezzare ancora di più quelli belli.
      e poi questo the counselor è una lezione importante su come NON realizzare una pellicola. :)
      ulteriore motivo: fin da ora è un ottimo candidato alla mia classifica delle peggiori pellicole dell'anno! se guardo solo film meritevoli, come faccio a farla?

      Elimina
  14. Ci sarà qualcuno a cui è piaciuta stammerda??? Che poi mi devono spiegare come uno che è già murato di soldi (tra l'altro fatti, parole loro, onestamente) come "l'avvocato" (non ho guardato se avesse anche l'orologio sul polsino), debba immischiarsi in un traffico di droga tra colombiani e messicani... mah...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meglio non cercare spiegazioni, perché rischi soltanto di fotterti il cervello... ;D

      Elimina
    2. A me è piaciuta sta merda, anzi, non mi sembrava proprio una merda. E credo che la domanda che ti poni è inutile e assolutamente non centrale e comunque ci è capitato per "coincidenza".

      Elimina
  15. Grazie x la dritta, non lo vedrò' mai anche se con Fassy tirato a lucido la tentazione resta..io comunque il Pulitzer a te lo darei comunque per le fantastiche recensioni senza pietà' che fai :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se il pulitzer l'hanno dato all'autore di una simile immonda schifezza, c'è davvero speranza per tutti :)

      Elimina
  16. Ero quasi tentata, ma poi tu mi hai salvato la vita... grazie! :-)

    RispondiElimina
  17. Non l'ho visto, ma tutti ne parlano male. Non capisco perché Cormac McCarthy si sia dovuto rovinare il nome per debuttare al cinema! Non poteva continuare a scrivere libri????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non potrebbe semplicemente ritirarsi? :D

      Elimina
  18. ora si che mi hai innalzato le aspettative di visione...paradossalmente mi hai incuriosito perchè devo scoprire quanto riesca ad essere brutto 'sto film....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio, a te potrebbe persino piacere... :)

      Elimina
  19. Cavolo, questo post mi ha spiazzato...
    Non so che altro dire

    RispondiElimina
  20. Haha sei un grande, era spiazzante da quanto era brutto...e poi aspettavi e aspettavi che arrivasse un senso che non arriva mai. Un cast sprecato!

    RispondiElimina
  21. Haha sei un grande, era spiazzante da quanto era brutto...e poi aspettavi e aspettavi che arrivasse un senso che non arriva mai. Un cast sprecato!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com