sabato 12 aprile 2014

WHY DON’T YOU PLAY IN HELL? – SEMPRE SIA LODATO IL DIO DEL CINEMA




Why Don’t You Play in Hell?
(Giappone 2013)
Titolo originale: Jigoku de naze warui
Regia: Shion Sono
Sceneggiatura: Shion Sono
Cast: Hiroki Hasegawa, Gen Hoshino, Akihiro Kitamura, Jun Kunimura, Fumi Nikaidô, Tak Sakaguchi, Tomochika, Shin'ichi Tsutsumi
Genere: cinefollia
Se ti piace guarda anche: Kill Bill, gli altri film di Shion Sono



Il Dio del Cinema agisce per vie misteriose.
Sia lodato il Dio del Cinema!


Questo in pratica è il credo del protagonista del nuovo film del regista genio giapponese Shion Sono, Why Don't You Play in Hell?
Hirata, questo è il nome del protagonista della pellicola, è quello qui sotto.


Hirata è un ragazzo che fa il regista, o almeno ci prova, ed è a capo di una improvvisata troupe cinematografica chiamata Fuck Bombers, composta, oltre che da lui, anche da un esperto in carrellate, da una tipa fissata con le riprese a mano e da un attore che dovrebbe essere il Bruce Lee giapponese.


Hirata prega il Dio del Cinema affinché un giorno gli faccia avere l'opportunità di girare un grande film. Qualcosa che resti nella Storia.
Passano gli anni e non succede niente. Fino a che...
Fino a che il suo destino non si incrocerà con quello di Muto, un boss della yakuza, la mafia giapponese, che vuole girare una pellicola per far diventare sua figlia Mitsuko una star cinematografica, almeno agli occhi della moglie che sta per uscire di prigione. E' così che Hirata avrà l'opportunità di girare il grande film che tanto desiderava fare. Il Dio del Cinema agisce per vie davvero misteriose, ve l'ho detto.
La trama vi sembra un po' troppo incasinata?
Così è e in effetti il film è un casino. Ma un bel casino. Un gran bel casino che, per quanto incasinato, è piuttosto comprensibile in tutti i suoi passaggi o, se non altro, appare di più semplice comprensione rispetto ad altri deliri-figate firmati dal regista Shion Sono in passato, come lo spassoso fantasioso j-horror Ekusute - Hair Extensions, il pugno allo stomaco Cold Fish o il soft-porno Guilty of Romance. I suoi altri lavori ancora mi mancano ma li sto recuperando poco a poco, anche perché la visione di un film di Shion Sono (oppure si scrive Sion Sono senza h, chissà chissà?) è sempre un'esperienza strepitosa, che va gustata al momento giusto.
Il suo prossimo lavoro che voglio recuperare è la sua personale visione del Giappone post-tsunami Himizu, film in cui c'è la sua nuova attrice musa Fumi Nikaidô, qui in Why Don't You Play in Hell interprete di Mitsuko, proprio la ragazza che innesca i vari meccanismi che portano alla realizzazione del film nel film.
Tra l'altro, che figa è, Fumi Nikaidô?


Se mai dovesse capitarvi l'occasione di baciarla, state però attenti, che può rivelarsi un'esperienza pericolosa...


Pericolo o meno, come non innamorarsi di lei, guardando Why Don't You Play in Hell??


Perché è comparso Spank?
Perché in alcuni momenti di questo nuovo film di Shion Sono sembra di assistere a un episodio di Hello Spank girato da Quentin Tarantino, ecco perché. Lampi continui di trovate geniali e inaspettate illuminano la pellicola dall'inizio alla fine, senza soste. Una cosa che non capita spesso di vedere. Un sacco di film propongono il loro meglio all'inizio, si giocano subito tutte le loro idee migliori, per poi finire con il fiatone. In Why Don't You Play in Hell? questo non succede. Dopo averci impressionato con una serie di invenzioni registiche continue, dopo averci fatto ridere con momenti di comicità tipicamente giapponese quasi da anime, dopo aver fatto scorrere fiumi di sangue, dopo averci presentato un sacco di personaggi che sembrano non avere niente a che fare tra loro, nella seconda parte del film Shion Sono mette ordine al caos, seppure a modo suo, e riesce a dare una coerenza all'insieme.
Why Don't You Play in Hell è un crescendo di follia e genialità che esplode in un gran finale tutto da non perdere. Tutto da vedere, respirando a pieni polmoni questa boccata d'aria fresca di cinema anarchico, eppure con una sua precisa struttura. Nonostante sia un divertissement comedy-action e l'attitudine cazzara la faccia da padrona, Why Don't You Play in Hell? è anche un sincero e appassionato atto d'amore nei confronti della Settima Arte. Un vero e proprio sacrificio sull'altare dedicato al Dio del Cinema.
Sia lodato il Dio del Cinema!


(voto 8/10)

20 commenti:

  1. Non conoscevo assolutamente il regista (ma va'?) ma l'ho visto un po' per caso a Venezia ed è stata un'esperienza unica, divertente e geniale! Un recupero Sionesco potrei farmelo anch'io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa, recupera! E' assolutamente folle e geniale... se vuoi farti un'idea io ho recensito un po' di suoi film... Questo ancora mi manca, ma spero di riuscire a recuperarlo!

      Elimina
    2. un recupero sionesco ci sta sempre alla grande!

      Elimina
  2. All'immagine di Spank ho deciso che ci sposiamo.
    Bello bello bello, soprattutto gli arti tranciati in volo e il sangue a secchiate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho deciso di sposare fumi nikaido, sempre che lei sia d'accordo... :)

      Elimina
  3. Sono è tosto.
    E ci mette perfino d'accordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah, non mi sembra che tu l'abbia poi così idolatrato in passato...

      Elimina
  4. Questo me lo segno, lo voglio vedere :)

    RispondiElimina
  5. Yeah, bello, piaciuto molto anche se non amo poi così tanto il cinema di Sono, soprattutto quello degli ultimi anni :)

    RispondiElimina
  6. Mi è piaciuto, ma forse meno di altre opere passate di Sono. Da quanto tempo non proponeva un'opera un pò più "leggera" come questa ? mi sa che non succedeva dalla prima parte dell'epico Love Exposure, che probabilmente è rimasto ancora imbattuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. love exposure ancora mi manca.
      devo giusto trovare quelle 4 ore di fila libere... :)

      Elimina
  7. mi è sfuggito qualcosa o non gli hai messo il voto? da quello che leggo mi sembra sulla stessa linea di Love Exposure 237 minuti di delirio cinematografico targato Sion Sono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il voto c'è, in fondo in fondo, sotto l'ultima foto

      Elimina
  8. Un bagno di sangue... in tutti i sensi. Io sarò ottuso ma Sono non lo capisco proprio. :P

    RispondiElimina
  9. Segno.
    Sono rimasta troppo a lungo lontana da questo Sono!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com