venerdì 9 maggio 2014

THE PAPERBOY, UNA PISCIATA CI SALVERÀ




The Paperboy
(USA 2012)
Regia: Lee Daniels
Sceneggiatura: Lee Daniels, Peter Dexter
Ispirato al romanzo: Un affare di famiglia di Peter Dexter
Cast: Zac Efron, Matthew McConaughey, Nicole Kidman, David Oyelowo, John Cusack, Macy Gray, Scott Glenn, Nealla Gordon
Genere: trash thriller
Se ti piace guarda anche: Pazzi in Alabama, The Butler – Un maggiordomo alla Casa Bianca
Uscita italiana prevista: in DVD e Blu-Ray dal 5 giugno 2014

Perché un film come The Paperboy è stato tanto massacrato dalla critica?
Non me lo so spiegare io.
ATTENZIONE SPOILER
Sarà mica per la sequenza in cui Zac Efron viene attaccato da un branco di meduse e Nicole Kidman gli piscia addosso, salvandogli così la vita e dimostrando che l’urina è davvero efficace in questo caso, nonostante qualcuno sostenga sia solo un falso mito?


O sarà forse per la scena di sesso “a distanza” in cui Nicole Kidman, ancora lei, mostra le sue parti intime vagamente alla Sharon Stone in Basic Instinct e John Cusack guardandola viene nelle mutande?


Oppure è perché John Cusack, così come ne Il ricatto e Il cacciatore di donne, si ostina a interpretare ruoli da cattivone che proprio non fanno per lui? È un po’ come Robin Williams quando a un certo punto della sua carriera aveva deciso che si era stufato di fare il pirla e s’era accaparrato due parti da villain in One Hour Photo e Insomnia. Lui tra l’altro se l’era ancora cavata piuttosto bene, però non sono i ruoli che più gli competono. Di sicuro, non sono i ruoli che competono a John Cusack, più convincente come protagonista di commedie che non di thriller.


O per caso a molti critici non è andato giù Zac Efron come protagonista? L’ex Troy Bolton di High School Musical è un attore ancora acerbo, è vero, e qui non offre un’interpretazione mostruosa, è vero anche questo. Allo stesso tempo, appare comunque piuttosto convincente nella parte del giornalista in erba che si infatua di quel vaccone di Nicole Kidman, finendo per esserne ossessionato. Un’attrazione un po’ dalle parti di quella del laureato Dustin Hoffman per la MILF Mrs. Robinson. Che poi The Paperboy non è Il laureato, è vero pure questo, ma non è nemmeno così schifoso come si dice in giro.


O ancora il film è stato tanto criticato perché ha una sceneggiatura confusa e confusionaria, che mette al suo interno tanta roba, troppa roba, senza approfondire davvero nessun aspetto? C’è una parte thriller, ma non è che sia così tesa. A tratti sembra di essere quasi dentro una versione trash di True Detective realizzata dalla The CW anziché da HBO. Un giallo ambientato nel Sud degli Stati Uniti in tipico stile Matthew McConaughey, qui più sottotono rispetto alle sue ultime spettacolari prove attoriali, solo condotto in maniera blanda, con ritmi sonnacchiosi e una vicenda gialla che non riesce a coinvolgere mai davvero.

"Ok, mi arrendo. Questo film non è al livello di True Detective.
Manco lontanamente..."

Più interessanti sono invece le altre questioni messe dentro il calderone. La tematica razziale, dopo tutto questo è un film ambientato nell’America di fine anni Sessanta, in cui il conflitto bianchi VS neri era più che mai incendiario, ed è pur sempre un film di Lee Daniels, il regista del valido Precious e del decente The Butler – Un maggiordomo alla Casa Bianca, altro lavoro trattato malissimo dalla critica ma che in realtà non era malvagio. In comune con quest’ultima pellicola, The Paperboy ha la voglia di raccontare troppo, finendo per raccontare poco.
In The Paperboy vengono poi affrontati anche i rapporti famigliari, con il conflitto tra il protagonista principale Zac Efron e il padre, e la relazione più positiva con il fratello Matthew McConaughey. In più, giusto per non farsi mancare niente, è pure una pellicola romantica, a suo modo. Quella che può sembrare giusto  un’attrazione adolescenzial-ormonale di Zac Efron per Nicole Kidman è in realtà un amore profondo…

Naaah, vuole solo ciularsela, come tutti i personaggi di questo film a parte uno, che si scoprirà gay, ma non vi dico chi è…

No, a sorpresa non è Zac Efron che, nonostante la sua passione per il ballo, messa pure qui in mostra in una scena, non è gay. Alla fine, non è che a tutti quelli cui piace ballare sono gay. Prendiamo Roberto Bolle… Ehm, esempio sbagliato.
Prendiamo allora John Travolta…
Ehm, ok, come non detto. Comunque, nonostante balli, Zac Efron non è gay. Almeno, non in questo film.

"Nicole, mi sa che hai sbagliato film. Questo non è mica Nymphomaniac..."

Con un sacco di carne al fuoco, e con carne intendo soprattutto quella di Nicole Kidman, è ovvio che non tutto risulti cotto a puntino. Alcune scene vanno oltre ogni limite del buon gusto e del buon senso, appaiono del tutto gratuite e inutili per gli sviluppi della storia. La storia, narrata dalla cantante-attrice Macy Gray, perché a Lee Daniels piace tanto lavorare con cantanti-attori come anche Mariah Carey e Lenny Kravitz, è un gran pasticcio e non è nemmeno così interessante. I momenti più visionari sono girati malamente. I dialoghi più che divertenti appaiono spesso e volentieri ridicoli.
Eppure… eppure io un film pasticciato e pasticcione come questo non me la sento di odiarlo. The Paperboy è una porcheria e una porcata trash, però ha ritmo, una buona colonna sonora, si lascia seguire con un sorriso divertito dall’inizio alla fine, senza annoiare nonostante poggi su una trama thriller poco entusiasmante. È il classico film di cui è talmente facile parlare male che io non voglio farlo, perché The Paperboy fa schifo, ma uno schifo bello.
Vabbè, bello, adesso non esageriamo. Diciamo uno schifo bellino.
(voto 6+/10)

25 commenti:

  1. «mette al suo interno tanta roba, troppa roba, senza approfondire davvero nessun aspetto»: direi che è una descrizione perfetta. da quello che avevo letto in giro mi aspettavo un roba tremenda, invece non mi è dispiaciuto. spiace solo vedere come si sia ridotta la faccia della Kidman...

    RispondiElimina
  2. Mi sembri abbastanza perplesso, quindi io ne faccio a meno... forse...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un'occhiata comunque gliela si può dare.

      Elimina
  3. Ciao Cannibal. ti racconto una cosa curiosa. quando leggo SPOILER ALERT io inizio a saltare il post per cercare il FINE SPOILER e riprendere la lettura. a volte non lo trovo e allora parto a leggere dalla fine del post. e ci capisco pure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh lo so, quindi non ho messo il fine spoiler perché qualche spoiler qua e là è presente in tutto il post. e poi perché mi9 sono dimenticato di inserirlo :)

      Elimina
  4. Allora, McConagghiu recita male, c'è lo stronzetto di HighSchoolMusical, e la Kidman dopo Moulin Rouge è diventata uno scorfano. Di Cusack non ne parliamo perchè come si è rovinato la carriera lui nessuno mai. Eppure mi dici che non è malaccio? Con un cast simile avrebbe dovuto essere almeno un film da 7, ma 6+... Niente da fare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se si guarda il cast, il film va sotto le aspettative.
      se si guarda quanto ne era stato detto fino ad ora, il film è andato ben sopra le aspettative.

      Elimina
  5. Uno schifo bellino rende l'idea! Mi sa che lo guarderò solo per la curiosità di capire se il mio giudizio si allineerà alla tua recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari tu lo considererai un bello schifoso :)

      Elimina
    2. Ehm, visto... no, lo considero un orrendo schifo, o uno schifo orrendo, scegli tu! ;-) non ho parole, mi sfugge il senso di un film-accozzaglia come questo... perfetta la descrizione "Con tanta carne al fuoco è ovvio che tutto non risulti cotto a puntino", l'impressione è stata proprio questa! Blah...

      Elimina
  6. Zozzeria come film...
    Però devo dire la verità, ora che Zack Efron non è più un idol delle ragazzine mi è più simpatico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qualche zozzeria di scena in effetti c'è :)

      Elimina
  7. Non è brutto, anzi l'atmosfera mi piaceva. Confesso però di non averci capito niente di niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un po' incasinato, ma il succo della storia è che nicole kidman è un'eroina e il suo super potere è l'urina :)

      Elimina
  8. Mi pare una cannibalata, infatti ce l'ho in sospeso da un paio di secoli.
    Nel caso mi venisse voglia di bottigliare qualcosa, lo recupererò! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. veramente è un classico thriller ambientato nel sud degli stati uniti con pure mcconaughey... ovvero una fordianata totale ;)

      Elimina
  9. Che schifo però, una donna di classe come Nicole...no, non ce posso pensà. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un paio di scene e tutta la classe che poteva avere nicole è svanita nel nulla :)

      Elimina
    2. Ma ormai, con quella faccia di plastica che si ritrova, la vedo bene solo in questi ruoli: bambolona gonfiabile.
      :P

      Elimina
  10. io ce l'ho coi sottotitoli, e l'ho pure recensito da me, ma è finalmente uscito in italia? Miiinchia se devo recuperare la versione italiana di codesto film....però John Cusack ne il ricatto m'è piaciuto parecchio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dovrebbe uscire in DVD tra poco, però in "giro" si trova già anche in italiano...

      Elimina
  11. Secondo me Cusack nel cacciatore di donne era inquietante,anche se effettivamente nelle commedie,o ancora meglio nei panni dello sfigato antieroe,sta molto meglio.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com