martedì 23 dicembre 2014

LE CANZONI CHE HANNO SEGNATO IL 2014 DI PENSIERI CANNIBALI, N. 20-11





Avete presente le canzoni di Natale?
Belle, vero? Creano un'atmosfera magica. Jingle bells, jingle all the way. Che gioia.
Ecco, io le odio. Per rimediare, in mezzo a tutto questo clima festivo, ho tirato fuori la Top 20 delle canzoni che più mi hanno accompagnato nel corso degli ultimi 12 mesi. C'è dentro roba un po' di tutti i tipi e di tutti i generi. Tranne di genere natalizio.
Dopo i 20 album del 2014, ecco i 20 brani dell'anno di Pensieri Cannibali, a partire dalle posizioni dalla 20 alla 11.



20. Meghan Trainor “All About That Bass”
Grasso è bello.
Almeno qualche volta...



19. David Guetta ft. Sam Martin “Dangerous”
Una tamarrata dance, almeno una tamarrata dance, in una classifica musicale di Pensieri Cannibali non può mancare. Chi allora meglio di David Guetta, le roi della tamarraggine francese, con il suo ultimo pericolosamente contagioso singolo “Dangerous”?
E ad aggiungere trash al tutto ci pensa anche l'attore James Purefoy, il cattivone della serie The Following, che compare nel video della canzone.



18. DJ Snake, Lil Jon “Turn Down for What”
In una lista cannibale non può mancare la tamarrata dance, ma nemmeno può mancare la tamarrata hip-hop. E questa “Turn Down for What” è davvero clamorosa, come tamarrata. Non esiste in pratica trailer di film action quest'anno che non l'abbia usata e a ragione. E' troppo esaltante.



17. 5 Seconds of Summer “She Looks So Perfect”
Lo so che i 5 Seconds of Summer sono la versione pop-punk degli One Direction. Però questa canzone nella sua bimbominkiosità è semplicemente perfect.



16. Clean Bandit feat. Jess Glynne “Rather Be”
Il pezzo più romanticamente cuccioloso dell'anno: “Quando sono con te, non c'è altro posto in cui vorrei stare”. Persino troppo smielato?



15. George Ezra “Blame It on Me”
Avete avuto una giornata pesante?
Non sapete con chi prendervela?
Date la colpa a George Ezra. È lui stesso che vi invita a farlo con la sua “Blame It on Me”.



14. Yelawolf “Till It's Gone”
Dritta per dritta dalla colonna sonora della stagione finale di Sons of Anarchy, ecco la melodia malinconica che resta incollata in testa di “Till It's Gone”. A tirarla fuori è Yelawolf, uno che, qui lo dico e qui lo nego, è il possibile nuovo Eminem.



13. Garfunkel and Oates “Loser”
Le Garfunkel and Oates sono un duo comedy-folk protagoniste di una (mitica) serie tv che si chiama...
Garfunkel and Oates, esatto. Le due ragazze cantanti e attrici sono autrici di un sacco di pezzi demenziali, ma ce n'è uno che nella sua poesia a me fa venire le lacrime agli occhi. Un inno ai perdenti degno di Beck, la loro “Loser”. Divertente e allo stesso tempo commovente.



12. Marmozets “Born Young and Free”
Alla faccia dei vecchi babbioni che hanno monopolizzato la scena rock negli ultimi anni, quando farebbero solo meglio ad andare in pensione, ecco che i ggiovani Marmozets hanno tirato fuori l'inno rock adolescenziale più esaltante (e devastante) sentito da parecchio tempo a questa parte. Yeah.



11. Colapesce “Maledetti italiani”
Maledetti italiani.
E maledetto me.

18 commenti:

  1. Minchia, che anno infame che haii passato! :))

    RispondiElimina
  2. Ho ascoltato davvero poca musica... non ne conosco nessuno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. almeno un paio di canzoni è difficile non averle mai sentite, a meno che non sei stato sulla luna.
      per caso sei stato sulla luna e non hai detto niente?

      Elimina
  3. a proposito di ABOUT THAT BASS della cicciuta Megan Trainor, ho sentito una parodia alla radio (forse era Fiorello)
    "a me mi piace il less, piace il less, davvero!
    a me mi piace il less, piace il less..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è forse qualche riferimento sessuale che non ho colto? :)

      Elimina
    2. direi che c'è un riferimento al carrello dei bolliti, che Megan (di sicuro una buona forchetta) apprezza molto

      Elimina
  4. Che figata il video di Colapesce! :-)

    RispondiElimina
  5. Molte canzoni ci accomunano Marco bello, una totale preferenza per Ezra...
    Non parlarmi di jingle natalizi, altrimenti mi ricoverano per l'ennesima volta..
    Bacio amico mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. We wish you a Merry Christmas, we wish you a Merry Christmas...

      Ok, la pianto subito! :)

      Elimina
  6. Pensa: alcune sono state anche miei tormentoni! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E la cosa mi preoccupa e mi inquieta parecchio :D

      Elimina
  7. Due o tre cosette tra queste le ho messe a rotazione anch'io quest'anno.
    Ma Portami in Chiesa te lo riservi per dopo, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue preghiere sono state esaudite ;)

      Elimina
  8. La mia rivelazione dell'anno è George Ezra, fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'inizio con il pezzo Budapest non mi piaceva molto, anche perché in radio la passavano 3mila volte al giorno...
      Con il resto dell'album invece mi ha convinto abbastanza.

      Elimina
  9. Già lo sapevo di essere poco moderna... Ed è appena arrivata una nuova conferma :)
    Non ne conosco nessuna....

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com