sabato 27 giugno 2015

Cose che mancano (finora) alla stagione 2 di True Detective





Cose che mancano (finora) alla seconda stagione di True Detective:

Le perle di ottimismo di Matthew McCoso.

La Louisiana.

Una California come quella di Beverly Hills 90210.

Dylan di Beverly Hills 90210.

I capelloni di Taylor Kitsch.

Vince Vaughn che fa il cretino.

Le tette di Alexandra Daddario.

Le tette di Kelly Reilly.
Cara Kelly, ti ricordo che sei su HBO e non in una serie della rete per bambini The CW, quindi esci 'ste tette!

Il voto di Pensieri Cannibali. Meglio aspettare fino alla fine della stagione.


Cose che invece non mancano alla nuova stagione di True Detective:

Un Colin Farrell in grande spolvero.

Una splendida sigla cantata da Leonard Cohen.


La mia recensione del primo episodio che potete leggere qui.

Una strepitosa Rachel McCosa

18 commenti:

  1. Sposo il tuo discorso Tette-motivazionali ;-) Per il resto staremo a vedere, la sigla compensa la vocina da cartone animato di Rachel quando fa irruzione ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Se entra l'elemento misterico-esoterico (Pizzolatto ha letto Thomas Ligotti che ha letto Lovecraft che letto Chambers e Poe) la serie decolla, altrimenti si tratterà solo di una buona prova. La scena finale con canzoncina di Nick Cave è notevole, però. Rachel McCosa deboluccia.

    RispondiElimina
  3. Per me ottimo primo episodio.
    Più in stile Michael Mann che non Lynch o Fincher, come lo scorso anno.

    RispondiElimina
  4. Non mi ha impressionato affatto, in quanto pilot che va con il pilot(a) automatico, però spero di ricredermi.
    Rachel McCosa preferisco quando fa la romantica, viaggia nel tempo e, saltuariamente, si ammala di Alzheimer. Col thriller non so :-)

    RispondiElimina
  5. Quella sigla è già tormentone estivo! Sono fiducioso, vedrai che sarà un'ottima stagione! :)

    RispondiElimina
  6. Hanno notato diversi rimandi a TP e al cinema di Lynch in generale, confermi?^^

    Moz-

    RispondiElimina
  7. La prima stagione aveva dei punti in comune con Twin Peaks, questa volta siamo vagamente più dalle parti di Mulholland Drive...
    Comunque un po' di David Lynch c'è sempre e ciò è un bene. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Superare la prima serie sarà dura. Lo sanno benissimo anche loro, è certezza. Colin Farrel sono certo uscirà alla grande. In grande spolvero? Ancora in sordina direi. Nella sostanza comunque mi è piaciuto il primo episodio. L' ho messo in my sky e l ho rivisto tre volte (si lo so, ho tempo da perdere). Il tuo post mi ha garbato molto. Ciao Marco. Ti seguo sempre. Tz

      Elimina
    2. E' uscito alla grande senz'altro XD a me mancano molto la Louisiana e Matthew,e sopratutto I CAPELLI DI TAYLOR mannaggia!!!!!!
      Apprezzo molto la sigla di questa nuova stagione ed il personaggio di Rachel McAdams,come anche quello di Taylor.

      Elimina
    3. Però posso dire che alla lunga un pò mi sta annoiando?Col personaggio di McCoso dell'altr'anno non c'è confronto.E la Louisiana è la Louisiana.
      Non so,non mi intrippa la storia,i personaggi sono belli ma l'intreccio non mi avvince.

      Elimina
  8. Aspetto recensione a stagione avviata.

    RispondiElimina
  9. Bah ! Io sono ancora alla prima serie che ho appena scaricato. Mi piace. Parecchio. Molto. Tanto. Di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima è un capolavoro!!!!!!!Ma questa promette superbene ;)

      Elimina
  10. Purtroppo le tette della Daddario hanno fatto toccare il culmine massimo dell'iconografia televisivo/cinematografica da qui al prossimo decennio.
    Tutto il resto sarà "ciò che è venuto dopo"...

    Comunque mi è piaciuto il pilot, poi io adoro l'ambientazione Los-Angeles-decadente.
    Ho il secondo da guardare e stasera spero di riuscirci :P

    RispondiElimina
  11. Finito la prima: FAN-TAS-TI-CA !!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com