mercoledì 12 ottobre 2016

Café Society e Crisis in Six Scenes: du Allen is megl che uan?





O-o-o-ogni volta che esce un nuovo film di Wooh-Wooh-Woody Allen è sempre la stessa storia. Si-si-si continua a ripetere di qua-qua-qua-quantico... di quanto il regista newyorkese sia troppo pro-pro-iss-pro-profilat-prolifico e che alterna una pellicola brutta a una bella e poi pen-pen-peni-Pensieri Cannibali tira fuori una delle sue stupide recensioni ba-ba-ba-ba-balbettanti che sono una vera e proprio offesa per chi ba-ba-ba-ba-balbetta per davvero come Wooh-Wooh-Woody Allen.



So-so-solo che quest'anno come si fa?
Wooh-Wooh-Woody Allen non ha so-so-solo tirato fuori la sua nuova pellicola annuale, Café Society, ma pure una serie tv, Crisis in Six Scenes. Co-co-pro-co-co-cosa che fa pensare che negli ultimi 12 mesi Wooh-Wooh-Woody Allen non ha avuto proprio un ca-ca-cazzo d'altro da fare. Co-co-cose come, non so, andare a fare la spesa di domenica co-co-come Gianni Morandi.

Wooh-Wooh-Woody Allen quest'anno ha avuto talmente tanto tempo libero che ha written & directed un film e una serie tv. Va però detto che la su-su-giù-su-su-suddetta serie tv è composta di appena 6 episodi da una ventina di minuti l'uno, quindi Wooh-Wooh-Woody Allen è proprio uno ska-ska-ska-scansafatiche! Ma non si vergogna a lavorare così po-poppopopopò-poco?

So-so-solo perché ha 80 anni dovrebbe ritirarsi e andare in pensione?
No, per lo meno se i suoi ultimi lavori, pur non essendo dei capolavori, rimangono su questi buoni livelli? Qua-qua-qua-quali livelli?

Crisis in Six Scenes
(serie tv, stagione 1)
Ideatore: Woody Allen
Regia: Woody Allen
Sceneggiatura: Woody Allen
Cast: Woody Allen, Elaine May, Miley Cyrus, John Magaro, Rachel Brosnahan, Michael Rapaport
Genere: alleniano comico
Se ti piace guarda anche: Billy & Billie, Girls


Que-que-quelli di Crisis in Six Scenes, una serie che in pratica è un suo nuovo film vero e proprio, solo spacchettato in sei pa-pa-party, che sono piene di parole-parole-parole e di dialoghi ba-ba-ba-ba-balbettati e ancora di parole-parole-parole, e che in più di un'occasione strappano il sorriso e fanno intravedere lampi dell'umorismo del Wooh-Wooh-Woody Allen senza freni, persino troppo senza freni, dei vecchi tempi. Si rischia quasi di perdersi, di annegare tra questi fiumi di parole, fiumi di parole tra noi e prima o poi ci portano via. Oltre a un sacco, ma proprio a un sa-sa-sa-sacco di dialoghi, incentrati soprattutto sul conflitto tra agiata vita capitalista e moti rivoluzionari di stampo comunista, non c'è molto altro. C'è un pizzico di azione e c'è un pizzico di intrighi da spy-story, tutti comunque mitigati da un mare di ironia. Si ritorna indietro agli anni '60, con Ma-Mai-Maiala-Ma-Mai-Miley Cyrus in versione hip-hip-hurra-hip-hip-hippie ribelle figlia dei fiori che punzecchia alla grande il vecchio Wooh-Wooh-Woody Allen e con John Magaro, giovane promettente attore già visto in The Box, My Soul to Take, Not Fade Away e Orange Is the New Black, nei panni del ragazzo diviso tra una vita regolare moglie-figli-postofisso e la tentazione di scappare a Cuba con Ma-Mai-Maiala-Ma-Mai-Miley Cyrus.
Co-co-co-cosa deciderà di fare?
Dopo fiumi, mari e oceani di parole, e anche qualche risata, lo sco-sco-scope-scoprirete...
(vo-vo-voto 6+/10)

"Woody, mi spiace ma ormai ho passato quella fase artistica in cui mi spogliavo sempre."
"Ma co-co-come? Io ti avevo presa so-so-solo per quello..."


Café Society
(USA 2016)
Regia: Woody Allen
Sceneggiatura: Woody Allen
Cast: Jesse Eisenberg, Kristen Stewart, Steve Carell, Blake Lively, Corey Stoll, Anna Camp, Parker Posey, Sheryl Lee
Genere: alleniano nostalgico
Se ti piace guarda anche: Midnight in Paris, Magic in the Moonlight


So-so-sono ancora superiori i livelli di Café Society. Se Crisis in Six Scenes a un certo punto esagera nei suoi giochi di equivoci e soprattutto nelle parole, con un Wooh-Wooh-Woody Allen che appare troppo retrò e spaesato per i moderni ritmi di una serie tv, con Café Society il regista 80enne fa invece quello che oggi sa fare meglio. Una rom-com-com-commedia romantica che viaggia ancora indietro nel tempo, questa volta fino agli anni '30, non troppo lontani dalla Belle Époque degli anni '20 di Midnight in Paris.

Ca-Ca-Ca-Café Society propone un intreccio sentimentale che prima è un triangolo e poi diventa un quadrangolo ma che, nonostante questa apparente complessità, è molto semplice. Fila via via via veloce che è un piacere, come un caffè espresso buttato giù tutto in un colpo. O meglio in due. La prima parte si svolge in quel di Hol-Hol-HollyeBenji-Hollywood con un ottimo e superallenizzato Jesse Eisenberg alle prese con Kristen Stewart, qui sorprendentemente più femminile del solito e che conferma così come in Sils Maria di essere un'interprete molto più di talento di quanto chi la conosce solo per la se-se-se-saga di Twilight possa pensare. La seconda parte passa invece a New York, con Jesse Eisenberg alle prese con Blake Lively...
Che-che-che-cacchio dire di Blake Lively?


"Jesse, guarda che se preferisci Blake a me non mi offendo mica. Pure io preferirei farmi lei che te..."

La sua bellezza lascia senza pa-pa-parole. Forse ha lasciato senza pa-pa-pa-parole persino Wooh-Wooh-Woody Allen visto che in Café Society i dialoghi, per quanto dominanti, sono in una quantità parecchio inferiore e umanamente molto più tollerabile rispetto alla serie Crisis in Sex-Sex-Six Scenes. Il film può essere considerato Wooh-Wooh-Woodyalleniano al 100%, un esercizio di stile, un ripetersi di personaggi e di situazioni già proposti in passato, come la simpatica put-put-prostituta interpretata da una fi-fi-fi-fantastica Anna Camp, d'altra parte è un film che proprio nel suo essere nostalgico si crogiola, però va notata anche qualche piccola differenza. Ris-Ris-RISdiParma-rispetto a molti altri suoi lavori, qui come detto ci sono meno pa-pa-parole e c'è inoltre una cura maggiore per l'immagine, per la rappresentazione estetica che tocca vette forse mai più raggiunte dal regista dai tempi del raffinato bianco e nero di Manhattan. Il merito, più che di Wooh-Wooh-Woody Allen, va però a un italiano: Vittorio Storaro, il direttore della fotografia tre volte premio Oscar per Apocalypse Now, Reds e L'ultimo imperatore che dimostra di possedere ancora un occhio u-u-unico.
Ca-Ca-Café Society sarà anche il classico esercizio di stile annuale di Wooh-Wooh-Woody Allen e non inventerà niente di nuovo, però è un vero piacere per gli occhi, grazie a un Vittorio Storaro in stato di grazia, a una Blake Lively pure lei in stato di grazia e anche a una Kristen Stewart più graziosa del solito.


In genere non bevo café, ma questo l'ho trovato squi-squi-squi-nesquik-squisito.
(vo-vo-voto 7/10)

9 commenti:

  1. Concordo: Storaro è da Oscar
    CAFE SOCIETY è, complessiva-va-vamente, un buon film, la cui morale è (come in tutti gli ultimi film alleniani): siamo nati per soffrire, ma a New York si soffre meglio, soprattutto se c'è un "sindaco onesto" (Fiorello la Guardia, italiano per parte di padre ed ebreo per parte di madre, è stato sindaco dal 1934 al 1945)

    RispondiElimina
  2. La serie mi manca, il film invece l'ho trovato molto piacevole.
    Però non ho avuto occhi che per la Stewart, stranamente. Che la Lively fosse bellissima si sapeva già. :)

    RispondiElimina
  3. La serie non la conosco, ed il film devo ancora ve(ve-ve-ve)derlo, ma il voto mi fa partire con il passo giusto, alla fine Woody è un appuntamento fisso ;-) Cheers

    RispondiElimina
  4. ahahahha gra-gra-grandiosa la tua re-re-recensione! Concordo su Café Society, mentre Crisis in Six Scenes mi è parsa un po' una piccola schifezzina, ma tutto sommato qualche battuta e qualche siparietto lo salvo. Mi aspettavo mooolto di più, ma siccome Café Society è un gioiello, mi accontento.

    RispondiElimina
  5. Mitico come al solito Marco... il film decisamente migliore delle ultime uscite.. anche se ogni volta rimpiango Woody vedendo gli alter ego che tira fuori... il ricorso agli anni 30 e ai siparietti ebraici aiutano decisamente..ancor più delle due pollastre in verità abbastanza anonime...

    RispondiElimina
  6. La serie la vedrò a breve, anche se qualcosa già non mi convince, il film è tanto ben fatto quanto esile nella sceneggiatura... insomma, carino. La Stewart negli anni '30 continuo a non vedercela, comunque, nonostante la sua bravura ormai innegabile.

    RispondiElimina
  7. In 'sto periodo Allen non molla gli anni '20. E il terzo o il secondo film in quegli anni?

    RispondiElimina
  8. Sto guardando la serie e la sto detestando con tutto me stesso,mi mancano tre episodi

    Il film invece l'ho adorato. Non amo Woody Allen,ma questa per me fino ad ora é la mia miglior esperienza alleniana di tutta la vita.

    RispondiElimina
  9. Io spero solo che il film sia quantomeno "carino" sulla scia di Magic in the moonlight o Scoop.
    Già mi basterebbe.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com