mercoledì 11 gennaio 2017

Animali notturni e dove trovarli





Animali notturni
Regia: Tom Ford
Cast: Amy Adams, Jake Gyllenhaal, Michael Shannon, Aaron Taylor-Johnson, Isla Fisher, Armie Hammer, Ellie Bamber, Michael Sheen, Laura Linney, Jena Malone, Kristin Bauer van Straten



Di tanto in tanto c'è qualcuno che chiede la mia opinione. C'è gente che ha scritto un libro, un romanzo, una sceneggiatura, oppure ha girato un film o un cortometraggio, oppure è in una band che ha inciso un album o qualche canzone, e vuole sapere la mia opinione. Non so se sia perché gli interessa davvero sapere cosa penso, o se cerca solo della visibilità qui su Pensieri Cannibali.
Nel primo caso: la mia opinione non conta nulla.
Nel secondo caso: il blog va benino, ma non è che faccia milioni di visite e non credo che una mia recensione possa spalancare le porte verso una grande distribuzione editoriale, cinematografica o musicale.

Tra chi ha chiesto un mio parere negli ultimi tempi c'è stata anche una certa J.K. Rowling. Ha detto che io sono uno dei pochi che ha osato criticare la saga di Harry Potter e quindi vorrebbe un parere onesto e brutale sul suo nuovo lavoro. Dopo aver temporeggiato un po' via mail, oggi mi è arrivato a casa un pacco. Cosa può essere? Non mi pare di aver ordinato nessun gadget erotico in qualche pornoshop online, di recente.
Infatti non è un gadget erotico, bensì un testo rilegato come le tesine a buon mercato. Un libro da leggere?
Che noia!
Il titolo poi non promette troppo bene...


Animali notturni e dove trovarli?
Oh mio Dio! Si tratterà mica di uno spin-off dedicato al gufo di Harry Potter?


Mi infilo sul volto gli occhialoni da hipster-nerd come Amy Adams e comincio la lettura.


Questo Animali notturni è differente da quanto mi aspettavo. Non parla del gufo di Harry Potter, e non è nemmeno il classico thrillerino erotico e glamour che potrebbe sembrare all'inizio. La vicenda comincia come se fossimo dentro a un romanzo perverso e patinato di Bret Easton Ellis. La protagonista Amy Adams è la classica tipa realizzata: ricca, bella, con un marito affascinante, una casa di lusso e un lavoro farlocco presso una galleria d'arte. Che andiamo, chi è che lavora veramente in una galleria d'arte, a parte nei film?

Dopo però si entra dentro a una storia nella storia, con Jake Gyllenhaal in viaggio in auto con moglie & figlia. A questo punto sembra di essere dentro a una commediola famigliare rilassante e rassicurante e invece...
Invece si finisce scaraventati dentro a un incubo che ha la faccia di un Aaron Taylor-Johnson pauroso. Un thiller dalla tensione quasi insostenibile. Un oscuro racconto lynchiano (e donniedarkiano, non a caso nel cast oltre a Gyllenhaal c'è anche Jena Malone) girato con stile raffinato dallo stilista regista Tom Ford e che lascia con il fiato sospeso.


Le due storie che in apparenza non c'entrano nulla l'una con l'altra cominciano a collegarsi, ad avvicinarsi pian piano e a intrecciarsi con i flashback del passato di Amy Adams e Jake Gyllenhaal, fino a diventare un tutt'uno. Le varie vicende prendono direzioni differenti e inaspettate, per giungere a un finale che lascia un po'...
Un po' di merda?!?

In parte sì, ma ha anche il grande pregio di sorprendere, ancora una volta. E di far riflettere. Ci sono storie che terminano una volta letto il punto finale e altre che continuano a vivere. Animali notturni fa parte di questa seconda categoria, grazie alla sua conclusione beffarda quanto intrigante, capace di lasciare con numerosi interrogativi e di tenerti lì, sospeso.


Una volta terminata questa sorprendente lettura, contatto J.K. Rowling e le dico che sono disponibile ad incontrarla per discutere di questo suo notevole lavoro. Ci accordiamo per una cena in un ristorante raffinato. Io mi metto addosso l'abito più di lusso del mio intero guardaroba, ovvero felpa con cappuccio da stalker + jeans acquistati da H&M per un totale inferiore ai 50 euri, e arrivo in perfetto orario.
Aspettando che la Rowling mi raggiunga, inizio a ordinare da bere. Prendo la bottiglia di Dom Pérignon più costosa della casa, tanto poi paga lei che con la saga di Harry Potter s'è fatta i miliardi.
Dopo un po' guardo l'ora sul cellulare, visto che non ho i soldi per comprarmi un orologio decente, ed è già passata mezz'ora. La scrittrice non è ancora qui. Aspetto un altro po', butto giù qualche altro sorso di Dompé e poi, una volta ubriaco, mi rendo conto che la Rowling non è arrivata e non arriverà mai.

A questo punto mi passano tante domande per la testa, manco fossi Pif da bambino in La mafia uccide solo d'estate - La serie.
J.K. non si è presentata all'appuntamento per farmela pagare di aver criticato in passato Harry Potter e ora, sapendo che avevo adorato il suo ultimo manoscritto, bramavo dalla voglia di incontrarla?
Ha scritto quel libro soltanto per vendicarsi di me?
Le sarà successo qualcosa?
Si sarà mica suicidata?
Ma soprattutto, c'è un'altra domanda che mi tormenta in questo momento: io in tasca non ho un euro, e mo' adesso il Dom Pérignon chi lo paga?
(voto 7,5/10)


11 commenti:

  1. Piaciuto molto stilisticamente, però mancava qualcosa. Cosa non so, perché era pieno di roba.
    Nel dubblio, gli ho preferito il cuore di A Single Man. :)

    RispondiElimina
  2. Bello il post ma 7,5 per un trionfo come Animali Notturni è proprio poco. Avada Kedavra! XD

    RispondiElimina
  3. Usa la scusa della sigaretta e scappa.. almeno sei vestito comodo ;)
    Comunque ho riso tanto tanto e sono pure d'accordissimo sul film!

    RispondiElimina
  4. Anche io rimango incredula quando mi chiedono l'opinione di un film o di un libro. Però la Rowling non mi hsa ancora scritto, 'sta stronza. XD
    Il film lo devo recuperare. Amo Amy e mi intriga la storia (nella storia).

    RispondiElimina
  5. Inizio e finale perfetti, non c'è che dire, che il lavoro da gallerista non esiste, ma nelle gallerie con quelle "opere d'arte" mostrate sui titoli di testa vorrei andarci.
    E lo dico che la cotta per Gyllenhaal non passerà mai? Lo dico.

    RispondiElimina
  6. Un film decisamente cannibale e anche decisamente fordiano.
    Un pò come Amy Adams che incontra Taylor-Johnson. ;)

    Infatti, purtroppo siamo d'accordo.

    RispondiElimina
  7. Gran film. Mi è piaciuta più la parte letteraria che quella reale... ma alla fine è tutto nella testa della Adams, quindi viva lei :)

    RispondiElimina
  8. Per me molto più di 7,5, mi ha incantato/inquietato con una forza da 10+.
    Prossima tappa leggere il libro da cui è tratto...

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Recensione da urlo. Film da urla. Io l'ho massacrato. Alla faccia di chi gli ha voluto bbbene. Film assurdo. Certi stilisti col pallino da regista dovrebbero capire che i film non si cuciono a macchina: si girano.

    RispondiElimina
  11. Grandissimo film, adorato dall'inizio alla fine! Amy Adams è sempre maestosa e Gyllenhaal una garanzia, ma qui il top forse lo raggiunge Michael Shannon...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com