lunedì 4 giugno 2018

Il vegetale mi fa volare





Il vegetale
Regia: Gennaro Nunziante
Cast: Fabio Rovazzi, Paola Calliari, Ninni Bruschetta, Luca Zingaretti, Barbara D'Urso


C'era una ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones, e poi è finito a fare le canzoni con Rovazzi.
Beh, d'altra parte la vita non va mai come ce la aspettiamo.

Ciao ragazzi, mi avete riconosciuto?
Sono Gianni Morandi. Quello di fatti mandare dalla mamma, a prendere il latte.



Non la conoscete?
Se siete molto giovani probabilmente no. Le vostre nonne di sicuro se la ricorderanno. Alzheimer permettendo. In fondo io ero il loro Justin Bieber. La frangetta da chi credete l'abbia copiata, quello?


Se non mi conoscete per le mie famosissime canzoni, può darsi mi conosciate come web celebrity. Si scrive così?
Sui social sono seguito quasi quanto quella neo MILF della Ferragni.


Quasi, ho detto.

In ogni caso, perché sono qui ospite su Pensieri Cannibali?
Perché sono stato chiamato a recensire Il vegetale, il primo film da attore del mio amico Fabio Rovazzi, che grande onore!
Amico... diciamo conoscente, che è meglio. Insieme abbiamo fatto una canzone che è stata un discreto successo la scorsa estate. Si chiama "Volare". Non "Volare" quella bella, quella di Domenico Modugno, che poi il suo vero titolo è "Nel blu dipinto di blu". "Volare" quella brutta. Scommetto che 'sta cagata la conoscete, anche e soprattutto se avete 12 anni o meno.



Diciamolo subito così tolto il dente, tolto il dolore: Il vegetale non è un filmone. È recitato maluccio. Ha una sceneggiatura scritta da Gennaro Nunziante banalotta che unisce una comicità non esattamente innovativa con una storiella dai risvolti sociali pseudo impegnati sulla situazione lavorativa dei giovani d'oggi. La trama sembra quasi quella de Il ragazzo di campagna con Renato Pozzetto, solo ribaltata al contrario: in questo caso abbiamo un ragazzo milanese che se ne va a lavorare in campagna.

"Col trattore in tangenziale, andavo a comandare. Taac."

La regia poi è di stampo televisivo, intendo stile fiction di Canale 5 di quelle in cui recito io tipo L'isola di Pietro, non le robe ricercate che vi guardate voi giovani su Netflix, ed è curata sempre dallo stesso Nunziante, che è quello dei film di Checco Zalone.La differenza principale, e scusate non è una roba da poco, è che il protagonista in questo caso non è Checco Zalone, uno che, piaccia o meno, è a suo modo un fenomeno. Il protagonista è l'esordiente Rovazzi, il mio amichetto, quello con 'sti inguardabili capelli sparati all'indietro, uno che è del tutto inespressivo e quindi nella parte del vegetale ci può stare. Diciamolo sottovoce, così non mi sente, che è anche l'unica parte che può e potrà mai fare. A meno che non prenda lezioni di recitazione per qualcosa come venti o trent'anni e poi magari ne riparliamo.


Comunque come vegetale il ragazzo se la cava, dai, voglio essere buono. Ogni tanto mi piace mangiare la merda, è vero, lo confesso, sono un coprofago, però fondamentalmente sono un tipo buono. Anche perché mica bisogna discriminare le persone in base a ciò che mangiano. Il tizio che mi ha invitato qui su questo blog ad esempio è cannibale, e cavoli suoi. Ci sono poi i vegetariani, i vegani, e c'è anche Il vegetale.


Sarà che a me piace la merda, ma sinceramente da questo film mi aspettavo di peggio. Certo, riesce a far sorridere a malapena giusto in qualche occasione, e senza mai far scoppiare una risata vera e propria. Certo, la presenza della parte romantica è davvero stiracchiata e forzata e si sente la presenza alla produzione dietro di Walt Disney Studios Motion Pictures, visto che la storiella d'amore procede senza manco mezzo riferimento sessuale. 


Eppure nonostante tutti questi limiti come commedia leggera leggera si lascia guardicchiare, scivola via senza infastidire troppo, e non è la schifezza assoluta che era lecito attendersi. Quindi in un certo senso a pensarci bene è un poco deludente, eh.

Ah già, dimenticavo – dannato Alzheimer – che c'è un'apparizione di Barbara D'Urso. Quindi un po' trash questo film riesce a esserlo.


Nel complesso comunque voglio essere incoraggiante nei confronti del mio pseudo amico Rovazzi. Dai, Fabio, uno su mille ce la fa e tu, tra tutti i giovani di talento che ci sono, anche se non sai né cantare né rappare né recitare e in pratica non sai fare un ca', ce l'hai fatta. Stai avendo un buon successo. Non è una cosa da tutti essere così mediocri e fare strada. Io però voglio darti un consiglio. Di canzoni per un po' è meglio se non ne fai più, che stiamo bene senza. Recitare poi basta, anche perché come detto a parte il ragazzo vegetale non so che altri ruoli potresti ottenere. In questo film ho però visto che in campagna te la cavi davvero bene, sei proprio a tuo agio. Col trattore in tangenziale, mio caro Rovazzi, la terra vai a zappare.
Alternativa: un posto nel nuovo governo, magari al ministero dell'Agricoltura, vuoi che non te lo trovino?
(voto 5/10)


5 commenti:

  1. Non penso che recupererò, ma devo dire che a me 'sto tizio sta tanto simpatico (peccato canti).

    RispondiElimina
  2. Sto tizio invece a me sta antipatico, sempre questione di pelle e di ovvi pregiudizi viste le canzoni che ha fatto. Il film, quindi, non lo guarderò di sicuro.

    RispondiElimina
  3. Io non sapevo nemmeno dell'esistenza di costui, figurati! Sto per compiere i 40, e la maggior parte dei "fenomeni" pop del momento non mi interessa più. Fino all'anno scorso sapevo un po' di tutto, quanto meno i nomi; da quest'anno mi sono drammaticamente reso conto di stare invecchiando, ecco. A parte tutto, Marco, è sempre uno spasso leggerti. :)

    RispondiElimina
  4. Oggettivamente credo sia un fenomeno per ragazzini sotto i 16 anni.
    Infatti son stato costretto da mia figlia di nove anni a vedere il film e ascoltarlo con il suo quarto d’ora di canzoni all’interno di un Summer festival della mia zona .
    Comunque quella data ha fatto il pienone.
    Genitori che accompagnavano figli in delirio ...divertente!
    Comunque lui è così.
    È capitato al posto giusto al momento giusto , in un intervista televisiva ha ammesso la sua mediocrità.
    Non si sente un cantante e tantomeno un attore.
    Quello che vorrebbe fare credo sia il regista.
    Sta imparando ...
    Il film tratta argomenti come il precariato e l’integrazione sociale con leggerezza.
    Mi ha sorpreso positivamente, certo non è un capolavoro ma fra tanti film immondizia che son girati e continuano a girare in questo periodo...non fa poi la sua brutta figura.
    E poi se no ricordo male ...in un ora e mezza di film manco una parolaccia!
    Ciao

    RispondiElimina
  5. Ho quasi paura, più che per Rovazzi, per Nunziante, considerata la sua firma dietro alle "perle" di Zalone. Per ora faccio finta che non esista.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com