venerdì 13 dicembre 2019

Chiara Ferragni - Unposted: un DocuFilm? No, più un DocuSelfie





Chiara Ferragni - Unposted
Regia: Elisa Amoruso
Cast: Chiara Ferragni, Fedez, Paris Hilton


Ci sono cose che non capisco. Non ne capisco di cinema, lo dico subito. Il fatto che fossi più curioso di guardare Chiara Ferragni - Unposted rispetto a The Irishman, l'ultimo (presunto) capolavoro di Martin Scorsese, la dice lunga in proposito. Perdonatemi ma, in quanto blogger, personalmente mi interessa di più un lavoro che parla della carriera di una blogger di oggi, per quanto fashion blogger, rispetto a un film che parla della carriera di un gangster a cavallo tra gli anni '50 e '70, per quanto di Martin Scorsese.
Il fatto poi che io abbia un blog di cinema, che per la cronaca è quello che state leggendo in questo momento, non significa per forza che debba anche possedere un buon gusto in fatto di cinema. Così come il fatto che Chiara Ferragni sia una fashion blogger non significa per forza che abbia un buon gusto in fatto di moda, ahahah.



Ci sono altre cose che non capisco. Non capisco ad esempio quelli che prendono per il culo, o addirittura che odiano Chiara Ferragni. Così. Senza una vera ragione. Quelli che la considerano un'idiota, una bionda senza cervello, e poi su Instagram pubblicano gli stessi selfie che fa lei: con il figlio, con il marito/compagno/compagna, con un piatto davanti, mentre si provano un abito nuovo, un taglio di capelli nuovo, un look nuovo... cose del genere. L'unica differenza è che lei ci guadagna a quanto pare 12 mila dollari e forse anche di più a ogni scatto postato, loro niente. Chi è l'idiota adesso?


Ok, quello del fashion blogger e dell'influencer non sarà magari il lavoro intellettualmente più elevato che si possa fare, però tante professioni non lo sono. Chessò, il muratore. Qualcuno di voi si sogna di andare a insultare una persona soltanto perché fa il muratore e non scrive trattati filosofici?
Non penso. Ogni lavoro è a suo modo rispettabile, soprattutto quando lo si fa con passione. Ed è innegabile che Chiara Ferragni faccia con passione la fashion blogger, la influencer, ma anche l'imprenditrice digitale. Quello che più emerge dalla visione del docufilm Chiara Ferragni - Unposted è proprio la sua fissazione nei confronti dei social. Per certi versi è persino preoccupante, però se ad esempio un pilota è patito di motori, nessuno ci vede niente di male. Perché allora la mania per i social di una persona che sui social ci lavora dev'essere qualcosa di tanto negativo?

"Sbaglio o questa potrebbe essere la prima recensione più o meno positiva nel mondo del mio film?"

"Cannibal, vuoi farmi commuovere?"

Chi accusa Chiara Ferragni di superficialità, e poi si rifiuta di vedere il docufilm su di lei, non è una persona ancora più superficiale?
Non dico che Chiara Ferragni - Unposted sia una visione fondamentale. Le vostre vite possono proseguire benissimo anche senza. Per chi vuole capire qualcosa in più su un fenomeno della pop culture di oggi, e anche un ottimo esempio di imprenditoria 2.0, io credo comunque che un'occhiata vada data. Dopodiché ci si può esprimere. E il giudizio non deve essere per forza positivo.

Chiara Ferragni - Unposted risulta interessante soprattutto quando prova a parlare dell'evoluzione del web, e dei modi di fare moda e non solo, negli ultimi 10 anni. Può essere inoltre utile vedere come una ragazza di Cremona sia riuscita a trasformare il suo blog personale, The Blonde Salad ideato nel 2009, e l'abbia trasformato in un trampolino di lancio per un vero e proprio impero mediatico ed economico. Io con il mio blog creato nel 2008, il qui presente Pensieri Cannibali, mi sono anche preso qualche soddisfazione, ma niente di paragonabile a quanto raggiunto dalla Ferragni, quindi tanto di cappello a lei. Sarà anche la Elle Woods della blogosfera (e se non capite il riferimento forse pure voi qualche lacuna cinematografica ce l'avete), però onore per quello che è riuscita a fare.

"Sì, è vero. Io e Chiara ci siamo conosciute ad Harvard. Non si direbbe?"

Unposted risulta invece meno riuscito quando, più che un DocuFilm, comincia a sembrare un DocuSelfie. Un'autocelebrazione eccessiva di un personaggio che, come notato sopra, ha trasformato un blog in un'azienda e che ce l'ha fatta a imporsi in un ambiente chiuso ed elitario come quello della moda. Detto questo, allo stesso tempo non è che stiamo parlando di una persona che sta salvando il mondo. Alcuni momenti risultano quindi una marchetta esagerata. Uno spot ingiustificato del suo brand. Un film PER Chiara Ferragni, più che un film SU Chiara Ferragni.

Peccato, perché la regista Elisa Amoruso per una parte del lavoro riesce a giocare bene con il materiale che ha a disposizione, dai filmati amatoriali della Chiara bambina/ragazzina fino alle riprese esclusive del suo matrimonio con Fedez, che tra l'altro quando compare in scena è la vera rivelazione del film e che quasi quasi si meriterebbe uno spin-off solista Fedez - Unposted tutto per lui.


La Amoruso riesce inoltre a dare al tutto un buon ritmo, usando uno stile molto MTV, molto social, molto figoso (altro riferimento cinematografico alto), perfetto per il personaggio di cui parla, sfruttando tra l'altro in maniera efficace la colonna sonora. Nella parte finale si corre il rischio di emozionarsi, o quasi, sulle note di Daydreaming dei Radiohead. Proprio così: nella colonna sonora di Chiara Ferragni - Unposted c'è spazio per i Radiohead e non per i Backstreet Boys, non ve l'aspettavate questa?

"Io di questa cosa veramente non ne sapevo niente..."

A mancare a questo film è un conflitto. Un lato oscuro. Qua e là, molto brevemente, si menziona la figura di Riccardo Pozzoli, il suo ex che ha giocato un ruolo importante nei primi passi della sua carriera e che a un certo punto è scomparso dalla sua vita. Per essere un documentario davvero completo, davvero imparziale, ci sarebbe dovuta essere anche la sua voce. La sua versione dei fatti. Manca un contraddittorio. Sarebbe stato interessante anche dare voce a qualcuno dei suoi haters, per capire cos'hanno tanto da odiare della Ferragni. Avrebbero contribuito a rendere più sfaccettato il racconto.

Nel film biopic Bohemian Rhapsody, che pure a molti è sembrato troppo celebrativo nei confronti della figura di Freddie Mercury, a un tratto il cantante con il suo comportamento distruttivo diventa quasi il villain del lavoro. Questo non succede assolutamente in Unposted. Sarà perché la 32enne Chiara Ferragni non ha, non ha ancora almeno, mai sviluppato un lato così negativo. Parlare di film “propaganda, di quelle che pensavamo adatte a Kim Jong-un”, come fatto da Paolo Mereghetti sul Corriere della Sera, mi sembra però francamente eccessivo, una provocazione gratuita giusto per fare parlare di sé, un espediente da influencer furbetto per avere più views e più like. Solo che un numero tanto elevato di interviste entusiastiche che parlano di lei come di una figura innovativa nell'ambiente fashion degli ultimi anni, senza che nessuno abbia la benché minima parola di critica nei suoi confronti, aggiunte ai momenti in cui la stessa fashion blogger si commuove parlando di se stessa, impediscono al documentario di risultare vero al 100%. Un paradosso per chi, come Chiara Ferragni, ha sempre costruito la sua immagine sulla spontaneità, reale o meno che possa essere, e sull'apparire senza filtri. Instagram e non solo.

Ooh, che immagine poetica, naturale e spontanea..."
...ok, forse non proprio del tutto spontanea.

Ci sono cose che non capisco. E poi ci sono cose che probabilmente voi non capirete. Tipo come si fa a dare la sufficienza a Chiara Ferragni - Unposted. A ognuno i suoi dilemmi.
(voto 6/10)



9 commenti:

  1. Voglio stranamente bene a questa ragazza, mi sta simpatica, sembra carina e gentile, e ogni svolta rispondo male a chi la critica dicendo che sia l'Anticristo.
    Però il documentario non lo guarderò mai!

    RispondiElimina
  2. Ritengo che ci sia di meglio da guardare. Comunque ne convengo che la ragazza sta battendo il ferro finché è caldo e fa benissimo, visto il seguito che ha. Lavoro o o non lavoro che sia il suo, le sta portando dei guadagni e chi sarebbe tanto stupido da rifiutarli?
    Fra dieci anni magari non sapremo più nulla di lei come influencer, ma è normale a meno che non sappia riciclarsi in un altro modo e, visto come sta agendo, non mi sorprenderei se riuscisse ad imboccare una strada più consona all'età che avanza.
    Come dicevano gli Asia:
    Only Time Will Tell

    RispondiElimina
  3. Naturalmente per molti anni ancora si studierà il fenomeno e come si possa riuscire ad avere questo successo (questo successo, così grande) esclusivamente usando i social. Io ho bisogno che qualcuno in fondo me lo spieghi, anche se ammiro la sua capacità e i suoi risultati non riesco a farmi una ragione dell'adorazione che riesce a suscitare: siamo chiari, il suo successo è proprio dovuto a questa innaturale e immotivata devozione, è una star senza avere il talento della star. A meno che non si consideri come talento la bellezza e la fotogenia. Siamo nel campo delle top model, ma loro non devono esclusivamente il successo alla loro bellezza ma anche a fotografi e stilisti che le hanno valorizzate, oltre che alla loro capacità.
    Dunque credo che chi si approccia con atteggiamento critico al mondo Chiara Ferragni (non insultandola) lo faccia perché non capisce il fan della Ferragni, non lei stessa.

    RispondiElimina
  4. il tuo 6 non mi meraviglia
    è la media tra il 10 (voto alla sua intraprendenza) e il 2 (al suo valore come attrice)
    perciò il conto torna
    a me (ammesso che a qualcuno interessi il mio parere) ricorda gli inizi di Madonna Veronica Ciccone
    a mia moglie sembra... (meglio non dirlo)

    RispondiElimina
  5. L'avessero venduto ad alcune televisioni, vedere che è andato al cinema e che ha avuto buoni incassi, è proprio brutto da scoprire..

    RispondiElimina
  6. Sì, sono snob.
    E Chiara Ferragni più che odiarla, non mi interessa.
    Posso ammirare il suo potere di comunicazione e di monetizzare, ma così come trovo una perdita del mio tempo stare a seguirla sui social, trovo una perdita di tempo vedermi questo documentario avendo titoli più interessanti ad aspettarmi.
    C'ho provato, ma né l'interesse né la curiosità scattano, che ci posso fare?

    RispondiElimina
  7. Il mondo cresce per l'intelligenza di pochi e affonda per l'insipienza etica di altri.
    Einstein una volta vecchio ha lasciato la teoria della relatività, la Ferragni un ammasso di vermi che mangiano il suo corpo. Leonardo tra le tante cose ci ha donato la Gioconda, Fedez, il nulla fritto.

    RispondiElimina
  8. Conosco la Ferragni solo superficialmente, non mi frega nulla di moda ma senza dubbio sono d'accordo che in molti odiano o criticano solo per invidia. Non penso che vedrò questo film, ma se lei è riuscita a monetizzare quella che inizialmente era una sua passione, proprio bionda scema non deve essere. ;)

    RispondiElimina
  9. mah è solo una semplice influencer che ha fatto fortuna con internet, niente di più, il documentario non mi ispira proprio

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com