martedì 3 maggio 2022

Italians do it better, sometimes, and sometimes they don't





Freaks Out

"Les freaks c'est chic", si dice in Francia. O più che altro lo cantavano gli Chic. A Roma invece se dice: "Li mostracci vostri!". Credo.

Freaks Out è la storia di un gruppo di freaks di Roma che lavorano in un circo nel mezzo della Seconda Guerra Mondiale e hanno dei superpoteri. C'è la ragazza che autoproduce elettricità, che in questo periodo storico tornerebbe parecchio utile per risolvere la crisi energetica.


C'è il ragazzo albino che controlla gli insetti. Potere abbastanza schifoso, ma che rivelerà la sua utilità. Più o meno.


C'è l'uomo bestia dotato di una forza sovrumana.
Claudio Santamaria, sei davvero tu?


E c'è il nano con la capacità di controllare gli oggetti metallici. Perché, chi non vuole controllare gli oggetti metallici nella vita?


Insomma: Avengers, levateve!

Anche se, a dirla tutta, il personaggio del film che rimane più impresso è il villain Franz interpretato dall'attore tedesco Franz Rogowski.


Più che i cinecomics Marvel, Freaks Out mi ha ricordato una versione storica di Freaks!, la webserie italiana con Willwoosh, al secolo Guglielmo Scilla, con l'aggiunta di un tocco di Heroes. Così come il precedente Lo chiamavano Jeeg Robot, anche questo nuovo lavoro di Gabriele Mainetti è un prodotto dal respiro internazionale, che però non dimentica la sua identità nazionale, o meglio romanesca.

La componente che mi ha convinto meno è quella più action/bellica, che ha comunque il sopravvento soltanto nella parte finale, ma tutto sommato rispetto ai blockbuster "rivali" statunitensi Freaks Out ha più anima, cuore, idee. Insomma, è mejo.
(voto 7+/10)



Diabolik

Mai letto il fumetto, mai visto il film omonimo diretto nel 1968 da Mario Bava, mai provato interesse nei suoi confronti fino alla notizia dell'ingaggio di Miriam Leone nei panni di Eva Kant.


La mia prima volta con Diabolik è quindi stata con la nuova pellicola diretta da Manetti Bros. e devo dire che mi ha sorpreso in positivo. Anche in questo caso, come in quello di Freaks Out, personaggi e trama potrebbero far pensare a una via italiana al cinecomic americano. In realtà, Diabolik è più un heist movie d'altri tempi con atmosfere retrò ricche di fascino da giallo hitchcockiano.


E a proposito di fascino, l'Eva Kant di Miriam Leone non è una tipica femme fatale bidimensionale, quanto una figura femminile forte e sfaccettata.

"Cosa? Non ha detto che sei anche fregna?!?"
"Non ci sono proprio più i Pensieri Cannibali di una volta."

A ciò aggiungiamo pure la solita garanzia Valerio Mastandrea, un paio di belle canzoni originali composte da Manuel Agnelli e a sorpresa mi ritrovo a essere quasi un fan di Diabolik. Giusto con quei 60 anni di ritardo rispetto alla prima pubblicazione del fumetto, ma chi li conta?
(voto 7/10)



Supereroi

Non c'è niente da fare. I Supereroi ormai ce li troviamo ovunque. Persino dentro a quella che a tutti gli effetti è una pellicola romantica, un boy meets girl movie che racconta la storia tra un (noioso) professore di fisica interpretato da Alessandro Borghi e una (non noiosa) fumettista interpretata da Jasmine Trinca.

"Qual è il tuo supereroe preferito?"
"Che domande: Posaman, ovviamente."

Ciò che non va in questo film paradossalmente è che proprio l'aspetto fumettistico, che in teoria dovrebbe distinguerlo da altri lavori sentimentali simili, è sfruttato troppo poco. Paolo Genovese, che ha tratto la pellicola dal suo stesso romanzo omonimo, ha avuto una buona idea, una chiave più o meno originale per raccontare una storia d'amore in maniera diversa dal solito. Solo che poi l'ha accantonata e Supereroi finisce così per essere proprio una classica, già vista storia d'amore strappalacrime. Che di lacrime però non è riuscita a strapparne una manco a un piagnone amante di questo genere di film come me.
(voto 5,5/10)



La scuola cattolica

Il film sul Massacro del Circeo tratto dall'omonimo romanzo vincitore del Premio Strega scritto da Edoardo Albinati poteva essere un lavoro enorme, potente, devastante. Così non è.

Non è però nemmeno un lavoro da massacrare totalmente come fatto da alcuni critici cattivoni all'indomani della sua presentazione alla 78ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. I suoi pregi?

A tratti ricorda Romanzo crimanale, in altri momenti (molto) vagamente Il giardino delle vergini suicide, sul finale gioca dalle parti di Funny Games. Ha inoltre un bel cast di giovani che credo vedremo ancora, insieme a volti noti che restano purtroppo un po' troppo in ombra.


Il problema è che dentro ha persino troppa roba. Inserisce un sacco di personaggi e di tematiche differenti, senza svilupparle tutte a sufficienza. È troppo pasticciato. Troppo fuori fuoco. Il regista Stefano Mordini deve studiare ancora un po' non alla scuola cattolica, ma a quella del Cinema, e poi potrebbe essere pronto per raccontare una storia forte come questa in maniera più adeguata. Per adesso è rimandato agli esami riparatori, se esistono ancora.
(voto 6-/10)



Tre piani

Tre piani, ma anche uno solo bastava.
È vero che viviamo in un'epoca imprevedibile, in cui stanno succedendo un sacco di cose assurde, però un film così brutto da Nanni Moretti me lo aspettavo ancora meno dello schiaffo di Will Smith agli Oscar.
(voto 3/10)




11 commenti:

  1. A me sembra che tra gli anni 60 (quando uscì il fumetto Diabolik) e oggi (Diabolik diventa film) sia cambiato ben poco.
    Allora i missili a Cuba ci fecero rischiare il guerrone, adesso la guerrissima potrebbe partire dalle rive del Don. Allora c'era una lacrima sul viso, adesso ci si emoziona con i brividi. Allora il Bologna diede molti dispiaceri all'Inter, adesso pure.
    In fondo gli italieschi sono sempre gli stessi.

    RispondiElimina
  2. Sei tra i pochi a parlar bene di Diabolik e non so se il fattore Leone possa centrare. Perso al cinema, è lì in attesa della serata giusta.
    Freaks Out speravo mi mandasse fuori di testa, ma visto nell'indigestione veneziana è sembrato durare troppo e disperdere il suo potenziale, comunque alto. Quanto all'altro veneziano La Scuola Cattolica, ha l'unico pregio di avermi spinto a comprare il romanzo, e avendo letto quello da cui Moretti ha tratto i suoi Tre Piani, mi sono tenuta a distanza. Saggiamente.

    RispondiElimina
  3. E' la prima volta che vedo Diabolik. Visto per modi dire, perché ogni tanto schiacciavo un pisolino, oppure mi lussavo la mascella per qualche sbadiglio mastodontico.
    Un fumetto sfilacciato con protagonisti pessimi. Diabolik è un nanetto spaurito e Miriam Leone, splendida donna, ma incapace di recitare. Il suo viso ha una sola espressione, monotematica e vuota.
    La storiella è banale e ridicola.

    RispondiElimina
  4. Freaks Out inizia che mha fatto ridere perché Aurora Giovinazzo pareva la figlia di Zio Fester, ma per fortuna poi è cresciuto in maniera esponenziale fra azione, emozioni ed ottimi effetti speciali. No, Diabolik no. Quello parte male è rimane lì.

    RispondiElimina
  5. Grande Freaks Out!
    Gli altri meno (Diabolik odiato)

    RispondiElimina
  6. Diabolik is something I've never seen before. I was noticed because I occasionally napped or dislocated my jaw for a large yawn.
    A broken comic with unlikable characters. Diabolik is a fearful tiny dwarf, and Miriam Leone is a beautiful woman who can't act. Her face bears a single monothematic and void expression.
    The plot is both predictable and ridiculous.

    RispondiElimina
  7. my name is James marry and I am a student today I have seen your post. It is a story. and It helps me. my school teacher gives me the assignment to write an essay. I read your story and am writing an essay with taken help of best essay writer service. Its service helps me in my assignment work. that is a huge site and so beneficial for students.

    RispondiElimina
  8. I read your article and am currently using the best finance essay writing service to write an essay. Its assistance with my assignments is quite helpful for students and it is a very large website.

    RispondiElimina
  9. my name is Albert Roy, I've noticed your message, and I'm a student. It's a narrative. and it benefits me. My teacher assigned me to write an essay for class. I read your article and am currently using the top help writing a report service to write an essay. My use of its service benefits my assigned job. that is a sizable website that is very helpful to students.

    RispondiElimina
  10. To the care of the our teeth visit the dentist karachibecause this is the expert in the dental field. And a lot of patient are giving the suggestion for these Dr in the whole karachi. visit site and clinic for the appointment to the coming day.

    RispondiElimina
  11. Last time i was need the roof repair of our home. So my friend give me the suggestion for the Dallas Roof Contractors to the providing the best roofing repair or change it.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com