mercoledì 2 giugno 2021

Non c'è niente di più divino, del codino di Baggino





Il divin codino

Mannaggia a Baggio! Se ho iniziato a tifare Juve è tutta colpa sua. Ai tempi in cui ho cominciato a seguire il calcio lui giocava lì e quindi non ho potuto fare altro che diventare gobbo. Dopo Moggiopoli ho smesso di esserlo, anche se non ho mai cambiato squadra. In Italia credo non esista eresia più grande del cambiare squadra di calcio. Per imitarlo mi ero persino fatto crescere il codino, con un risultato tutt'altro che divino.

Vedete questo codino?
Ecco, il mio non c'entrava niente."

Non pensate però che il film Il Divin Codino sia indirizzato solo agli juventini, anzi. La parte in biancoenero della carriera di Roby Baggio è DEL TUTTO saltata. Ora potete esultare.


Il Divin Codino si concentra su altri tre periodi della sua vita: le origini in serie C al Vicenza, il maledetto Mondiale USA '94 e la “risurrezione” con la maglia del Brescia guidato da Carletto Mazzone, qui interpretato da un sorprendente Martufello, che avrebbe meritato un tempo supplementare.


Il cuore del film sta nel famigerato rigore sbagliato da Baggio che ha consegnato il Mondiale al Brasile. Un momento che ha insegnato un po' la vita non solo a Diodato, che ha scritto la canzone tema della pellicola, ma anche a me. Lì ho capito non solo che pure i miti potevano sbagliare, ma anche che il mondo può regalarti delle gioie incredibili, e subito dopo toglierti tutto senza pietà.


Un grazie per avermelo ricordato a questo film che, più che dalle parti del grande cinema di serie A, milita tra le fila delle fiction di serie B. Poco importa, però, perché le emozioni arrivano lo stesso. Tutto merito del personaggio di Baggio. Un calciatore buddhista atipico e un antidivo diventato suo malgrado un'icona pop. Si perdonano così anche le sue interpretazioni non tutte fenomenali, i suoi dialoghi banalotti e i suoi errori. Come l'uso di “1979” degli Smashing Pumpkins, pezzo pubblicato soltanto nel 1995 che fa da colonna sonora al periodo di USA '94. Il Divin Codino lo si venera comunque. Anche e soprattutto quando sbaglia.
(voto 6+/10)

"Coraggio, abbiamo preso 6+. Non è andata così male."
"Ma io veramente piango perché nel film non è presente manco una scena in cui giochi nella Juve."




4 commenti:

  1. Pensa che è passato pure dal mio Milan, lasciando un ricordo tipo quando vuoi dimenticarti di un rigore sbagliato.

    RispondiElimina
  2. Capisco, però è con la Juve che è diventato grande, coppe e pallone d'oro, l'apice della carriera fino a quel maledetto rigore..

    RispondiElimina
  3. Amare Baggio qui a Vicenza è quasi una religione... ma in fondo anche in tutta Italia sembra.
    Un film non perfetto (colonna sonora piaciona compresa) ma che sa arrivare dritto al cuore, un po' come Baggio stesso, appunto.

    RispondiElimina
  4. A causa del COVID-19 ho perso tutto e grazie a dio ho ritrovato il mio sorriso ed è stato grazie al signore Pierre Michel, che ho ricevuto un prestito di 65000€ e due miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti da quest'uomo senza alcuna difficoltà. È con il signore Pierre Michel, che la vita mi sorride di nuovo: è un uomo semplice e comprensivo. Ecco la sua E-mail : combaluzierp443@gmail.com    

    E-mail : combaluzierp443@gmail.com

    E-mail : combaluzierp443@gmail.com

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com