martedì 20 aprile 2010

Parigi travolta

From Paris With Love
(Francia, 2010)
Regia: Pierre Morel
Cast: John Travolta, Jonathan Rhys Meyers, Kasia Smutniak, Melissa Mars

Ero partito prevenuto, soprattutto dopo un trailer che lasciava presupporre il peggio. E alla fine della visione il mio commento infatti è stato: “Che cazzata, questo film.” Però è una cazzata divertente. Un’oraemezza a ritmo sparato di action movie ridicolo per trama e personaggi, zero contenuti, ma allo stesso tempo puro efficace intrattenimento. Un paradosso?

John Travolta ce la mette tutta per risultare odioso. O forse no. Forse dopo lo spot Telecom con la Hunziker è una cosa che gli riesce con fin troppa facilità. Certo che i tempi di “Pulp Fiction” sembrano davvero lontani. Per lui almeno, visto che Tarantino se la viaggia sempre sulla cresta dell’onda creativa più alta.
Dopo essere stato teen-idol pre-high school musical ne “La febbre del sabato sera” e in “Grease”, dopo essersi riciclato nella commedia con “Senti chi parla” e aver trovato con Vincent Vega nel già citato “Pulp Fiction” il ruolo della vita, Travolta sembra ora entrato, in versione platà con pizzetto, nella terza età (cinematografica) della sua carriera. Per le strade di Parigi se la spassa un mondo. Scopa, spara, magna, fa saltare auto per aria con un bazooka, uccide persone, un sacco di persone (decine, prima della fine del film ne avrà fatte fuori circa un centinaio), soprattutto pakistani. Ogni volta che apre bocca tira fuori un vasto campionario di frasi da action-hero. Alcune sono penose, altre sono talmente assurde che fanno davvero ridere. Nel bene o nel male, su di lui si regge l’intero film.

John travolge nei suoi casini la sua spalla Jonathan Rhys Meyers. Povero, se ne sta sperso con in faccia la perenne espressione di chi si sta chiedendo “Ma cosa cazzo ci faccio io qui in mezzo?” mentre Kasia Smutniak, polacca ma italiana per “adozione”, ha la perenne espressione di chi si sta chiedendo “Ma perché cazzo ho sposato Pietro Taricone?”
La via francese all’action con lo zampino del solito Luc Besson sembra quindi una copia di quella americana con la erre nemmeno tanto moscia. Un sacco di morti ammazzati, terroristi medio orientali kamikaze dalle psicologie appena abbozzate, battute sceme a go-go, John Travolta che si nutre di “Royale with cheese”. E anche in questo caso, paradossalmente proprio grazie a tutti gli innumerevoli difetti, il gioco funziona.
Da Parigi, con amore. Cannibal Kid
(voto 6+)

9 commenti:

  1. come direbbe il mio moroso, gran film "cazzarone" :)

    RispondiElimina
  2. *calzino
    una definizione perfetta, potrei riutilizzarla ;)

    *daisy
    eh sì, perchè tutto sommato è divertente e si guarda con piacere, soprattutto con dei popcorn!

    RispondiElimina
  3. ce vonno pure li cazzari ogni tanto! :D
    bravo Marco, sai che condivido appieno ;-)

    RispondiElimina
  4. mi è venuta voglia di pop corn!

    RispondiElimina
  5. “Royale with cheese” TARANTINO è ovunque! PULP REGNA!

    RispondiElimina
  6. Che vuol esattamente dire cazzarone? :)
    Cmq io sono ancora sbronza di ALICE nel suo paesino di Tim Burton...

    Suggerimento: io scritturerei più spesso Jonathan Rhys Meyers, ma senza sto baffetto pseudo hitleriano...

    Marco, voglio un tuo post in inglese.
    I tempi sono maturi.

    RispondiElimina
  7. Anch'io non sono stata attratta dalla pubblicità di questo film e tu mi confermi che forse è meglio attendere qualcosa di meglio.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  8. *vale
    non so che vuol dire, ma suona bene :D
    jonathan rhys meyers era partito alla grande con quel capolavoro di velvet goldmine, adesso dovrebbe essere un po' più selettivo nella scelta dei film...

    quanto al post in inglese, lo so: è ora e ci devo lavorare.
    in passato ho già scritto alcune cose in english, ma mi sa che non l'ho mai postate sul blog..

    *kylie
    beh, se non sei proprio appassionata al genere action te lo puoi perdere tranquillamente

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com