sabato 21 maggio 2011

Lady Gaga was Born in the USgAy

Yes, è la copertina più tamarra che abbiate mai visto!
È arrivato il nuovo spasmodicamente atteso (magari non da tutti) album di Lady Gaga e dopo aver sentito i primi singoli ispirati a Madonna, Cher e alla stessa Lady Gaga, le premesse sembravano quelle giuste per:
a) Realizzare il più grande omaggio agli anni ‘80 di sempre.
b) Realizzare il disco gay più gay di sempre.

Qual è il risultato finale?
Born This Way è il più grande disco gay 80s di sempre, roba da far arrossire dalla vergogna persino Village People, Scissor Sisters e Boy George.
Non vi piace il genere disco gay anni Ottanta? Allora è un album semplicemente così così.
Comunque, cazzate a parte (anche se senza cazzate questo blog sarebbe destinato alla chiusura), parte ora l’analisi cannibale pezzo-per-pezzo di uno dei lavori che, vi piaccia o meno, segneranno l’annata.

Lady Gaga “Born this way”
Genere: electro pop
Provenienza: New York City, USA
Se ti piace ascolta anche: Madonna, Daft Punk, Scissor Sisters, Mika, Crystal Castles

L’iniziale “Marry the night” mette subito le cose in chiaro: Lady Gaga, per chi ancora avesse dubbi, è eccessiva, kitsch, spudoratamente spudorata. E questo è un inno alla notte grandioso. Forse pure troppo. Comunque gloriosamente e fieramente anni Ottanta.
(voto 7+)

Il singolo che dà anche il titolo all’album "Born this way" lo conosciamo ormai bene tutti. Sì, anche voi che fate tanto gli anti-Gaga e poi quando ve lo beccate sull’autoradio se siete in compagnia fate gli snob e cambiate stazione dicendo “Puah Gaga!”, ma se invece vi trovate da soli vi mettete a cantarla e a ballarla nel modo più scomposto e liberatorio possibile. Perché alla fine questo è: un inno alla libertà e ad essere se stessi. Sì, Madonna l’aveva già fatto tempo addietro con “Express Yourself”, ma qui il pezzo è stato ricalcato in una maniera molto personale e attuale, seppure sempre con un piacevole retrogusto 80s che rimane in bocca. A differenza di molta della pop music usa e getta in giro oggi, un pezzo che cresce con gli ascolti. È questa la differenza tra la Gaga e gli artisti cacca.
(voto 8)


Government hooker”: la puttana del Governo. C’è chi ha ipotizzato un possibile collagamento tra questo pezzo e i bunga bunga party di Berlusconi, visto che la Germanotta canta “Mi papito”. Si riferirà proprio a lui?
Ma chissenefrega, l’unica cosa interessante al momento è che è un pezzo electro pretty amazing e pretty devastante! Un pezzo tra Gwen Stefani e gli Aqua (!): geniale, insomma.
(voto 8,5)


Judas” è l’altro pezzo ormai ben noto. Una figatonza electro da panico paura. Qui il modello di riferimento cui si è ispirata è… se stessa, in particolare la canzone suona come un update di “Bad Romance”. Riuscito particolarmente bene. E se piazzate il volume del subwoofer bello alto potreste riuscire a far venire giù le finestre di casa, o almeno rischiare di essere giudicati “persona non grata” all’interno del vostro condominio.
(voto 8,5)


Americano” è una tarantella (?!) dance. Un delirio latino con un ritmo da disco italiana anni ’90, sì: alla Gigi D’Agostino. Una nuova “Alejandro” poco riuscita che quest’estate suonerà anche alla grande però per adesso bah…
(voto 6-)

Hair” parte lenta, ma poi sale sale e non fa male. Un’autentica celebrazione degli anni ’80 più kitsch (con tanto di presenza di sax!!) e dei capelli: praticamente “vivo sempre insieme ai miei capelli” di Niccolò Fabi solo remixata dai Chemical Brothers e resa quindi una danza memorabile.
(voto 8,5)


Scheiße” va di tedesco, in un mantra di quelli che era dai tempi di “Eins zwei polizei” che non ne sentivamo. Un pezzo techno-trance da night club di Berlino, di quelli in cui in un angolo puoi incontrare una prostituta, in un altro un trans, in un altro uno spacciatore, in un altro uno che vuole accoltellarti. Pericoloso, ma anche uno sballo totale.
(voto 8+)

Bloody Mary” è una ballata electro alcolica al rallentatore. Alcuni dettagli di produzione rendono il tutto altamente figoso e le tastierine fanno molto Europe.
(voto 7,5)

Con una copertina trash del genere poteva mancare la tamarrata vagamente rockettara? Certo che no e allora la partenza di “Bad Kids” ci presenta una chitarrona pesante, salvo poi virare subito verso territori dance più Gaga consueti, in un numero alla Daft Punk con ritornello accattivante e quasi malinconico. Cannibal Kid dà quindi l'ok ai bad kids!
(voto 7,5)

Highway Unicorn (Road 2 Love)” piacerebbe a Mika per il ritornello epico, quanto ancora ai Daft Punk per il ritmo di stampo electro. Pasticciata, esagerata, insomma: Gaga-figata.
(voto 7/8)

Heavy Metal Lover” nonostante il titolo non è per nulla heavy metal ma piuttosto heavy electro. Sull'album di qualche altro cantante sarebbe la luce assoluta, qui dentro questo ben di Dio non brilla particolarmente.
(voto 6,5)

Una chitarra tamarra alla "I was made for loving you" dei Kiss fa capolino all’inizio di “Electric chapel”, ma anche qui lo spazio è regalato presto a una roba electro ad alto tasso di unz-unz. Il pezzo però non lascia un grosso segno.
(voto 6)

You & I”: spazio per la ballata. Luci giù. Accendini su. Pezzo da finale di un concertone anni ’80. Esageratamente kitsch? Oh yes.
(voto 6+)

La vera chiusura è però per “The edge of glory”, il nuovo singolo (almeno negli Stati Uniti, in Europa dovrebbe essere "Hair"), che qualcuno ha già accusato di assomigliare a un pezzo di Cher. Le similitudini in effetti ci sono, ma tanto quel pezzo non se l’era filato nessuno e poi la voce di Cher non se pò sentì! Un pezzaccio anni ’80 mica male, comunque, mezza ballata e mezza tamarrata. La possiamo definire tamarro-ballad?
(voto 8)


Finita qui? Ma no, ci sono pure le bonus tracks:
Black Jesus - Amen Fashion
Jesus is the new black! E i Daft Punk sono i new Beatles come riferimento per la pop music di oggi.
(voto 7+)
Fashion of his love
Pezzo madonniano, anzi madonnaro. Valido, valido.
(voto 7)
The Queen
Tamarrata riempitiva con tanto di assolo di chitarra nel finale. Non particolarmente necessaria.
(voto 6)

Giudizio finale, ma non definitivo visto che l’album è appena nato e può quindi crescere con gli ascolti successivi: Lady Gaga non ha realizzato il più grande disco in assoluto del decennio come da lei enfaticamente promesso alla vigilia, ha messo dentro un po’ troppa carne al fuoco e non tutto è cotto a puntino. La seconda parte del lavoro in particolare è un po’ più pesante e affaticata rispetto all’ottima serie di pezzi killer posta in apertura, però la Stefani Joanne Angelina Germanotta ha fatto comunque un album di pop-electro ben al di sopra della media di quanto il resto della scena mainstream di oggi offra e con una produzione da panic! at the disco. Ci sono 4/5 canzoni spettacolari che rischiano seriamente di raggiungere (forse superare?) i vertici di “Poker Face”, “Telephone” e “Bad romance”, anche se tra i pezzi lenti manca una “Paparazzi”.
Per una volta non facciamo comunque gli incontentabili rompicoglioni, vediamo il bicchiere mezzo pieno, anche perché è quasi straboccante, e suoniamo questo cazzo di disco all summer long.
(voto 8)

22 commenti:

  1. potete trovarlo qui
    http://newalbumreleases.net/36509/lady-gaga-born-this-way-2011/

    RispondiElimina
  2. ... ebbene no... questa qui non la sopporto e nemmeno mi piace la sua musica... beh non è che mi può piacere tutta la musica che posti, no??? eh! :-DDD

    RispondiElimina
  3. lei è brava ma judas è na cagata ,forse è venuto il momento di cambiare pero',come fa madonna!senno addio....

    RispondiElimina
  4. Maledetta Gaga. Ha copiato la copertina da Nightmare 5

    RispondiElimina
  5. Sbaglio o blogger ha reinserito tutti i vecchi commenti? Ho questa sensazione nel mio blog, chiedevo conferma a te visti i numerosi post e commenti che hai in più rispetto a "noi"...

    Quello che mi sembra assurdo ( e per questo mi son venuti parecchi dubbi) è che io avevo perso un post completo (valhalla rising), poi l'ho ripubblicato ma SENZA andare in bacheca, praticamente l'ho rifatto da capo con NUOVO POST (meno male che l'avevo pubblicato anche su filmscoop..., quindi facile copia-incolla). Insomma, ora mi sembra che i 5,6 commenti che fecero a quel post (poi scomparso) si siano materializzati sul nuovo post dello stesso film. Non mi dire che hanno anche le scimmie intelligenti che rimettono a posto le cose con criterio...

    RispondiElimina
  6. No, ti prego! "Judas" non è un update di "Bad Romance", è una scopiazzatura ancora più tamarra! JUDAAAAAAS JUDADAAAAAAS!!!!!

    RispondiElimina
  7. A me proprio piace, e che il pop non è la mia vocazione! Judas mi ha presa benissimo!

    RispondiElimina
  8. Non sono una grande fan di Lady Gaga anche se molte delle sue canzoni le ho sentite via radio talmente spesso che ho finito con l'impararle...e mi sa che anche queste non faranno eccezione.

    RispondiElimina
  9. Cannibale, ti dirò, con Gaga sono dalla tua parte, per quanto incredibile possa sembrare.
    Trovo che abbia trovato una formula giusta per essere superpop eppure non banale.
    Strano che si debba stare dalla stessa parte proprio grazie a lei!

    RispondiElimina
  10. Mamma mia la copertina è di una bruttezza imbarazzante!

    RispondiElimina
  11. Vedrò di recuperarlo e poi dirò la mia!

    Intanto passo di qui per comunicarti che hai appena ricevuto il Versatile blogger award!

    Se ti va passa sul mio blog a dare un occhio ;)

    RispondiElimina
  12. Hair e The edge of glory mi hanno conquistata.
    sì, sicuramente le sentiremo molto queste canzoni... saranno fra i tormentoni estivi

    buon weekend ^____^

    RispondiElimina
  13. Un fenomeno, nel bene e nel male.
    Musicalmente modesta, mediaticamente enorme.
    In due album ha ridicolizzato tutte le aspiranti reginette pop (da beyoncè a rihanna ecc.), sopravvive alla sua altezza solo katy perry che però ha dato una sterzata pop smarcandosi un pò dalle dancefloor.
    Gaga è l'erede di Madonna, se poi si affida a gente con le palle davvero e smette di pensare di poter fare troppe cose da sola, è a cavallo per dieci anni.
    Chiaramente si parla di musica commerciale, ma alla fine che male c'è?

    RispondiElimina
  14. ...tipo non dimentichiamoci a chi si è affidata madonna e da chi si è fatta produrre nel corso dei secoli dopo gli esordi caserecci di stephen bray......

    RispondiElimina
  15. Il disco di dance con ambizioni pop più perfetto e up-to-date dai tempi di BAD GIRLS di Donna Summer. Forse quello che avrebbero dovuto essere le CONFESSIONS madonnare di qualche anno fa,che stavano però più nel reparto del vintage antiquario. Lussureggiante!

    RispondiElimina
  16. Ma la disco gay anni Ottanta spacca :D

    RispondiElimina
  17. bah, gaga mi piace, ma devo ancora metabolizzare queste nuove tracce, a parte born this way le altre non mi convincono molto..

    RispondiElimina
  18. devo ancora ascoltarlo tutto ma so già che mi piace. Judas per ora è la mia preferita :)

    RispondiElimina
  19. Apetto di ascoltarlo tutto,ma proprio tutto a più riprese. Intanto,"The Edge of Glory" mi manda in palla in cervello.

    Inizio a preoccuparmi :D

    RispondiElimina
  20. Com'è che hai dato i volti più bassi alle canzoni migliori? cominci a preoccuparmi!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com