giovedì 12 aprile 2012

Piccole bugie tra quasi amici

La prima cosa che mi viene in mente sentendo il titolo Piccole bugie tra amici è Piccoli omicidi tra amici. Cosa forse voluta dalla distribuzione italiana. In realtà questa pellicola non ha un granché a che fare con quella. Direi che non è un male. Non che fosse un brutto film, credo solo che avessi aspettative esagerate. Dopo aver visto Trainspotting ed esserne rimasto sconvolto (avrò avuto 15anni quando l’ho visto la prima volta, e può essere sconvolgente anche a 30) sono andato a recuperarmi il primo film di Danny the dog Boyle, Piccoli omicidi tra amici, appunto. Storiella grottesca, una commedia nera non molto divertente. Bah, di certo non una visione a livelli trainspottinghiani. Delusione.
Questa premessa comunque non c’entra niente. Era così, tanto per fare una premessa. Perché io adoro le premesse.
Voi le odiate? Pensiate siano inutili?
Forse, almeno in questo caso, non avete tutti i torti.
Passiamo allora a Piccole bugie tra amici, ovvero Les petits mouchoirs, per dirla con la lingua di Zidane, che significa piccoli fazzoletti. Come mai? Ci sarà da piangere, durante la visione di questo film?

Piccole bugie tra amici
(Francia 2010)
Titolo originale: Let petits mouchoirs
Regia: Guillaume Canet
Cast: François Cluzet, Benoît Magimel, Marion Cotillard, Gilles Lellouche, Laurent Lafitte, Jean Dujardin, Pascale Arbillot, Valérie Bonneton, Anne Marivin
Genere: 30 something
Se ti piace guarda anche: L’ultimo bacio, Le premiere jour du reste de ta vie, Non dirlo a nessuno, Compagni di scuola, La bellezza del somaro, Il grande freddo

Da come gira una scena in un locale notturno, si può capire molto riguardo al talento di un regista. Guillaume Canet decide di aprire le sue Piccole bugie tra amici in una discoteca dove sta suonando "Are You Gonna Be My Girl", prima ma anche unica hit degli australiani Jet, one-hit-wonder-band che ha da poco ufficializzato il suo scioglimento. Non credo nessuno sentirà molto la loro mancanza, però quel singolo spaccava e spacca ancora usato qui colonna sonora ottima per una intro di film devastante. Protagonista della scena: Jean Dujardin. Grande, cazzo. Premio Oscar per The Artist nelle vesti del mitico George Valentin che qui è in primo piano giusto in un paio di sequenze, ma entrambe sono memorabili.
Una grande apertura che si va ad aggiungere ad altre memorabili scene ambientate in un locale, di quelle che fanno capire il talento di un regista di cui dicevo prima: la fulminata disco de Il cigno nero realizzata dal pazzesco Darren Aronofsky, il viaggio allucinato nella notte di Tokyo di Enter the Void di Gaspar Noé, i Wachowski di Matrix, l’unica scena interessante dell’altrimenti mediocre Biutiful con cui Alejandro González Iñárritu conferma pur nel suo film peggiore il suo talento visivo, e poi quella gran ficata di sequenza dentro il nightclub in Collateral di Michael Mann.



"Ma che ci faccio io che sono quasi vecchio in mezzo a questi quasi giovani?"
La storia del film non è tutta questa storiona originale o mai vista. La pellicola gira più che altro intorno a un gruppo di amici, tutti trentenni o più, tranne l’infiltrato François Cluzet, il “quasi amico” un po’ più vecchiotto che funge per gli altri da “quasi padre”. Uno di loro, chissà chi, finisce all’ospedale, però gli altri decidono in maniera un attimino egostica di partire comunque per le già pianificate vacanze estive. Che devono ‘sta a fa’? Devono guardare il malato in ospedale? Eh no, dai, meglio attendere che si riprenda mentre loro si godono sole & mare durante una bella vacanzina.
È qui però dove, alla faccia del periodo di relax, scoppiano le tensioni e le crisi irrisolte del gruppo di amici. Uno confessa all’altro di provare qualcosa per lui, uno (l’uomo più inzerbinito mai visto!) non fa altro che parlare della ex che si sta per sposare con un altro, un paio sono sposati (più o meno infelicemente) con figli, un paio d’altri non riescono a mantenere una relazione stabile, tutti sembrano presi dalle proprie vite e dalle proprie bugie e fissazioni. Eppure l’amicizia li unisce sempre. O no?

Guillaume Canet, anche attore e anche e soprattutto marito di Marion Cotillard, c’ha preso gusto con la regia dopo il da noi inedito Mon idole e il thriller Non dirlo a nessuno e qui compie un ulteriore passo in avanti nel suo percorso cinematografico. Se ieri parlando del film precedente dicevo che non aveva ancora trovato un sentiero tutto suo, con questo sembra averlo già imbroccato, sebbene rimanga ancora un po’ confuso su quale direzione precisa prendere. Il che non è per forza un male. Il suo è un cinema vivo, contaminato, alla costante ricerca di stimoli e idee. Un cinema in evoluzione.
Laddovè con Non dirlo a nessuno remixava il thriller con il melò, qui ci troviamo in una giusta combinazione di commedia e dramma. Una storiona d’amicizia e di crisi esistenziali tra 30/40anni non particolarmente simpatici della medio-alta borghesia parigina, che ricorda una variante francese de L’ultimo bacio. Giusto con meno corse e urla tipicamente mucciniane. Ad esempio, il personaggio di François Cluzet (attore che continua a convincermi sempre più) è nervosissimo, quasi più di Stefano Accorsi. Non raggiunge i suoi livelli di parlata epilettica, però non è messo molto bene pure lui e tocca il suo apice di follia in un momento alla Shining! Anche se, per i suoi toni dolceamari, il film ha finito per ricordarmi più che altro Compagni di scuola di Carletto Verdone e naturalmente il modello originale, Il grande freddo.

"Merd! Qui non c'è la connessione!
Come facciamo a sapere cosa ne pensa Cannibal di noi?"
Arma in più di cui si avvale il Canet, è un cast da Miracolo di Lourdes. Il meglio del cinema francese, oggi in stato di grazia, racchiuso tutto in una pellicola. Gilles Lellouche è una rivelazione; già si era visto intamarrito nel precedente Non dirlo a nessuno, qui appare come un sosia del già citato straordinario Jean Dujardin. E poi volevate che il Canet si facesse mancare la sua splendida mogliettina? Eh certo che no, c’è pure lei, l’altro premio Oscar Marion Cotillard, qui in intrigante versione no-global-fricchettona-bisex.

Un film fiume, straripante, molto ma molto radical-chic, con una galleria di personaggi più da odiare che da amare, eccessivo nella sua lunghezza (oltre 2h e 30min) ma che dall’inizio alla fine riesce a essere sempre coinvolgente e a non annoiare. Non è una piccola bugia tra amici cannibali. È una grande verita.
(voto 7,5/10)

10 commenti:

  1. secondo me, come sai, manca un pò di coraggio..certo rimane un film piacevole, recitato bene e con alcuni spunti di riflessioni interessanti sulla vita e sull'amicizia, ma credo che bisognava osare un pò di più..
    detto questo il cinema francese, come hai evidenziato bene nell'altro post, ci sta dando lezioni su lezioni

    RispondiElimina
  2. Evinco che l'invenzione del titolo Quasi amici, abbia avuto il suo risvolto positivo, dando ispirazione a tanti post e a un nuovo modo di catalogare l'amicizia:)
    Più o meno quello che ha fatto il film Quasi amici con il cinema francese diffondendolo a macchia d'olio in Italia, per fortuna.
    Anche questo "quasi" sicuramente da vedere:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io i titoli italiani li denigro tanto, però poi li sfrutto alla grande! :D

      Elimina
  3. Lo vedrò stasera, visto che devo recensirlo anche da altre parti.
    Sono molto curioso, anche se il radicalchicchismo solletica un pò la voglia di bottigliate.
    Staremo a vedere.
    Julez ha già programmato una bella dormita, data la durata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì vabbè, però tiratela di meno perché devi recensirlo da altre parti! ahahahah :D

      Elimina
  4. il deterrente principale devo dire che è la durata. però, mannaggiammè, sono curioso

    RispondiElimina
  5. Irriverent Escapadeaprile 12, 2012 8:41 PM

    Il grande freddo resta inarrivabile, per essere stato il primo, per il cast (su tutti Costner nella migliore delle sue interpretazioni) la soundtrack.
    Questo, che avevo visto in Francia qualche tempo fa potrebbe ambire ad essere una delle piu` gradevoli imitazioni (lunghezza a parte)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com