martedì 29 gennaio 2013

KOTOKO, TOKKATA IN TESTA

Kotoko
(Giappone 2011)
Regia: Shin’ya Tsukamoto
Cast: Cocco, Shin’ya Tsukamoto
Genere: schizzato
Se ti piace guarda anche: Guilty of Romance, Mother, Tetsuo



















Kotoko è un gran film.
Non vi consiglio di vedere Kotoko.
La regia del film è incredibile.
La regia del film vi provocherà giramenti di testa e forse anche voltastomaco.
Il regista del film è Shin’ya Tsukamoto, quello di Testuo, film leggendario che ho sempre voluto vedere.
Non ho mai visto Tetsuo.
La protagonista è affetta da diplopia, una visione doppia della realtà.
La protagonista è una persona assolutamente normale che dovrebbe giusto farsi vedere da un oculista bravo.
La protagonista è una pazza paranoica psicopatica schizofrenica totale.
La protagonista, va bene lo ammetto, è una tipa con qualche problemino ma, d’altronde, chi non ne ha?
L’interpretazione della protagonista, la cantante Cocco, è letteralmente pazzesca.
La protagonista Cocco si vede che è un’esordiente totale come attrice.
Che razza di nome è Cocco?
Già, che razza di nome è Cocco?
La protagonista canta spesso durante il film e la sua voce ha un suo perché.
La protagonista non è che sia tutta ‘sta grandissima cantante. Andasse ai provini di X-Factor, per me sarebbe un “No!” e sentendola qualcuno potrebbe avere l’immediato impulso di proteggersi le orecchie e infilarsi le cuffiette per ascoltare piuttosto i One Direction.
Il protagonista maschile è lo stesso regista del film Shin’ya Tsukamoto e se la cava anche come attore.
Vabbè, ma allora solo perché uno fa il regista si crede anche attore… sarebbe un po’ come se uno che è un attore si crede di fare il regista e poi magari gli riesce pure… dite Ben Affleck? Non vi ho sentito.
Il protagonista maschile è un sadomasochista che gode a farsi trattare male dalla protagonista femminile.
Il protagonista maschile è solo profondamente innamorato della protagonista femminile.
Kotoko è una poetica riflessione sull’amore di una madre per il proprio figlio.
Piuttosto che avere una madre come la protagonista di Kotoko, preferirei avere Annamaria Franzoni.
Kotoko è un’ascesa spirituale di una persona alla ricerca di se stessa, del suo vero io.
Kotoko è una discesa negli inferi della follia umana.
Kotoko è un film dalla sceneggiatura paurosamente semplice.
Kotoko è un film visivamente molto incasinato.
Kotoko è un film delicatissimo.
Kotoko è un film di una violenza spaventosa.
Kotoko è un dramma struggente.
Kotoko è un horror splatter.
Kotoko è pieno di squarci di poesia.
Kotoko è pieno di sangue, squarci, sangue che viene fuori dagli squarci.
Kotoko vi piacerà un sacco.
Kotoko vi farà schifo.
(voto 8/10
anzi no 4/10
anzi no no 5 al 6
anzi no no no s.v., senza voto)



14 commenti:

  1. Ci piace parecchio.Rece e Pelli.

    RispondiElimina
  2. Ti dirò, dei lavori del buon Tsukamoto ho preferito i vari Tetsuo [valli a recuperare!] ma questo ha un suo perché! Film semplice ma che non vuole dire cose così complicate, semplicemente narrare una storia che, per una volta, potremmo definire 'comune'. Senza contare che poi l'attrice Cocco ha perso per davvero un figlio nella vita reale, quindi per lei il film era fortemente voluto.
    D'altronde a fine visione rimarranno ovviamente molti dubbi, ma una sola grande certezza... Kotoko è una madre!

    RispondiElimina
  3. Kotoko spacca il culo punto e basta! by the way: non hai ancora visto Tetsuo? ma non ti fai schifo?!? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, di tetsuo ho trovato solo delle versioni schifose che sembravano registrate da ford dal suo videoregistratore... :D

      Elimina
  4. urca, tetsuo ci ho provato più volte a vederlo, quand'ero più giovane, ma dopo un po' mi sono arreso. però 'sto kotoko mi ispira parecchio

    RispondiElimina
  5. Lamadonna... è un film potente, eh?^^
    Rece che stuzziKa.

    Moz-

    RispondiElimina
  6. credo che tetsuo sia l'unico film che nella mia vita mi ha provocato una notte insonne...e kotoko è un gran film! Rece geniale!Diplopica!

    RispondiElimina
  7. Porcozillo! Ce l'ho lì e dopo ste millemila recensioni positive devo proprio andarmelo a vedere. Vado!

    RispondiElimina
  8. Ancora mi manca. Ma se arriva anche solo ad essere pazzesco come Tetsuo ne vale la pena.

    RispondiElimina
  9. Miglior recensione cinematografica dal 2010 ad oggi.

    RispondiElimina
  10. Dovrei vederlo solo per bottigliarlo, considerato tutto.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com