giovedì 28 febbraio 2013

CINEMA SIBERIANO

Fabri Fibra? No, l'autore del romanzo Educazione siberiana.
Dopo una serie di weekend tutti piuttosto interessanti e pieni di uscite valide o quasi, questa settimana non si preannuncia il massimo dei massimi.
L’effetto Oscar si sta già sgonfiando?
In attesa di vedere il lato positivo in una situazione non troppo felice, cinematograficamente e non solo parlando, per questa settimana accontentiamoci del lato negativo.
E a proposito di lati negativi, insieme ai miei commenti non mancheranno neppure quelli del mio blogger rivale Mr. James Ford.
Nei prossimi giorni comunque potremmo essere entrambi parecchio impegnati. Voci non confermate dicono infatti che Napolitano abbia intenzione di chiamare me e Ford al Colle per formare una sorprendente coalizione di Governo. Che potrebbe durare due giorni al massimo dei massimi...

Ford si tatua la scritta: "Morte a Cannibal, gloria e vita a JCVD" sulla schiena.
Educazione siberiana di Gabriele Salvatores
Il consiglio di Cannibal: meglio un’educazione siberiana che una fordiana
Gabriele Salvatores è un regista che non mi esalta particolarmente. A lui riconosco comunque una certa dose di coraggio e di voglia di provare a cimentarsi con film e generi diversi. Considerando come in Italia molti, una volta trovata una formula anche solo un minimo fortunata, si accontentano di replicarla stancamente a vita, non è una dote da poco. I risultati però nel suo caso sono altalenanti…
Per questo Educazione siberiana qualcuno ha osato scomodare paragoni addirittura con C’era una volta in America e non mi sembra il caso. Lo dice uno che con i paragoni assurdi c’ha una certa familiarità. E pure Ford è un altro che su queste cose non scherza mica…
Le premesse per qualcosa dal respiro internazionale e di diverso dalle solite produzioni italiane ci sono, poi i risultati come sempre con Salvatores sono un’incognita. Così come i risultati delle elezioni italiani. E come ogni film consigliato da Ford che può rivelarsi o una ciofeca media oppure una ciofeca gigantesca.
Il consiglio di Ford: prepariamoci per emigrare in Siberia, lì forse la fauna locale riesce a votare meglio degli abitanti della Terra dei cachi!
Salvatores è un regista che, ai tempi dei suoi esordi, riusciva sempre a convincermi con il giusto equilibrio tra scanzonato panesalamismo all'italiana ed un pizzico di autorialità che non guastava mai: poi ha iniziato a scopiazzare clamorosamente i registi in voga in questa o quella stagione e ad appigliarsi a classici del passato, e progressivamente mi è parso sempre più un fuoco di paglia senza più alcuna idea che meritasse questo nome. Ora torna alla carica portando sullo schermo l'adattamento di un romanzo che strabiliò la critica qualche anno fa e che personalmente non ho letto, speriamo non si tratti dell'ennesima operazione furbetta e che, almeno, valga la pena di una visione quantomeno discreta. Un po’ come paiono essere diventati i gusti del Cannibale ultimamente.

"Questo sì che era un drink, altroché WhiteRussian!"
Upside Down di Juan Diego Solanas
Il consiglio di Cannibal: Cannibal è sempre Up, Ford è sempre Down
Filmetto già visto. Carino. Visivamente è molto interessante, e non solo per la presenza della sempre magnifica Kirsten Dunst, mentre purtroppo a livello di sceneggiatura è un po’ esilino.
Io una visione comunque la consiglio, soprattutto in una settimana più down che up come questa.
Consiglio anche di non stare a dare troppo peso ai consigli fordiani, se non volete che vi butti down l’umore ancora più di quanto possa fare la situazione politica nazionale. E non è un’impresa da poco.
Il consiglio di Ford: più che Up, questa settimana mi sa tanto che ci aspetta molto Down.
Film parecchio inutile nonostante il fascino visivo che ho già visto parecchio tempo fa e che a brevissimo farà la sua comparsa qui al Saloon, che vale la visione più per gli effetti - davvero interessanti - che per la storia, che è riuscita ad entusiasmarmi meno delle tresche adolescenziali di Peppa Kid o dei risultati delle elezioni politiche. Se proprio non avete altro da recuperare, fate un tentativo non troppo convinto con questo.

"Ma che cazzo c'ha Ford in casa sua?"
Non aprite quella porta 3D di John Luessenhop
Il consiglio di Cannibal: se bussa Ford, non aprite a quella porta (3D o meno che sia)
Ma ancora?
L’ultimo remake del cult horror degli anni ’70 tanto esaltato da Ford era quello con Jessica Biel uscito 10 anni fa. Remake parecchio squallido. Visto che quello non bastava, adesso ne arriva un altro che rischia di essere ancora più squallido.
Dove andremo a finire, se continueremo così? Finiremo peggio della Grecia? Finiremo persino a bussare alla porta di Ford?
Il consiglio di Ford: io non busso alla porta del Coniglione, la abbatto a bottigliate!
Trascurabilissimo - per non dire orrido - reboot di un cult dell'horror di tutti i tempi buono giusto per le inquadrature al limite del soft-porno alle due notevoli protagoniste femminili che ho già visto e massacrerò a dovere a breve neanche fossi un novello Leatherface nei prossimi giorni, ulteriore segno del declino che sta vivendo il genere, quasi peggiore di quello che attraversa la Terra dei cachi, ormai allo sbando completo, e la mente del Cannibale, che non so a quale remake con Jessica Biel voglia attribuire la mia approvazione.
Nota cannibale: l’esaltazione era riferita all’originale, non al remake. Anche se secondo me Ford s'è esaltato pure con quello...

"Una preghiera per il Papa che ci lascia. E si trasferisce a casa di Ford."
Non ci indurre in tentazione di N. Santi Amantini
Il consiglio di Cannibal: …ma liberaci dal Ford
E veniamo al capitolo ogni settimana più atteso da voi fedeli lettori cannibalini e (ahivoi) fordini. Il capitolo dedicato alle uscite italiane inutili. Quei film che già fin dal trailer capisci una cosa: che non li vedrai mai. Per carità, poi magari si scopre che sono dei capolavori, ma se il trailer fa già pena, ciao belli, io ci rinuncio. In Italia si dovrebbe imparare una cosa, oltre a votare con il cervello e a tornare a girare dei film interessanti: realizzare dei trailer intriganti. Sarebbe già un primo passo.
E a proposito di primi passi e di crescita: ma vi immaginate che bello se la prima parola del figlio di Ford fosse: “Cannibal”? (okay, non c’entrava niente con il film, però avevo voglia di chiederlo).
Il consiglio di Ford: non vi induco in tentazione, ma vi libero dal Male. Cannibal? No, qualcuno di ben peggiore che ha quasi vinto le elezioni.
Non passa settimana senza che ci si trovi ad affrontare filmetti inutili prodotti e distribuiti nel Paese dei voti discutibili quando pellicole splendide come ad esempio i quattro quinti dei candidati all'Oscar per il miglior film straniero non trovano spazio manco a pagare.
Quello, invece, spazio lo trova sempre.
Quello, non il Cannibale.

"Aiuto, è entrato un Ford dalla finestra. Prendete l'insetticida, presto!"
Tutti contro tutti di Rolando Ravello
Il consiglio di Cannibal: tutti contro Ford
Un film da regista in Italia non lo si nega a nessuno e quindi dopo i vari Siani, Ceccherini, Papaleo etc., ecco che debutta dietro alla macchina da presa pure Rolando Ravello. Chi è Rolando Ravello???
E che ne so io… è quello pelato noto per film come… e anche… e poi pure per…
Avete capito, no?
A questo punto fatelo fare anche a me e a Ford un film da attori, registi e sceneggiatori.
Il consiglio di Ford: tutti contro di lui. Proprio lui. Magari! Peccato che siamo in Italia.
Non voglio neppure alla lontana prendere in considerazione un filmetto di questo genere, segno del declino culturale - e non solo - che vive un'Italia sempre più in crisi.
Mi accodo alla richiesta del Cannibale: fate fare anche a noi due un film. Sicuramente verrebbe meglio di certa merda che finisce in sala.

Ford porta a scuola suo figlio.
Nitro Circus: The Movie 3D di Gregg Godfrey, Jeremy Rawle
Il consiglio di Cannibal: ma che è?
Io già solo quando leggo 3D nel titolo sento puzza di bufala lontano un miglio. Come quando sento una promessa elettorale shock. Per di più, si tratta di una roba spericolata alla Jackass di serie B. Una roba che insomma giusto Ford potrebbe correre a vederlo, manco si trattasse di un concerto del suo gruppo preferito: i Modà ahahà.
Il consiglio di Ford: ultimamente basta avere nel titolo 3D o circus, ed ecco che si è pronti per la distribuzione.
A questo punto mi viene un dubbio: ma una certa campagna elettorale è stata fatta promettendo il 3D per tutti!?!?
Roba da pazzi. E parlo rispetto alla distribuzione così come al voto.
Neppure il Cannibale avrebbe osato tanto.
E questo dice tutto.

22 commenti:

  1. L'ultima didascalia e quella del papa non sono niente male.
    Ma anche quella dei tatuaggi, in fondo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fai prima a dire che ti sono piaciute tutte e fine :)

      Elimina
  2. questa minchiata di riproporre i vecchi film in 3D (Titanic, Guerrestellari, Toy Story ecc) puzza; puzzerà ancora per molto?
    Però, adesso che ci penso, Sophia che si spoglia in IERI, OGGI E DOMANI un 3D lo meriterebbe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non aprite quella porta non è una riproposizione del vecchio film,
      ma proprio un nuovo remake.
      nuovo si fa per dire...

      Elimina
  3. Voglio proprio vedere Salvatores cosa è riuscito a tirar fuori dalla Siberia... curiosità a mille!

    A titolo informativo il regista de "Non ci indurre in tentazione" è stato il DOP e il Cameraman del trash iper trash horror italiota "In the Market" (che poi non è per nulla splatter di Lorenzo Lombardi). Con questa premessa voglio vedere se avrai il coraggio di vedere sta porcheria... pregiudizio? si! decisamente!

    Nitro Circus è uno spinoff di Jackass, di certo non consiglio di andarlo a vedere al cinema... ma una sera a casa quando non si ha nulla da fare io un'occhiata alle acrobazie di Travis Pastrana gliele darei ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in the market l'avevo già evitato accuratamente
      e lo stesso farò con questo. non mi farò certo indurre in tentazione :)

      Elimina
  4. Settimana fiacchissima. Recupererò qualcosa del tanto non ancora visto.

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con la tua prima frase, non mi ispira quasi nulla...forse solo educazione siberiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia prima frase per caso era "ford scemo e scemo chi non lo dice?"
      aahaha :D

      Elimina
  6. Questa settimana recupero di sicuro Anna Karenina, se mi avanza tempo magari un pensierino sull'Educazione Siberiana ce lo faccio...

    RispondiElimina
  7. O.T.: in ritardo (ero in vacanza e me l'ero perso) ti ringrazio per la mia citazione su Argo nel tuo post della settimana scorsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè bom, se vuoi ringraziami a ferragosto.. :D

      Elimina
  8. Penso che vedrò solo "Educazione Siberiana"

    RispondiElimina
  9. ciao Marco.
    anche io opto per Educazione siberiana, ma non sono certa di riuscire ad andare a vederlo.
    buon weekend

    RispondiElimina
  10. Educazione Siberiana...pensa che il trailer mi ha riportato alla memoria sensazioni che provai anni fa vedendo gli angeli di Wenders e la Christiane F. correre sotto i portici. Immagini Fredde grigie e contemporaneamente calamitanti, ma magari è stato solo un abbaglio.
    Invece Upside Down va visto a testa in giù? ;P

    RispondiElimina
  11. Sento freddo , tanto freddo Marco....
    Un bacio!

    RispondiElimina
  12. mi sa che andrò di "Educazione siberiana", dato che il libro di Lilin lo ho amato - te poi l'hai letto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stai parlando dello scrittore che assomiglia a fabri fibra?
      :D

      comunque no, non l'ho letto.

      Elimina
    2. Ma povero Lilin T.T
      Rimedia, è davvero bello!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com