venerdì 22 febbraio 2013

IL LATO POSITIVO DI JENNIFER LAWRENCE? QUALUNQUE LATO

Il lato positivo - Silver Linings Playbook
(USA 2012)
Titolo originale: Silver Linings Playbook
Regia: David O. Russell
Sceneggiatura: David O. Russell
Tratto dal libro: The Silver Linings Playbook di Matthew Quick
Cast: Bradley Cooper, Jennifer Lawrence, Robert De Niro, Jacki Weaver, Chris Tucker, Shea Whigham, John Ortiz, Julia Stiles, Anupam Kher, Dash Mihok, Cheryl Williams, Brea Bee
Genere: pazzo
Se ti piace guarda anche: Ubriaco d’amore, Ruby Sparks, Le strane coincidenze della vita - I Heart Huckabees
Uscita italiana: 7 marzo

Pat (Bradley Cooper) impazzisce quando sente questa canzone, “My Cherie Amour” di Stevie Wonder. Impazzisce non di gioia. Dà i numeri. Va fuori. Sclera di brutto perché è il pezzo che gli ricorda il suo matrimonio finito.



"Mi stai guardando le tette con la vista periferica, vero?
"Mmm... no?"
Ecco. Io ho una reazione simile ogni volta che ascolto un pezzo dei Modà. Cioè, come si fa a non impazzire quando si sente quella voce urticante di Kekko cantare? Eh, me lo sapete spiegare COME SI FA? Com’è possibile che quello lì sia considerato da qualcuno un GRANDE CANTANTE O ANCHE SOLO UN CANTANTE? QUELL’URLATORE FOLLE LI’ SAREBBE UN CANTANTE? DITEMELO, PER FAVORE, SPIEGATEMELO!
Ci sono altre cose però che mi fanno perdere il senno. Non il sonno, magari. Il senno sì. Com’è possibile che ai prossimi Oscar vincerà quasi sicuramente Lincoln? O, se non vincerà Lincoln che se non altro è un film di interesse storico, vinceranno pellicole ancora peggiori come la fiabetta zen da quattro soldi di Vita di Pi, o la ruffianata d'autore Amour o il musicarello fracassatimpanienonsolotimpani Les Misérables? Esiste anche una possibilità che possa vincere un buon film come Argo. È quasi impossibile invece che vinceranno i film migliori, dei film STREPITOSI come Django Unchained, Zero Dark Thirty, Re della terra selvaggia o questo Il lato positivo, il mio personale preferito. Persino più di Django. Sì, l’ho detto.
È facile dire che si deve guardare il lato positivo, ma come si fa quando esistono tali ingiustizie nel mondo? Eh? COME SI FA, MALEDIZIONE, COME SI FA? E DOMENICA CI SONO LE ELEZIONI E QUALCUNO VOTERA’ ANCORA QUELLO LA’. MA COME SI FA?

"Dai che il giaguaro caimano a questo giro prende meno voti di Oscar Giannino!"
Scusate lo sfogo. Ora che ho preso i miei medicinali, mi sento più tranquillo. La mente è annebbiata, un poco annebbiata. Mi sento rintontito. Sensazione non nuova. Almeno sono più rilassato e vi posso parlare con calma di Silver Linings Playbook.
Questione titolo. La faccenda si complica subito. Respira, Cannibal, respira. Devi stare molto calmo, come canta Neffa in radio in questi giorni.
Silver Linings Playbook è un titolo intraducibile. La traduzione letterale sarebbe “L’orlo argenteo del libretto” e il titolo con cui si era pensato di farlo uscire all’inizio era “L’orlo argenteo delle nuvole”, non esattamente uno di quei titoli che si ricordano facilmente.
“Cosa andiamo a vedere questa sera?”
“Oh, io volevo vedere quel film con la tipa sgnacchera di Hunger Games e il tipo di Una notte da leoni. Come si chiama? Non mi viene più in mente. Il coso d’argento di non mi ricordo più cosa… Vabbè, lasciamo perdere. Andiamo a vedere il film di Alessandro Siani che facciamo prima…”.
Un titolo del genere non era poi nemmeno tanto male, visto che l’originale inglese fa riferimento ai versi della poesia di John Milton, “Comus”.

“Was I deceiv'd, or did a sable cloud
Turn forth her silver lining on the night?”

"Smettila di dire che Hunger Games è un film solo per bimbiminkia!
E' piaciuto anche a mio cuggino che ha ben 18 anni e 2 giorni!"
Una frasa positiva, che significa che dietro ogni nuvola oscura si nasconde uno spiraglio argenteo di luce.
Tradotto in termini cinematografici: dietro ogni pessimo Cloud Atlas si nasconde uno splendido Silver Linings Playbook. Ma questa - forse - è un’interpretazione tutta mia delle parole usate da John Milton nella sua poesia del 1634.
Alla fine, la distribuzione italiana ha deciso di fare uscire il film con il più semplice “Il lato positivo”, una semplificazione eccessiva, ma che comunque rende all’incirca il messaggio dell’originale. Magari non un titolo favoloso, ma se non altro non un obbrobrio come Eternal Sunshine of the Spotless Mind reso con l’ammiccante Se mi lasci ti cancello.
Cerco allora di vedere il lato positivo e non infervorarmi, una volta tanto, con la distribuzione italiana. Se con il titolo hanno fatto quello che potevano, e non era impresa facile, c’è da lamentarsi allora semmai per il ritardo con cui verrà distribuita la pellicola, in uscita in Italia solo il 7 marzo. Sarebbe stato troppo furbo farla uscire prima degli Oscar, per sfruttare l’hype delle ben 8 meritate nomination agguantate agli Oscar? SAREBBE STATA UNA MOSSA TROPPO ASTUTA? EH?

"Hey Katniss, i soldi spesi per Hunger Games li voglio comunque indietro!"
Perché mi arrabbio ancora? Ormai dovrei esserci abituato, a queste mosse nonsense della fantascientifica distribuzione nostrana. Meglio allora parlare del film.
Che bel film. Il lato positivo sì che è un toccasana positivo. È una commedia che fa ridere. Cosa che dovrebbe essere scontata invece no. È sempre più una specie in via d'estinzione una commedia che sappia davvero far ridere. Spesso fanno più ridere folli esperimenti tra sci-fi e horror come John Dies at the End o dramedy come Quasi amici. Questa invece è una commedia vera e propria e mi ha fatto ridere. Molto. Miracolo. Una commedia folle sulla follia. Il regista David O. Russell, non fenomenale però bravo, dopo la parentesi sul ring con The Fighter, non fenomenale però bello, torna dalle parti di I ♥ Huckabees, da noi anche noto con lo strano titolo di Le strane coincidenze della vita, una pellicola illuminata da lampi di stralunata genialità alla Wes Anderson, un film imperfetto che però avevo adorato.
Con Il lato positivo, Russell cambia ancora lato. Non so se questa cosa mi piaccia o meno. A ogni suo film, il suo cinema è diverso. Tra l’acerbo Amori e disastri, The Fighter, Le strane coincidenze della vita e questo è davvero dura trovare dei punti di contatto. Il suo cinema è in costante evoluzione, non offre punti di riferimento solidi. E ciò è un bene, guardando l’orlo argenteo che sbuca fuori. Guardando invece le nubi, David O. Russell non ha uno stile definito, tutto suo, non ha una sua specifica poetica tipica dei grandi autori.
Detto questo, Silver Linings Playbook è di gran lunga il suo film migliore, quello che magari marcherà la sua cifra stilistica da qui in avanti. O magari no, magari il regista e sceneggiatore cercherà nuove sfide e volerà tra altre nuvole, alla ricerca di nuovi spiragli di luce.

"Papà, ma come ti è venuto in mente di girare Manuale d'amore 3?
"Non lo so, figliolo. Non lo so. Forse per le tette della Bellucci?"
Silver Linings Playbook è un film clamorosamente bello. O magari no. È solo che provoca un effetto positivo. Mi fa stare bene mi fa stare bene mi fa stare bene ma non è (per fortuna) una canzone di Biagio Antonacci. Più che un film, è una cazzo di terapia. Non solo per il protagonista Pat, un Bradley Cooper che qui è bravo. Non stellare. Non da Oscar magari, ma la nomination ci sta tutta. È anche una terapia per lo spettatore. Una terapia non fatta di sedute psicanalitiche, come ci si potrebbe attendere a inizio pellicola. A muovere il cambiamento del protagonista è l’incontro con una tipa che forse è persino più stralunata di lui. E sì che lui è uno che in piena notte sveglia tutto il vicinato lamentandosi per il finale tragico di Addio alle armi di Ernest “fottuto” Hemingway.
Lei, Tiffany, è ancora più fuori di lui. Lei, Tiffany, è interpretata da Jennifer Lawrence, ripeto: Jennifer Lawrence, qui irresistibile, fulminata, vedova e pure affetta da ninfomania. Chi non vuole aiutare una come Jennifer Lawrence ad alleviare il dolore per la sua perdita?
Il protagonista Pat, ecco chi. Giusto un pazzo può non essere pazzo per Jennifer Lawrence. A sua discolpa, va detto che è ancora preso dalla moglie, quella con cui aveva diviso il ballo sulle dolci note di Stevie Wonder che vi ho fatto sorbire ascoltare in apertura di post, quella che però non vede più da quando lui è stato ricoverato in manicomio, pardon in una struttura psichiatrica. Perché lui, non ve l’ho ancora detto?, è affetto da disturbo bipolare, quindi un momento è tutto tranquillo e a posto e poi all’improvviso sclera e dà di matto.

"Non credete che riesca a vedere il lato positivo delle cose? Pazzesco!
Solo perché sembro uscita da un film di Tim Burton dopo un concerto
di Marilyn Manson e un sacrificio umano delle Bestie di Satana?"
Cosa succede dall’incontro tra due matti?
Sono scintille, ecco cosa succede, e intorno a loro verranno coinvolti anche tutti gli altri personaggi, da un Robert De Niro finalmente tornato a un’interpretazione degna di nota e da nomination agli Oscar, fino a un sorprendente Chris Tucker, quello finora conosciuto per i Rush Hour con Jackie Chain e qui capace di mostrare un lato inedito, un lato positivo.
Che altro succede, dall’incontro tra due matti?
Succede che ve lo scoprite da soli. Perché se non guardate questo film giuro che potrei perdere la pazienza. Sono stato buono e quieto per quasi tutto il post, però se mi dite che Il lato positivo non lo volete vedere io perdo le staffe e vi faccio vedere il mio lato negativo, avete capito? NON L’AVETE CAPITO? VOLETE PROPRIO FARMI URLARE E COSTRINGERVI A VEDERLO A COSTO DI LEGARVI A UNA SEDIA? PER CHI MI AVETE PRESO? PER UN PAZZO? UN PAZZO FURIOSO? UN PAZZO PERICOLOSO? UN PAZZO URLATORE COME IL MALEDETTO CANTANTE DEI MALEDETTI MODA’?

Okay, mi hanno portato di nuovo i miei medicinali. Non mi piace prenderli, però so che mi aiutano. Mi hanno fatto tornare quieto, pacifico. Sono tornato calmo e in pace con il mondo. Però volevo dire ancora una cosa: chi si lamenterà per il finale, oltre a rischiare seriamente di scatenare di nuovo TUTTA LA MIA IRA, vorrà dire che non ha capito un beneamato CA…volo dello spirito di questo film. Un film excelsior.
(voto 9/10)

Post pubblicato anche su L'OraBlù e nuovo minimal poster realizzato per l'occasione dall'ottimo C(h)erotto.




30 commenti:

  1. Excelsior! :D
    Concordo pienamente con il voto. Tu, poi, come sempre sei un figo e recensisci da farmi morire dal ridere. :)

    RispondiElimina
  2. in primis, mi fa piacere che tu abbia apprezzato I LOVE HUCKABEES (lo si ama o lo si odia, come TheTreeecc; pieno di difetti com'è, a me piacque)
    in secundis, non mancherò di vedere IL LATO POSITIVO (in GB lo hanno visto Alberto e Marcela e mi dicono che Jennifer Lorens è da OSCAR)
    Infine, le mie PREVISIONI: ARGO miglior film, SPIELBERG miglior regista (ma solo perché Affleck non è stato nominato), TARANTINO miglior sceneggiatura, BERLUSCONI trombato, M5S al 25%

    RispondiElimina
  3. Oddeus! L'Imperatrice del Soffocotto e la Faccia da Pirla meno convincente come bipolare che si fa dare i consigli dal Sigg.papà di Ben Stiller in una finta balzana commedia ammerriggana che-del peggio-non-si-può, candidato ad OTTO statuette? Ecco l'ennesima prova, se mai ce ne fosse bisogno, del livello inerpicato dagli A.A. (Dovrebbero sostituire lo spadone dell'oscar con una pera)

    RispondiElimina
  4. Uhm... Un 9?!? Anche no, lui non riesco a sopportarlo, lei è bravissima ma ne esce una commedia un po' troppo spezzettata e nulla di più. Gli ho preferito di gran lunga The sessions nonostante tutti i pregiudizi sui film con disabili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con-cordo. The Sessions l'ho visto da poco ed è un piccolo bel film. Meno piacione (ovviamente) di questo. Entrambi, a mio parere, ci guadagnano oltremodo con le rispettive interpretazioni (Helen Hunt davvero brava).

      Elimina
    2. the sessions carino, ma è moooooolto più ruffiano di questo...

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. Peeeeensooooo eesattaaaaaameeeeeentteeee iiiilll cooontttrarrriiiiooooo di questoooooo.

      Elimina
  5. Lei è splendida, d'accordo (il personaggio l'hai inquadrato bene nell'ultima vignetta). De Niro non è svogliato come al solito, ma la nomination resta esagerata - DiCaprio, che era da Oscar, è stato ignorato. Cooper è bravo, l'ha dimostrato finalmente, ma l'Oscar se lo sogna perché vincerà quella mummia ambulante che è Daniel Day Lewis. Ma la regia di David O. Russell non è sempre perfetta (l'Oscar lo meritava Affleck, poche storie). Un bel film, recensito "positivamente" anche dal temibile Roger Ebert.

    RispondiElimina
  6. secondo me è molto più divertente la tua recensione (come sempre!) del film! Per me è stato carino sì, ma nulla di strepitoso. Non l'ho trovato nemmeno originale (tutta la parte del ballo mi pare di averla già vista in altri film). Gli attori sono la vera potenza di questo film, sia Cooper che la Lawrence sono grandiosi, una coppia di matti che ti rimane in testa :)

    RispondiElimina
  7. Pensa che roba: come ti ho già scritto di là, nonostante il mio voto sarà più basso, ho trovato questo film davvero bellissimo, sincero ed emozionante.
    E Jennifer Lawrence è di una bellezza spaventosa.

    Non è che finiremo per cominciare ad andare d'accordo anche sulle donne, vero!? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. naaah, credo sia solo un periodo un po' così, un periodo in cui piovono meteoriti, il papa si dimette e noi andiamo quasi d'accordo...
      ma presto tornerà tutto alla normalità :)

      Elimina
  8. Cannibale, meriteresti un Oscar solo per i titoli delle tue recensioni!

    RispondiElimina
  9. Oddio, 9 mi sembra un tantino esagerato. Cioè, emozioniamoci ma fino ad un certo punto emozionabile. Ma plaudo come sempre come Plauto alla tua metrica. Come ho già detto a mia zia, a proposito di questo film... Copio e incolla va:

    Si intuiva che Bradley Cooper avesse qualcosa di inespresso da dare come attore e si sapeva che Jennifer Lawrence fosse una fantastica attrice, nonché una gran bella figliola. Loro due insieme sono senza ombra di dubbio la cosa migliore di questo lungometraggio. La loro è un'alchimia recitativa che illumina il film non dico di immenso ma almeno di una luce che forse, o quasi certamente, nasconde una struttura complessiva un pochetto claudicante (8 candidature agli oscar 2013 sono davvero troppe!).
    Bradley Cooper è un figo. Un figo che riesce a non trascinarsi sempre dietro il suo essere figo. Un figo che riesce ad essere credibile sia come scrittore fallito e sfatto sia come scrittore di successo figo (Limitless). In questo Silver Linings Playbook è un individuo (figo) con qualche problema comportamentale (poco figo), ossessionato da una figura femminile che ama e che sente potrebbe perdere.

    Il film è piacevole e per fortuna non completamente edificante. Il disfattismo psicologico è sì mascherato da una regia un po' troppo divertita o gigionesca e da una colonna sonora forse invasiva -il bombardamento di brani accattivanti non sempre funziona- ma in fin dei conti, giacché qui si vedono e si confrontano due personalità problematiche, l'aspetto potenzialmente drammatico emerge ugualmente. E viene tutto sommato non completamente sacrificato dal tono "sbarazzino" che, appunto, una certa colonna sonora e una regia possono far prevalere, inquinando immeritatamente il resto.

    Gioco forza, alla parziale riuscita del film, ci sono le prove attoriali di Bradley Cooper (giusta la candidatura) e di una Jennifer Lawrence che, avendocelo accanto, farebbe recitare bene anche un palo. Non che Cooper sia un palo, ovviamente. Ecco perché loro due insieme sono uno spettacolo nonché il motore del film.

    RispondiElimina
  10. Ok, mi hai venduto il film. Post spettacolare. XD
    Tra l'altro, è il mio primo commento da queste parti? Mi pare di sì.
    Ciao!

    PS: De Niro con quella voce non lo reggo più. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. benvenuto all'inferno, hell :D
      il film è meglio se te lo becchi in lingua originale, con de niro che ha la voce del vero de niro.

      Elimina
    2. Sì, credo anch'io, altrimenti si ha sempre a che fare con Tony Soprano. XD
      Grazie del benvenuto. ^^

      Elimina
  11. Nonostante io l'abbia considerato una classica commedia americana che tutti sanno come andrà a finire, l'ho trovato davvero bello, divertente e con delle scelte stilistiche azzeccatissime.
    Loro due, poi, sono belli da far schifo!

    RispondiElimina
  12. Perfettamente d'accordo con te questo è il Matrimonio del mio migliore amico del nostro decennio. Però bello.

    RispondiElimina
  13. Io ho visto il film al cinema credo tre settimane or sono. Se ti consola, il titolo in spagnolo sarebbe "El lado bueno de las cosas" e come vedi s'avvicina al titolo italiano. Io ho riso molto nel film, ho adorato la scena in cui lui lancia il libro perchè anch'io ho fatto la stessa cosa con un paio di libri e credo che sia una reazione più che plausibile.Ovviamente nn ho svegliato i miei nè ho rotto la finestra. Dicevo. Ho riso molto nel film, ma ripensandoci bene, ti stanno raccontando la vicenda di sto tipo ex-ciccione che esce di testa per colpa della moglie. Sfido chiunque a restare sano dopo aver visto la biancheria sparpagliata e un estraneo nella tua doccia. Eppure io ho riso, e poi mi sono resa conto che la cosa che più mi è piaciuta del film è il punto di vista con cui è raccontato, visto che resta pur sempre un dramma anche se correlato di finale dirty-dancing.
    Concordo con il tuo 9.
    Ciao!!

    RispondiElimina
  14. Addirittura? Non è che questa recensione con voto 9 deriva dal tuo infinito amore per Jennifer Lawrence più che per il reale valore del film? ;-) Io l'ho trovata una pellicola carina, bella la trovata che i protagonisti siano due pazzi "veri" che trovano insieme la forza di uscire dalla loro miseria, originali nella prima parte i dialoghi, però effettivamente come dice qualcuno tra i commenti la gara di ballo come espediente per rivoltare il rapporto tra i due e la deriva romantica del finale excelsior forse banalizzano un po'. tutto sommato però la prima parte del film è così piena di litigi e urla che quando arriva la seconda e le cose finalmente girano un po' si fa un sospiro di sollievo! Devo dire che Bradley mi ha stupito, è anche espressivo! De Niro -incredibile- recita! La Lawrence boh, brava eh, molto naturale... ma mi sembra che vada di moda gridare al miracolo qualsiasi cosa faccia quindi me la rendono antipatica! Assolutamente da guardare in lingua!

    RispondiElimina
  15. Le medicine che stai prendendo ti rendono come il protagonista del film: schizofrenico! Solo questo potrebbe spiegare perché bocci film bellissimi come Vita di Pi ed esalti Re della terra selvaggia o arrivi addirittura a dare 9 a una commedia carina che non arriva nemmeno all'8!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.s. ma scusa dov'è che l'hai trovato divertente? Dimmi una sola scena in cui hai riso..

      Elimina
    2. per dirne alcuni: quando se la prende con il libro di hemingway, la scena della prima cena, il personaggio di chris tucker, tutti i dialoghi tra lui e lei, in particolare quando lui accusa lei di essere più pazza di lui. e insomma faccio prima a dirti quando non ho riso... :D

      Elimina
  16. Non posso credere che Bradley Cooper sia bravo in questo film. Mi rifiuto! Però adoro Jennifer, per cui lo vedrò :)

    RispondiElimina
  17. Mi è piaciuto un sacco e ne ho parlato anche nel mio ultimo post.

    RispondiElimina
  18. Il film è piacevole, carino, ma non continuativo in relazione alla sua capacità di catturare il mio interesse, nel senso che alcune scene mi piacevano, altre no..Quindi sinceramente non mi ha lasciato chissà cosa dentro. Quando è finito non sono rimasta lì a fissare i titoli di coda come un ebete riflettendo su quanto io abbia adorato il film appena visto, cosa che invece solitamente faccio dopo aver visto un meraviglioso film che mi ha lasciato senza parole. Però devo dirlo..La Lawrence l'ho proprio amata! L'oscar meritatissimo! ;)

    RispondiElimina
  19. Un bel film che coniuga al meglio commedia e dramma, lo humor e il tema della solitudine...due personaggi che si girano intorno imparando ad assestarsi nel migliore dei modi...

    RispondiElimina
  20. La traduzione del titolo originale in realtà non è "L'orlo argenteo del libretto", ma "Manuale dei risvolti argentei", intesi ovviamente come i risvolti positivi di qualcosa, come appunto sono i risvolti argentei dietro una nuvola che fanno passare gli spiragli di luce. Essendo un concetto quindi di difficile traduzione, ritengo che "Il lato positivo" sia stata una buona soluzione, al massimo si poteva metterlo al plurale per essere più affine al titolo originale.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com