martedì 19 febbraio 2013

NOI SIAMO INFINITO, E VOI CHI CA**O SIETE?

Caro amico, ti scrivo perché ho visto un film bellissimo. Sarebbe piaciuto molto anche a te. È ambientato nei primissimi anni ‘90 e so quanto a te piacciano le pellicole ambientate in quel periodo. E poi è una storia teen, tratta di tematiche come il suicidio, le difficoltà ma anche i vantaggi di essere un wallflower, uno che fa tappezzeria, un ragazzo da parete, uno che non fa parte dei tipi cool della scuola. Uno come noi. Ricorda vagamente Donnie Darko, ma senza la componente fantascientifica e horror e ricorda anche Il giardino delle vergini suicide, ma con tinte più comedy. Insomma, lo avresti a-do-ra-to.

Così come avresti adorato i tre protagonisti, 3 dreamers meno incasinati sessualmente di quelli di Bertolucci. Siamo pur sempre in America e non nella più libertina Francia. Il protagonista, Logan Lerman, è il classico ragazzino su cui non avresti scommesso due euro nemmeno tu appassionato di robe adolescenziali. Ha fatto Percy Jackson, che poi non era nemmeno tanto terribile come tutti dicono, e lì non è che sembrasse un attore fenomenale. Nemmeno qui sembra fenomenale, eppure è perfetto nella parte del wallflower.
Il meglio arriva comunque con i due comprimari. Emma Watson pure lei proviene dal fantasy, dalla saga di Harry Potter in cui si rivelava come la migliore tra i giovani maghetti. La cosa più magica dell’intera serie era vederla trasformarsi da bimbetta secchiona so-tutto-io a donnina con tutte le cose al posto giusto. L’esame di maturità l’ha però passato solo ora. In questo film illumina la scena, è la “ragazza più carina della stanza”, senza dubbio.
E poi c’è Ezra Miller, il ragazzino disturbato dei raggelanti Afterschool e …E ora parliamo di Kevin, ora alle prese una volta tanto con un personaggio non da ragazzino disturbato, bensì di un tizio originale, sempre sopra le righe, uno che recita la parte del “dolce travestito” del The Rocky Horror Picture Show e che prende per il culo i professori. L’interpretazione di Ezra è qualcosa di fenomenale, mi ha ricordato l’energia anarchica di Heath Ledger ai tempi dei suoi esordi teen in 10 cose che odio di te. Quanto avevi amato quel film, vero? In quel caso, l’ispirazione per il film veniva dal Bardo Shakespeare. In questo film, invece, l’ispirazione è decisamente più recente.

"Sono la regina del mondo!
(Col cavolo che ti pago il copyright, maledetto James Cameron)"
The Perks of Being a Wallflower, così si chiama il film di cui ti sto parlando in questa lettera, è sceneggiato e girato da Stephen Chbosky a partire da un suo stesso romanzo epistolare, uscito in italia con il titolo Ragazzo da parete. Chbosky, non chiedermi come si pronuncia, è stato anche il co-creatore della serie tv Jericho che, lo confesso solo a te, non è che fosse un granché. Il suo Ragazzo da parete è stato un romanzo parecchio discusso, negli USA, ed è diventato un piccolo grande cult, negli USA. In Italia invece è passato piuttosto inosservato, ma la cosa certo non ti sorprenderà.

Le parole comunque non credo possano bastare per riportare tutta la poesia di questo film, il suo riuscire a raccontare in maniera perfetta il periodo dell’adolescenza, il periodo all'incirca della nostra adolescenza, sia nel suo lato più merdoso e complicato, sia nello stupore di vedere e fare cose per la prima volta. Perciò insieme alla lettera ti allego una cassetta. Ti ho fatto una musicassetta mixtape, come quelle che ti preparavo una volta. È il modo migliore per “sentire” questo film. Dentro c’ho registrato i pezzi più significativi della colonna sonora. Spero ti piacciano, ce n’è un po’ per tutti i momenti.

Dentro trovi la ninna nanna perfetta che ti accompagnerà nel mondo dei sogni.



Il pezzo con cui scatenarti sulla pista da ballo.



La canzone con cui non sei una storia triste, ma ti senti vivo.



Caro amico, mi sarebbe insomma piaciuto molto vederlo con te, questo Noi siamo infinito, Ragazzo da parete, The Perks of Being a Wallflower o come diavolo preferisci chiamarlo. So che l’avresti adorato.

Sinceramente tuo,
Cannibal Kid

P.S. Ti mando anche una locandina che ho fatto appositamente per te.
Ehm... no, confesso: in realtà l'ha fatta il grafico C(h)erotto de L'OraBlù. Però dicono che è il pensiero che conta, no?



"Hey Hermione, conosci mica una magia per farci apparire meno ridicoli?"
Noi siamo infinito
(USA 2012)
Titolo originale: The Perks of Being a Wallflower
Regia: Stephen Chbosky
Sceneggiatura: Stephen Chbosky
Tratto dal romanzo: Ragazzo da parete di… Stephen Chbosky
Cast: Logan Lerman, Emma Watson, Ezra Miller, Nina Dobrev, Nicholas Braun, Mae Whitman, Erin Wilhelmi, Paul Rudd, Dylan McDermott, Kate Walsh, Tom Savini, Julia Garner, Melanie Lynskey, Landon Pigg, Joan Cusack
Genere: adolescenziale
Se ti piace guarda anche: Il giardino delle vergini suicide, Donnie Darko, Breakfast Club, L’attimo fuggente
(voto 8,5/10)


27 commenti:

  1. emma watson spogliata (ehm) dai panni di hermione granger, che chiedere di più? problema: dove e quando vederlo. sabato pomeriggio il cinema era zuppo di adolescenti che probabilmente pensavano di vedere una mocciata, penso che la sera sarà più o meno uguale. mi toccherà andare in multisala alle 11 di domenica mattina?

    RispondiElimina
  2. eeeeh votone! c'è qualcuno che infranto il cuore del cannibale...

    RispondiElimina
  3. che Emma Watson sia una ballerina sgarzolina si sapeva: in HP e il calicedifuoco dimostrava una notevole attitudine per la discomusic più che il valzer
    profetizzo che in futuro sarà ricordata per interpretazioni più toste (come E. Taylor che cominciò con Lassie e poi diventò una Dea)

    RispondiElimina
  4. per l'esattezza, alludo a quando Jarvis Cocker si mette a cantare "Can you dance like a Hippogriff?"

    RispondiElimina
  5. Bello bello bello.
    E per un'emotivs come me fiumi di lacrime.

    RispondiElimina
  6. Un film teen che è riuscito ad emozionare perfino un vegliardo della mia caratura.
    Bellissimo. Senza alcuna mezza misura.

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. per una volta sono daccordo e approvo il new look del blog! filmone

      Elimina
  8. bella lettera e gran bel film; da quando l'ho visto occupa un posto speciale nel mio cuore!

    RispondiElimina
  9. Devo ancora andarlo a vedere, per ora posso protestare solo sulla scelta del titolo italiano che proprio non mi va giù u,u

    RispondiElimina
  10. Sarà un bellissimo film, ma temo che mi metterà una tristezza addosso... questi film mi mettono tanta nostalgia

    RispondiElimina
  11. Mi ha fatto venire voglia di tornare adolescente e gustarmi tutto in modo diverso!

    RispondiElimina
  12. Un amore di film! Dopo averlo visto ho preso anche il libro, delizioso, ma, caso più unico che raro, il film è addirittura meglio.
    Bella anche la recensione, scritta come ogni capitolo di questo romanzo epistolare.
    E il voto è lo stesso che gli ho assegnato pure io!

    RispondiElimina
  13. Insomma, un capolavoro! Devo vederlo. :D

    RispondiElimina
  14. Film immenso. Libro un po' meno. Strano. Ho adorato tutto, però.

    RispondiElimina
  15. bello bello bello
    e bella anche la tua lettera

    RispondiElimina
  16. personalmente lo reputo un film voto 11...
    sarò una di quelle da "filmetto" ma lo metto nella mia top ten!

    RispondiElimina
  17. non l'ho visto ma ne hai parlato divinamente

    RispondiElimina
  18. appena recensito, sottoscrivo tutto tutto tutto, l'ho amato.. bellissima la tua recensione lettera!

    RispondiElimina
  19. Marco Carissimo,
    ho visto questo film la sera di S.Valentino. Siamo usciti perchè è il mio onomastico e in realtà volevo vedere "Gansta Squad". Ahimè era già iniziato e quindi ho deciso di vedere questo film solo perchè m'ispirava il titolo. Pensavo fosse una roba da high-school movie e invece mi ritrovo a piangere come una Maddalena!!! Cioè le lascime sgorgavano sole...Ezra è stato il mio personaggio preferito, mi ha commossa quando fa il brindisi e Charlie è stonatissimo, mi sono commossa verso la fine, mentre i genitori si portano le mani al viso eccetera eccetera. E che dire di quando sentono la canzone e non sanno come s'intitoli?! Quante volte mi è successo quando ero al Liceo e come Charlie avevo questa sensazione di non appartenenza e solitudine...insomma, poi c'era anche la dottoressa Kate Walsh, che adoro...ma perchè non fa più film!?
    Insomma, bel film, io avrei osato un 10-.
    Baci

    RispondiElimina
  20. Finito ieri il libro e visto oggi il film, li sto recensendo entrambi or ora. Mi sono piaciuti TANTISSIMO!!

    RispondiElimina
  21. Mi ha fatto sentire bene perchè non mi toccherà più passare per certe cose. Mi ha fatto sentire triste perchè non passerò più per certe (altre) cose.
    Bello. Ezra è proprio bravo. Anche Emmuccia non scherza niente.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com